Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Cronaca

Veneto Banca dichiara 246 esuberi

L'azienda di Montebelluna (Treviso) ha dichiarato di voler procedere a una razionalizzazione dei costi per recuperare la redditività. Preoccupazione anche tra i dipendenti dell'ex Banca d'Intra.
Verbania
Veneto Banca dichiara 246 esuberi
Un progetto che, secondo l'azienda, è dovuto sia all'aumento delle sofferenze che al peggioramento della redditività. Problemi che però stridono con i dati della semestrale 2012, che si chiude con un utile netto ha toccato quota 140 milioni, in linea con i budget.

Il risultato sono 246 eccedenze di personale, distribuite nelle tre Direzioni Centrali delle tre banche rete, nelle 3 Direzioni Territoriali di Veneto Banca e anche nella rete commerciale, soprattutto nelle filiali non performing, il cui risultato cioè è inferiore alle previsioni, con la possibile chiusura di alcune di esse.

L'ultimo piano industriale per il biennio 2010-13 era di tono completamente diverso dalle ultime richieste aziendali. Il progetto prevedeva l'apertura di 118 nuovi sportelli e circa 300 nuove assunzioni, che sinora sono state effettuate solo in minima parte. Proprio sulla base di queste indicazioni il 17 novembre 2010, la Fabi e gli altri sindacati del gruppo. avevano firmato un piano straordinario per lo sviluppo e per l'occupazione.

La Fabi, primo sindacato nazionale del settore del credito, ha già manifestato chiaramente la propria perplessità sul progetto:

«Il numero di esuberi dichiarato dall'azienda non trova alcuna giustificazione logico-organizzativa», sostiene Giuseppe Algeri, coordinatore Fabi in Veneto Banca, «gli organici della rete sono infatti sotto-dimensionati e i lavoratori si trovano quotidianamente a dover lavorare in condizioni difficilmente sostenibili. Al tavolo delle trattative, oltre a chiedere una verifica del numero di eccedenze di personale dichiarato, a nostro avviso spropositato, ci batteremo affinché le uscite concordate avvengano soltanto su base volontaria e incentivata in cambio di nuove assunzioni, sfruttando le previsioni del nuovo contratto nazionale, che con il fondo per la nuova occupazione, consente alle banche di assumere giovani a condizioni economiche agevolate.

Per questo invitiamo fin d'ora il top management della banca a versare, come da accordi, il 4% del proprio stipendio per finanziare il Fondo di solidarietà di settore e la nuova occupazione, elemento che potrà rappresentare sicura garanzia di rilancio per Veneto Banca», conclude Algeri.
 Fonte di questo post



0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
25/03/2017 - Carabinieri: controlli, viabilità e stupefacenti
25/03/2017 - Ferrari aderisce ad Articolo 1
25/03/2017 - Entra nel vivo il calcio CSI
25/03/2017 - BellaZia: Il Risotto Ricotta e Basilico
24/03/2017 - Camelie nel Piatto e in Musica
Verbania - Cronaca
23/03/2017 - Evento BNI al Teatro Maggiore
23/03/2017 - Veneto Banca: prorogata adesione Offerta di Transazione
22/03/2017 - Utenti strada statale 34 del lago Maggiore: "Non accetteremo soluzioni provvisorie"
21/03/2017 - Fondazione Tonolli borse di studio per medicina
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti