Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

gatti neri

Inserisci quello che vuoi cercare
gatti neri - nei post

Halloween: gatti neri a rischio, AIDAA organizza ronde - 30 Ottobre 2012 - 17:33

Anche quest'anno tornano le ronde dell'associazione animalista Aidaa nella notte di Halloween per tutelare i gatti neri da "eventuali riti sacrificali che li vedano loro malgrado protagonisti".

Riti satanici? No d'amore!!! - 25 Ottobre 2012 - 12:10

A quanto pare i temuti riti satanici al cimitero di Suna, di cui le cronache si sono occupate qualche settimana fa, non erano altro che riti d'amore, per attirare a se l'oggetto del desiderio.

Cimitero Pallanza, trovati resti di possibili riti satanici - 25 Settembre 2012 - 15:51

Potrebbero essere resti di un rito satanico o esoterico quelli trovati questa notte attorno alle due da una guardia giurata nel cimitero di Pallanza.

Verbano: Satanisti uccidono gatti neri ? - 19 Agosto 2012 - 00:00

Dodici gruppi esoterico-satanisti operanti nelle regioni del centro nord Italia, tra cui l'Alto Verbano, sono stati denunciati all'autorità giudiziaria per il reato di maltrattamento e uccisione di animali ai sensi dell'articolo 544 del codice penale.
gatti neri - nei commenti

"Profughi a Verbania. Una risposta di Comunità" - 30 Agosto 2015 - 07:49

già, come dice Cesare, in concreto che si fa?
Ottimo scritto teorico (a parte l'ultimo paragrafo assolutamente superfluo e fuori tema). Qualcuno per favore mi spieghi com'è che a persone che parlano inglese non si è riusciti a spiegare che il lavoro volontario che gli si offriva era una semplice opportunità di conoscere il nostro piccolo mondo, di fare qualcosa di diverso dallo starsene rinchiusi a preoccuparsi per il futuro, di dimostrare ai più che "i neri non mordono". Manca un coordinatore? si parla di volontariato, cerchiamo volontari per coordinare, no? Io mi offro, dite che mi vogliono? secondo me no, perché non sono iscritta a nessuna associazione (quelle sportive non valgono, vero?), e perché le mie idee pratiche per "far fare qualcosa ai profughi" sono ben lontane dalla formula "prendiamone un tot e mettiamoli a dipingere le panchine", ché quelli son lavori da assegnare, retribuiti, a studenti e giovani residenti in cerca di impiego, se lo vogliono (e se non lo vogliono vuol dire che non hanno bisogno). Ci si lamenta della chiusura mentale dei cittadini verso lo straniero, ma non si fa nulla per fare incontrare le due culture, non si propongono scambi di favori come una cena in cambio di due ore per imbiancarmi la parte alta della parete che io ho paura ad andare sulla scala, o tre giorni a casa mia col frigo pieno a curarmi i gatti mentre vado via per il week end, e venite pure in due, e dico alla vicina di chiacchierare con voi così imparate l'italiano. Oppure incontriamoci in biblioteca, che magari c'è qualcuno di voi che sa insegnarmi un po' di arabo o di etiope, e ci beviamo un té e vi passa la giornata. Cose difficili da immaginare in questa cittadina così italiana, così sostenuta. A Calais ci sono famiglie che ospitano i rifugiati in attesa di poter arrivare in Uk. A Ventimiglia zero, li hanno lasciati tutti sugli scogli.
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti