Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

riforma

Inserisci quello che vuoi cercare
riforma - nei commenti

Marcovicchio: "L’anno della riforma sanitaria" - 2 Gennaio 2015 - 16:52


Renzi è più bravo . Usa i soldi nostri per ottenere popolarità . Vedi l'ennesima regalia ai gestori delle Autostrade, aumento del'1,5% delle tariffe . Comprenderei un aumento per sanare il debito pubblico ma non per aumentare i già ricchi profitti dei gestori . E' ridicolo criticare un politico locale che ,usando il suo PC e non i ns soldi ,comunica tramite stampa una sua riflessione sulla riforma sanitaria regionale che coinvolge tutto il VCO .

I primi 200 giorni di Amministrazione Marchionini - 2 Gennaio 2015 - 09:22

X Giovanni
Niente da aggiungere. Purtroppo certi elementi di scarso valore politico, diciamo così, ce li dobbiamo tenere ancora per anni. in quanto al lavoro pubblico che non rischia nulla ha perfettamente ragione il Consigliere. Infatti io sono a favore della riforma della PA e alla parificazione tra lavoro pubblico e privato, voluta da Renzi e ostacolata anche dai partiti di riferimento delbuon Consigliere. Mi licenziano? So fare altro, a differenza di qualcuno che che chiacchiera e prende i soldi dei cittadini scaldando la sedia in Consiglio Comunale. E sono anche per togliere i gettoni di presenza ai politici, specie quelli del consiglio comunale. Chissà se in questo modo qualcuno ce lo togliamo dai piedi......

Presidente Costa dopo riunione sul futuro della Provincia - 28 Dicembre 2014 - 10:53

Provincia VCO
I signori che hanno tanto sostenuto la costituzione della provincia dove sono finiti? L'attuale struttura politica è l'espressione massima della non Democrazia, ma di una schifosa spartizione politica. Così come le proposte di una riforma elettorale gestita in camera caritatis. E' il risultato eclatante che l'assenteismo sia il partito di maggioranza assoluto la dice lunga. Il Medioevo politico mi auguro finisca quanto prima con la crisi economica voluta dagli stessi barboni che ci rappresentano attraverso partiti inesistenti ma solo lobbies di potere.

Carabinieri denunce e un arresto - 21 Dicembre 2014 - 09:57

Ancora X Lupus
Diciamolo chiaramente. Renzi ha preso voti anche a destra, e molti. Se ci ho creduto non sono certo il solo. Sono deluso per le questioni sicurezza, immigrazione, gestione dei marò, mancata responsabilità civile dei magistrati, riforma della PA, depenalizzazione dei reati "minori" ed effetto annuncio inutile sull'inasprimento delle pene per i corrotti (le leggi ci sono già). Sul lavoro per esempio secondo me ha fatto bene. Come vedi non vado ad ideologia, ma a fatti concreti

Marcovicchio su DEA e politici verbanesi - 23 Novembre 2014 - 20:38

Ospedale unico ancora possibile
Ha perfettamente ragione sull'ospedale unico, ma credo che con un po' di volontà e di attributi, si possa ancora sperare in un nuovo progetto simile, che a questo punto credo sia l'unica alternativa. Certo che dare la sanità alle regioni è stata proprio una pessima idea, come del resto tutta la riforma del titolo V della Costituzione. E' il territorio che deve muoversi, nessun altro.

Con il canile, l'amministrazione riparte da zero - 23 Novembre 2014 - 18:41

io voglio cambiare
Credo che oggi la politica sia una marionetta in mano al sistema. Il fallito cambiamento non avviene per arroganza o volontà gattopardiane, ma per un sistema che continuo a definire di socialismo reale in pieno occidente, in cui le tasse servono per alimentare il pachiderma-stato gargantuesco che tutto divora e nulla offre in cambio, a parte l'azzeramento dell'individuo e il suo declassamento a suddito. Renzi voleva cambiare tutto, in fondo è questo che la maggioranza degli italiani gli ha chiesto. Arrogante e presuntuoso? Forse. Sta di fatto che qualsiasi riforma è stata ostacolata dai veri poteri forti del paese. Magistratura, sindacati, corporazioni di ogni genere e specie, burocrazia statale e locale, persino i dipendenti di camera e senato. E' lui arrogante o c'è realmente un sistema che non vuole mollare neppure una briciola per paura di perdere tutti i privilegi accumulati in decine di anni? Dopo Craxi in poi la politica in Italia non ha contato nulla ed è sempre stata una marionetta in mano a questo Gargantua che opprime, divora e annichilisce il cittadino rendendolo suddito. Tangentopoli e la magistratura sono stati il mezzo del Gargantua per riportare la politica nel proprio bacello, dalla quale era uscita con Craxi di cui tutto si può dire tranne fosse un quaquaraquà dei giudici o dei sindacati. Da allora chiunque, dalla sinistra del Berlinguer della riforma della scuola alla destra della prima riforma del lavoro che è costata la vita a Marco Biagi, è stato fermato, con le buone o con le cattive. A Verbania sta accadendo lo stesso. Un politico vince le elezioni e tutto il sistema gli si rivolta contro. A torto o ragione? E' successo a prescindere. Abbiamo un Sindaco arrogante, presuntuoso, disonesto, dittatore. Può darsi, anche se io non credo. Ma è solo questa la motivazione per la guerra che le è stata dichiarata o c'è dell'altro, vedasi il discorso del cambiamento ostacolato a tutti i costi? Ai bei tempi, Lupus ricorderà, chiamavano reazionari quelli che a destra ostacolavano il cambiamento, in particolare dopo il '68, e visti i risultati avevano ragione. Ma ora che è necessario cambiare ci riscopriamo tutti reazionari? In fondo l'unica cosa da capire è questa: vogliamo cambiare o vogliamo restare così? Io voglio cambiare.

Interventi di Marcovicchio e Sistori in Consiglio Comunale Aperto - 16 Novembre 2014 - 19:15

Responsabilità di tutti
Il commento del Dott. Tartari, di solito posato e onesto, mi è sembrato un po' sopra le righe. La Giunta Bresso, ad onor di verità, ha contribuito in massima parte al buco di bilancio, e di questo ne sono informati tutti. Cota ha fatto poco, ma almeno la sanità ha "tenuto". Direi che le polemiche dovrebbero stare a zero. Le colpe sono di tutti, indistintamente. Rinfacciarsi "buchi" passati è un po' sgradevole. E anche gli sprechi sono da distribuire uniformemente tra tutti in regione, da destra a sinistra. Direi che sarebbe meglio lavorare per produrre un progetto comune della sanità, e dato che il PD governa comuni del VCO, provincia, regione e nazione dovrebbe almeno farsi carico della questione. Dovremmo anche ricordarci che le regioni sono pozzi senza fondo della spesa pubblica perchè la sinistra ha voluto fare la riforma del titolo V della Costituzione appena prima di lasciare il governo del paese, ed infatti ne è uscito un pasticcio inenarrabile. Ora abbiamo 20 sanità diverse e le regioni che ne combinano di tutti i colori, senza distinzione politica. In ultimo, con riguardo all'onestà politica e alla faccia di mostrarsi in pubblico, ricordo che se siamo senza ospedale unico è perchè la sinistra ha soffiato sul vento della contestazione dei comitati e di fatto ha affondato il progetto. Ora avremmo 2 dea e un ospedale serio. Cordialmente

NCD e Comunità.vb: "No alla chiusura dei Dea" - 9 Novembre 2014 - 09:58

scomodissimo
Già, oggi abbiamo due comodissimi ma inefficienti ospedali che la riforma sanitaria del governo regionale del fascio-leghista affamatore di popolo Chiamparino vuole rivedere. Contenti voi.......

Job Act: l'ordine del giorno approvato - 2 Novembre 2014 - 11:42

coerente con il jobs-act
Nel mio intervento in Consiglio ho cercato di spiegare dettagliatamente il perché del mio voto favorevole: l'ordine del giorno riporta elementi contenuti nella proposta di riforma del Jobs Act del Governo Renzi. Unico elemento di forma che non condivido in pieno del documento, tra le premesse però, è la delega definita "in bianco" al Governo che invece, costituzionalmente non consente la modifica agli articoli 4, 13 e 18 dello Statuto dei Lavoratori. Temi dal grande valore politico ed ideologico purtroppo già ampiamente messi in discussione dalla riforma Fornero, insieme agli ammortizzatori sociali. I principi contenuti in questo documento non sono proprietà di qualcuno (sindacati, partiti od intellettuali), rappresentano un patrimonio di valori costituzionali per tutti i lavoratori e cittadini italiani. A maggior ragione il Partito Democratico non può che esserne interprete attento e responsabile nell'ambito dell'attività legislativa riformatrice cui è chiamato. Sollecitare le Istituzioni rappresentate dal nostro Partito, in questo momento, è dovere di chiunque abbia a cuore il futuro del nostro Paese. Per questo, insieme ad altri Consiglieri, ho votato favorevolmente e con convinzione questo ordine del giorno. Marco Tartari Consigliere Comunale Verbania Gruppo Partito Democratico

Pendolari Domodossola-Arona-Milano le novità - 26 Ottobre 2014 - 17:29

Non è così
Caro Lupus, il datore di lavoro del dipendente pubblico è il cittadino, non dimentichiamolo mai. Non è possibile scioperare senza creare disservizi al cittadino, in nessun modo. Se a scioperare sono i poliziotti delle scorte, a fare la scorta ne metteranno altri che toglieranno da qualche parte. Il datore di lavoro "Stato" non è colpito in nessun modo, credimi. Piuttosto ritengo che i sindacati nel pubblico impiego abbiano fatto disastri indicibili, bloccando qualsiasi tentativo di riforma. La conclusione è che gli stipendi sono fermi dal 2010 non per ripicca, ma per il tappo che hanno messo i sindacati sulla contrattazione, sulle mobilità, sulla gestione dei premi di produzione a pioggia, dicendo sempre e comunque no. Se mai dovessi partecipare ad un'assemblea sindacale dei dipendenti pubblici, caro Lupus, portati una scatola di calmanti e uno sturaorecchie, perchè non crederesti a quello che si dice! Altro che scioperi per non danneggiare il cittadino! E ti assicuro che dichiararsi di destra o adesso anche renziano nell'ambiente del pubblico, è come mettersi un cappio al collo, come al mio collo. Ha ragione il finanziere Serra della Leopolda, meno scioperi e job act più aggressivo!

Imputazione coatta per Rimborsopoli a Reschigna e Cerutti - 20 Ottobre 2014 - 20:55

mettiamoci d'accordo
Non è che le inchieste valgono solo per una parte politica. Io credo che la Magistratura faccia spesso e volentieri molti errori e auspico una riforma che rinnovi radicalmente la giustizia italiana. Ma se vale per uno vale per tutti. Non è che uno del PD è un po' meno colpevole di uno di forza italia, sempre che ne sia dimostrata la colpevolezza. Abbiamo ironizzato sulle mutande di Cota, ma a quanto pare non era l'unico. Detto questo su Reschigna, francamente ho pochi dubbi sulla sua estraneità. Non mi piace come politico, ma da quanto so e sento in giro è persona onesta. Poi può succedere di tutto. L'importante è che non si condanni una persona prima che sia finita l'inchiesta, si chiami Silvio, Matteo o Aldo.

Carabinieri: arrestati ladri d'appartamento - 12 Ottobre 2014 - 12:23

ma il bello...
...è che in Albania ci sono meno delinquenti albanesi che in Italia. Questi sanno che qui trovano terreno fertlie (in verità anche in altri paesi come Francia e Germania), si piazzano e fanno quello che sanno fare. Impuniti. E poi l'ANM fa le barricate perchè non gli piace la riforma della giustizia, mentre l'Eurpoa ci vuole fare una procedura di infrazione perchè non facciamo la norma sulla responsabilità civile dei giudici, nonchè per una mancata riforma globale della giustizia, la peggiore d'Europa e forse del mondo, magari al penultimo posto prima dell'India. E non si dica che mancano le leggi perchè i magistrati applicano sempre tutte le attenuanti possibili, come rito abbreviato e obbrobri vari. E poi si lamentano delle vacanze........

PD su "dissesto Provincia Vco" - 11 Ottobre 2014 - 14:52

sbloccaitalia
No preoccupiamoci ora ci pensaranno lo sblocca italia e la riforma del titolo V, a toglierci ogni pretesa su tutte le risorse del territorio, compreso il diritto all'acqua pubblica, e poi non erano state abolite le province ? Hahaha purtroppo non ci resta che piangere, se mai i cittadini si riprenderanno il paese lo avranno in macerie

Carabinieri: deferiti per furto di monete - 9 Ottobre 2014 - 14:42

italiano medio
ah,manco vivi a VB e nonostante questo pontifichi sempre? bella presunzione. tipico dell'italiano medio,forte coi deboli e debole coi forti. ci accaniamo sul peruviano sfigato ma col cruccone milionario niente,anzi ancora c'è da ringraziarlo! la riforma della giustizia di Renzusconi voi l'avete già nel DNA...ve lo meritate Renzi,come vi meritavate Silvione.

PD: "VCO area sperimentale per la legge Delrio" - 29 Settembre 2014 - 12:09

addirittura?
Dice Borghi: "Il Vco si candida quale area prototipo indentificata dalla Presidenza del Consiglio a cui sarà data assistenza tecnica ad amministratori e funzionari. Le migliori competenze nazionali saranno trasferite sul nostro territorio per dare piena attuazione alla riforma degli enti locali”

M5S: no alle elezioni provinciali - 28 Settembre 2014 - 20:37

E che c. c'entra!
Qui stiamo trattando un problema specifico, la riforma-abolizione delle Province e Furlan divaga con discorsi generici triti e ritriti che non portano a nulla. Interessanti invece le tesi di Robi e GM.

M5S: no alle elezioni provinciali - 28 Settembre 2014 - 17:25

Quoto Antonio
D'accordo con Antonio, anche se io le regioni non le abolirei ma ne farei 5 o 6 macro, con poche e chiare competenze. Non è tanto il costo delle regioni di per sè, ma i fondi che gestiscono, specie per la sanità. La regione-laender dovrebbe essere strutturata nel modo che segue (dal sito http://www.viaggio-in-germania.de/federalismo.html): "Ogni regione ha il diritto di darsi una propria Costituzione, ha un proprio governo, un parlamento eletto ogni 4 o 5 anni, un Presidente del Consiglio, dei ministri e ministeri. Il parlamento può emanare delle leggi regionali e dei decreti. La Costituzione regionale e le leggi non possono però in nessun caso essere in contrasto con leggi nazionali. Spesso le leggi nazionali determinano una cornice unitaria, all'interno della quale le regioni stabiliscono le regole che ritengono giuste. Le autonomie riguardano soprattutto: la scuola, le università, la cultura la polizia la tutela del paesaggio e della natura la legislazione che riguarda i comuni una parte del diritto tributario legislazione (in collaborazione con lo stato) in molti campi quasi tutto il lavoro di amministrazione interna In molti campi, p.e. nell'economia, lo stato e le regioni agiscono insieme in propri spazi predefiniti. In sostanza, solo gli affari esteri, una parte del diritto tributario, il settore valutario e monetario, il traffico aereo, la dogana e le forze armate sono di esclusiva competenza e amministrazione dello stato. Tutti i tribunali, con eccezione della Corte Costituzionale e delle Corti superiori, sono di competenza dei Länder. Per garantire, nonostante tutte le diversità, una certa omogeneità indispensabile, p.e. nel settore scolastico o anche in altri campi, i Länder fanno degli accordi tra di loro che, una volta approvati, sono vincolanti per tutti". Chiudo dicendo nche anche in Germania esistono le province, che sono più meno unioni di comuni, e che la loro riforma dipende dai singoli Laender, non dallo stato centrale!

M5S: no alle elezioni provinciali - 28 Settembre 2014 - 12:08

Io avrei fatto così
La mia opinione conta meno di zero, come mi fanno spesso notare, ma io avrei cominciato a fare un progetto di riforma costituzionale organico e profondo, con un'idea di stato precisa e con la ripartizione di competenze tra i livelli di governo che riprendesse quella tedesca. Un anno di tempo per farla? Pazienza, almeno sarebbe stata cosa seria. Creazione di 5 o 6 macroregioni con funzioni di coordinamento degli enti territoriali, province e comuni con più poteri ben definiti, creazione di uno stato federalista sulla falsariga di quello tedesco, con una camera federale e una delle regioni, per intenderci Bundestag e Bundesrat. Vi chiederete chi potrebbe non esser d'accordo con una riforma alla tedesca, visto come funziona la Germania? Eppure quasi tutti, rispondo. Chi perchè innamorato del parlamentarismo post guerra, chi perchè considera il federalismo sinonimo di leghismo e dunque pericoloso, chi perchè vedrebbe corroso il proprio potere di veto e la propria posizione, chi perchè qualunque riforma della costituzione è considerata sacrilegio etc etc etc. E intanto affoghiamo nella melma. Ma non tutti. C'è a chi conviene questa situazione di sostanziale ingovernabilità, e che farebbe di tutto per non cambiare. Io apprezzo i grillini solo per il motivo che vogliono rompere questo sistema, ma quando fanno proposte alternative mi viene l'orticaria per quanto sono ingenue, improponibili e pericolose. Eppure non servono padri costituenti o figure leggendarie per fare una buona riforma. Se ci pensiamo bene la Costituzione è stata pensata anche dallo stalinista Togliatti e da Belzebù Andreotti. E infatti ne è uscito un pasticcio mix tra sovietico e parrocchiale di cui paghiamo ancora le conseguenze. Basterebbe mettere gente di discreta qualità tecnica e moralmente accettabili, ma con una idea precisa di quello che si vuole fare. vogliono l'investimento popolare? facciano un referendum su forma di stato federale o forma di stato centralizzato, come monarchia e repubblica. Poi agiscano di conseguenza.

M5S: no alle elezioni provinciali - 28 Settembre 2014 - 08:39

Demagogia spicciola
Demagogia spicciola per i non informato... oppure i poco informati sono proprio loro? Questa disciplina delle Province è provvisoria in attesa della prospettata abolizione. Per abolirle serve una riforma costituzionale che come sappiamo segue un iter più lento e intanto si è cercato di alleggerirle nella parte politiche facendole diventare enti di secondo livello. E cosi i Grillini, non capendo nulla, rinunciano in questa fase transitoria alla loro "preziosa" opera di controllo.

Incontro sulla nuova Provincia alla Lucciola - 27 Settembre 2014 - 18:22

Io ospiterei i politici tedeschi....
....così almeno ci insegnano qualcosa su come si governa un paese. Con tutto il rispetto per Reschigna e Borghi, che oramai hanno fatto il loro tempo, farei davvero una bella iniziativa almeno europea, con politici locali di varie nazioni. Sapere come funzionano le municipalità in Germania, in Svizzera o in Svezia, come i cittadini controllano l'operato dei politici, come vengono prese le decisioni, com'è la tassazione, quali sono i rapporti tra enti locali e stato centrale. Queste sono le cose che interessano, non i soliti convegli fumosi come "la riforma degli enti locali tra problemi ed opportunità" E che vuol dire? Quale riforma? Sveglia!
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti