Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Cronaca

Sciopero dei Vigili del Fuoco

Domani protesta dei Vigili del Fuoco, con quattro ore di sciopero nazionale, dalle 9 alle 13, in tutta Italia, che vedrà coinvolti anche il personale della provincia del V.C.O. Di seguito il comunicato di Conapo.
Verbania
Sciopero dei Vigili del Fuoco
L'iniziativa è del Conapo, il sindacato autonomo che da tempo ha sollevato il caso delle retribuzioni e delle pensioni dei Vigili del Fuoco, comparandole con gli appartenenti alle Forze di Polizia, rispetto ai quali “percepiscono 300 euro in meno ogni mese e sono penalizzati anche dal punto di vista previdenziale”.

I Vigili del Fuoco del V.C.O. , insieme ai colleghi di tutta Italia, invieranno al governo il forte segnale del loro malessere: chiedono attenzione politica immediata nella legge di bilancio in discussione in questi giorni in parlamento con stanziamenti di risorse finanziarie specificatamente dedicate ai Vigili del Fuoco per equiparare il loro trattamento retributivo e pensionistico con quello degli altri Corpi dello Stato, ma anche più attenzione al personale in divisa per quanto riguarda il contratto di lavoro e il riordino delle carriere . "Rischiamo la vita come e più degli appartenenti agli altri Corpi dello Stato  e siamo impiegati nei servizi di pronto intervento dal giorno dell' assunzione sino al giorno della pensione, un servizio operativo che non ha eguali nello Stato, eppure siamo il Corpo più bistrattato dallo Stato, nonostante mettiamo costantemente a disposizione, come e più degli altri corpi, la nostra vita per la sicurezza dei cittadini”.

Alla base della protesta anche la cronica carenza di pompieri determinata dai tagli alle assunzioni. Per il Conapo: “mancano in Italia circa 3 mila vigili del fuoco dai 32 mila previsti. Il piano di assunzioni straordinarie inserito dal governo nella legge di bilancio ne recupera 1300 nei prossimi 5 anni, è una bella inversione di tendenza rispetto ai tagli del passato, ma ha la grave criticità di rimandare il grosso delle assunzioni troppo al futuro, infatti prevede solo 50 assunzioni aggiuntive al turnover per il 2018 in tutta Italia, troppo poche per pensare di far fronte adeguatamente alle nuove emergenze dovute ai cambiamenti climatici, ai ripetuti terremoti, alle alluvioni, ma anche agli incendi, specie dopo la soppressione del Corpo Forestale dello Stato.

“I politici – aggiunge il segretario generale Conapo Antonio Brizzi - si ricordano di noi solo durante le emergenze per sfruttare la nostra popolarità ma ci dimenticano sistematicamente quando chiediamo di darci la stessa dignità retributiva e pensionistica degli altri corpi, siamo a fine legislatura, qualche piccola attenzione c’è stata, ma continuiamo ad essere trattati come un corpo di serie B e nella legge di bilancio non ci sono misure adeguate a risolvere questa situazione. Con lo sciopero nazionale i pompieri del Conapo chiamano in causa direttamente il premier Gentiloni e i ministri Padoan, Minniti e Madia, ma anche a tutti i politici di maggioranza e opposizione perché i vigili del fuoco e la sicurezza sono di tutti e necessitano di impegno bipartisan”.

A livello locale vorrei rimarcare che e’ sempre attuale la mancanza di un idoneo mezzo antincendio per il lago Maggiore e il lago D’orta anche se prendo atto che la problematica e’ seguita anche dal sig. prefetto del V.C.O.
Lo sciopero è nazionale ed interesserà tutte le sedi del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, comprese le sedi aeroportuali e coinvolgerà tutto il personale dipendente, escluse le regioni Valle d'Aosta e Trentino Alto Adige che dispongono di corpi regionali e provinciali dei Vigili del Fuoco. Per quanto riguarda la nostra provincia saranno interessate entrambe le sedi permanenti (Verbania e Domodossola ). I Vigili del Fuoco del Conapo informano che durante l'azione di sciopero, saranno comunque garantiti tutti i servizi di soccorso pubblico alla popolazione, i servizi pubblici essenziali ed i servizi di trasporto aereo, come previsto dalle norme che regolamentano gli scioperi di settore.

Con preghiera di Pubblicazione
Antoniazzi Alberto – segretario provinciale Verbano-Cusio-Ossola
CONAPO Sindacato Autonomo Vigili del Fuoco



24 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Kiryienka piromani
Kiryienka
8 Dicembre 2017 - 23:53
 
in concomitanza con lo sciopero dei Vigili del Fuoco,la FIPA....Federazione Italiana Piromani Anonimi ,ha proclamato l'astensione dal lavoro domani,dalle 9 alle 13......giusto per non entrare in ulteriore conflitto con i colleghi dell'altro fronte..............eh ehe h .Non ho resistito....grande stima per i Vigili del Fuoco ,gente che richia per il bene di tutti......AUGURIIII!!!!
Vedi il profilo di Bibi 1Pretese
Bibi
9 Dicembre 2017 - 09:07
 
Vogliono andare anche loro in pensione a 50 anni? Perché un muratore, un autista, un operaio, un camionista, un infermiere dovrebbe andare in pensione a 67 anni e una persona in divisa no?
Vedi il profilo di mirko 1Per bibi
mirko
9 Dicembre 2017 - 16:14
 
Sono un militare e non sapevo che potessi andare in pensione a 50 anni. So che potrei a 62 anni...( Più facile dopo che prima) non so se il sig Bibi è nel settore o parla perché ha voglia di farlo. Liberissimo di farlo ma una cosa è scrivere una opinione ed un'altra è scrivere castronerie. Se ci si comporta così, si alimentano facinorosi ed odio. È l'ignoranza che crea la violenza.
Saluto.
Vedi il profilo di lupusinfabula Pretese?
lupusinfabula
9 Dicembre 2017 - 16:26
 
Nessuna pretesa: se mai l'assurdo è che qualunque ( e sottolineo il "qualunque") lavoratore deve andare in pensione a 67 anni, l'età più alta di tutta l'Europa: già, ma secondo i nostri politici siamo europei solo quando fa comodo a loro.
Vedi il profilo di SINISTRO 1Re: Pretese?
SINISTRO
9 Dicembre 2017 - 17:29
 
Ciao lupusinfabula

se non erro l'età più alta d'Europa è della Danimarca, noi abbiamo il secondo posto sul podio.
Vedi il profilo di Bibi 1Re: Re: Pretese?
Bibi
10 Dicembre 2017 - 08:28
 
Ciao SINISTRO
non tutti. Io vedo persone in divisa che vanno in pensione a poco più di 50 anni. Perché questi privilegi rispetto a un muratore. Non potrebbero essere impiegati e ricollocati magari in compiti non operativi?
Vedi il profilo di Bibi 1Re: Per bibi
Bibi
10 Dicembre 2017 - 08:44
 
Ciao mirko
non C'è ignoranza e conosco la materia.Ho diversi parenti e amici in divisa e qualcuno è andato pochi mesi fa in pensione a poco più di 50 anni. Hanno le cosiddette finestre.
Se sei un militare sai che è così.
Tu che sei appartieni alle generazioni più giovani andrai in pensione per ora a 62 anni. Sei sempre un privileggiato rispetto a un muratore o operaio che farà i turni per martellare e sbullonare anche al freddo e al caldo fino a 67 anni. Gli toglieranno due o tre mesetto per i lavori usuranti e questo sarà tutto il riconoscimento per una vita di fatica.
Un muratore poi non potrà mai essere messo in un ufficio e adibito a compiti sedentari.
Chi sono i privileggiati?
Vedi il profilo di Giovanni 1Credo
Giovanni
10 Dicembre 2017 - 10:49
 
Credo che alla fine i nodi verranno al pettine, e vedo per il nostro paese un risveglio delle forze che per
anni sono rimaste dormienti, gli strati deboli della popolazione si fideranno delle nuove teste rasate,i grassi e potenti politici chiusi nelle loro stanze faranno di conto per sfruttarci sempre di più.
Io penso che il calcolo che stanno facendo sulle pensioni è di farci morire prima di prenderla semplice, pensione a 67 anni morte a 68 così secondo loro i conti saranno a posto con l'Europa.
Io penso che non avremo più una socialità nemmeno nelle famiglie i nonni non riusciranno più a curare i nipoti, le mamme le donne dovranno curare figli e genitori i padri sfruttati nel luogo di lavoro con contratti precari, ecco il futuro di noi poveri italiani. Voi pompieri mi sembrate già dei privilegiati.
Vedi il profilo di Giovanni% 1Re: Credo
Giovanni%
10 Dicembre 2017 - 13:29
 
Ciao Giovanni,
concordo completamente con le tue sagge parole. Come dici tu, il futuro sarà misero e carico di tensioni.
Concordo anche con Sinistro e Bibi.
Vedi il profilo di SINISTRO 1Re: Re: Re: Pretese?
SINISTRO
10 Dicembre 2017 - 18:58
 
Ciao Bibi

mi riferivo all'età media, poi, si sa, è un po' come il pollo di Trilussa......
Vedi il profilo di SINISTRO 1FACCIAMO UN PO' DI CHIAREZZA.
SINISTRO
10 Dicembre 2017 - 19:06
 
Dobbiamo anche vedere le mansioni che si svolgono. faccio un esempio: una persona in divisa (delle Forze dell'Ordine) che svolge servizi operativi, turni su turni, che rischia la vita per le strade tutti i giorni, che ha a che fare con delinquenti e detenuti, svolge un lavoro direi usurante rispetto a chi invece sta solo e sempre in ufficio. Stessa cosa per coloro che svolgono mansioni di pubblico soccorso nonché coloro che, appartenenti alle Forze Armate, passano la vita in missioni rischiose in zone di guerra: vi siete dimenticati quelli che si sono ammalati di patologie tumorali a contatto con l'uranio impoverito, i quali devono affidarsi ad un buon avvocato? Diverso il discorso per coloro che, avendo già una certa età, hanno un sistema contributivo misto (col retributivo) e che, quindi, possono usufruire di finestre. Diciamo che forse ci ha rovinati la cosiddetta baby-pensione, quando cioè il settore pubblico poteva andare in pensione a 19 anni, 6 mesi ed un giorno.
Vedi il profilo di Bibi 2Re: FACCIAMO UN PO' DI CHIAREZZA.
Bibi
10 Dicembre 2017 - 22:31
 
Ciao SINISTRO
no non è così. Vai sul generico e sei poco informato.
Non voglio assolutamente sminuire l'importante lavoro spesso eroico degli uomini e donne in divisa ma bisogna anche affermare che fino ad ora hanno goduto di notevoli privilegi pensionistici.
Le vergognose baby pensioni che c'erano fino a 93 nel pubblico impiego non c'entrano nulla. Le persone in divisa stanno andando ancora adesso in pensione a 52 o 53 anni. È un trattamento riservato a loro.
Ora le nuove generazioni in divisa andranno in pensione tracqualche anno all'età di 62 anni, 5 anni prima gli altri lavoratori.
Sinistro non hai letto bene il mio precedente commento. Non sto facendo il raffronto con c'ho lavora in ufficio ma con altri lavoratori con dure mansioni.
Un muratore non esegue un duro lavoro al freddo e al gelo? Un operaio in fonderia non esegue le sue dure prestazioni anche di notte?
Le "divise" poi di norma dopo i 50 anni vengono inseriti nei vari uffici con mansioni sedentarie. Un muratore non avrà mai tali miglioramenti lavorativi.
Sig. Sinistro, prima di pretendere di fare chiarezza cerca di informarti bene sulla situazione attuale e le leggi in vigore in materia pensionistica. Hai dimostrato di non conoscerla per nulla.
Vedi il profilo di lupusinfabula 3il miglior sistema
lupusinfabula
11 Dicembre 2017 - 09:26
 
Il miglior sistema pensionistico era il precedente: dovevi fare una cifra tot tra età anagrafica ed età pensionabile. Così chi aveva cominciato a lavorare prima poteva andare in pensione prima e chi invece aveva cominciato dopo ( e quindi versato meno contributi) doveva lavorare un po' di più. Alla situazione attuale, facendo un calcolo medio, una cifra giusta sarebbe 100 ( es. 60 anni di età e 40 di lavoro) Penso che quando una persona, per QUALUNQUE lavoro ha lavorato e versato contributi per 40 anni abbia dato il giusto alla società in cui è inserito.
Vedi il profilo di SINISTRO 1Re: Re: FACCIAMO UN PO' DI CHIAREZZA.
SINISTRO
11 Dicembre 2017 - 14:20
 
Ciao Bibi

Beh, allora, tanto per cominciare, cerchiamo di essere un po' più rispettosi delle opinioni altrui, e soprattutto di non fare di un'erba un fascio. I 5 anni ai quali tu ti riferisci sono i famosi "abbuoni". Purtroppo le leggi non le faccio io, quindi devi rivolgere ad altri, soprattutto a quelli che eleggi col tuo voto, che hanno tantissimi privilegi (con una sola "g") certe rimostranze, che sarebbero più legittime se tu non ti accanissi su una determinata categoria, dimostrando una faziosità a dir poco disinformativa e fuorviante, nonché capziosa. Infine, secondo te, a coloro che sono pensionati da quasi 40 anni, perché anche baby-pensionati e non solo longevi, secondo te le pensioni chi le paga, se non noi che lavoriamo coi nostri contributi?
Vedi il profilo di Bibi 2Re: Re: Re: FACCIAMO UN PO' DI CHIAREZZA.
Bibi
11 Dicembre 2017 - 16:59
 
Ciao SINISTRO
ho risposto con energia al tuo commento in quanto pretendi di fare CHIAREZZA (scritto tutto in maiuscolo) con puntualizzazione sbagliate È continui a non capire.
Non mi accanisco affatto contro le divise, che ritengo i nostri angeli custodi, ma pretendo un criterio di giustizia verso altre categorie che svolgono lavori usuranti.
Vorrei lo stesso trattamento per muratori, camionisti, operai turnisti, Carabiniri e Poliziotti.
Oggi però un lavoratore pubblico in divisa (adibito il più delle volte ai servizi sedentari a fine carriera)va in pensione a 52 o 53 anni (A breve a 62 anni) mentre un muratore o camionista oggi va a 65 o 67 anni se va bene. Non è un trattamento di favore questo?
Non so perché ora mi vuoi indicare gli "abbuoni" e forse hai fatto bene. Questi "abbuoni" sono goduti solo dal personale in divisa. Per loro sono anni di anticipo pensionistico mentre per un privato con lavoro usuranti può solo pretendere qualche mesetto in meno.
Mi sembra palese che non sei tu che fai le leggi ma certe discriminazioni vanno gridate ed evidenziate.
Mi sembra tutto così chiaro.
Vedi il profilo di SINISTRO 1Re: Re: FACCIAMO UN PO' DI CHIAREZZA.
SINISTRO
11 Dicembre 2017 - 17:31
 
Ciao Bibi

per essere più precisi: gli anni di abbuono scattano 1 ogni 5 effettivamente prestati, rispettivamente fino ad un massimo di 5 dopo 25; dopo i 50 anni si può chiedere d'andare in ufficio, ma molti non lo fanno altrimenti ci perderebbero parecchio sullo stipendio, tra indennità di presenza e straordinari, e perché ci sono limiti, di solito il 3%, dove è impiegato anche personale civile, altrimenti si correrebbe il rischio di non garantire i servizi principali a turno, soprattutto in seguito alle sempre minori assunzioni degli ultimi decenni. Probabilmente non sarò così ferrato come te in materia pensionistica, ma sicuramente conosco, molto meglio di te e non per sentito dire, la tipologia di lavoro delle Forze dell'Ordine ed Armate, nonché di Pubblico Soccorso, anche per ragioni lavorativei. Non preoccuparti, non indosso la divisa, anzi, spesso, per il lavoro che svolgo, macino parecchi chilometri in auto, non proprio una passeggiata. Piuttosto, visto che guardi solo ai benefici, e non anche ai sacrifici, potevi arruolarti anche tu a 18 anni, e partecipare ad un pubblico concorso! Ha ragione Mirko: l'ignoranza genera mostri....
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen 1Re: il miglior sistema
Hans Axel Von Fersen
11 Dicembre 2017 - 18:19
 
Ciao lupusinfabula,
i conti non tornano... Inizi a lavorare a 20, paghi contributi per 40, vai in pensione a 60, ipotizzando una prospettiva di vita media di 80 l’inps paga pensione per 20 anni. In pratica ogni 2 anni di contributi, l’inps paga 1 anno di pensione.
Inizi a lavorare a 30, paghi contributi per 37, vai in pensione diciamo a 67 anni, l’inps ti paga pensione per 13 anni. Qui abbiamo che ogni 3 anni di contributi ottieni 1 anno di pensione.
Qualcosa non torna...
Io propongo di andare in pensione tutti alla stessa età. I lavoratori usuranti (sicuramente non i vigili del fuoco) verranno indennizzati con una paga maggiore che gli permetterà di smettere prima e pagarsi autonomamente i contributi mancanti.
Chi più ha pagato, più prende di pensione
Vedi il profilo di Giovanni% 1Re: il miglior sistema
Giovanni%
11 Dicembre 2017 - 18:28
 
Ciao lupusinfabula
hai perfettamente ragione.
Mi fa poi irritare la solita raccomandazione di politici ed esperti per sottoscrivere una polizza pensionistica integrativa. Raccomandazione piuttosto interessata e fatta per togliere il pane di bocca ai lavoratori.
Vedi il profilo di Giovanni% 1Re: Re: FACCIAMO UN PO' DI CHIAREZZA.
Giovanni%
11 Dicembre 2017 - 18:31
 
Ciao Bibi
verissimo.
Ci sono una serie di situazioni con enormi disparità di trattamento.
Vedi il profilo di Bibi 2Re: Re: Re: FACCIAMO UN PO' DI CHIAREZZA.
Bibi
11 Dicembre 2017 - 19:11
 
Ciao SINISTRO,
non fai altro che confermare la mia tesi. Altre categorie che lavorano sodo non hanno questi "abbuoni" e ora non possono andare in pensione a 53 anni.
Ti assicuro che il personale adibito a servizi sedentari, di cui non nego l'importanzave l'impegno è parecchio, ben superiore alla percentuale da te scritta e poi il personale civile non è inserito in tutti i corpi.
Non nego il sacrificio del personale in divisa ma altri lavoratori subiscono altrettanto logoramento. Un muratore e un operaio turnista di fonderia ora non può andare il pensione a 53 anni.
Vedi il profilo di SINISTRO 1Re: Re: Re: Re: FACCIAMO UN PO' DI CHIAREZZA.
SINISTRO
11 Dicembre 2017 - 22:56
 
Ciao Bibi

purtroppo la colpa è di chi fa le leggi, non di chi le subisce.
Vedi il profilo di Giovanni% 1Re: Re: Re: Re: Re: FACCIAMO UN PO' DI CHIAREZZA.
Giovanni%
12 Dicembre 2017 - 10:14
 
Ciao SINISTRO
ed è compito di un cittadino responsabile denunciarne le ingiustizie.
Vedi il profilo di SINISTRO 1Re: Re: Re: Re: Re: Re: FACCIAMO UN PO' DI CHIAREZ
SINISTRO
12 Dicembre 2017 - 21:59
 
Ciao Giovanni%

ammesso che qualcuno ti ascolti.... Altrimenti fai la fine di Don Chisciotte contro i mulini a vento!
Vedi il profilo di SINISTRO 1Re: Re: Re: Re: Re: Re: FACCIAMO UN PO' DI CHIAREZ
SINISTRO
13 Dicembre 2017 - 10:47
 
Ciao Giovanni%

sempre che le Istituzioni preposte si degnino di ascoltare e intervenire, altrimenti è come combattere contro i mulini a vento....



Per commentare occorre essere un utente iscritto
Iscriviti con la tua email
Verbania
18/01/2018 - Presentazione candidature cda fondazione iI Maggiore
18/01/2018 - Mostra fotografica Aiazzi-Majno prolungata
18/01/2018 - C.A.I. programma di gennaio 2018
18/01/2018 - Simone Cristicchi a Lampi sul loggione
18/01/2018 - Convegno Polo del Riuso
Verbania - Cronaca
17/01/2018 - Un anno di Museo del Paesaggio
17/01/2018 - Calendario distribuzione sacchi bianchi 2018
17/01/2018 - Il Maggiore: 50mila€ per l'iiluminazione esterna
17/01/2018 - Presentazione candidature Canottieri Intra
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti