Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

lavoro in fabbrica

Inserisci quello che vuoi cercare
lavoro in fabbrica - nei post

Cristina: Focolai in Ossola, la Svizzera sia più rigorosa - 26 Giugno 2020 - 18:06

"I lavoratori frontalieri vanno tutelati, hanno il diritto di lavorare in un ambiente sicuro, con tutte le misure di prevenzione Covid. Mi riferiscono di una gestione "easy" da parte dei cittadini svizzeri". Così la deputata di Forza Italia Mirella Cristina dopo la notizia di 2 focolai nel territorio ossolano, entrambi riconducibili al mondo del frontalierato.

Alluvione: 985mila€ al VCO - 4 Gennaio 2020 - 10:03

Nuovi contributi per tutto il Piemonte per interventi di somma urgenza e lavori legati a eventi calamitosi degli anni passati. Al VCO poco meno di 1 milioone di euro

CROSS Award 2019 Ecco i vincitori - 16 Ottobre 2019 - 11:27

Con oltre 260 candidature provenienti da oltre 30 Paesi europei e extraeuropei CROSS Award 5a edizione si conferma un appuntamento di grande interesse per artisti e performers internazionali.

Presidio settore Lapideo - 14 Luglio 2019 - 15:03

Le O.O.S.S. Filca-CISL Piemonte orientale, Fillea CGIL Novara Verbania e Feneal UIL Piemonte; intendono organizzare un presidio dei lavoratori lapidei della durata di 2 ore ( 10:00 am /12:00 am) il 15 luglio 2019 in Via GIUSTO COMinAZZinI 39 a Mergozzo frazione Candoglia nel parcheggio antistante la Veneranda fabbrica del Duomo.

Successo per il finale di Arcademia - 13 Giugno 2019 - 13:01

Tutto easurito alla fabbrica di Villadossola per il gran finale di Arcademia. Teatro, danza e musical tra luci, colori ed emozioni. Assegnate le borse di studio Marta Giroldini 2019.

Area Acetati, manifesti del PCI - 21 Dicembre 2018 - 09:16

Riceviamo e pubblichiamo il testo del manifesto comparso ieri sui muri di Verbania, del Partito Comunista Italiano, che ribadiscono il No al Centro Commerciale nell'area ex Acetati e il rilancio del lavoro e delle Attività produttive nella predetta area.

“Schiavi! La piaga del caporalato dal Nord al Sud” - 12 Dicembre 2018 - 13:01

Giovedì 13 dicembre, alle ore 21.00, presso la Biblioteca Civica “F. Camona” di Gravellona Toce (sita in Corso Roma, 15). L'ospite della serata sarà Davide Mattiello, presidente della Fondazione "Benvenuti in Italia", deputato della XVII Legislatura, protagonista della Riforma del Codice Antimafia.

interventi pro TAV - 14 Novembre 2018 - 09:16

Riceviamo e pubblichiamo, due interventi di gruppi politici, Con Silvia per Verbania e Fratelli d'Italia, a favore del progetto TAV.

Forza Italia su progetto ex Acetati - 13 Novembre 2018 - 11:04

Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato dalla capogruppo Forza Italia in Consiglio comunale a Verbania Mirella Cristina e dal coordinatore cittadino Massimo Manzini sulla questione Acetati.

Movie Tellers a Domodossola - 23 Ottobre 2018 - 19:06

Per tutto il mese di ottobre la rassegna di cinema MOVIE TELLERS coinvolgerà 25 città in tutto il Piemonte con 130 proiezioni di film ‘a km zero’ - 4 lungometraggi, 4 documentari, 4 cortometraggi - accompagnati in sala dagli autori, i protagonisti e i professionisti dell’industria del cinema che li presentano al pubblico.

"Piemonte fabbriche aperte" - 22 Ottobre 2018 - 17:04

Saranno ben più dello scorso anno, quasi la metà sono new entry e rappresentano tutti i settori produttivi del Piemonte in ogni angolo della regione.

I parchi naturali per una nuova etica della montagna - 19 Ottobre 2018 - 13:01

Convegno per i 25 anni del Parco Nazionale Val Grande e dei 40 anni del Parco Veglia-Devero.

Festival del cinema rurale Corto e Fieno - 20 Settembre 2018 - 11:04

Torna il 21 – 22 – 23 settembre 2018 sul Lago d’Orta la nona edizione del Festival del cinema rurale.

Visita guidata alla Cava Madre del Duomo di Milano - 19 Luglio 2018 - 12:34

Anche nel 2018 l'Ente Parco Nazionale Val Grande, in collaborazione con la Veneranda fabbrica del Duomo di Milano e l'Ecomuseo del Granito di Mergozzo, accompagnati dalle Guide Ufficiali del Parco, propone la visita alla Cava Madre di Candoglia.

in 12mila a La fabbrica di Carta - 3 Maggio 2018 - 09:33

La fabbrica di Carta chiude battendo ogni record: sono stati oltre 12.000 i visitatori che hanno apprezzato il Salone del Libro, organizzato come sempre dall'Associazione Libriamoci - Editori e Librai del VCO.

Accendiamo la Memoria - 13 Aprile 2018 - 17:43

Venerdì 13 aprile alle ore 21 presso la Casa di Paglia in via della Pace a Fontaneto d’Agogna (NO) prenderà il via la rassegna “I venerdì della storia a Casa di Paglia” che prevede tre incontri su tematiche storiche.

Da Grande Farò il Curatore - 2 Marzo 2018 - 16:33

Workshop per curatori e operatori culturali | 9-10-11 marzo 2018 | Villa Nigra, Miasino (Novara) Un progetto di Asilo Bianco.

Verbania documenti: "La S.I.L.V.A.F." - 13 Febbraio 2018 - 15:03

Riceviamo e pubblichiamo, la terza scheda di Verbania documenti, relativa al convegno del 3 marzo 2018 dal titolo: "La S.I.L.V.A.F.".

C.A.I. programma di febbraio 2018 - 1 Febbraio 2018 - 09:33

Appuntamenti del mese di febbraio 2018 del Club Alpino Italiano sezione Verbano-intra.

Lascia 1,5mln di euro in beneficenza alle Associazioni - 27 Gennaio 2018 - 11:04

"Quando circa due anni fa abbiamo ricevuto la notizia del testamento a nostro favore non riuscivamo a crederci”, dice Luca Sfolzini, Presidente della Croce Verde di Verbania.
lavoro in fabbrica - nei commenti

Sciopero ASL VCO - 8 Settembre 2019 - 14:39

Re: Niente,non ne azzecchi una
Ciao paolino in Canada e in Australia se ti presenti in dogana con l’intenzione di fermarti, ti imbarcano sul primo volo. Per andare a fare il turista in Australia ti serve il visto. I miei zii sono potuti emigra là perché hanno aderito ad una campagna del governo. Il giorno dopo lo sbarco erano già in fabbrica. Lo stesso vale per la Svizzera. O hai un lavoro e tanto di permesso modello ecc ecc o non entri. Per la mia definizione, che tanto t’ha emozionato, non ne trovo una più calzante per definire coloro che dichiarano di sfuggire da guerre e stanno poi a scrocco a spese nostre ma nella realtà sfuggono dai propri impegni. L’ultimo governo PD con ministro interno PD ha dichiarato che il 90% delle richieste di status di rifugiato vengono respinte perché i richiedenti non lo sono ma nel frattempo hanno scroccato vitto e alloggio per un anno e mezzo. Più ballisti di così

Svizzera: “Prima i nostri” diventa proposta di legge - 4 Aprile 2017 - 00:43

senza fantasia !
Certo che questi ( non tutti per fortuna) , svizzeri a quanto inventiva sono scarsi ! Noi abbiamo chi dice : prima noi ! Loro si sono inventati: prima i nostri ! Quando questo si fa già , nessuno vieta a uno svizzero di andare a fare il manovale sotto il sole cocente D'Estate , oppure a costruire case come muratore , o asfaltare strade sudando molto . Anche lavorare in fabbrica , possono farlo se vogliono , basta presentarsi e come prendono un italiano possono prendere loro . Certo che è faticoso, al mattino alle 7 , 7 e un quarto devi essere puntuale sul lavoro , se rimani a casa con il mal di pancia dopo una settimana, al datore di lavoro non piace tanto . Un pò di ironia , che nasconde una desolante verità , l'egoismo porta voti , e i frontalieri con le loro tasse , milioni di franchi , pagano i tanti servizi usati dai residenti, forse anche l'assistenza di chi si lamenta perchè non trova lavoro ! Alla fine tanquilli, che siete sempre , PRIMA VOI !!!

Forti boati a Verbania - 15 Dicembre 2016 - 06:15

Boati
Ho letto che sono passati due caccia. Io non li ho sentiti, ma lavoro in fabbrica e in macchinari fanno abbastanza rumore.

Chiusura SS34 per lavori - 27 Luglio 2016 - 17:28

frontalieri
Sig. Giovanni e' noto a tutti che i frontalieri non si sono mai organizzati soprattutto quelli che lavorano nello stesso posto ( vedi la miriade di infermieri o operai che lavorano nella stessa fabbrica). Quando c' e' stata la frana si e' cercato di fare qualcosa tramite traghetti ma ricordo che c'era stata scarsa partecipazione. Il fatto sa qual'e'? Il frontaliere pensa:" lavoro,guadagno e faccio come mi pare". Al minimo intoppo si attacca al classico " io lavoro in svzzera e pago le tasse quindi devo essere servito". Non funziona proprio cosi. Sicuramente c'e' qualcuno che si organizza col collega e sono da ammirare ma nella stragrande maggioranza dei casi non e' cosi. P.S. mi sa indicare le inesattezze che secondo Lei sono nel commento precedete? Nulla di personale ovviamente

LegalNews: Eccezione di inadempimento nei contratti con prestazioni eseguibili entro termini diversi - 14 Marzo 2016 - 12:28

Outlet area Acetati
Sono stato Dipendente Acetati dal 1989 al 2010: Già all'apertura del Sito industriale, "Forze Pol..(pardon..)"Partitiche" hanno fatto di tutto per ostacolare l'evento, adducendo i problemi di pericolosità per la popolazione(sic!.: gran parte degli Abitanti di Pallanza e dintorni posseggono un'abitazione grazie al lavoro in fabbrica di più generazioni). M&G di certo non è stata filantropa,ma ha fatto i propri interessi, dando però nuovamente lavoro e benessere alla città; Nell'89 i non residenti come me si portavano il pranzo da casa, in quanto ristoranti "affidabili" ce n'erano pochi: non c'era commercio! Poi c'è stata la rinascita con tavole calde, supermercati ed altre attività. Ora la Storia si ripete, per il "forse" interesse di pochi, che vedono un nuovo "letargo" avvicinarsi sempre più... Ma ci credete ancora in una Verbania che possa sopravvivere SOLO con il turismo ed il commercio spicciolo? Io NO!

Visita all'Ex CEM: quali impressioni? - 12 Novembre 2015 - 13:36

Bello Bello!
Anche il sottoscritto ha colto l’occasione per dare un’occhiata da vicino al nuovo che avanza. innanzitutto un apprezzamento per la disponibilità di Amministrazione ed Azienda appaltatrice ad ospitare dei tour da parte della cittadinanza: il lavoro di messa in sicurezza degli spazi non era certo dovuto e nemmeno la disponibilità degli accompagnatori. Detto questo e premesso che sono di parte (a me l’opera è sempre piaciuta), il giudizio da vicino rispecchia quello da lontano: bella struttura, architettura contemporanea, spazi flessibili anche se concordo che alcuni sono forse un po’ troppo angusti (ristorante in primis e zona bar), mentre imponente e maestosa è l’accessibilità verso lago. Il nostro accompagnatore ha ben sottolineato che l’accesso del pubblico sul retro della struttura è stato volutamente reso “cupo ed oscurante” per sfogare poi in una importante apertura sulla sponda opposta. Chi si è accorto di questo, ha ben colto le volontà del progettista. Ma siccome i miei commenti sono scontati e questa discussione ben si presta alle solite questioni, pongo qui (di nuovo) alcuni spunti: - Numero di posti: si riporta siano 520. Forse 590 con quei 70 in più che mi pare di aver colto dalle parole dell’accompagnatore (nella buca dell’orchestra, che si livella a piano platea?). La fabbrica di Villadossola ne ha 650; il teatro Manzoni a Milano, 850 circa. E se fossero stati mille i posti, sicuri che non sarebbe stato contestato in modo diametralmente opposto? 520 posti sono tanti, troppi, per gli spettacoli di basso profilo, sono invece sicuramente pochi per gli eventi maggiori, gli stessi che in teatri più capienti programmano già più date consecutive. O ci si aspettava l’Arcimboldi vista lago? - Lo spazio giovani è una sala (molto ampia con accesso sulla magnifica terrazza) di pubblica utilità: se non vi piace potrà sempre essere subaffittata al ristorante che, sicuramente, rimane un po’ troppo sofferente negli spazi interni anche se la possibilità di pranzare sulla terrazza non avrà prezzo. Non è peraltro detto che un ristorante di piccole dimensioni non sia più apprezzato di quelli più capienti: tempo fa cenai in un piccolissimo agriturismo in toscana in riva all’Arno: si e no ci stavano 15persone, musica classica di sottofondo, ambiente curato e valorizzato negli arredi, con un solo cameriere che con estrema discrezione deliziava i commensali con una delle cene più apprezzate di sempre. - Visto che si torna sempre sulla questione di accesso al lago, prego provare l’accesso alla solita spiaggia, quella utilizzata prima del CEM, attraverso il varco di Villa Maioni. L’accesso all’Arena e agli spazi antistanti non erano comunque consentiti nemmeno prima. Con il teatro ci sarà la spiaggia (mai toccata), tornerà il bar e speriamo che a qualcuno oltre all’accesso di cui sopra interessi anche della cura dell’intera area. - Parcheggi. A meno di 10minuti di cammino dal futuro teatro troviamo centinaia e centinaia di posti auto. Gli stessi che oggi si lamentano dei posteggi mancanti, domani si lamenteranno che quello che andranno a costruire sotto l’ex Padana sarà a pagamento..ed andranno a parcheggiare gratis a intra! Tra l’altro parcheggiare in città significa anche indurre lo spettatore a fare il turista nel nostro centro storico, che proprio brutto non è! - infine, d’accordo sul problema gestione: solo una figura con interessi profondi nel settore potrà dare un vero valore aggiunto e sfruttare appieno le potenzialità incredibili che questa struttura possiede. Viceversa, spero almeno ci lascino visitare la terrazza di tanto in tanto giusto per godere un po’ del nostro lago da un punto di osservazione privilegiato AleB

In Consiglio Comunale nasce il gruppo Fronte nazionale - 21 Febbraio 2015 - 09:17

x R.B.
Chiudendo con Paoli, evidentemente ha sostenuto la persona e non il partito, come fece Dalla con Guazzaloca a Bologna. Ma questo non siginfica cambiare posizione politica. Si è definito comunista, Visco ha detto che la solo destra evade le tasse, io sono di destra e non evado, Paoli è di sinistra ed evade. Quadro chiuso. in quanto alla nostra diatriba, è sempre e solo Lei che provoca e risponde in modo maleducato a chi ha opinioni diverse dalle Sue. Non si deve permettere di dire che La faccio ridere perchè non mi conosce e deve rispettare le mie idee. Contrastarle se vuole, ma rispettarle. La vanga l'ho presa im mano anch'io, ho lavorato di notte in fabbrica al Tecnoparco e contemporaneamente studiavo. non devo niente a nessuno, tantomeno ai politici. se Lei fa il Consigliere senza avere nessuna preparazione è colpa Sua, non mia. Vada a studiare anche Lei. Quindi caro signore, Lei non mi deve insegnare nulla. Per quanto riguarda il Suo "lavoro" di consigliere quello che so è che si occupa più dei cani che dei pendolari. Spero che i 27 che la hanno votata si ricordini alle prossime elezioni, alle quali sicuramente parteciperà visto che si sta abituando al'arroganza tipica dei politici e al gettonino di presenza che fa sempre comodo. Roberto la Perla.

Mercatone Uno: 60 posti a rischio - 20 Febbraio 2015 - 09:21

Reddito di cittadinanza
L'articolo e tutti i commenti che si sono succeduti non sarebbero mai stati scritti se ci fosse stato in Italia un reddito di cittadinanza, una delle battaglie del MoVimento 5 Stelle, già scritta, con coperture approvate dalla Corte dei Conti ma fortemente contrastata dal partito di Governo. Un esempio per tutti è proprio la Fiat. Se il mercato non fosse stato drogato dagli interventi statali che hanno concesso all'azienda Torinese di "modulare" le spese per il personale caricandole all'occorrenza sullo Stato italiano, oggi avremmo una fabbrica in meno ma probabilmente si sarebbe dato spazio ad altre realtà industriali e oggi avremmo autovetture all'altezza delle più avanzate tecnologie Toyota. Il destino del Mercatone Uno non dovrebbe preoccupare, noi dovremmo semplicemente pensare che "se volesse sopravvivere proponga articoli appetibili", ma i collaboratori del gruppo no, a loro dev'essere garantita una vita dignitosa a prescindere dal lavoro e con 780 euro a testa, una coppia, può ancora sopravvivere, senza dover finire per strada. Certo, nel frattempo che il centro per l'impiego non ti ha ancora proposto un lavoro, potrebbero proporti delle riqualifiche, chiamarti a spalare neve, a far attraversare la strada ai bambini davanti alle scuole oppure a tagliare rami o ancora ad imbiancare uffici pubblici, ma sarebbe un modo utile per non farti sentire di essere un peso per la società. Chissà quanti collaboratori del Mercatone Uno non si sono recati alle urne nel 2013 pensando che "tanto non cambia mai nulla", sarebbe bastato votare in modo oculato invece; la storia dell'Italia sarebbe cambiata completamente e non avremmo mai più dovuto leggere articoli e commenti simili. Ma sono ottimista, a pancia vuota [Grecia insegna] il voto sarà più responsabile.

Immobile fatiscente sulla ciclabile - 8 Febbraio 2015 - 21:30

Considerazioni
Vorrei fare alcune personali considerazioni sull'art. 33 del regolamento edilizio comunale per immobili privati. Il comma 3 recita: " Il proprietario ha l'obbligo di eseguire i lavori di manutenzione, di riparazione e di ripristino necessari, nonché quelli di intonacatura e ritinteggiatura delle costruzioni deterioratesi". Credo, mi si corregga diversamente, che detto comma si applichi ad immobili la cui edificazione sia conclusa e risultino regolarmente accatastati e che necessitino, per svariati motivi, di lavori di manutenzione, ripristino e riparazione, si presuppone dopo diversi anni dalla loro ultimazione. Quindi non all'immobile in oggetto, sicuramente a tutti gli altri immobili. Il comma 7 recita: " Ove le condizioni delle costruzioni e delle singole parti delle stesse o lo stato delle aree siano degradati tanto da arrecare pregiudizio all'ambiente o alla sicurezza ed alla salute delle persone, l'Autorità comunale ha facoltà di ingiungere, entro un termine prestabilito, al proprietario o al possessore dell'immobile l'esecuzione dei lavori necessari per rimuovere ogni inconveniente; in caso di inottemperanza........" Anche in tal caso, mi si corregga nuovamente qualora così non sia, credo che le condizioni dell'immobile in oggetto non siano tali da arrecare pregiudizio all'ambiente o alla sicurezza ed alla salute delle persone. Non credo nemmeno per gli altri immobili citati in questo blog. Penso, quindi, che per questi immobili il comma non si applichi. in altri casi l'Autorità comunale ha imposto l'intervento su immobili fatiscenti, come ad esempio nel caso della fabbrica ex Restellini di intra divenuta pericolante e quindi pericolosa: in tal caso la proprietà optò per l'abbattimento. O nel caso dell'ex Camera del lavoro, edificio anch'esso fatiscente e pericolante, abbattuto proprio perché divenuto pericoloso per l'incolumità delle persone. Rimane quindi la questione del decoro: se il problema non dovesse essere quello della sicurezza e incolumità delle persone, e nemmeno della sicurezza ambientale, ma unicamente il decoro, credo che un'Amministrazione Comunale attenta abbia comunque il dovere di intervenire cercando di sensibilizzare le proprietà al recupero e alla manutenzione dei propri immobili, senza però trascurare il fatto che ciò sia nelle loro disponibilità: obbligare tout court le proprietà ad intervenire, obbligandole così a contrarre debiti anche pesanti, non credo sia cosa saggia. Penso, invece, si debbano trovare soluzioni percorribili, come ad esempio proporre sgravi fiscali e/o forme d'incentivazione.

Riorganizzazione Arpa: lettera dei lavoratori Vco - 10 Ottobre 2014 - 19:00

Lupus, non entro nello specifico ma....
Da dipendente comunale sono favorevole a che un servizio venga dato al cittadino basandosi sui principi di efficienza, efficacia ed economicità. in sostanza, ottenete il risultato migliore possibile con minori costi possibili. Questo come criteiro generale. Stavolta dissento da Lupus quando contesta Renzi sul "grasso che cola". Il grasso c'è, eccome. Te lo dico io. E ti dico anche se mi dovessero considerare parte di quel grasso, sarebbe giusto spedirmi a casa. Io lavoro da 6 anni nel settore pubblico, dopo avere fatto un po' di tutto, anche la fabbrica di notte, e pur non essendo giovanissimo anagraficamente, lo sono per formazione. Per me lavorare nel settore pubblico non è un lavoro come gli altri, ma una "mission". E i miei datori di lavoro non sono i miei dirigenti, ma i cittadini della città dove opero. E' a loro che devo rendere conto, la famosa accountability. Non mi arrabbio quando mi danno del lavativo e fannullone, perchè non credo di esserlo, e so che purtroppo ce ne sono. Ma più che altro, quello che frena il settore pubblico è la burocrazia strabordante, che impedisce a chi lavora di farlo bene e velocemente. Quando Arpa dice che non si deve permettere che la tutela dell'ambente venga svenduta per esigenze di bilancio non è corretta. Non significa niente, sono cose che devono stare assieme, non contrapposte. Possibile che quando si parla di riorganizzazione e razionalizzazione vengano sempre fuori i fantasmi e che il cittadino ci rimette? Io non credo sia così, e se andiamo avanti di questo passo rischiamo tutti di fare la fine dell'orchestra sinfonica di Roma: tutti licenziati in tronco.

Camion ConSer VCO pausa troppo lunga? VIDEO - 1 Settembre 2014 - 13:15

tristezza
Purtroppo in tempo di crisi chi non ha lavoro e vede queste cose felice non può essere, visto anche che il servizio lo paga.. Io ho lavorato in fabbrica. Una mattina sono andata due volte al bagno. La titolare si e' avvicinata tutta furtiva e preoccupata invitandomi "perché ti può far male" a non fare ANCHE la pausa caffè... Questa anche e' tristezza.

Di Gregorio: "Danni e Inganni" - 14 Ottobre 2013 - 14:19

Ahhhhhhhhhh ...............
Scusi dott. prof. Tedesco, nell'attesa dei suoi disegnini (ciascuno si diverte come può) mi sembra di cogliere il significato del suo intervento: cavoli vostri se siete arrivati dopo 64 anni di amministrazione nostra, dovevate pensarci prima!!!Noi abbiamo fatto male certe cose e a voi il compito di sistemarle ....... Geniale come ragionamento ........ Lei dev'essere piuttosto giovane caro Tedesco, visto che la storia di Zacchera non la conosce per niente .......... al di là dei posti di lavoro che garantisce Marco a Verbania (penso qualche centinaio ........ e vado per difetto, scusi lei quanti .... ???????? Basterebbe questo per farle usare toni mi permetto di dire più rispettosi nei confronti di Zacchera) temo di non poter essere smentito dicendole che Zacchera ha sicuramente risolto più problemi di lei per quanto riguarda lavoratori in difficoltà; bastasse stazionare davanti a una fabbrica ......... aspettiamo poi il bilancio del suo periodo passato in Parlamento, se mai ci sarà, ma ho qualche dubbio .......... La sento poi parlare di "imprenditori e manager servi dei padroni" ...... Sinceramente sono colpito dal sentire un simile linguaggio, pensavo che un attento osservatore delle cose del mondo come lei, si fosse accorto che la storia é andata un po' avanti nel frattempo ...... Per oggi non potrò più risponderle, vado su un tetto a lavorare!!

Di Gregorio: "Danni e Inganni" - 14 Ottobre 2013 - 11:47

se capissero quello che leggono.....
i soliti 3 commentatori di destra che commentano senza capire quello che leggono e si nascondono dietro nickname, nomi di battesimo e nomi e cognomi inventati . nel comunicato stampa non si parla di mal costruzione, ma di non manutenzione (se non riuscite a capire ditecelo e vi manderemo i disegnini.. magari con le figure fate prima) . Si contesta il fatto che i 10 milioni di € del pisu potevano essere destinati a rimettere a posto ciò che il "tornado" del 2012 ha distrutto e intaccato, si contesta la mancata manutenzione (e negli ultimi 4 anni verbania è stata governata dalla destra ). Signor Rizzo (se questo è il suo cognome) i lavoratori verbanesi , di casale, di taranto etc. etc. non sono stati ammazzati dalla fabbrica , ma da quegli imprenditori e manager servi dei padroni che conoscevano la nocività dei prodotti e degli impianti e per sete di profitto non hanno fatto nulla , che non rispettano le leggi dello stato sulla sicurezza sul lavoro .. tanto è vero che sono stati condannati o le fabbriche commisariate. L'ex sindaco Zacchera si è messo davanti a un cancello? davanti ai cancelli delle fabbriche ci siamo stati e ci saremo sempre... l'onorevole Zacchera oltre quella volta (e non metto in dubbio che c'era ) quando mai è andato (oltre a farsi un giretto di 5 minuti davanti ad acetati poco prima della chiusura) ? e cosa ha fatto in parlamento tutti gli che è stato seduto sulla poltrona per i lavoratori? Nulla.. anzi la destra ha approvato una serie di leggi contro il lavoratori alimentando il precariato .

Donna aggredita fuori dal bowling - 22 Settembre 2013 - 19:15

pregiudizi
Caro signor paolino, noi italiani siamo particolari in tante cose, sicuramente non siamo secondi a nessuno in tema di bricconate ma, gran parte di queste porcate, da quel che si sente, sono opera di persone che hanno nel dna questo modo operandi, quando derubano la gente lasciano a questi malcapitati questo genere di trattamenti, è come se lasciassero un marchio di fabbrica. Nel mio precedente appunto ho parlato di una situazione estrema che si sta allargando a macchia d'olio, purtroppo questo è sotto gli occhi di tutti, ma grazie ai nostri governanti, tutti sono impotenti. Pregherei quindi chi cerca di trovare delle scuse, di documentarsi meglio sulle statistiche; l' 85% di questi disperati (statistiche alla mano), deve in un qualche modo sbarcare il lunario, sicuramente non in maniera legale, visto che sono senza dimora e senza lavoro, quindi le mie non sono delle fantasie. Vada a parlare con i parenti o direttamente dagli interessati che hanno accolto degli immigrati, dandogli un lavoro e una casa, sono bastati pochi mesi e li hanno derubati, violentati e mandati in ospedale, questo è uno dei tantissimi casi di malefatte combinati da sta gente. io non sono razzista ma cerco sicuramente di salvaguardare me e la mia famiglia, lei è libero di dare tutta la fiducia che vuole.
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti