Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Politica

Diego Brignoli: ripensare la TARES

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato del candidato alle primarie del centro sinistra di Verbania, Diego Brignoli, sul tema della Tares. Lunedì 16 dicembre presso l'Auditorium di S.Anna Pallanza, Brignoli presenta le sue proposte per la città
Verbania
Diego Brignoli: ripensare la TARES
In tempo di campagna elettorale è doveroso impegnarsi in progetti e proposte, anche se  talvolta viene più  facile lasciarsi andare a sogni e speranze, ma è la quotidiana realtà a riportarci con i piedi per terra.

È il caso della TARES, il nuovo tributo sui rifiuti che stiamo ricevendo in questi giorni. Un tributo giudicato da più parti iniquo e oltremodo penalizzante, addirittura devastante per alcune attività.

Si tratta  certo di una legge dello Stato contro la quale poche sono le armi in dotazione alle amministrazioni locali. Una norma che prevede l’integrale copertura degli interventi relativi al servizio di gestione dei rifiuti urbani e assimilabili, quindi raccolta, smaltimento, spazzamento strade. Una norma che prevede inoltre un simpatico balzello di 0,30 € per ogni metro quadrato di superficie soggetta al tributo; soldi che vanno direttamente allo Stato con il Comune nella veste di esattore.

Come se ciò non bastasse sono stati previsti parametri e coefficienti standard  che hanno reso ancor più rigida l’applicazione.
Detto questo viene da domandarsi se tutto sia stato fatto per limitare i danni. Certo in una città commissariata, dove le decisioni vengono assunte dal solo Commissario, non sono possibili trattative e discussioni e le tariffe sono state determinate non, come avvenuto in altre città, da discussioni che hanno  impegnato per giorni i Consigli Comunali, ma con una Deliberazione  del Commissario Straordinario, la n° 9  del 17 ottobre 2013.

Il costo complessivo di 6.066.923,30 Euro è stato ripartito in un sostanziale 50% tra utenze domestiche e utenze non domestiche, per ogni categoria sono state indistintamente applicati i coefficienti più bassi previsti dalla Legge. Scelte dunque ineccepibili dal punto di vista formale ma che  hanno provocato non pochi danni.

A soffrire maggiormente, con effetti devastanti,  alcune attività importanti e tipiche della nostra città, legata al turismo. Campeggi, alberghi, bar, ristoranti, pizzerie, birrerie, ma anche altre attività si trovano a dover corrispondere nel giro di pochi giorni cifre impressionanti, assolutamente fuori da ogni realtà. Il timore che molti di questi operatori già oppressi da una crisi drammatica non siano nelle condizioni di pagarle è quanto mai realistico.

Uscire dalla crisi che ci attanaglia presuppone se non un aiuto quantomeno la comprensione e una vicinanza tra le Amministrazioni e i cittadini e le imprese, quello che dovrebbe essere un “amico”, il primo contatto per il cittadino, diventa invece il primo forte ostacolo, un nemico che opprime.

Scarsa informazione, tempismo inadeguato (è a novembre che si concentra una grossa fetta di imposte), non considerazione di  una evidente realtà, rappresentano un forte pericolo per la tenuta di un’economia già in precarie condizioni.  Chi pensiamo possa investire e creare lavoro in una situazione simile?
Occorrono interventi che mitighino tali devastanti effetti e, in prospettiva futura, domandarsi cosa fare per correggere storture quanto mai evidenti  e ridurre i costi.

Diego Brignoli candidato alle primarie PD per il Comune di Verbania



3 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di lupusinfabula poche le armi?
lupusinfabula
11 Dicembre 2013 - 14:00
 
Poche le armi in dotazione alle amministrazioni locali? basta disubbidire, basta dire dei no, basta rivendicare la propria autonomia amministativa ed impositiva locale: certo non un solo e piccolo comunello, ma una rivolta totale di tutti comuni costringerebbe l'amministrazione centrale a più miti consigli: forza signori, fateci vedere che avete la schiena dritta e non vi mettete a 90 gradi di fronte al potere centrale!
Vedi il profilo di stefano campagna elettorale
stefano
11 Dicembre 2013 - 16:17
 
Dai dai.. Non si cambia i vecchi modi di far politica con le stesse facce... Questa è solo e unicamente campagna elettorale... Fuori i nomi di chi si prenderà in carico la gestione di questa tassa.. Si sa che il sindaco non può far tutto ma delega ai soliti nomi che non fanno niente di buono
Vedi il profilo di Rizzo Benito E quindi ???
Rizzo Benito
12 Dicembre 2013 - 09:33
 
Brignoli e quindi???? Concluda ........



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
21/01/2017 - Con Silvia per Verbania su Beata Giovannina e dintorni
21/01/2017 - Nikolajewka e Dobrej 2017: per non dimenticare
20/01/2017 - Minivolley Cup 2017 torna a Verbania
20/01/2017 - Verbania sostiene il portale europeo casarinnovabile.it
20/01/2017 - Eletto nuovo CdA del CSSV
Verbania - Politica
18/01/2017 - Costa su revoca finanziamenti Fondazione Cariplo
18/01/2017 - "Cittadini con Voi" e "Sinistra & Ambiente" fanno il punto
17/01/2017 - Nessuna vessazione per lo sfratto dalle case popolari
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti