Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

storia dell

Inserisci quello che vuoi cercare
storia dell - nei post

Festival di Stresa 2021 - 10 Maggio 2021 - 12:05

Il silenzio e la natura sono temi cari al nuovo Direttore Artistico del Festival, il Maestro Mario Brunello, e proprio ispirandosi ad essi nasce la nuova edizione del Festival di Stresa 2021. Il Festival, dice il Maestro, “è come un bosco che respira e produce aria buona, cresce e si trasforma di anno in anno e ci invita alla scoperta delle sue ricchezze, antiche e nuove.”

"Il tuo Giro parte da Verbania" - 7 Maggio 2021 - 18:06

Sulle orme dei più grandi campioni di tutti i tempi per gli atleti più allenati o percorsi immersi nella natura per principianti e famiglie partendo dalla città “giardino sul lago” che ospita.

Quaretta su ultima riunione sanità VCO - 7 Maggio 2021 - 09:11

Riceviamo e pubblichiamo, una nota di Augusto Quaretta, in merito alla riunione della Rappresentanza dei Sindaci di settimana scorsa e ai comunicati del Comitato Salute VCO.

“Il racconto della Shoah per il XXI secolo” - 2 Maggio 2021 - 08:01

Nell’ambito dell’iniziativa “Maggio dei Libri”, l’Istituto Storico della Resistenza “Piero Fornara” di Novara organizza un incontro sull’ultimo libro di Francesca R. Recchia Luciani dal titolo “Il racconto della Shoah per il XXI secolo” (Progetit Editore).

Giornata Mondiale del libro e del diritto d'autore - 23 Aprile 2021 - 07:02

Per celebrare la Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore indetta dalla conferenza generale dell’Unesco per il 23 aprile, il Sistema bibliotecario del Verbano Cusio Ossola, nell’ambito del progetto Nati per Leggere Piemonte VCO, dedicato ai bambini da 0 a 6 anni e alle loro famiglie, ha realizzato, in collaborazione con altri progetti Nati per Leggere del Piemonte e Lapis Edizioni, un manifesto dal titolo “Una storia al giorno, tutti i giorni. Insieme”.

Franco Ressico e Filippo Ganna Benemeriti di Verbania - 21 Aprile 2021 - 09:34

Nei giorni scorsi una riunione dei capogruppo consiliari del Comune di Verbania ha provveduto a designare come Benemeriti della città di Verbania Franco Ressico e Filippo Ganna; i quali riceveranno il riconoscimento in occasione della festa patronale di San Vittore.

Preioni: Il Casalingo del Cusio vanto del Vco e regionale - 19 Aprile 2021 - 18:06

“Il comparto del Casalingo del Cusio rappresenta per storia, tradizione e importanza, il fiore all’occhiello del sistema produttivo del Vco e un perno fondamentale per tutta l’economia della nostra Regione”.

Tornano i corsi di Bibliocommunity - 19 Aprile 2021 - 15:03

Tornano in primavera i nuovi corsi Bibliocommunity, promossi dalla Biblioteca della Città di Verbania in collaborazione con Associazione culturale Sherazade.

Presentata la nuova nave ibrida sul lago Maggiore - Video - 17 Aprile 2021 - 15:03

A bordo dello storico piroscafo Piemonte, ormeggiato nel porto di Arona, i vertici di Navigazione Laghi hanno presentato la nuova motonave Topazio. La prima nave ibrida diesel / elettrica in servizio nelle acque interne italiane.

LetterAltura: premiazioni Concorso Scrittura Creativa - 9 Aprile 2021 - 17:11

Sabato 10 aprile LetterAltura inaugura la propria stagione,in attesa dei numerosi eventi e del – rinnovato – Festival di settembre

Le voci in-canto del Lago - 7 Aprile 2021 - 18:06

Il concorso svolto al Maggiore a Verbania in un documentario su Classica HD (Sky, canale 136) da giovedì 8 aprile.

“Cobianchi: proiettati nel futuro” - 23 Marzo 2021 - 18:06

L’Istituto di Istruzione Superiore “L. Cobianchi” di Verbania è protagonista di un nuovo importante progetto finanziato dal Ministero dell’Istruzione all’interno del Piano Nazionale Scuola Digitale per lo sviluppo delle competenze e della cittadinanza digitale.

Voce Libera VCO replica al PD - 16 Marzo 2021 - 19:06

Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato di VOCE LIBERA del VCO, in replica al PD Verbania sulla questione vicepresidente

Un libro per Norma Cossetto - 7 Marzo 2021 - 13:01

"In merito alla donazione del fumetto “Foiba Rossa. Norma Cossetto: storia di un’italiana” – di cui per altro sono autore ( Emanuele Merlino ) e la cui diffusione mi inorgoglisce–in qualità di Presidente del Comitato 10 Febbraio voglio fare i complimenti al consigliere comunale Damiano Colombo e al Presidente di Fratelli d’Italia del VCO, Luigi Songa, per la bellissima idea".

Università della Terza Età corsi on-line - 4 Marzo 2021 - 12:05

Prosegue l'Università della Terza Età di Verbania aperta a tutti: a marzo e aprile al via nuovi corsi on-line.

Comunità.vb su progetto novo supermercato - 23 Febbraio 2021 - 08:01

Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato del Gruppo consiliare comunità.vb, riguardante il progetto di un nuovo supermercato in viale Azari.

FIPAV - Francesco Arestia eletto Presidente del Comitato Ticino Sesia Tanaro - 22 Febbraio 2021 - 08:01

Si è svolta presso il PalaIgor di Novara, l’Assemblea Territoriale per il rinnovo delle cariche elettive del Comitato FIPAV Ticino Sesia Tanaro, che ha giurisdizione sulle 64 società delle province di Novara, VCO, Alessandria, Biella e Vercelli.

Lupi e Orsi nel VCO - 19 Febbraio 2021 - 08:01

Riportiamo la relazione trasmessa alla V Commissione del Consiglio Regionale Piemontese “Tutela dell’ambiente e impatto ambientale; risorse idriche; inquinamento; scarichi industriali e smaltimento rifiuti; sistemazione idrogeologica; protezione civile; parchi ed aree protette”

Riapre il Museo del Paesaggio - 17 Febbraio 2021 - 15:03

Il Museo del Paesaggio, con l’inserimento del Piemonte in zona gialla, riapre al pubblico a partire dal 18 Febbraio 2021 la sede di Palazzo Viani Dugnani in via Ruga 44, dopo il lungo periodo di chiusura dovuto alla nuova ondata di contagi che si è verificata nell’autunno 2020.

Comitato Salute: "Due pesi e due misure" - 17 Febbraio 2021 - 13:01

Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato del Comitato Salute VCO, riguardante la ripresa delle attività negli ospedali del VCO.
storia dell - nei commenti

Piemonte Zona Rossa - 5 Novembre 2020 - 13:05

Piemontesi e altri
Piemontesi ed altri Italiani tutti chiusi in casa mentre migliaia di clandestini continuano ad arrivare impunemente su tutte le coste italiane gentilmente accolti e trasferiti su transatlantici di lusso, noi paganti:spero che arriverà un giorno in cui potremo chiedere conto a tutti gli attuali governanti e gli accoglientisti a nostre spese delle loro insipienti e scellerate scelte in tema di accoglienza. E piantiamola una volta per tutte con sta storia dell'integrazione: in Italia sta avvenendo la sopraffazione e manca poco saremo noi a dover integrarci con i loro barbari usi, costumi, tradizioni e religioni.

Lavori parcheggio e piazza a Fondotoce - 30 Settembre 2020 - 08:02

Re: per robi
Ciao Giovanni A Verbania non so. Nel resto d'Italia a bizzeffe.. Marx Lenin Stalin corso unione sovietica via Togliatti... Se vuoi faccio una ricerca e te la mando.. E l'unione europea in un barlume di ragione aveva chiesto agli stati di togliere vie o piazze dedicate ai sanguinari comunisti... E ovviamente la sinistra italiana che mai è poi mai ha fatto i conti con la sua storia era contraria. Anche qui posso darti notizie certe. Certo che se tutte le volte bisogna stare lì a dire che il comunismo è stato il regime più terribile della storia dell'umanità assieme al nazismo...io lo do per scontato. Per il fascismo credo sia diverso anche perché è stata una dittatura di origine di estrema sinistra interventista per poi virare a destra e infilarsi nel tunnel delle leggi razziali e della guerra. Ma questo non riguarda me, ma chi ha radici di socialista o comunista che poi sono le stesse del fascismo. Stessa identica precisa. Alegher.

Obbligatorietà della Vaccinazione Antiinfluenzale e Antipneumococcica - 7 Maggio 2020 - 13:08

Re: Re: Re: Re: Re: Qualche altro dato
Ciao fr (& associati) "Il coronavirus non esiste": la teoria del complotto a "Le Iene" Un servizio della trasmissione Mediaset ha dato voce ad alcuni esponenti del complottismo 127 “Il Covid-19 non esiste, è tutta una copertura architettata per coprire i danni del 5G“. Questa è la teoria alternativa sul coronavirus emersa durante un servizio della trasmissione Mediaset ‘Le Iene’, che ha dato voce ai “massimi esponenti del complottismo”. Secondo Rosario Marcianò, precursore delle scie chimiche in Italia e autore di ‘Attacco dal cielo’, “la situazione in cui ci troviamo adesso è stata preparata da lungo tempo”. Ancora Marcianò: “Sui media nazionali vedo solo la versione ufficiale, le notizie alternative sulla rete vengono insabbiate”. Marcianò ha poi spiegato: “Io sono dell’opinione che le conseguenze derivanti dall’utilizzo intensivo del 5G vengono coperte con questa storia del COVID-19. Io non ho paura di prenderlo perché non esiste“. Il Corvo ha aggiunto: “È solo un diversivo“. Poi ha spiegato: “Siamo sotto controllo da tanti anni ormai. Ci spiano costantemente. Il coronavirus è stato solo l’inizio per spaventare il popolo“. Nel corso del servizio di Gaston Zama, Il Corvo ha anche sostenuto che “le antenne del 5G sono praticamente i vettori del virus”. Ipse dixit..... Ma per favore!

Comitato Stop 5G incontra Marchionini - 7 Maggio 2020 - 13:06

il terrorismo del terzo millennio.....
Ciao isabella cerchiaro (& associati) "Il coronavirus non esiste": la teoria del complotto a "Le Iene" Un servizio della trasmissione Mediaset ha dato voce ad alcuni esponenti del complottismo “Il Covid-19 non esiste, è tutta una copertura architettata per coprire i danni del 5G“. Questa è la teoria alternativa sul coronavirus emersa durante un servizio della trasmissione Mediaset ‘Le Iene’, che ha dato voce ai “massimi esponenti del complottismo”. Secondo Rosario Marcianò, precursore delle scie chimiche in Italia e autore di ‘Attacco dal cielo’, “la situazione in cui ci troviamo adesso è stata preparata da lungo tempo”. Ancora Marcianò: “Sui media nazionali vedo solo la versione ufficiale, le notizie alternative sulla rete vengono insabbiate”. Marcianò ha poi spiegato: “Io sono dell’opinione che le conseguenze derivanti dall’utilizzo intensivo del 5G vengono coperte con questa storia del COVID-19. Io non ho paura di prenderlo perché non esiste“. Il Corvo ha aggiunto: “È solo un diversivo“. Poi ha spiegato: “Siamo sotto controllo da tanti anni ormai. Ci spiano costantemente. Il coronavirus è stato solo l’inizio per spaventare il popolo“. Nel corso del servizio di Gaston Zama, Il Corvo ha anche sostenuto che “le antenne del 5G sono praticamente i vettori del virus”. A questo punto ,credo che non ci sia altro da aggiungere su certe teorie negazioniste campate in aria, e francamente non capisco come si possa credere a certe cose....

AstroNews: Un autore di meridiane solari nel VCO - 14 Marzo 2020 - 18:13

Nuovo video
Nel caso interessasse e dato che chi sta bene dovrebbe avere molto tempo a disposizione, e siccome i temi languono.... (anche nei brutti momenti bisogna riservare del tempo ai diversivi) segnalo il video a cui facevo riferimento nel precedente messaggio e che ieri è stato caricato in yuotube. Incollo da là: GIZA: LA CADUTA DEL DOGMA, Intervista agli autori del libro che demolisce la "versione ufficiale" dell'egittologia sulla storia e sull'origine delle Piramidi. Avevo visto la prima parte in streaming, devo vedere la seconda parte (qui sono stati uniti in un solo video), al di là del tema e di quel che si può pensare, ciò che credo possa affascinare è la costanza dei tre soggetti che hanno impiegato 8 anni per scrivere il libro. https://www.youtube.com/watch?v=yD8JWereeG0

Conferenza sulle Foibe - 12 Febbraio 2020 - 18:13

Re: Re: LA storia NON E' DI DESTRA O DI SINISTRA
Ciao SINISTRO nelle rivendicazioni jugoslave dell'epoca e nel come poi si sono sviluppati gli eventi c'è non solo da considerare il macigno dell'occupazione fascista e della susseguente sconfitta bellica, ma anche il fatto che al di fuori dell'Italia venivano viste (e come tali trattate) come provinciale imperialismo le mire italiane sulla costa istriana e dalmata, dove viveno popolazioni di lingua italiana che di fatto italiane non lo erano mai state. Veneziani fino al congresso di Vienna, e austriaci poi. Del resto già nel 1919 il mondo vedeva le mire italiane quantomeno irrituali. Non lo dicevo io che "Flume c'est la lune"...

Conferenza sulle Foibe - 11 Febbraio 2020 - 08:57

Re: LA storia NON E' DI DESTRA O DI SINISTRA
Ciao "Cervello (poco)" in fuga e soprattutto non è sempre vero che la fanno solo i vincitori.... Vero è che il dilemma è sempre lo stesso: esodo forzato, con evidenti ripercussioni a livello socio-economico, non solo per i Paesi ospitanti ma anche per quelli cedenti, visto che i vuoti lasciati non possono essere colmati in breve tempo, oppure trattenere in modo altrettanto forzoso? Fatto sta che il vuoto consentì alla ex Jugoslavia, Paese vincitore, di rivendicare quei territori nei confronti dell'Italia, Paese sconfitto, le cui popolazioni oramai non risiedevano più là.

Conferenza sulle Foibe - 10 Febbraio 2020 - 17:10

LA storia NON E' DI DESTRA O DI SINISTRA
Il prof. Raoul Pupo, docente di storia contemporanea all'Università di Trieste e tra i massimi conoscitori dell'Esodo giuliano-dalmata e dei massacri delle foibe, dice: "C'è anche una ragione più generale, una ragion di Stato che è questa: la Jugoslavia era una pedina strategica fondamentale dell'Occidente e anche dell'Italia. Non la si poteva provocare. E sentir parlare di foibe e di esodo per Belgrado era una provocazione fascista. La Jugoslavia neutrale consentiva all'Italia di non essere sulla prima linea della Guerra Fredda. Il che significava che i carri armati sovietici stavano sul Danubio in Ungheria e non dalle parti di Gorizia". "La storiografia italiana s'è occupata d'altro. Da una parte la sinistra aveva imbarazzi evidenti con questo argomento. Dall'altra parte la cultura cattolica non era assolutamente nazionalista. Questi due elementi hanno pesato negativamente...E in più, la destra non ha mai avuto una storiografia". (cit https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/ldquo-sciagura-nazionale-che-non-va-negata-rdquo-ndash-giorno-226511.htm) In pratica, la destra, supportata dagli Stati Uniti e la NATO che vedevamo con il fumo negli occhi il PCI, ha favorito il silenzio sulle Foibe! BASTA CON LE LETTURE dellA storia CON GLI OCCHI dellA DESTRA O dellA SINISTRA, LA storia VA STUDIATA E CAPITA, NON INTERPRETATA (TANTO PIU' ATTRAVERSO IL PENSIERO ODIERNO)! LA storia NON E' DI DESTRA O DI SINISTRA, LA storia E' LA storia, PUNTO E BASTA!!!!!

Conferenza sulle Foibe - 10 Febbraio 2020 - 13:25

memoria e verità storica
E' chiaro che la memoria di certi fatti in Italia, ancora oggi, è strumentalizzata (da entrambe le parti). Ed è chiaro che la memoria, e le sue giornate, hanno una valenza troppo spesso politica e propagandistica, permettendo ai promotori di turno di nascondere (in questo caso), dietro alle orribili sevizie sofferte da una ragazzetta, le indicibili atrocità promosse dal padre della stessa e dal governo dittatoriale che rappresentava con entusiasmo. La storia è un'altra cosa, e la storia ci dice chiramente che ad una occupazione feroce e ignorantissima, che è arrivata a creare un clima assurdo anti-italiano in zone come la dalmazia dove la classe borghese veneta conviveva da secoli senza problemi di sorta con il proletariato slavo, una occupazione dove più volte le SS (non la caritas) denunciavano con dispacci interni l'inutile e controproducente violenza dei fascisti italiani verso la popolazione (cose simili successero pure in Grecia, Libia e Albania, altro che "bravo soldato italiano"... a questa occupazione è seguita prima una lotta di resistenza, che accomunava resistenti (principalmente comunisti) italiani e slavi, e poi, con la formazione dell'esercito titino, di una repressione mirata, quasi una pulizia etnica, verso tutti gli italiani, ma anche, con forme anche più feroci, verso gli stalinisti yugoslavi. Questi sono fatti, e crecare di darne un colore politico, scegliendo "à la carte" quello che più piace, come ha sempre fatto il Menia, fa male alla memoria, non alla storia, perchè la storia resta quella. E parlare di "unica colpa" fa un po tristezza... la colpa, il dolo, lo decide il vincitore, di certo c'erano all'epoca, ragioni storiche (chiarissime) che portarono a quei fatti. Forse la vera colpa, se così si può dire, di tutti gli italiani (e delle altre nazioni che avrebbero pututo farlo), fu quella di non fermare per tempo l'avvento del fascismo in Italia... discorso paragonabile all'esatta incapacità di fermare l'avvento di Hitler o di capire (e fermare) la piega che aveva preso la Rivoluzione d'Ottobre, già pochi mesi dopo la presa dei palazzi. Celebrare come martire questa ragazza, plasmata al fascismo da una famiglia convintissima e pienamente addentro al regime ed ai vantaggi che questo portava, ci può pure stare, ma sicuramente non ha storicamente senso la sua strumentalizzazione: questa era una dei milioni di ragazzi europei ai quali dei regimi totalitari assassini hanno prima rubato la giovinezza e poi la vita, nel silenzio delle grandi democrazie. Ragazzi ammazzati non una ma dieci volte... altro che unica colpa... e minchiate varie... Saluti,

Sanità: Preioni attacca Marchionini - 6 Novembre 2019 - 05:16

Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: per Rocco
Ciao Hans Axel Von Fersen Mi sa che sul caporalato dovresti informarti La prima legge di contrasto al capolarato è del 2011 (vedi Treccani: http://www.treccani.it/enciclopedia/caporalato_%28Lessico-del-XXI-Secolo%29/) Si può tranquillamente risalire all'indietro di un secolo o più, vedi per esempio - ""Vecchi e nuovi mediatori. storia, geografia ed etnografia del caporalato in agricoltura " https://www.jstor.org/stable/23728813?seq=1#page_scan_tab_contents:da cui cito "Il caporalato è una forma illegale di reclutamento e sfruttamento della manodopera diffusa da pià di un secolo nell'agricoltura ......" E non solo nel meridione, vedi nel ferrarese: - "Fattori, caporali e capisquadra. Note su mediatori e « mercato » del lavoro agricolo nel Ferrarese dell’Ottocento" https://journals.openedition.org/mefrim/3322

PD: "I 34mln per la SS34 già c'erano" - 16 Agosto 2019 - 14:17

disco rotto
ormai a corto,cortissimo di argomenti,gli ultras dell'indifendibile ripetono stancamente l'unica frasetta mandata a memoria. ovviamente mai una risposta nel merito,ma li capisco: difendere uno che azzecca così tante cappelle in così poco tempo,roba da far sembrare Toninelli un fine stratega,è compito impossibile anche per loro. respinto con perdite su tutti i fronti,sfoga la sua frustrazione contro un centinaio di poveracci,mostrando una cattiveria e un cinismo indecenti,soprattutto per uno che ogni minuto bacia un rosario. fortuna che tra qualche giorno tornerà a essere la nullità che è sempre stato. ah,ieri sono usciti i dati sulla criminalità che dimostrano che tutte le favole sull'emergenza immigrati,emergenza crimini,emergenza il piffero,sono colossali bugie. tutti i crimini sono in calo,tranne quelli da armi detenute LEGALMENTE,e gli omicidi in ambito familiare (che hanno superato quelli per mafia),a dimostrazione che la situazione è esattamente l'opposto di quella urlata ai quattro venti e che solo gli ultras si bevono. un unico dato è in controtendenza: le espulsioni! sì perchè l'incapace,dopo aver promesso di buttare fuori 600mila clandestini,non ha buttato fuori nessuno,riuscendo a far peggio del PD! per quelli che adesso si chiederanno da dove arrivano questi dati che sput...nano capitan mojito...beh,tenetevi forte,arrivano dal suo ministero! sembra impossibile,ma esiste un Matteo in grado di rivalutare l'altro Matteo,che fino a ieri sembrava a tutti il peggior politico della storia.

PD: "I 34mln per la SS34 già c'erano" - 8 Agosto 2019 - 18:51

il popolano da 20mila euro al mese
"Salvini è il popolo",l'ultima perla! parliamo di uno che prende 20mila euro al mese da 15 anni. prima facendo finta di fare l'europarlamentare (ricordiamolo,ha il record ognitempo di assenteismo,mai nella storia del parlamento europeo qualcuno ha lavorato meno di lui),ora tragugiando salamelle e mojiti da parlamentare e ministro. è nei palazzi del potere da un ventennio,ha contatti anche sospetti (come dimostrano le ultime vicende giudiziarie) anche all'estero,insomma parliamo di un pezzo grosso dell'establishment: la crema dell'elite! poi se per essere iscritti alla categoria popolo basta vestirsi male e parlare come uno scaricatore di porto allora ok. voi confondete la sceneggiata ad uso e consumo dei suoi ultras con la realtà,parliamo di uno che se fosse "del popolo" non andrebbe sempre circondato da un esercito di polizia come nessuno mai prima. poi sulle colpe della sinistra (poi sinistra...diciamo centro,di sinistra non se ne vede da vent'anni) siamo tutti d'accordo,ma non facciamoci prendere ancora in giro dall'ennesimo omino forte,come prima Renzi e Berlusca,tutti prima idolatrati e poi schifati. smettetela di fare gli ultras ciechi e sordi,possibile che non vi sfiori il pensiero che forse non sia così infallibile il vostro nuovo idolo?

Verde infestante sui marciapiedi - 18 Luglio 2019 - 11:35

PUNTI di VISTA temporali
Ciao SINISTRO Lunedì sera ero a cena proprio sul quel tratto e di macchine ne sono passate ben quattro, più tre moto (in transito non residenti). Mi sono fermato per circa un'ora e mezza dalle 20.45. Certo. Poteva essere un caso isolato (4 auto + 3 moto non lo sono) ma così non funziona. Il tratto deve essere chiuso in maniera tale che NESSUNO possa passare. Certo. Se fossimo in Danimarca alla sola visone del cartello di strada a fondo chiuso (posto all'altezza del portico comunale) le auto tornerebbe indietro. Invece da noi si prosegue e alla visione della transenna (di 70 cm in plastica del peso di 4 Kg) con il cartello di divieto di transito si va oltre e si scorrazza in quegli 80 metri di "isola della tristezza". Dall'altra parte della strada, proprio sul pezzo di recente rifacimento c'erano famiglie con bimbi piccoli che forse avevano scelto il luogo proprio per quel motivo (isola pedonale). A queste condizioni sono d'accordo con te…….era meglio lasciare il parcheggio….almeno così la gente manco si illudeva. Poi hai ragione pochi posti auto……..troppo lontano il parcheggio dell'ospedale che, dopo le 18, è praticamente vuoto. Caro Sinistro…...quella della mancanza di parcheggi è solo una scusa. Direi, più che altro, che c'è la mancanza di voglia di far due passi (ma proprio due…..) e, parimenti, la mancanza di scelte coraggiose da parte della P.A. Ma questa è un'altra storia…..lasciamo perdere. Riguardo al resto……..direi che se i verbanesi non riescono ad essere educati…..esistono due possibilità: 1. continuare come sempre a far finta di niente…..fischiettando. 2. applicare i regolamenti comunali e le norme che già esistono e sanzionare da chi butta la sigaretta per terra a chi non raccoglie le deiezioni del proprio cane, passando anche da chi esercisce un locale pubblico con plateatico e non si occupa della pulizia intorno ad esso a chi ha un cantiere edile aperto da 11 anni e non si decide a finirlo/smontarlo. Da chi non taglia la propria siepe a chi buca la via sotto casa per le forniture energetiche e sanitarie e poi ripristina in qualche modo lasciando agli ammortizzatori delle auto fare il resto. E' tutta questione di indirizzo politico ed capacità organizzativa. Il potere politico non deve sensibilizzare le autorità di P.M: ma indirizzare chiaramente senza compromessi al rispetto dei regolamenti e del vivere civile e democratico dove, innanzi a tutto, stanno gli interessi generali della comunità. Alegar

Il Premio Strega a Verbania - 24 Giugno 2019 - 12:26

Re: Vincerà Scurati
Ciao robi ()! nemmeno Berlusconi, ormai, vede comunisti dappertutto! Il libro di Scurati è scritto bene, interessante e utile per capire gli anni dell'immediato primo dopoguerra, poco importa se chi lo ha scritto è di destra o sinistra (sempre che questo significhi ancora qualche cosa!) Altro libro sul "crapun" letto di recente, è "Il corpo del duce" di Sergio Luzzato che prendendo spunto dal trafugamento delle spoglie di Mussolini nell'immediato dopoguerra fa un'accurata disamina del simbolismo della morte e della fisicità negli anni del fascismo. Conoscere la storia per capire il presente!

Marchionini confermata sindaco di Verbania - 10 Giugno 2019 - 14:44

Quello che le percentuali non dicono
Quello che le percentuali non dicono, ma i numeri sì! Se ci limitiamo a guardare le percentuali, 49.38% per Albertella contro 50.62% per Marchionini, potrebbe sembrare che Albertella abbia perso di poco! In realtà, Albertella ha ricevuto 669 voti in meno rispetto al primo torno, contro una Marchionini che invece ha ricevuto 402 voti in più (compresi gli ipotetici 596 voti di Rabaini). Ecco, è su questi numeri che vanno fatte delle valutazioni. Che fine hanno fatto quei 669 voti? La mia personalissima opinione è che, purtroppo, le "destre" locali non hanno "appeal", sono "vuoti", "inconcludenti", "succubi" delle "destre" ossolane e cusiane (vedi la storia dell'ospedale unico) e che non hanno saputo ricostruirsi dopo il flop dell'Amministrazione Zacchera. E' probabile che i 669 voti mancanti siano i voti dei "tifosi", che hanno votato destra, ma soprattutto Lega, in virtù della "moda" del momento, un anno fa avrebbero votato M5S! Quindi, la verità è che Albertella non ha perso il ballottaggio ma non aveva vinto il primo turno, si era solo trovato un gruzzoletto di voti di protesta. A dimostrazione di questa semplice tesi, ricordo che a livello nazionale Lega, FdI e FI nelle ultime europee hanno avuto il 49,58%, a livello regionale il 49,86% a Verbania "solo" il 46,15% (incluso il voto delle liste di sostegno ad Albertella). Quindi, "amici" di destra, alle recenti elezioni, i cittadini di Verbania non vi hanno votato, o comunque vi hanno votato meno che nel resto del Piemonte e d'Italia!!! Per le prossime elezioni, sarà bene che vi affrettiate ad trovare una "Marchionini" di destra, giovane, autonoma rispetto ai vari Zacchera e Montani, che dica cose interessanti e non frasi fatte, come quasi tutti i "giovani" di destra attuali, vedi i vari Songa, Colombo,... Ovviamente, sarà bene cercare fin da subito una nuova "Marchionini" anche a sinistra, altrimenti, alle prossime elezioni, come dice il grande Lino Banfi, saranno "uccelli per diabetici"

Salvini a Verbania: ma a una condizione - 14 Maggio 2019 - 18:47

Forse non mi sono spiegato
Per cittadino di uno stato estero intendevo il prode cardinale, cittadino polacco o del vaticano.Che poi in quello stabile abusivamente e violentemente occupato vivano anche italiani non sposta di un millimetro la mia disapprovazione verso il gesto dell'esimio prelato."L'ho fatto per i bambini..." ha detto: che palle sta storia di tricerarsi sempre dietro i bambini!! E sugli immigrati iregolari mettono davanti i bambini, e ai cortei della sinistra mettono in prima fila i bambini, convinti ( e non a torto) che ci sia chi si fa impietosire.L'espropriazione proletaria per me resta un delitto odioso ed uno sfregio ai cittadino onesti, che si sono sempre sbattuti ed hanno fatto sacrifici e rinunce per avere una casa e per me la cosa vale sia che la attuino elementi di destra che di sinistra: infatti non sarei per nulla contrario ad uno sgombero di casa Pound: la proprietà privata deve essere sacra e per questo anche inviolabile(....e ben sia appunto la legittima difesa!)

Proposte del Comitato per il San Bernardino - Video - 19 Marzo 2019 - 15:17

Il turismo.....questo sconosciuto
Innanzi tutto va chiarito a quale turismo ci si riferisce altrimenti parliamo di cose diverse pensando alla stessa parola. Divertimento, vita notturna, eventi……...turismo giovane, chiasso e ore tarde, gestione di grosse quantità di gente che si spostano per brevi periodi e che, generalmente, non spendono grosse cifre. Natura, paesaggio, lago, montagna e storia…….turismo di più giorni, gruppi, famiglie che arrivano in cerca di hotel, campeggi e Airbnb…..attrazioni ed eventi ma senza clamore con medio/alta qualità del servizio. Non è sempre così, ovviamente, ma le distinzioni vanno fatte altrimenti si rischia di confondere la cioccolata con la…..marmellata. Cosa si vuol fare? Si vuole continuare a far arrivare i clienti dei ristoranti e bar/pub con la macchina davanti ai locali oppure li si convince a fare due passi sul bellissimo lungolago "diffuso" per poi prendersi con calma uno spritz senza rumori di macchine e motorini ? Si vuole rompere l'anima ai cittadini con rumori e musiche sino a tarda notte per attirare il turismo giovanile (dove per altro siamo in grave ritardo rispetto al Garda) oppure si vuole incentivare il turismo naturalista, contemplativo, delle famiglie che alle 22.30, normalmente, va a dormire? Quando si parla di turismo si mena sempre l'esempio di CH e D...…..nelle località turistiche di questi due paesi alle 23 non si serve più ai tavoli esterni e i locali sono tutti insonorizzati. Beh…...bisogna decidere del futuro del bimbo perché, bimbo, non è più. Siamo già in ritardo e continuare a riempirsi la bocca con le parole: perla del lago maggiore, perla del Rosa, Verbania turistica…..etc.....etc....e poi: lasciare che il lungo lago diffuso diventi parcheggio diffuso, sponde fluviali discariche di RSU, parchi gioco dei bimbi che paiono bombardate, strade sporche, spiagge sporche o inospitali, dehor che intralciano il cammino sui marciapiedi, baraonda fuori dai locali che tengo svegli cittadini e turisti, cantieri edili storici mai chiusi (si pensi ad un turista che nel 2008 scattò la foto dal lungo lago di Pallanza e immortalò del due gru a fianco dell'ospedale - ex suore orsoline - oggi tornando a VB ritrova le stesse gru nella stessa posizione), aiuole e giardinetti che paiono residuati post nucleare, un ciclabile che si interrompe lasciando i ciclisti in pieno traffico, un palazzo di città che fa brutta mostra di sè in pieno lungo lago…...il contorno del teatro maggiore che pare un campeggio degli anni 70,...…….. insomma è necessaria una decisione ed una visione a lungo termine, altrimenti si rischia (ma lo è già da diverso tempo) di fare sempre una scarpa e una ciabatta. NON SI PUO' ACCONTENTARE TUTTI……..

PD su ospedale unico - 17 Marzo 2019 - 11:12

Re: referendum
Ciao livio, la storia italica è piena di referendum su questioni vitali per il sistema Paese date in pasto al popolo ed al suo voto di pancia. Una su tutti, l'abolizione dell'energia nucleare come fonte di approvvigionamento energetico nazionale. Un suicidio di lungo periodo sul quale noi cominceremo a vedere gli effetti ed i nostri figli e nipoti ne subiranno le conseguenze. Sul TAV, la Costituzione vieta i referendunm sui trattati internazionali, a ben veduta: ma chi siamo per decidere se un'opera di questa portata potrà o meno avere un ritorno dell'investimento di lungo periodo quando nemmeno i tecnici riescono a trovare una risposta? Sull'ospedale, gioco forza che un referendum affosserebbe il progetto poichè si parte da un punto di vista sbagliato: la domanda non è se si vuole o meno un ospedale UNICO (che sia a Ornavasso, a Piedimulera, al Castelli o al San Biagio), la domanda è dove volete che sia ubicato! Perchè la necessità di ridimensionare la spesa nella ASL VCO non è solo conclamata, è nei numeri. Quindi, non volete che sia Ornavasso a salvare capra e cavoli da un punto di vista politico e di correttezza geografica del territorio? Bene, accettate anche che domani (l'anno prossimo, tra 5 anni, tra 10...è solo questione di tempo) qualcuno si sveglierà e deciderà che una tra le due vecchie strutture oggi esistenti diventerà riferimento unico e lo farà in base al peso politico che detiene sul territorio. Saluti AleB

PD su ospedale unico - 17 Marzo 2019 - 11:00

Re: Per me è difficile. Ve lo assicuro!
Ciao Giovanni%, quanto calza a pennello questo titolo anche per la mia situazione. Sono stato "introdotto" alla politica con un comizio elettorale di Fini a Intra, una ventina di anni fa. Nato e cresciuto nel periodo berlusconiano, ho visto più volte infrangersi quell'idea di destra imprenditoriale, con la totale incapacità a produrre serie politiche economiche di sostentamento all'economia italica. Oggi mi ritrovo nel periodo della politica urlata, aggressiva, per forza "contro" a tutti e tutto. Oggi mi ritrovo a scegliere persone SERIE, che per mia sfortuna stanno sull'altro lato del mio pensiero politico. Quella SERIETA' che dovrebbe portare tutti a capire che su certi temi vincono i numeri e non le volontà del popolo. Oggi la destra cavalca il sentimento popolare - che storicamente non ha mai scelto per il bene economico del Paese ma piuttosto per quello del proprio conto, inviando messaggi di propaganda conditi dall'olio della verità: come direbbero gli amici grillini, "svegliaaaaa!!11!!!1", perchè nel messaggio della Lega in seno al progetto Ornavasso si nasconde l'obiettivo reale: rendere uno dei due nosocomi CENTRALE nella ASL14 (guarda caso quello di Domodossola) e gli altri due periferici, con un chiaro intento di ridimensionamento operativo (dice qualcosa il PS di Omegna?). La propaganda del NO all'ospedale UNICO nasconde la verità dell'impossibile sostentamento finanziario dell'attuale situazione: Preioni lo sa bene ed infatti, nel suo NO al progetto, indica la strada di cui sopra. Non cadete inoltre nel tranello della rimodulazione dei finanziamenti dedicati al nuovo nosocomio in favore degli ospedali oggi esistenti: si parla di una sessantina di milioni di finanziamento pubblico per Ornavasso e pochissimi di questi potranno essere "girati" per il riammodernamento di anche uno tra Domo e VB. Sono voci di spesa differenti e, qualora passasse questo ragionamento, tutti gli ospedali del Piemonte ne avrebbero diritto. La storia ci insegna che i treni passano poche volte: è passato per Piedimulera con la stessa propaganda politica che ne ha affossato le fondamenta, a parti politiche invertite. Sta passando quello di Ornavasso, sotto gli occhi di tutti. Non passerà più, fidatevi! Quando tra 5 anni ci si accorgerà che per governare un territorio servono i numeri, arriverà qualcuno da qualunque parte politica e, banalmente, farà tagli lineari di spesa. Con buona pace del vostro "contro" a tutto di oggigiorno. Saluti AleB

Di Gregorio candidato sindaco PCI - 9 Marzo 2019 - 16:49

Re: Re: Vedo, prevedo, stravedo!
Ciao robi, nelle elezioni locali no vado tanto alla solita storia della destra, sinistra, bianco o rosso ma alle persone e i programmi. Non voterò il sindaco uscente per l'appoggio allo sciagurato progetto dell'ospedale unico e alla visione di città proposta dalle persone che le stanno intorno ( in primis la lista civica che porta il suo nome) che reputo inaccettabili. Il candidato del centrodestra invece potrebbe essere anche una persona in gamba ( non lo conosco) ma le personalità politiche della sua maggioranza sono le stesse di quelle che ci hanno portato al grigio e triste commissariamento.
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti