Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Cronaca

Veneto Banca: futuro nelle mani del Governo

Riceviamo e pubblichiamo, una nota di Veneto Banca a seguito delle dichiarazioni della Bce che ha definito a "rischio di dissesto" la banca.
Verbania
Veneto Banca: futuro nelle mani del Governo
Veneto Banca ha preso atto che, nell’assenza di una risposta formale alla propria dichiarazione di interesse ad accedere alla ricapitalizzazione precauzionale presentata al MEF il 17 marzo scorso, ieri, 23 giugno 2017:

a. la Banca Centrale Europea - con cui in questo periodo sono continuate le interlocuzioni - ha deciso che la Banca è a rischio di dissesto, attivando il processo previsto dall’art. 19 e seguenti del d.lgs. 180/2015 e dall’art. 18 Regolamento UE 806/2014;

b. il Single Resolution Board ha, a sua volta, ritenuto che la procedura di liquidazione coatta amministrativa prevista dalla legge italiana consenta di proteggere adeguatamente i depositanti, gli investitori e i clienti della Banca.

La soluzione della crisi è adesso nelle mani delle Autorità italiane. Le ipotesi che sono allo studio delle Autorità, e che nelle prossime ore si delineeranno compiutamente, consentiranno a tutti i clienti della Banca e delle società del Gruppo di continuare ad operare senza subire discontinuità nei servizi, tutelando al contempo depositanti e obbligazionisti senior. Sulla stessa stabilità potranno contare tutti coloro che hanno ricevuto affidamenti dalla Banca e dalle società del Gruppo.

Il Consiglio di Amministrazione, come da procedura, rimarrà a disposizione per gli adempimenti formali nei tempi di legge e rimette quindi ogni decisione sulla futura gestione dell’azienda nelle mani delle Autorità e del Governo, nella certezza che verrà assicurata la salvaguardia del patrimonio aziendale e del capitale umano del Gruppo e ripagata la fiducia dei clienti, mai venuta meno nonostante la pesante eredità delle passate gestioni.

***

Nella seduta straordinaria di ieri 23 giugno, il Consiglio di amministrazione ha ripercorso l’attività svolta a partire dal suo insediamento l’8 agosto scorso per far fronte alla gravissima situazione aziendale del Gruppo. L’impegno profuso da tutta la struttura e da ogni singolo dipendente sono nella storia di questi dieci mesi. Ne sono testimonianza i rafforzamenti patrimoniali, l’azione di responsabilità contro i responsabili della gestione passata, le rigorose politiche gestionali introdotte, la riduzione dei costi operativi, il mantenimento del sostegno creditizio all’economia locale. Va poi sottolineata la particolare attenzione nei riguardi degli azionisti, resasi concreta attraverso l’Offerta Pubblica di Transazione e l’istituzione dei due fondi per gli azionisti disagiati, con l’obiettivo non soltanto di ridurre i rischi legali, ma soprattutto riaprire il dialogo con il territorio.

Tutto ciò nell’ottica di un percorso che portasse, sulla base di un progetto di ristrutturazione denominato Tiepolo, alla nascita di una nuova Banca in grado di operare in modo efficiente e competitivo nell’interesse di tutti gli stakeholders.

Il Consiglio di Amministrazione ha riaffermato la validità del progetto messo a punto dal management e si è rammaricato che il tempo trascorso dalla sua messa a punto, e il conseguente deterioramento della situazione della Banca, abbiano reso impossibile reperire i fondi privati – che, a giudizio della Commissione Europea, erano necessari a coprire le perdite subite o probabili – impedendone così l’attuazione.

Un grato apprezzamento e convinto sostegno vanno al gruppo dirigente, che ha guidato Veneto Banca in questo difficile frangente, e a tutte le risorse umane per la dedizione dimostrata.

Il Consiglio di amministrazione augura ogni successo all’impegnativo lavoro che nei prossimi giorni prenderà avvio.



36 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di cesare Tutelando solo gli obbligazionisti senor
cesare
24 Giugno 2017 - 23:15
 
Il comunicato è chiaro solo per gli addetti ai lavori " Tutelando depositanti e obbligazionisti senior " hanno elegantemente evitato di comunicare che TUTTI , che sono la maggior parte, gli obbligazionisti di subordinate
non riceveranno alcun rimborso , e che verrà attivato il BAIL IN .
Perchè non hanno adottato il medesimo trattamento per gli obbligazionisti del Monte di Paschi ?
Una grande, grande ingiustizia !!!!!!
Vedi il profilo di livio cucù i risparmi non ci sono più..
livio
25 Giugno 2017 - 09:27
 
di ingiustizie e angherie il popolo ne subisce giornalmente,ma questa delle banche venete è davvero troppo e il tutto si svolge sotto gli occhi attoniti di risparmiatori che vedono volatizzare nel nulla i loro risparmi ben sapendo che non li vedranno mai più, mentre lorsignori se la cavano con qualche buffetto...i soldi nonevaporano,ma cambiano semplicemente tasca,orbene un governo serio andrebbe a prenderli dove stanno..ma siamo in Italia...qui ci vuole la mano dura
Vedi il profilo di lucrezia borgia un Governo serio (?)
lucrezia borgia
25 Giugno 2017 - 10:57
 
che ha le idee a sinistra ed il portafoglio a destra............
Non si può fare una class action contro questi farabutti?
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Mi state dicendo che...
Hans Axel Von Fersen
25 Giugno 2017 - 13:53
 
...chi ha investito e chi ha prestato danari ad aziende fallimentari non recuperanno i propri capitali?
Strano! Io pensavo che i dividendi e gli interessi fossero personali e i rischi della collettività!
Che mondo strano!
Vedi il profilo di cesare x Livio
cesare
25 Giugno 2017 - 18:22
 
Governo serio ? Pretendi troppo ,ci stanno prendendo in giro fino all'ultimo . Hanno programmato una lunghissima riunione dei Ministri per comunicare l'oneroso "salvataggio" delle banche dopo la chiusura dei seggi elettorali ,temevano l'esito negativo delle votazioni. Una vera commedia . Hai ragione ,, ci vorrebbe la mano dura e scarponi pesanti . Ciao Livio
Vedi il profilo di lucrezia borgia purtroppo
lucrezia borgia
25 Giugno 2017 - 18:57
 
in Italia la democrazia è morta (ammesso che sia mai stata in salute)
Imperano infatti, anarchia e plutocrazia.....ed i risultati si vedono.
Per chi ne ha voglia: su un qualsiasi motore di ricerca, digitate Carlo Messina Intesa San paolo. Ci si potrà fare una libera ed indipendente opinione........
Vedi il profilo di privataemail Qualcuno diceva....
privataemail
25 Giugno 2017 - 22:30
 
La Rivoluzione” si fa nelle piazze con il popolo, ma il cambiamento si fa dentro la cabina elettorale con la matita in mano. Quella matita, più forte di qualsiasi arma, più pericolosa di una lupara e più affilata di un coltello. (Paolo Borsellino)

Ricordatevi i loro nomi. Ricordate i loro volti. Sono quelli che per 4 anni hanno detto che non ci sono soldi per dare un reddito di cittadinanza a chi vive sotto la soglia di povertà. Sono quelli che hanno detto che non ci sono soldi per aumentare le pensioni minime. Sono quelli che hanno detto che non ci sono soldi per abbassare le tasse alle imprese. Oggi sono quelli che trovano miliardi su miliardi (quattrini nostri) per salvare quelle banche che loro stessi hanno spolpato. Sono i servi del capitalismo finanziario, gli schiavi di quella “bancocrazia” che ha sostituito la democrazia!

Intesa San Paolo compra la parte sana ad 1 euro ed in più gli regaliamo altri 4,5 miliardi, ma non vi sentite presi per il Culto?

Pagate 2 euro alle primarie, donate il 2xmille, non pagano la tari delle loro feste dell'unità, risaniamo i debiti del loro giornale di partito con soldi pubblici,dopo aver preso contributi pubblici per stare in piedi, gli paghiamo debiti contratti con le banche e loro nascondono nelle fondazioni i loro immobili a garanzia, cambiano continuamente nome al partito per eludere ed imbrogliare tutti, e questi sono pure in rosso per 9 milioni.

Cosa deve accadere ancora per aprire gli occhi?

Ci sarebbe da raccontarne all'infinito anche per la dx e la lega.
Di che si parla in tv e giornali? della Raggi e dell' Appendino.
Ma non capite che hanno il terrore del M5S per quanto inesperti per quanto impreparati, credete veramente facciano di peggio?
Continuate a non vedere ed un giorno sarà troppo tardi
Vedi il profilo di lucrezia borgia illustre
lucrezia borgia
26 Giugno 2017 - 00:21
 
la matita è più forte di qualsiasi arma e la ciurma che sta in Parlamento lo sa, pertanto agli italiani viene impedito di votare. Teniamo a mente la brutalizzazione subita da 4 governi non eletti dal popolo, i molti suicidi, i nostri giovani migliori che devono emigrare per non essere sopraffatti da inetti raccomandati......Abbiamo esportato la ricchezza ed importato la miseria.
Ricordiamoci di chi ha nominato Monti senatore a vita, di notte, di nascosto.........e che "osa" ancora pontificare..............la Storia li giudicherà.
Vedi il profilo di Maurilio Re: purtroppo
Maurilio
26 Giugno 2017 - 01:14
 
Ciao lucrezia borgia

non si può sempre e solo cercare il "cattivo" di turno a cui dare tutte le colpe!

La verità è che i due istituti erano tecnicamente falliti da tempo, colpa di errori gestionali dei loro manager. Si potrebbe anche dire che i manager erano stati approvati dagli azionisti, direi una cosa giusta tecnicamente ma sbagliata nella realtà dei fatti, ma non è questo l'oggeto del pos e del mio commento.

Come dicevamo, la verità è che gli istituti sono falliti, cioè, tra le altre cose, non possono restituire i soldi ai correntisti,... quindi c'erano due strade:

1. lasciare che il mercato facesse il suo corso, domani (lunedì) le filiali non avrebbero aperto, migliaia di dipendenti a spasso, clienti (aziende e privati) che non avrebbero potuto svolgere le loro attività,...pensate solo nella nostra provincia cosa avrebbe voluto dire non poter accedere, anche solo per qualche giorno, ai conti correnti di Venetobanca!
2. scegliere la soluzione che si è scelta, con Intesa San Paolo che è stata l'unica a farsi concretamente avanti, salvaguardando una bella fetta del sistema economico italiano.

Chi avrebbe preferito la soluzione 1, si faccia avanti, ma valuti attentamente le conseguenze.

D'altro canto, le banche sono state cedute al valore di 1€, significa che, anche con la sola parte sana, non le si riconosce nessun valore, ne chi compra (Intesa), ne chi vende (lo stato comeintermediatore)!!!

Integrare le tre banche significherà sostenere,e lo farà Intesa, costi enormi, che si ripercuoteranno sui clienti, attraverso la chiusura di numerose filiali chiuse, probabile cambi delle condizioni (cioè aumenteranno i costi) e molto altro, perchè il vero salvataggio inizierà domani, non è quello che si èconcluso oggi!

Saluti

Maurilio

P.S. Messina è buono o cattivo, boh!? E' un manager che ha la responsabilità di una delle più grandi banche europee, qualche decisione sbagliata l'avrà sicuramente presa, qualche errore l'avrà fatto, qualche azione da "pelo sullo stomaco" pure, ma in questa storia, è quello che ha meno responsabilità di tutti!
Vedi il profilo di lucrezia borgia 1sig. Maurilio
lucrezia borgia
26 Giugno 2017 - 08:56
 
il fatto concreto è: la Banca Intesa si è fatta avanti con i soldi dello Stato (5 miliardi?) cioè nostri.
Banca Intesa non si accollerà i debiti e le sofferenze di queste Banche; ce li accolliamo noi.
La storia che, se si chiudessero gli sportelli ci sarebbe tanta gente a spasso non regge più. E' come per la Fiat. A suo tempo, minacciando di lasciare a casa le persone e di chiudere gli stabilimenti, ottennero di mettere in cassa integrazione migliaia di lavoratori (ulteriore costo a nostro carico) In parlamento sedevano Gianni e Susanna Agnelli.
Quando arrivò al Governo chi disse chiaro e tondo che per la Fiat i rubinetti si sarebbero chiusi, cominciò la rinascita. Gli Agnelli, successori dell'Avvocato, il loro entourage di incapaci, vennero allontanati, arrivò Marchionne che prese l'unica decisione da prendere. Portò la Fiat fuori dalla "matassa" Italia. Lasciò qualcosa nel nostro Paese. La Fiat cominciò a produrre veicoli solidi ed affidabili, si rilanciò sul mercato internazionale e nazionale con il risultato che i lavoratori rimasti in Italia ricevettero una gratifica.
Le Banche ed i loro "comandanti"? sono coloro che nella realtà governano, manovrando un'economia ormai irreale. In quanto a Fabrizio Viola, nominato "liquidatore", digitate questo nome su qualsiasi motore di ricerca. C'è tanto da scoprire!.
In conclusione: troppa gentaglia arraffa il malloppo. Sanno benissimo che in ogni caso resteranno impuniti e pagherà sempre Pantalone (cioè noi)
Buona giornata sig. Maurilio!
Vedi il profilo di paolino Re: Re: purtroppo
paolino
26 Giugno 2017 - 09:22
 
Ciao Maurilio

non diciamo fesserie. se la banca fallisce,i conti correnti fino a 100mila euro sono garantiti da Banca d'Italia,quindi nessuno resta a secco di soldi. con questa soluzione regaliamo a chi non ha bisogno 2 banche senza passività (che ci accolliamo noi,ovviamente) e circa 5 miliardi (sempre nostri) per il disturbo.
Vedi il profilo di Maurilio Re: Re: Re: purtroppo
Maurilio
26 Giugno 2017 - 10:38
 
Ciao paolino

sei proprio così sicuro che il fondo di garanzia sia sufficiente per coprire tutti i conti correnti?

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di Maurilio Re: sig. Maurilio
Maurilio
26 Giugno 2017 - 11:01
 
Cara lucrezia borgia

la situazione è un po' più complessa, il problema non è solo del personale.

Tu hai attaccato Messina, o Banca Intesa, che in questo caso sono i meno colpevoli di tutti, infatti non mi sembra che ci fosse la coda per rilevare a 2, 5 o 10€ le due banche!

La BCE ha revocato la licenza bancaria a BPV e VB, significa che senza questo accordo, non si sarebbe potuto toccare neanche un centesimo dai conti correnti delle due banche...hai idea di quante aziende nel VCO hanno i conti correnti in VB? Sai quante persone non avrebbero preso lo stipendio nel VCO in questi giorni?

Chiaro che non è bello che lo stato, cioè noi, paghiamo i debiti delle due banche, ma è altrettanto vero che il buco che si aprirebbe sarebbe ancora più grande se non si fosse intervenuti!

Invece di avere le reazioni isteriche che hai avuto tu, dovresti chiederti:

- perchè questa operazione è stata fatta prima? Magari anche con l'intervento di altre banche?
- perchè la giustizia è così lenta? Solo per citare il caso di truffa finanziaria più famoso, negli Stati Uniti Madoff è stato arrestato l'11/12/2008 e condannato a 150 anni di carcere il 29/06/2009!!
- chi è stato al governo negli ultimi 25 anni, e non ha cambiato il funzionamento dello giustizia e delle banche?
- dov'erano gli organi di controllo (ABI, CONSOB, BCE, GdF, Revisori, SIndaci, CdV,...) quando queste banche avviavano operazioni "rischiose", per non dire di peggio?
-...e tante altre domande...

In questa situazione, che è molto diversa da Monte dei Paschi, in molti ci hanno sguazzato, senza capire quello che stava succedendo o capendo e chiudendo gli occhi...il paragone con la FIAT c'entra molto poco, anche perchè erano altri anni, altri governi, altre situazioni! E comunque , ricordati che quegli interventi hanno permesso, di salvarsi e continuare a lavorare, non tanto a FIAT, ma a centinaia, se non migliaia, di aziende di componentistica auto e servizi che ancora oggi fanno lavorare decine di migliaia di persone!

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di Maurilio Re: Re: Re: purtroppo
Maurilio
26 Giugno 2017 - 11:08
 
Ciao paolino

proprio a supporto del fatto che io non sarei così sicuro del ondo Interbancario di Tutela dei Depositi (FIDT), ti rimando a questo articolo http://www.alessandrospedicato.it/fondo-interbancario-le-posizioni-sotto-i-100000-sono-al-sicuro/

In sintesi, ci dice che:

"questo fondo allo stato attuale non è proprio un fondo ma è un consorzio obbligatorio (tranne che per i crediti cooperativi, che hanno un Fondo di Tutela specifico)"...
..."Le banche aderenti si impegnano a versare in caso di intervento del fondo, tra lo 0,4 e lo 0,8 per cento dei fondi rimborsabili di tutti gli Istituti aderenti al consorzio.

Il punto però, è capire se tutto questo è sufficiente a farci dormire sonni tranquilli!

Per farlo vi espongo qualche numero estrapolato dalla relazione annuale del 2014 (FIDT):

215 sono le banche consorziate
508 i miliardi “protetti” dal fondo
Dato che le banche consorziate si impegnano a versare in caso di intervento tra lo 0,4 e lo 0,8 % in caso di intervento facciamo un semplice calcolo:

508 miliardi per 0,8 % (ipotizziamo che le banche si spremano per bene) = 4.064.000.000.

appena 4 miliardi di Euro.

Detto questo, chi ha depositi sotto i 100.000 Euro sapendo che i miliardi in teoria rimborsabili sono 508 (miliardi!!!) può dormire tranquillo e sereno?
Lascio a voi la risposta e comunque direi proprio di no.

Oggi il Fondo è fondamentalmente un sistema “antipanico”."

Occhio, che molto spesso, le cose non sono come sembrano!

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di privataemail Re: Re: purtroppo
privataemail
26 Giugno 2017 - 12:02
 
Ciao Maurilio

Ma come? Il libero mercato è bello e giusto, si autoregola, chi non è competitivo è giusto venga escluso, è una selezione naturale bla bla bla bla bla bla e poi quando si parla di banche e grandi gruppi di potere, paghiamo sempre noi. Se dobbiamo pagare noi tutti per errori (o truffe?) Altrui, che le banche diventino nostre. Vorrei far notare che in realtà i miliardi sono 5,5 subito ed 11,5 muliardi a disposizione per future sofferenze, quindi siamo a 17 miliardi, quelli che non si trovano mai per i più deboli, i terremotati ed i pensionati. Secondo voi quando a dicembre in 48 ore, hanno stanziato 20 miliardi per le possibili crisi bancarie, non conoscevano già la destinazione di quei soldi? Qui abbiamo a che fare con una massa di delinquenti arraffoni, scaldasedie nullafacenti, tutto ruota intorno all'inciucio, conta solo preservare la specie parassitaria. Per dare un idea di chi é contro questo sistema putrido e chi ne è parte, guardare l'immagine, si alleano estrema dx ed estrema sx con il PD e la lega, con forza Italia ed i verdi, con fratelli d'Italia e la falce e martello, meditate gente meditate
Vedi il profilo di Maurilio Re: Re: Re: purtroppo
Maurilio
26 Giugno 2017 - 12:56
 
Caro privataemail

lo sai che mi stai facendo passare tutte le simpatie per il M5S? Perchè è chiaro da che parte stai?

Parlare genericamente di "una massa di delinquenti arraffoni, scaldasedie nullafacenti" non aggiunge nulla alla discussione, anzi!

Pensa se in questi giorni, siamo a fine mese, non ti venisse pagato lo stipendio, o un tuo cliente non potesse pagarti o tu non potessi pagare un tuo fornitore perchè la banca è fallita!

Moltiplicalo per il numero di conti correnti e vedi l'effetto a catena che ha!

Ribadisco, non è bello che è successo, si sarebbe dovuto intervenire molto prima, purtroppo i veri responsabili non saranno mai veramente puniti, ma restiamo sul pezzo! Non divaghiamo! Se abbiamo qualche contributo sensato portiamolo, ma lasciamo stare le elezioni amministrative, che in questo caso non c'entrano nulla!

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di privataemail Re: Re: sig. Maurilio
privataemail
26 Giugno 2017 - 13:24
 
Ciao Maurilio

Appunto la situazione è complessa, ma questi sono solo gli effetti, e finché non si cura la malattia non ne veniamo fuori.
Dalla grande depressione americana ne sono semplicemente usciti mettendo a cuccia le iene finanziarie. Sarebbe sufficiente tornare alla separazione delle banche, una commerciale e l'altra speculativa. Nella prima si deposita il risparmio e non si specula, nella seconda che si scannino i furbi e gli avidi, se le cose vanno male che si fottano, ma non deprediamo il risparmio sano della maggior parte degli italiani. Occhio alla CDP perché li si trova l'ultimo vero risparmio privato e con il suo capitale sta garantendo troppe speculazioni
Vedi il profilo di Maurilio Re: Re: Re: sig. Maurilio
Maurilio
26 Giugno 2017 - 16:05
 
Ciao privataemail

dalla grande depressione ne siamo usciti con la seconda guerra mondiale!

saluti

Maurilio
Vedi il profilo di Giovanni% Bufala
Giovanni%
26 Giugno 2017 - 17:11
 
Privatamail cerca di controllare le notizie che peschi da internet. I quella scheda che hai pubblicato mancano sul lato sinistro i nomi di tre altri candidati sindaco che di riferivano si ver o raggruppamenti politici posti sul lato sinistro.
Vedi il profilo di lucrezia borgia 1sig. Maurilio - buonasera!
lucrezia borgia
26 Giugno 2017 - 17:56
 
- le aziende del VCO che hanno lasciato i conti correnti nelle due banche, potevano anche cambiarle..E' nota da tempo la sofferenza di questi Istituti. Se non l'hanno fatto è forse a causa dei conti in rosso? Ogni banca è felice di ricevere clienti con i conti con segno positivo.

- non è bello che lo Stato, quindi noi tutti, paghiamo i debiti delle banche ma se non lo avesse fatto si sarebbe aperto un buco maggiore. Illustre, lei pensa che si impedisca l'affondamento della nave chiudendo la grossa falla ma aprendone altre, che sommate hanno la stessa superficie della falla chiusa?
Con l'aggravante che così facendo si è attinto al patrimonio sano di quelle formichine italiane, sagge, laboriose, coraggiose per consegnarlo nelle mani di cicale scialacquatrici, pavide, omertose ed inette. Se permette, la cosa mi dà molto fastidio.

- perchè queste operazioni non si sono fatte prima? Sig. Maurilio, se lei volesse acquistare qualcosa all'asta, lo fa alla prima battuta o lascia che l'asta vada deserta in modo di acquistare lo stesso bene a minor prezzo? Questo ha fatto Intesa, ha lasciato sminuire il valore del bene sapendo o sperando che lo Stato (purtroppo noi) avrebbe foraggiato!
-
Madoff: fosse stato in Italia, circolerebbe libero ed impunito con addosso una liquidazione milionaria!

- c'è stato qualcuno che ha cercato di contrastare lo strapotere della finanza e delle banche, dirottando i danari, da loro alle tasche degli italiani. Sappiamo che fine ha fatto!

- a proposito di organi di controllo: il sig. Messina nella sua carriera è stato alla BNL, al Banco Ambrosiano Veneto, ed è membro del Comitato Esecutivo dell'ABI (come ha controllato vero?) (desunto dal sito ufficiale della Banca Intesa)

Chiudo affermando che non è stata mia intenzione attaccare Carlo Messina o Banca Intesa. Ho solo invitato gli interessati ad informarsi sul web
In quanto all'isteria..........sono certamente seconda a lei!
Vedi il profilo di privataemail Re: Bufala
privataemail
26 Giugno 2017 - 19:09
 
Ciao Giovanni%

In effetti devo chiedere scusa mi sono lasciato trasportare.
Spesso però la realtà supera la fantasia, e la fame di cadrega è un richiamo troppo forte per troppi soggetti
Vedi il profilo di privataemail Re: Re: Re: Re: sig. Maurilio
privataemail
26 Giugno 2017 - 19:40
 
Ciao Maurilio

Qualche spunto sulla grande depressione e le guerre che ne seguirono l'articolo è un pochino datato ma decisamente attuale, per chi ha pazienza merita una lettura.
Il blogger è un bancario

http://icebergfinanza.finanza.com/2009/09/16/la-grande-depressione-del-1873-tracce-sulla-spiaggia/

Qui purtroppo alcune conseguenze di questa brutta pagina finanziaria
http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/06/26/veneto-banca-ex-azionista-si-barrica-nella-sede-di-montebelluna-e-minaccia-il-suicidio-persi-2-milioni-nel-crac/3687771/
Vedi il profilo di Maurilio Re: sig. Maurilio - buonasera!
Maurilio
27 Giugno 2017 - 07:46
 
Cara Lucrezia Borgia,

io ho parlato di reazioni isteriche, non ti ho dato dell'isterica, sono due cose ben diverse!

Quando dici:"le aziende del VCO che hanno lasciato i conti correnti nelle due banche, potevano anche cambiarle.." dimostri di commentare tematiche che non conosci, per le aziende non è così facile cambiare banca, soprattutto se ha affidamenti, mutuo o leasing, la surroga mutuo prima casa riguarda i privati!

Sugli altri punti, te la suoni e te la canti, poni questioni e hai già la risposta, cosa ti devo dire, se hai tutte queste certezze, beata te!

Su Messina, non capisco dove sia il problema nel suo curriculum, a parte sicuri errori che ogni manager non può non aver fatto...la BNL è in salute, il Banco Ambrosiano Veneto è confluito in Intesa San Paolo, mi sembrano buone mosse. In quanto all'ABI, dovresti sapere che l'Associazione bancaria italiana (ABI), è un'associazione di settore, volontaria e senza finalità di lucro, è la confindustria delle banche, sicuramente farà azioni di lobby, ma sicuramente non ha nessun ruolo di vigilenza, quella spetta a Banca d'Italia, BCE e Consob, per le aziende quotate in borsa.

Se pensi che sarebbe stato meglio far fallire le due banche, chiudere i rubinetti del credito, togliere l'accesso hai propri fondi ad aziende e privati, è un'opinione legittima! Ma ti sfido a trovare qualche politico di destra, centro, sinistra e constellazioni varie, disposto ad assumersi questa responsabilità! La verità è che tutti i partiti e movimenti sono stati ben contenti di lasciare il cerino a Gentiloni!

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di Maurilio Re: Re: Re: Re: Re: sig. Maurilio
Maurilio
27 Giugno 2017 - 07:47
 
Caro privataemail.

non è che adesso dobbiamo andare avanti a rimpallarci e dimostrare all'altro chi la sa più lunga o chi ha letto più libri!

La situazione è complessa, non basta qualche slogan o qualche post per risolverla.

Fino a venerdì scorso, è stato fatto tutto male, e tutti i tuoi spunti lo dimostrano. Da venerdì, data ufficiale, probabile che nella reltà questa datalimite vada anticipata di qualche settimana, si è fatto quello che si poteva, come ho già risposto a lucrezia borgia, se pensi che sarebbe stato meglio far fallire le due banche, chiudere i rubinetti del credito, togliere l'accesso hai propri fondi ad aziende e privati, è un'opinione legittima! Ma ti sfido a trovare qualche politico di destra, centro, sinistra e constellazioni varie, disposto ad assumersi questa responsabilità!
Quello che è l'attuale limite del M5S, e i tuoi commenti lo dimostrano, è che non si pò sempre stare all'opposizione (Bertinotti docet!). Quando governi devi prendere delle decisioni, questo governo ha preso una decisione, discutibile quanto si vuole, ma direi sensata.
ome ho già scritto nella mia precedente risposta, la verità è che tutti i partiti e movimenti sono stati ben contenti di lasciare il cerino a Gentiloni! E sono convinto, che, al di là delle opinioni di facciata, tutti pensino che sia stata la mossa più ragionevole...chiunque governerà dopo Gentiloni, avrà una rogna in meno da gestire!

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di paolino come no!
paolino
27 Giugno 2017 - 08:46
 
cito l'ineffabile Maurilio,che arriva a dire in merito al vergognoso regalo a Banca Intesa, "chiunque governerà dopo Gentiloni, avrà una rogna in meno da gestire".
forse si è distratto,ma il successore si troverà a dover colmare un ulteriore buco di circa 17 miliardi (perchè 5 li abbiamo regalati adesso,ma altri 12 sono già stanziati per ripianare "eventuali",quindi certe,altre passività).
se trovarsi una voragine da 17 miliardi sia una rogna in meno da gestire lo lascio decidere a chi legge,a me sembra una fesseria.
ribadisco,Intesa ha comprato per 1 euro due banche SANE,senza passività perchè le ripianiamo noi,e il governo le ha dato 5 miliardi così,per il disturbo. è una vergogna.
Vedi il profilo di lucrezia borgia sig. Maurilio
lucrezia borgia
27 Giugno 2017 - 11:00
 
illustre, le reazioni isteriche vengono prodotte da una persona isterica. O no? Pertanto.....
Me la suono e me la canto? Commento tematiche che non conosco? Pongo questioni ed ho già la risposta?
Sig. Maurilio, chiudo qui in quanto lei sembra essere un "tuttologo" del niente ed un "nientologo" del tutto.
Non ci sarà nessuna replica da parte mia.
Vedi il profilo di Maurilio Re: come no!
Maurilio
27 Giugno 2017 - 12:00
 
Ciao paolino

se le due banche erano così sane,

perchè non c'è stata la coda per comprarle?

perchè la BCE le ha tolto la licenza bancaria?

Lo sai che senza licenza bancaria, lunedì mattina VB e BPV sarebbero state chiuse (con tutte le conseguenze del caso)?

Credo che se entrassi nel bar che frequento abitualmente, offrendo 1€ per tutta la struttura, il mio amico barista mi prende a calci in c**o, se sono fortunato!

Come ho già scritto, il vero salvataggio è iniziato ieri, lunedì, non si è chiuso domenica!

...se entriamo nel tecnico, il governo, per poco meno di 4 Mld ha comperato crediti deteriorati per circa 15 Mld, non ricordo la cifra esatta. Questo non significa che i 15 Mld non sono persi, ma che non saranno monetizzabili totalmente e in tempi brevi.
Un caso tipico anche nella nostra zona sono i fallimenti immobiliari, dove ci sono immobili a garanzia di aziende fallite. Dalle procedure fallimentari, lunghe, molto lunghe, rientreranno una parte, difficilmente tutto, di questi crediti.

Se il successore di Gentiloni saprà fare un bel lavoro, potrebbero rientrare una buona parte, se non tutta, la cifra anticipata, questa è la sfida!

Poi, certo che sarebbe stato meglio non arrivare a questa situazione, ma visto che ci siamo arrivati, se vedi altre soluzioni sei bravo, potresti candidarti alle prossime elezioni...

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di Maurilio Re: sig. Maurilio
Maurilio
27 Giugno 2017 - 12:08
 
Ciao lucrezia borgia

c.v.d. (come volevasi dimostrare), te la suoni e te la canti senza e quando ti mettono di evidenziano le inesattezze che dici, chiudi le comunicazioni...meglio così.

Io non sono un tuttologo, parlo solo di cose che conosco o su cui mi sono informato.

Sbaglio?

Possibile, ma mi metto in gioco in modo trasparente, la mia identità è chiara, mentre finora, chi ha scritto su questo post, ha usato pseudonimi; questo non è una cosa negativa se motivi e argomenti quello che dici, ma se usi slogan, dici inesattezze e non sai motivare quello che dici, fai bene a chiudere le comunicazioni!

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di lucrezia borgia la sua identità....
lucrezia borgia
27 Giugno 2017 - 16:33
 
chiara? Di chiaro vedo il bel musetto di un gatto ed il viso di un maschietto che pare "un po' stempiato".....
Vedi il profilo di privataemail Re: Re: come no!
privataemail
27 Giugno 2017 - 17:07
 
Ciao Maurilio

A pensar male.....
Qualcuno era intenzionato, ma il mercato libero vale solo quando non tocca gli interessi dei soliti noti.
http://www.venetoeconomia.it/2016/09/fondi-usa-banca-popolare-di-vicenza-veneto-banca/
Il fondo Atlante per la gran parte è aiuto di stato con i soldi dei pensionati delle poste CDP.
Se a tutti gli ultrasessantenni titolari di risparmio postale, gli si darebbero queste informazioni, si scatenerebbe una rivolta.
"Eppure le agenzie di rating assegnano alla Cassa Depositi e Prestiti lo stesso rating dell’Italia (tra BBB e BBB+) " Leggasi spazzatura.
"Ma al Governo lo sanno che nella mitologia greca Atlante non appena possibile se la diede a gambe levate rifilando il pacco a Eracle raccontando che andava a raccogliere i pomi d’oro delle Esperadi? Solo con uno stratagemma Eracle riuscì a fregare Atlante rifilando di nuovo il pacco…"
Voi sapete che il fondo Atlante è di diritto Lussemburghese, patria dell'elusione e paradiso fiscale nel cuore della severa Europa?
Ai 17 miliardi di soldi pubblici per le Banche Venete, vanno aggiunti i 3,5 miliardi versati sino al 25 aprile 2017 da Atlante nel capitale di Veneto Banca.
Quanti sanno che fondazioni religiose (si fa per dire) partecipano a queste truffe?

http://icebergfinanza.finanza.com/2017/02/08/don-bosco-il-santo-protettore-delle-banche/

E quanti sanno che fondi di previdenza azzardano in Atlante che si svaluta sempre più, bruciando le pensioni di molti professionisti ?
L’Associazione degli Enti previdenziali privati invita le casse a contribuire con 500 milioni di euro ad Atlante 2, il fondo candidato a sostenere ancora una volta il Monte dei Paschi. Il nodo rendimenti e il conflitto d’interesse dei ministeri che dovrebbero vigilare sulla gestione degli istituti pensionistici. A partire dal Tesoro che è anche socio di Mps, il primo beneficiario degli investimenti.

http://icebergfinanza.finanza.com/2016/07/27/atlante-2-mps-la-socializzazione-delle-perdite-continua/

Tutto questo ho è incompetenza o è truffa con associazione a delinquere.
Altro che rischiavamo di chiudere gli sportelli bancari.

L' Italia detiene ancora il più alto risparmio privato al mondo, sino a quando non lo avranno razziato, non se ne esce.
Vedi il profilo di paolino Re: Re: come no!
paolino
27 Giugno 2017 - 18:44
 
Ciao Maurilio

perdonami,ma capisci ciò che leggi? inizio a dubitare,seriamente.
ho scritto che le banche sono sane ADESSO,dopo che noi ci siamo accollati la voragine di passività,e Intesa si è vista regalare un bel pacco dono,due banche svuotate di tutti i debiti (per far capire a tutti) e 5 miliardi subito,più il resto a tempo debito.
o non capisci davvero (dubito),o fingi di non capire preferendo evidentemente passare per poco intelligente,non vedo alternative!
Vedi il profilo di lucrezia borgia 1privataemail delle 17.07
lucrezia borgia
27 Giugno 2017 - 18:50
 
condivido.
Purtroppo, troppi italiani "jien butunàa dadrè" (sono abbottonati dietro) e credono, bovinamente, ai proclami di tanti loschi figuri ai quali cresce il pelo anche sui denti!

Putroppo chi ci ha governato e governa, essendo assolutamente incapace di promuovere e favorire l'economia reale e creare ricchezza, pensa di farlo impossessandosi del risparmio degli italiani, mettendolo nelle mani di lestofanti che dovrebbero essere in galera, in regime di carcere duro, ed ai quali andrebbero confiscati tutti i beni sino al settimo grado di parentela.

Hanno trovato i miliardi per foraggiare Banche e manager decotti, e non li trovano per la sanità, per i trasporti, per la ricostruzione delle zone terremotate, per aiutare gli artigiani italiani, vera colonna portante del Paese.

Per non far fallire Banche che dovrebbero essere giustamente fallite da tempo, stanno facendo fallire l'Italia intera. Quando si capirà che non sono le Banche a creare ricchezza ma il lavoro reale? E c'è pure chi li approva.
Puah! Puah! e Ripuah...
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Re: Re: come no!
Hans Axel Von Fersen
27 Giugno 2017 - 23:36
 
Ciao Maurilio

Dei troppo ottimista!!! I crediti deteriorati sono i crediti difficilmente esigibili (sono I crediti dati agli amici degli amici senza alcuna garanzia (finpart insegna)). I crediti garantiti da immobili sono altra cosa. Di 15 miliardi, se ne recupereranno 0,5, salti di gioia.
Vedi il profilo di Maurilio Re: Re: Re: come no!
Maurilio
28 Giugno 2017 - 00:07
 
Ciao paolino

e tu capisci cosa scrivo!

Il risanamento inizia adesso, razionalizzazioni (organizzazione, personale, ruoli, procedure, sistemi informativi, agenzie,...), nuove condizioni operative,...

Saluti

Maurilio

P.S. Ormai non ha più senso parlare di quello che è successo prima di venerdì, spero che se occuperà la magistratura!
Vedi il profilo di privataemail Re: Re: Re: Re: come no!
privataemail
28 Giugno 2017 - 09:59
 
Ciao Maurilio

Hai ragione guardiamo avanti, ma con le diverse responsabilità qualcuno oltre a pantalone deve pagare. Su vicende bancarie finanziarie questo sito è uno dei fari, nel lontano 2008 aveva già messo in guardia dalla recessione e dalla finanza malata. Questo recente articolo merita di essere letto. http://icebergfinanza.finanza.com/2017/06/27/banche-venete-intesa-vigilanza-la-bella-addormentata/#.WVIivitfncs.twitter
Vedi il profilo di Giovanni% E non è finita qui
Giovanni%
28 Giugno 2017 - 10:16
 
Ci sono ancora tante banche italiane decotte aventi un'enorme mole debiti di difficile rientro rispetto al loro capitale.
Verrà anche il loro turno. Si spenderanno altri miliardi al prezzo dei nostri servii sanitari, pensioni ecc.?



Per commentare occorre essere un utente iscritto
Iscriviti con la tua email
Verbania
22/11/2017 - In scadenza bando lavoro sgombero neve e spargisale
22/11/2017 - M5S: Comuni parte civile processo Veneto Banca
22/11/2017 - Celebrata la Virgo Fidelis
22/11/2017 - Torna Lampi sul Loggione
21/11/2017 - Fials su esternalizzazione assistenza Muller
Verbania - Cronaca
21/11/2017 - Marchionini incontra i vertici di Banca Intesa
21/11/2017 - Offerte di lavoro del 21/11/2017
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti