Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : FiscoNews

Fisconews: dal 3 novembre obbligatorio il nominativo dell’utilizzatore nella carta di circolazione

Dal prossimo 3 novembre 2014 le mancate annotazioni di determinate informazioni sulla carta di circolazione verranno pesantemente sanzionate. Stiamo parlando, infatti, di sanzioni nell’ordine di 705 euro alle quali aggiungere la ben più pesante conseguenza del ritiro della carta di circolazione.
Verbania
Fisconews: dal 3 novembre obbligatorio il nominativo dell’utilizzatore nella carta di circolazione
Dal prossimo 3 novembre 2014 le mancate annotazioni di determinate informazioni sulla carta di circolazione verranno pesantemente sanzionate. Stiamo parlando, infatti, di sanzioni nell’ordine di 705 euro alle quali aggiungere la ben più pesante conseguenza del ritiro della carta di circolazione.

È questo il risultato delle modifiche apportate al nuovo codice della strada (in particolare all’articolo 94 comma 4-bis) dalla legge n.120/2010 e regolate dal decreto ministeriale entrato in vigore il 7 dicembre 2012, ma che diventeranno appunto operative solo dal prossimo 3 novembre in occasione della definizione delle relative procedure informatiche.

L’unica (magra) consolazione è che, almeno, le nuove disposizioni non avranno effetto retroattivo nel senso che, come precisato dalla circolare del Ministero delle Infrastrutture dei Trasporti. n.15513 del 10 luglio 2014, emanata a quasi due anni di distanza dalle modifiche sopra richiamate, dovranno annotarsi solamente gli utilizzi di veicoli disposti a decorrere dal 3 novembre 2014 e non anche quelli pregressi pur in corso alla predetta data.

Ma vediamo bene di cosa si tratta.
Il richiamato co.4-bis art.94 del codice della strada dispone l’obbligo di annotazione sulle carte di circolazione dei mezzi di trasporto che sono nella disponibilità di un soggetto diverso dall’intestatario per periodi superiori a 30 giorni, del nominativo dell’utilizzatore del veicolo e della scadenza temporale dell’utilizzo stesso. E per chi è intestatario, l’obbligo di registrazione e annotazione delle variazioni intervenute nella denominazione o, se persona fisica nelle sue “generalità” (prevalentemente il cambio del luogo di residenza).

Con la richiamata circolare n.15513 sono stati quindi chiariti molti dubbi in merito alle fattispecie sopra indicate, anche in considerazione del fatto che dal prossimo 3 novembre, in coincidenza con il completamento delle procedure informatiche, scatteranno le sanzioni per la mancata osservanza dei predetti obblighi.

Una prima importante e preliminare precisazione fornita dalla circolare è che l’obbligo di annotare i dati sulla carta di circolazione e nell’Archivio Nazionale dei Veicoli riguarda gli atti posti in essere a decorrere dal 3 novembre 2014.
Per gli atti insorti tra il 7 dicembre 2012 e il 2 novembre 2014, quindi, si ha comunque la facoltà di provvedere all’aggiornamento dei dati ma l’eventuale omissione di tali annotazioni non darà luogo all’applicazione di sanzioni.

Tralasciando la parte del nuovo obbligo riferita alle variazioni anagrafiche, soffermiamoci invece sull’obbligo di annotazione nella carta di circolazione quando un soggetto abbia la temporanea disponibilità di un veicolo intestato a un terzo, per un periodo superiore a 30 giorni.

La circolare in particolare affronta diversi casi di intestazione temporanea di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi, in particolare:

a titolo di comodato
in forza di provvedimento di custodia giudiziale
nei casi di locazione senza conducente
nei casi di locazione senza conducente di veicoli da destinare ai Corpi di Polizia Locale
nei casi di intestazione di veicoli di proprietà di soggetti incapaci di agire
nei casi di utilizzo di veicoli intestati al de cuius
nei casi di utilizzo di veicoli con contatto “Rent to buy”
nel caso di veicoli facenti parte del patrimonio di un Trust

Tra tutte le situazioni sopra evidenziate certamente una merita di essere evidenziata in considerazione della sua larga diffusione nel contesto della normale gestione delle imprese: ci riferiamo al comodato di veicoli aziendali in relazione ai quali la richiamata circolare n.15513 dedica un paragrafo specifico.

L’utilizzo di veicoli aziendali da parte dei dipendenti della stessa impresa è fenomeno certamente frequente. Rientrano peraltro nella disposizione normativa in commento tutti quei veicoli ricompresi nella disponibilità delle aziende in quanto acquisiti a titolo di proprietà ma anche nei casi di acquisto con patto di riservato dominio, con diritto di usufrutto, in forza di contratto di locazione finanziaria oppure di semplice locazione senza conducente.

Affinché trovino applicazione i citati obblighi di comunicazione occorre, tuttavia, che i veicoli vengano concessi dall’impresa ai propri dipendenti per un “periodo superiore a 30 giorni”. Ed è proprio la verifica di tale ultima condizione che richiede qualche ulteriore considerazione: la norma non precisa se i 30 giorni debbono essere consecutivi oppure anche non continuativi.

L’utilizzo del termine “periodo”, peraltro, legittimerebbe l’interpretazione dell’utilizzo continuativo in quanto l’utilizzo sporadico del veicolo non determinerebbe l’esistenza di un “periodo”. Ma se così fosse, in quali termini e con quali modalità è verificabile questo utilizzo continuativo?

Anche a fronte di una verifica sarebbe sufficiente affermare che non vi è un utilizzo continuativo e quindi uno stesso soggetto in relazione ad uno stesso veicolo dovrebbe essere sottoposto a verifiche multiple in tempi brevi al fine di poter contestare la violazione della mancata comunicazione.

Laddove invece si ammettesse anche l’utilizzo non continuativo ai fini dell’obbligo di comunicazione si arriverebbe ad una situazione poco gestibile sotto il profilo dell’esecuzione degli adempimenti, oltre che risultare presso che impossibile da verificare.

E’ peraltro vero che vi sono situazioni nelle quali risulta estremamente difficile dimostrare l’uso non continuativo. Si pensi alle imprese che offrono servizi presso le sedi dei propri clienti e che sottoscrivono contratti di noleggio full service o di leasing al fine di acquisire la disponibilità dei veicoli da assegnare ai propri dipendenti al fine di consentire loro di recarsi presso i clienti medesimi.

In presenza di un numero di dipendenti “proporzionato” al numero di veicoli sarà ben difficile dimostrare che nell’arco di un anno non vi sia stato un utilizzo del veicolo per un periodo superiore a 30 giorni. È altrettanto vero, però, che se i dipendenti utilizzano i veicoli aziendali “a rotazione” sarà ben difficile che si verifichi un utilizzo continuativo del veicolo in capo al medesimo soggetto per più di 30 giorni.

Le situazione che invece certamente ricadono nell’obbligo di comunicazione sono quelle dove il veicolo viene assegnato al dipendente in forza di specifico contratto o accordo che prevede in molti casi anche l’utilizzo del veicolo stesso ai fini personali. In questo caso come si dice “carta canta” e quindi è certo che l’impresa dovrà attivarsi per comunicare il nominativo del dipendente al fine della sua annotazione sulla carta di circolazione.

In questo caso il comodante (legale rappresentante dell’impresa), su delega del comodatario (dipendente), dovrà presentare specifica istanza (sulla modulistica riportata nella circolare sopra citata) volta all’annotazione nell’Archivio Nazionale dei Veicoli e sulla carta di circolazione. A fronte di tale istanza viene rilasciata una attestazione di avvenuta annotazione nel citato Archivio Nazionale delle informazioni contenute nella dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà (che, precisa la circolare, non dovrà essere conservata sul veicolo).

Sul tema la Circolare n.15513 precisa che:

nel caso di concessione in comodato di una pluralità di veicoli aziendali (ad esempio, nei casi delle cosiddette “flotte aziendali") è possibile presentare un’unica istanza cumulativa
nel caso in cui i veicoli aziendali siano nella disponibilità del comodante a titolo di leasing o di acquisto con patto di riservato dominio non occorre, per l’annotazione, il preventivo assenso del locatore o del venditore;
nel caso in cui i veicoli aziendali siano nella disponibilità del comodante ma a titolo di locazione senza conducente (ad esempio, i cosiddetti “noleggi full rent”) ricorre la necessità del preventivo assenso scritto del locatore.

Tale procedura va applicata anche in caso di variazione delle annotazioni relative al medesimo comodatario, ivi compresa l’ipotesi di proroga del comodato, e nel caso in cui il veicolo torni nella piena disponibilità del comodante prima della scadenza del comodato.

Studio Tarabella Luca
Dottore Commercialista e Revisore dei Conti

(fonte: http://www.ecnews.it)



10 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di gennaro scognamiglio eennesimo salasso
gennaro scognamiglio
23 Ottobre 2014 - 09:38
 
Sarà un ennesimo salasso. .....il governo sinistrato governa solo aumentando tasse e adempimenti. ....
Vedi il profilo di Giuseppe Vernaccia auto di famiglia
Giuseppe Vernaccia
24 Ottobre 2014 - 09:26
 
Non ci sono menzioni sulle auto di famiglia, ovvero l'automobile che è indistintamente usata da tutti i componenti di una famiglia, nonni compresi. Come bisogna comportarsi? Creare un registro d'uso annotando ora e giorno come una azienda? Alla faccia delle tanto decantate semplificazioni; la nostra classe politica si distingue sempre per inciampare ciò che era semplice per un solo fine: estorcere altro denaro...
Vedi il profilo di rl ?
rl
24 Ottobre 2014 - 09:36
 
legge n.120/2010 ki c'era nel 2010 al Governo
Vedi il profilo di gennaro scognamiglio ms
gennaro scognamiglio
24 Ottobre 2014 - 10:34
 
Ma chi è che la messa in atto? Il sinistrato non eletto....
Vedi il profilo di MM ?
MM
25 Ottobre 2014 - 14:06
 
Evitando di politicizzare la cosa, pensate solo che le legge è stata fatta nel 2010 ed è diventata applicabile ora.. legge n.120/2010
Vedi il profilo di Natalino Legge 120/2010
Natalino
25 Ottobre 2014 - 17:36
 
Se lo spirito della norma voleva essere di individuare una persona fisica alla quale poter applicare le sanzioni, perchè estendere tale provvedimento anche alle famiglie?
Vedi il profilo di lupusinfabula per G. Vernaccia
lupusinfabula
25 Ottobre 2014 - 18:31
 
Io credo che se nella norma nulla si dice circa le auto di famiglia, il provvedimento non riguarda tali auto: non si può far dire ad una legge ciò che espressamente non dice.
Vedi il profilo di Sergio Carta di Circolazione
Sergio
26 Ottobre 2014 - 10:45
 
La notizia riguardante la Carta di Circolazione è apparsa diversi giorni fa con due o tre righe che hanno messo in apprensione diverse persone. Successivamente,alcuni giorni dopo, la notizia è apparsa in modo chiaro e completo.La sostanza è che l'informazione è bene darla quando è certificata.

Vedi il profilo di william carta circolazione
william
26 Ottobre 2014 - 12:00
 
Non ho capito una cosa: ma questa norma si applica a quali veicoli? Quelli immatricolati dopo il 3 novembre o tutti? Cioè il limite del 3 novembre è sulla registrazione del veicolo o sull'uso?
Ho in disponibitá l'auto di mio zio che ha acquistato nel 2012 di cui ho l'assicurazione intestata per non perdere la classe di merito. Devo aggiungere i miei dati sulla cdc?
E due ulteriori domande..
1 Se uso l'auto 1 giorno poi non la uso per due mesi e poi la riuso che conteggio si fa?
2 perché fare questa norma?
Vedi il profilo di Dott. Tarabella Luca Precisazioni
Dott. Tarabella Luca
28 Ottobre 2014 - 15:50
 
Visti i numerosi interventi e le molteplici domande ecco alcune doverose precisazioni anche a seguito della circolare della Motorizzazione del 27/10/2014:
1. La norma, come già scritto anche nell'articolo, non è retroattiva.
2. Sono esentati da tale obbligo i familiari conviventi, ma gli stessi possono (se lo ritengono opportuno) comunque richiedere l’aggiornamento della carta di circolazione
3. Sono obbligati gli eredi di chi è defunto da poco, senza che ciò implichi accettazione dell'eredità.
4. Nell'ambito aziendale, che è quello particolarmente interessato, non è necessaria annotazione se l'auto è attrivutia al dipendente come fringe benefit o come mezzo anche solo parzilamente di servizio.
Sperando di aver chiarito alcuni dubbi porgo Distinti Saluti



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
26/05/2017 - Un drone per il Soccorso
26/05/2017 - Giochi antichi e musica a Suna
26/05/2017 - Torna il Sentiero Chiovini
26/05/2017 - "Gimkana in bici" alla Ludoteca
25/05/2017 - Incontri Eco-Logici: Epigenetica e Cancro
Verbania - FiscoNews
15/09/2015 - Fisconews: Credito di imposta per investimenti in ricerca e sviluppo
08/09/2015 - Fisconews: addio alla protezione del fondo patrimoniale?
01/09/2015 - Fisconews: Nuovo APE da ottobre 2015.
28/08/2015 - Fisconews: la Voluntary Disclosure ultima opportunità per rientro capitali dalla Svizzera
06/05/2015 - Fisconews: la e-fattura dal 01 gennaio 2017
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti