Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

storia

Inserisci quello che vuoi cercare
storia - nei commenti

Al Cobianchi realizzati i Murales - 6 Maggio 2019 - 17:04

Quelle parole d'amore in via B. Cesare Battisti...
In via Brigata Cesare Battisti ci sono delle parole d'amore, per buona parte indecifrabili (allego foto), sono dedicate ad una donna. Autore e amata sono sconosciuti. Non sono di Verbania ma ogni tanto quando mi capita di passare davanti non so fare a meno di fantasticare su questa ignota storia che forse risale, a giudicare dallo stato, a oltre 30 anni fa. Se qualcuno avesse notizie, sia sul testo completo (magari esistono foto) sia sui protagonisti (certo, inutile dire che non mi aspetto i nomi), sia sulle date e pure sulla storia degli amanti, sarebbe bello.

Forza Italia: "Niente bike sharing per Pasqua?" - 21 Aprile 2019 - 10:21

attenzione a dx e sn nelle Comunali
Pur condividendo in parte il discorso di robi 13.49, invito a riflettere sul fatto che le amministrative locali fanno sempre storia a sé: Si vota chi negli anni precedenti consideriamo abbia lavorato bene, chi ha persone che stimiamo intorno, e, soprattutto chi ha un programma che condividiamo. Votare solo dx o sn e' riduttivo se poi a dx abbiamo chi ci ha fatto commissariare o altre persone di spessore discutibile... E la sinistra si e'spinta piuttosto a dx mi sembra, e viceversa, ricordo Immovilli che voleva portare a Vb i rom sfollati a Omegna, per dire....... Ciao

Giornata Cadorna - Foto - 16 Aprile 2019 - 07:54

Re: tristezza
Ciao Giovanni Beh. Io non ho preso posizione pro o contro. Figurati che detesto le manifestazioni. Dal 1 maggio al 25 aprile etc etc. Retorica buona per i piccioni. Giusto sapere la storia. Come dice Pierluigi Rocco bisogna avere almeno fatto le superiori? Non necessariamente. Io sono laureato e appassionato di storia. Ma molto ignorante su molte cose. Cerco di rimediare come posso. Per quanto riguarda luigi Cadorna sono molto neutro e oggettivo. Colpe si. Meriti meno. Capro espiatorio no.

Giornata Cadorna - 12 Aprile 2019 - 07:55

Re: A conti fatti...
Ciao Giovanni% Esatto. Se la storia non di studia ma si parla a vanvera non si capirà mai nulla. Grazie per il tuo intervento.

Giornata Cadorna - 8 Aprile 2019 - 16:32

Re: Re: Re: Cadorna
Ciao SINISTRO Oltre che la storia dovresti imparare il dono della sintesi....possibile che devi dire tre concetti in croce scrivendo dieci post di fila? Eppoi io non ho Fb. ..

Fronte Nazionale: no all'ospedale unico - 8 Aprile 2019 - 12:42

corto circuito
curioso come quelli che ci spiegano che "buttare" una barca di soldi per costruire e poi mantenere il teatro più anti economico della storia sia cosa buona e giusta,siano poi gli stessi che ci spiegano che da tre ospedali dobbiamo passare a uno,perchè bisogna far quadrare i conti. la cultura è cosa preziosa,ma se devo sciegliere dò la precedenza alla salute.

Giornata Cadorna - 8 Aprile 2019 - 12:28

Re: Re: Cadorna e la storia
Ciao marco quelli sono sempre esistiti, da ambo le parti, 2 facce della stessa medaglia. Per es. l'affare Dreyfus.

Giornata Cadorna - 8 Aprile 2019 - 11:06

Re: Cadorna e la storia
Ciao lupusinfabula, hai ragione, purtroppo oggi ci sono molti talebani che, per ignoranza della storia, vorrebbero distruggere tutto il passato!

Giornata Cadorna - 8 Aprile 2019 - 10:18

Re: Cadorna e la storia
Ciao lupusinfabula bisogna anche considerare il fatto che un generale, in quanto tale, cioè nominato soprattutto col consenso di vertici politici, deve fare i conti, oltre che con le truppe a sua disposizione, anche con la nomenklatura di riferimento.

Giornata Cadorna - 8 Aprile 2019 - 10:16

Re: Cadorna e la storia
Ciao lupusinfabula d'altronde un generale ricopre una carica d'alta amministrazione, quasi politica, quindi si trova anche a fare i conti con la nomenklatura che ha dietro e sopra di sé, oltre a dover operare solo con le truppe che ha a disposizione.

Giornata Cadorna - 8 Aprile 2019 - 10:16

Re: Cadorna e la storia
Ciao lupusinfabula d'altronde un generale ricopre una carica d'alta amministrazione, quasi politica, quindi si trova anche a fare i conti con la nomenklatura che ha dietro e sopra di sé, oltre a dover operare solo con le truppe che ha a disposizione.

Giornata Cadorna - 7 Aprile 2019 - 20:05

Re: Cadorna e la storia
Sono d’accordo con lupusinfabula

Giornata Cadorna - 7 Aprile 2019 - 16:50

Cadorna e la storia
Cadorna si è comportato con la mentalità di un generale del suo tempo: ora come ora nessun generale applicherebbe la "ricetta " Cadorna. Ogni cos ava inquadrata nel suo tempo, con le sue logiche, le sue tecniche e le sue mentalità. Giudicare ora con i nostri metri di misura politiche di cent'anni addietro non ha senso.

Giornata Cadorna - 7 Aprile 2019 - 16:23

Re: Cadorna
Ciao Graziellaburgoni51 E meno male che il fascismo non c'era ancora...altrimenti figuriamoci....Studiate la storia gente. Non Wikipedia...

Fronte Nazionale: no all'ospedale unico - 7 Aprile 2019 - 13:46

Re: Trasferimento medici
quando non si capisce perchè un medico non aspira ad una realtà come la nostra e si crede che la causa sia geografica, abbiamo chiaro il motivo per cui questa provincia non avrà mai un livello di assistenza sanitaria di alta qualità: Non ce lo meritiamo! Continuate pure a credere che 3 ospedali sotto casa siano la soluzione di lungo periodo: arriverà quel giorno in cui qualcuno taglierà il vostro ospedale, che sia il Castelli o il San Biagio, Continuate pure a credere che un reparto di ostetricia da 100 parti l'anno possa ritenersi sicuro: al primo morto per parto, ve lo chiuderanno. Continuate pure a guardare al vostro giardino: prima o poi passerà la ruspa e vi ritroverete senza. Il treno sta passando: c'è gente disposta a pagare il biglietto per prenderlo, anche se in corsa. C'è poi gente che vuole prenderlo ma senza pagare il suo costo. E poi ci sono quelli che stanno bene lì: il treno lo guardano passare come il ragazzo di campagna del Pozzetto degli anni '80. State pure seduti: il mondo va avanti, anche senza di voi. Quando poi dovrete prendere l'auto per raggiungerlo e la benzina costerà la vostra salute, non vi rimarrà che la storia. Perchè sempre insegna. Saluti AleB

Giornata Cadorna - 7 Aprile 2019 - 07:41

Re: Scusate
Ciao Giovanni Cadorna fu un generale inflessibile che fece molti errori. Ma in guerra non comanda un solo uomo. Gli errori furono di tutti. Il successore Armando Diaz non fece altro che arretrare e trattare i soldati meglio. Poi a Vittorio Veneto vinse con un esercito austriaco in rotta. C'è un bellissimo documento di rai storia che descrive questa situazione. Prima di giudicare, sapere.

Proposte del Comitato per il San Bernardino - Video - 19 Marzo 2019 - 15:17

Il turismo.....questo sconosciuto
Innanzi tutto va chiarito a quale turismo ci si riferisce altrimenti parliamo di cose diverse pensando alla stessa parola. Divertimento, vita notturna, eventi……...turismo giovane, chiasso e ore tarde, gestione di grosse quantità di gente che si spostano per brevi periodi e che, generalmente, non spendono grosse cifre. Natura, paesaggio, lago, montagna e storia…….turismo di più giorni, gruppi, famiglie che arrivano in cerca di hotel, campeggi e Airbnb…..attrazioni ed eventi ma senza clamore con medio/alta qualità del servizio. Non è sempre così, ovviamente, ma le distinzioni vanno fatte altrimenti si rischia di confondere la cioccolata con la…..marmellata. Cosa si vuol fare? Si vuole continuare a far arrivare i clienti dei ristoranti e bar/pub con la macchina davanti ai locali oppure li si convince a fare due passi sul bellissimo lungolago "diffuso" per poi prendersi con calma uno spritz senza rumori di macchine e motorini ? Si vuole rompere l'anima ai cittadini con rumori e musiche sino a tarda notte per attirare il turismo giovanile (dove per altro siamo in grave ritardo rispetto al Garda) oppure si vuole incentivare il turismo naturalista, contemplativo, delle famiglie che alle 22.30, normalmente, va a dormire? Quando si parla di turismo si mena sempre l'esempio di CH e D...…..nelle località turistiche di questi due paesi alle 23 non si serve più ai tavoli esterni e i locali sono tutti insonorizzati. Beh…...bisogna decidere del futuro del bimbo perché, bimbo, non è più. Siamo già in ritardo e continuare a riempirsi la bocca con le parole: perla del lago maggiore, perla del Rosa, Verbania turistica…..etc.....etc....e poi: lasciare che il lungo lago diffuso diventi parcheggio diffuso, sponde fluviali discariche di RSU, parchi gioco dei bimbi che paiono bombardate, strade sporche, spiagge sporche o inospitali, dehor che intralciano il cammino sui marciapiedi, baraonda fuori dai locali che tengo svegli cittadini e turisti, cantieri edili storici mai chiusi (si pensi ad un turista che nel 2008 scattò la foto dal lungo lago di Pallanza e immortalò del due gru a fianco dell'ospedale - ex suore orsoline - oggi tornando a VB ritrova le stesse gru nella stessa posizione), aiuole e giardinetti che paiono residuati post nucleare, un ciclabile che si interrompe lasciando i ciclisti in pieno traffico, un palazzo di città che fa brutta mostra di sè in pieno lungo lago…...il contorno del teatro maggiore che pare un campeggio degli anni 70,...…….. insomma è necessaria una decisione ed una visione a lungo termine, altrimenti si rischia (ma lo è già da diverso tempo) di fare sempre una scarpa e una ciabatta. NON SI PUO' ACCONTENTARE TUTTI……..

PD su ospedale unico - 17 Marzo 2019 - 11:12

Re: referendum
Ciao livio, la storia italica è piena di referendum su questioni vitali per il sistema Paese date in pasto al popolo ed al suo voto di pancia. Una su tutti, l'abolizione dell'energia nucleare come fonte di approvvigionamento energetico nazionale. Un suicidio di lungo periodo sul quale noi cominceremo a vedere gli effetti ed i nostri figli e nipoti ne subiranno le conseguenze. Sul TAV, la Costituzione vieta i referendunm sui trattati internazionali, a ben veduta: ma chi siamo per decidere se un'opera di questa portata potrà o meno avere un ritorno dell'investimento di lungo periodo quando nemmeno i tecnici riescono a trovare una risposta? Sull'ospedale, gioco forza che un referendum affosserebbe il progetto poichè si parte da un punto di vista sbagliato: la domanda non è se si vuole o meno un ospedale UNICO (che sia a Ornavasso, a Piedimulera, al Castelli o al San Biagio), la domanda è dove volete che sia ubicato! Perchè la necessità di ridimensionare la spesa nella ASL VCO non è solo conclamata, è nei numeri. Quindi, non volete che sia Ornavasso a salvare capra e cavoli da un punto di vista politico e di correttezza geografica del territorio? Bene, accettate anche che domani (l'anno prossimo, tra 5 anni, tra 10...è solo questione di tempo) qualcuno si sveglierà e deciderà che una tra le due vecchie strutture oggi esistenti diventerà riferimento unico e lo farà in base al peso politico che detiene sul territorio. Saluti AleB

PD su ospedale unico - 17 Marzo 2019 - 11:00

Re: Per me è difficile. Ve lo assicuro!
Ciao Giovanni%, quanto calza a pennello questo titolo anche per la mia situazione. Sono stato "introdotto" alla politica con un comizio elettorale di Fini a Intra, una ventina di anni fa. Nato e cresciuto nel periodo berlusconiano, ho visto più volte infrangersi quell'idea di destra imprenditoriale, con la totale incapacità a produrre serie politiche economiche di sostentamento all'economia italica. Oggi mi ritrovo nel periodo della politica urlata, aggressiva, per forza "contro" a tutti e tutto. Oggi mi ritrovo a scegliere persone SERIE, che per mia sfortuna stanno sull'altro lato del mio pensiero politico. Quella SERIETA' che dovrebbe portare tutti a capire che su certi temi vincono i numeri e non le volontà del popolo. Oggi la destra cavalca il sentimento popolare - che storicamente non ha mai scelto per il bene economico del Paese ma piuttosto per quello del proprio conto, inviando messaggi di propaganda conditi dall'olio della verità: come direbbero gli amici grillini, "svegliaaaaa!!11!!!1", perchè nel messaggio della Lega in seno al progetto Ornavasso si nasconde l'obiettivo reale: rendere uno dei due nosocomi CENTRALE nella ASL14 (guarda caso quello di Domodossola) e gli altri due periferici, con un chiaro intento di ridimensionamento operativo (dice qualcosa il PS di Omegna?). La propaganda del NO all'ospedale UNICO nasconde la verità dell'impossibile sostentamento finanziario dell'attuale situazione: Preioni lo sa bene ed infatti, nel suo NO al progetto, indica la strada di cui sopra. Non cadete inoltre nel tranello della rimodulazione dei finanziamenti dedicati al nuovo nosocomio in favore degli ospedali oggi esistenti: si parla di una sessantina di milioni di finanziamento pubblico per Ornavasso e pochissimi di questi potranno essere "girati" per il riammodernamento di anche uno tra Domo e VB. Sono voci di spesa differenti e, qualora passasse questo ragionamento, tutti gli ospedali del Piemonte ne avrebbero diritto. La storia ci insegna che i treni passano poche volte: è passato per Piedimulera con la stessa propaganda politica che ne ha affossato le fondamenta, a parti politiche invertite. Sta passando quello di Ornavasso, sotto gli occhi di tutti. Non passerà più, fidatevi! Quando tra 5 anni ci si accorgerà che per governare un territorio servono i numeri, arriverà qualcuno da qualunque parte politica e, banalmente, farà tagli lineari di spesa. Con buona pace del vostro "contro" a tutto di oggigiorno. Saluti AleB

Alice Brida vince il Ballo Debuttanti di Stresa - 11 Marzo 2019 - 14:09

Re: Neutralità sinistra
Ciao lupusinfabula ancora peggio se uno si erge, erroneamente, come spesso accade, a detentore di verità assolute, criticando gli altri a prescindere, pensando sempre e comunque di essere nel giusto. Le dittature sono sempre tali, a prescindere dal colore, con o senza proletariato: basta guardare la storia, prima ancora che la politica. E comunque legittima difesa non vuol dire andare in giro armati..... Per il resto, puoi tranquillamente condividere ciò che ti pare, senza etichettare chi non la pensa esattamente come te. Però in fondo ti capisco: hai sempre bisogno, contestualmente, di una nemesi e di un punto di riferimento, una sorta di equilibrio interiore.
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti