Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

commissione

Inserisci quello che vuoi cercare
commissione - nei commenti

M5S: Shopping in Bus “Ottima iniziativa, però…" - 6 Gennaio 2016 - 21:14

Ripeto, ci sono molte soluzioni...
... Se ne può parlare, di sicuro i negozianti non chiedono nulla , é il "viaggiatore" che se vuole lo sconto presenta il biglietto (originale) e la C.I. (Basterebbe tirare giù il numero) ... Ma se in commissione non se ne parla non si possono trovare soluzioni.

M5S: Shopping in Bus “Ottima iniziativa, però…" - 6 Gennaio 2016 - 18:58

Il Brigno é d'accordissimo :-)
Cerco di essere sempre sintetico , ma il tema si presta poco. La questione andava affrontata in commissione proprio per questo. Io pure sono per il bus Free , magari con corse notturne nel week , queste si rivolte ai giovani e di utilità sociale non secondaria, ma il tema proposto dall'amministrazione non é questo. Hanno pure parlato di sperimentazione e di controllo... Lo voglio vedere il controllore che chiede la carta di identità . Il mio post era solo per dire che la proposta dei pentastellati a mio avviso aveva senso ed era perfettibile, ovviamente non credo sia questa la sede... Potrei giusto dire : sapete per quanto si sarebbe viaggiato gratis risparmiando sui "frontalieri con le ali" o sul "giro d'Italia " ...?... Ma poi andré si arrabbia :-D

M5S: Shopping in Bus “Ottima iniziativa, però…" - 6 Gennaio 2016 - 16:29

Privacy si o no?
A parte Andrè , che pur di contestare brignone direbbe qualunque cosa, la proposta dei 5 stelle rimane buona e perfettibile, in commissione si sarebbe potuto fare. Ci dica il comune che dice che valuterà il successo come potrà farlo. Per quelli che tengono alla privacy , possono sempre pagare il biglietto e non chiedere rimborso. Per l'estensione ai minorenni come la mettiamo con la privacy?

M5S: Shopping in Bus “Ottima iniziativa, però…" - 6 Gennaio 2016 - 08:21

La proposta è ottima
Fermo restando che trovo grave non aver discusso una proposta così rilevante in commissione, dove si sarebbe potuta affinare (per chi ne contesta l'eccessiva "burocraticita") , resta una idea molto valida, soprattutto perché prevede un controllo. Sappiamo ormai che chi amministra chiama tutto "sperimentazione"ma non fa mai controlli, e gli esperimenti senza misure valgono zero.

Non chiamatemi più CEM! Ora sono “Il Maggiore” - 17 Dicembre 2015 - 16:33

Pragmatico
Nome non certo ricercato ne originale ma semplice e pragmatico per rendere la struttura facilmente riconoscibile alla clientela e alle professionalità di fuori provincia (nazionali e internazionali) cui essa ambisce. Dalla discussione tenutasi in occasione dell'ultima commissione Consiliare 6° (che contempla anche l'ex CEM) è emerso chiaro l'obiettivo di perseguire un'offerta culturale a 360° di livello medio-alto che richieda quindi e inevitabilmente il coinvolgimento di professionalità di livello tale che faccia da forte richiamo per un pubblico il più vasto possibile ma che sarà inevitabilmente anche pretenzioso vista l'ampia offerta che Italia ed estero offrono; senza però scordarsi della cultura locale incentrata spesso sul nostro paesaggio che è il nostro valore aggiunto. Concordo con AleB quando dice che sarebbe stato meglio un nome legato al territorio (infatti la classe di mia figlia che ha partecipato al concorso aveva proposto "Camelia blu" su isuggerimento di un'assocuazione culturale locale), ma chi ne avrebbe colto il significato solo a Milano? Infine a clprofessional rispondo che per quanto riguarda il bando per la gestione di bar-ristorante-spiaggia in commissione è stata colta l'idea, anche in tal caso, di un'offerta di ristorazione di alto livello, quindi nessun nome preordinato, ovviamente chiunque sia in grado di soddisfare tale prerogativa possa proporsi, come dev'essere peraltro.

M5S: "Ospedale unico Si! Ma a quale prezzo?" - 24 Novembre 2015 - 20:36

Dalla regione
TORINO 24-11-2015 - “Oggi abbiamo interrogato l'assessore alla Sanità Saitta chiedendo se si intenda procedere al riutilizzo del progetto preliminare esistente del nuovo ospedale unico del VCO, apportando modifiche adeguate anche per ottimizzare le già carenti risorse regionali e ridurre ulteriormente tempo. Come al solito, quando si tratta di politiche sanitarie nel VCO, Saitta ci è parso impreparato sull'argomento e pure imbarazzato, percependo l'ingombrante presenza del vicepresidente Reschigna. Secondo l'assessore il progetto preliminare non esisterebbe nemmeno, invece esiste eccome! Arrivati a questo punto, dopo una lunga telenovela campanilistica, risolta con l'uso della "forza politica", chiediamo che quantomeno si risparmino risorse pubbliche. Se il vecchio progetto fosse in qualche modo riutilizzabile (magari su un'area pianeggiante e non quella, un po' bizzarra, dell'area collinare di Ornavasso) si potrebbero risparmiare sino ad un milione di euro ed un po' di mesi. Inoltre continuano a non essere chiare le modalità di finanziamento: Saitta ha parlato genericamente di partenariato pubblico-privato, con corresponsione di un canone e concessione di alcuni servizi NON sanitari, senza specificare le modalità (project financing, concessione di gestione, leasing in costruendo). Il tutto ci conferma ancora una volta come la Giunta navighi a vista per quanto riguarda la realizzazione del nuovo ospedale della provincia e che sarebbe servita una maggiore concertazione con il territorio. Cosa da noi richiesta con un ordine del giorno a dicembre 2014, respinta dalla maggioranza di centrosinistra”. Davide Bono, Consigliere regionale M5S Piemonte Vicepresidente commissione Sanità

Forno Crematorio rivelati i privati - 9 Novembre 2015 - 21:40

Senza dialogo
Ricapitoloamo.... Dopo un breve passaggio in commissione in cui si dice che vi sarà il raddoppio del forno (quindi aumento delle emissioni inquinanti ), e gli utili netti per il comune non si ridurranno con la privatizzazione, i famosi 250 mila euro del 2013 (i quali potrebbero essere molto di più nel 2014) l'amministrazione in consiglio comunale chiede una delega in bianco , non garantisce che le entrate per le casse comunali restino invariate, probabilmemente sarebbero intorno ai 150 mila euro, precisa che la seconda linea servirà solo per garantire la continuità del servizio, che vi sarà inoltre una ristrutturazione dei locali, mi domando e vi domando come farà il privato a fare utili dovendo rientrare dell'investimento e pagare le tasse? O al privato piace buttare via i soldi o non la raccontano giusta, comunque sia non si intravede l'interesse della comunità e nemmeno tutta questa fretta, in fin dei conti ne va della salute e delle casse dei cittadini

Forno Crematorio rivelati i privati - 9 Novembre 2015 - 17:33

è un tema molto importante per la città
Ricordiamo perchè il referendum è importante e ricordiamo pure che si potrebbe evitare con un minimo di apertura da parte della maggioranza... tutela ambientale/sanitaria (mancata certezza sulle quantità e qualità dei fumi immessi dal forno nell'ambiente che coinvolgono quartieri fortemente abitati), valutazioni economiche (attualmente il forno porta importanti introiti nelle casse del comune e non è possibile concedere una delega in bianco all'amministrazione che potrebbe concludere un pessimo affare coi privati, in una sostanziale mancanza di certezza su costi e benefici per la collettività) e motivi etici (non é accettabile che una amministrazione faccia un passo così importante senza adeguata informazione preventiva e condivisa). Non poniamo preclusioni ideologiche alla privatizzazione di alcuni servizi, e nulla abbiamo contro il fatto che il servizio del forno possa essere gestito da privati, questo però a condizione che ci siano regole chiare che oggi mancano. Ad esempio: quali i numeri massimi di cremazioni al giorno/mese/anno? Quali i vantaggi per il comune di Verbania in termini economici? Si sono valutate condizioni di privilegio da riservare ai cittadini verbanesi? Quali garanzie sulla qualità complessiva del servizio? Siamo sicuri che la zona sia davvero la migliore e che non sia possibile una deroga per ricollocare il forno? Tutte questioni che in commissione si sarebbero potute discutere. Il nostro invito, infine, é rivolto alla maggioranza: ritirino la delibera oggetto di referendum e aprano una discussione vera, chiara e senza reticenze e preclusioni al fine di concordare la migliore soluzione per la città, che farà risparmiare a tutti tempo e lavoro e che sarebbe utile per iniziare finalmente una stagione di dialogo che ad ora continua ad essere arrogantemente negato.

Forno Crematorio rivelati i privati - 8 Novembre 2015 - 12:23

Aggiungo
Nulla contro le privatizzazioni in termini ideologici, ma sono argomento controverso che va ben valutato. La giunta ha una delega in bianco, e questo non mi sta bene per diverse ragioni: -nessuna garanzia che chiuda un "buon affare - nessuna garanzia sui fumi , sull'ambiente , sui numeri - nessuna garanzia sull'occupazione. Per quanto mi riguarda sarebbe sufficiente ritirare la delibera e chiarirsi in commissione (con esperti presenti, non solo consiglieri comunali )

Brezza sull'ultimo Consiglio Comunale - 2 Ottobre 2015 - 10:31

Brezza, meglio fare analisi più meditate e serie.
Tra le altre cose ci dice: «La minoranza ha giocato mettendo in scena il più antico dei teatrini della politica. Far mancare il numero legale per fermare i lavori del Consiglio non è niente di originale. Qualcuno potrebbe dire che ognuno fa la propria parte, però è certo che i rappresentanti della città non dovrebbero "giocare"» Caro Brezza, quì nessuno "gioca", a meno che non faccia riferimento a quando il tuo partito ha fatto mancare il numero legale alla commissione che presiedevo e che si doveva occupare di prevenzione del disagio giovanile, una storia grottesca che non riprendo ma vi rimando al link delle mie dimissioni. O magari il buon segretario Brezza, quando parla di gioco, pensa al fatto che da 6 mesi quella stessa commissione è senza Presidente per chiara volontà della maggioranza. O ancora è il Sindaco che crede di giocare e quindi in consiglio può mancare di rispetto a tutti leggendo il giornale quando intende comunicare disprezzo agli interlocutori. O si riferisce alla commissione PAES da cui sono state escluse le minoranze? Potrei continuare con decine di esempi di mancanze di rispetto, di dialogo, di regole da parte di una maggioranza arrogante nei fatti ma sempre pronta alla retorica e al vittimismo. Il numero legale è mancato perchè era l'unico strumento per bloccare una variazione di bilancio sbagliata, costruita senza alcun dialogo, calata dall'alto ed ora volete dare la colpa alle minoranze di sinistra che non pensano ai giovani? Ma non vi sembra un atteggiamento infantile? Sia chiaro, lo scrivo in stampatello, QUANDO SI VORRA' INIZIARE A DIALOGARE DI "BUONE PRATICHE", DI PROGETTI, DI BUONA AMMINISTRAZIONE, (ma davvero) NOI SIAMO PRONTI E DISPONIBILI! magari si potrebbe partire dai tanti e buoni spunti che lo stesso Zanotti ha messo sul tavolo politico! Sveglia che è ora! a questo link ci sono articoli per approfondire i singoli punti di critica: http://www.verbaniafocuson.it/n438718-huston-abbiamo-un-problema-brezza-non-comprende-il-problema.htm

Non approvata la variazione di bilancio - 2 Ottobre 2015 - 10:25

dissento sull' "affare"
Nessuno (per lo meno non io) dissento sui contenuti che si vorrebbero a Casa Ceretti, certo se se ne fosse almeno parlato in commissione... Ma la questione è che il Comune non può comprare e dare in gestione , per di più con soldi che non ha. si potrebbe definire "affare" se il Comune fosse una agenzia immobiliare e rivendesse il bene, ma così non è e non deve essere. Casa Ceretti è da fare ma con soldi che non siano del Comune.

Forno crematorio va ai privati - 24 Settembre 2015 - 17:25

una Privatizzazione affrettata
Non ho nulla di principio contro le privatizzazioni (di questo si parla), solo vorrei capire a quali condizioni e quali vantaggi ne trae la collettività. Nelle 2 riunioni di commissione (istituzionale quindi senza tecnici che avrebbero potuto arricchire di elementi i ragionamenti), sono emerse una quantità di incognite, domande, possibilità alle quali l'Amministrazione non ha dato alcuna risposta convincente. Alcune delle questioni inevase che avrebbero meritatato approfondimento e che mi hanno più colpito: -A Domodossola con una linea di incenerimento fanno più del doppio del lavoro di Verbania, dobbiamo aspettarci gli stessi numeri? raddoppio dei fumi? -C'è confusione sulla seconda linea, sostituisce davvero l'esistente o alla fine l' affiancherà e vorrà significare quadruplicare i numeri? -Siamo davvero sicuri che non esista una deroga per spostare il forno in una zona meno densamente abitata? -Perchè non è possibile discutere insieme sui desiderata della città e su quella base verificare manifestazioni di interesse , anche con progetto di finanziamento? ...o leasing? -Perchè non affrontare il progetto in maniera più complessiva e discutere anche di servizi cimiteriali? -Perchè non tentare di avviare un percorso di gestione consortile con altri Comuni al fine di confrontare possibilità differenti? Il forno è un evidente buisness per qualcuno, ed un evidente servizio per la città, sono convinto, visto che non c'era alcuna necessità di decidere ieri, che si sarebbe potuto lavorare di gran lunga meglio. Alla fine l'Amministrazione ha ricevuto una delega sostanzialmente in bianco, e come potrei essere contento di ciò? Dare a una Amministrazione ampia possibilità discrezionale avendo concordato dei limiti condivisi è un conto, ma quì stiamo parlando di far fare a gente che ha speso per una giornata di giro d'Italia tanti soldi quanto costa una nuova linea di forno crematorio, che prende soldi dall'avanzo di amministrazione per pagare la segnaletica e affini (ieri 30'500€), una Amministrazione che non tiene in minima considerazione le deliberazioni del Consiglio Comunale (ne ricordo almeno 3 rimaste lettera morta di cui una sul tema sanità). Come posso avere fiducia in questa Amministrazione? delegare in bianco? E fidarmi di questa maggioranza che appena può trova il modo di fare accomodare "gli amici"? che rifiuta il confronto al punto di disprezzare gli organi del Consiglio stesso (da sei mesi manca il Presidente della commissione Servizi alla Persona)... http://www.verbaniafocuson.it/n432708-il-consiglio-comunale-e-sovrano-ma-decide-la-regina.htm

Interpellanza: "ruolo del Consiglio Comunale" - 16 Settembre 2015 - 09:09

democrazia? Carneade chi era costui?
La sindachessa risponderà come riterrà opportuno,ma quando non si eleggono i Presidenti di commissione da molto tempo, quando non vi è dialogo in Consiglio Comunale, quando sono "io" a decidere,la parola democrazia è sconosciuta in questa Amministrazione

Un intervento sul parcheggio bus a Suna - 2 Settembre 2015 - 15:27

Signor Pranzo
mi dispiace contraddirla, ma non è che uno si mette o toglie la giacca a seconda dei casi... se uno è consigliere di quartiere lo è sempre anche se omette di dirlo .. spesso qui interviene il dottor Brignone .. non è che intervenendo e non firmandosi consigliere comunale non lo è più. Dove sono state fatte le proposte e a chi ? non mi risulta che in commissione siano state fatte (del resto non avete diritto di parola ) ,non mi risulta che siano state fatte direttamente a qualche membro della giunta o al sindaco (a meno che lei lo abbia fatto ultimamente) , non mi risulta che negli ultimi 4 consigli di quartiere di VB Ovest si sia parlato di questo argomento . Come onestamente non mi risulta che il parcheggio del Liceo sia vuoto il sabato e la domenica visto la presenza di partite della Voluntas Suna .... La ringrazio dell'invito al consiglio di quartiere ,ma Andre' è troppo impegnato nella Guardia.... Cordiali saluti Alessandro.. non si puà far atterrare un elicottero a bordo di una strada ad alta viabilità e con a fianco il Monterosso se ho capito il posto...

LegalNews: Alcoltest nullo per mancato avviso circa la facoltà di farsi assistere dal difensore - 31 Agosto 2015 - 20:31

Per i sig.ri Lupusinfabula e Mirko
Cari Lettori, pur rispettando la Vostra opinione, mi permetto di fare alcune puntualizzazioni. Innanzitutto, premetto di essere il primo sostenitore della necessità di accertare che chi si mette alla guida sia in grado di farlo e, di conseguenza, non sia sotto l'effetto di sostanze che possano alterare le sue capacità di gestire il veicolo. Tornando alle Vostre riflessioni, sottolineo però che non si tratta sicuramente di sfasciare l'Italia oppure di trovare un "cavillo" per salvare il guidatore sotto l'effetto dell'alcol dal ritiro della patente; al contrario, tale orientamento della Suprema Corte sottolinea l'importanza della facoltà di nominare un difensore di fiducia nel momento in cui viene svolto un accertamento di tipo irripetibile, a garanzia della regolarità di quest'ultimo Inoltre, si consideri che, come sopra indicato, le Forze dell'Ordine non sono tenute né ad avvisare il difensore né - a maggior ragione - ad attendere il suo arrivo. L'accertamento, dunque, segue il suo iter indipendentemente dall'informazione circa la possibilità di nominare il legale. Questa previsione, dunque, ha la funzione di fornire un'ulteriore garanzia al soggetto sottoposto all'accertamento, che però non inficia minimamente la regolarità, la prontezza e la efficacia dell'accertamento stesso. Ritengo, quindi, che debba sempre essere accolta con favore una previsione che aumenta la tutela per il potenziale imputato senza che venga meno l'idoneità dell'azione di accertamento della commissione di potenziali condotte di rilevanza penale. Infine, mi permetto una breve riflessione sul ruolo dell'avvocato: il legale non è colui che rallenta il sacrosanto operato delle Forze dell'Ordine oppure della Magistratura. Al contrario, l'avvocato è un operatore del diritto, che collabora attivamente con tali soggetti - pur avendo un ruolo differente - affinché la Giustizia (quella, si spera, con la "G" maiuscola), faccia il suo corso. Un caro saluto. Avv. Mattia Tacchini

Sirtori sullo spettacolo pirotecnico di Pallanza - 19 Agosto 2015 - 14:24

Commissioni
Nelle commissioni comunali I gruppi possono far entrare delle persone chiamate esperti.. di solito sono in effetti esperti della materia di cui tratta la commissione.. es. un architetto in urbanistica poi ci sono I tuttologhi... . Ma i tuttologhi li triovi ovunque Tanto un posto nelle commissioni non si nega a nessuno .. poi non prendono nemmeno il gettone presenza a differenza dei consiglieri comunali..

Sirtori sullo spettacolo pirotecnico di Pallanza - 18 Agosto 2015 - 14:07

Spettacolo teatrale
Forse l'esperto della commissione di FI non si è accorto che c'era uno bellissimo spettacolo teatrale fatto da giovani.. magari .. un po di cultura non guasta o forse si?

Club Forza Silvio: scuola e concorsi pubblici - 11 Agosto 2015 - 13:38

Re: Ma....
Ciao lupusinfabula, ho controllato sul sito del Comune di Verbania, non solo nella commissione consiliare permanente inerente servizi alla persona, sanità, asili nido, volontariato, ma anche nelle altre 5, non figura il nome della Signora summenzionata. Pertanto spero che non siamo di fronte all'ennesima "bufala", con tanto di mancanza di rispetto sia verso i lettori che verso la redazione. :-(

Club Forza Silvio: scuola e concorsi pubblici - 11 Agosto 2015 - 13:17

Ma....
Ma scrive come "Club F.S" o come membro della "commissione comunale di Verbania"?

Una Verbania Possibile su Commissione "Servizi alle persone" - 30 Luglio 2015 - 17:03

???????????????'
Cesare cosa dici? noi zitti? ma se siamo i primi che hanno raccolto firme e creato mobilitazione?! da Presidente di commissione abbiamo creato un tavolo tecnico per parlare di sanità che il PD ha di fatto boicottato?! Mi sono dimesso dalla commissione che presiedevo in polemica e per far discutere della questione EMERGENZA! Per noi il tema è, e rimane : " L'EMERGENZA" , che è cosa diversa dal DEA. Tutto si può dire fuorchè il progetto "UNA VERBANIA POSSIBILE" sia silenzioso attraverso chi la rappresenta nelle istituzioni locali. Poco ascoltato di sicuro, silente NO!
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti