Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Crodo : Eventi

Fior d'acqua: percorso nelle Alpi tra antichi lavatoi fioriti

Nella “valle delle acque” antichi lavatoi e fontane si trasformano grazie ad allestimenti di fiori, colori e profumi. A Crodo e nelle sue frazioni di montagna, in Valle Antigorio, per tutta l'estate 20 lavatoi e fontane in pietra diventano cornici d'acqua.
Crodo
Fior d'acqua: percorso nelle Alpi tra antichi lavatoi fioriti
Dopo il successo di Presepi sull'acqua, ecco una nuova iniziativa davvero unica. Siamo in una valle incastonata tra montagne immacolate, legno, pietra e acqua, che si uniscono ad una natura rigogliosa e profumata: l’Alta Ossola ospita da secoli piccoli villaggi dall'architettura tipicamente alpina, una rete escursionistica adatta a tutti, eccellenze gastronomiche da gustare ad ogni quota, un parco naturale meraviglioso, il Veglia-Devero, e la Cascata del Toce, la più imponente e la più alta delle Alpi. Una cornice che racchiude uno spettacolare paesaggio di montagna ancora poco conosciuto dal turismo di massa.

Sono dunque tutti naturali gli ingredienti di Fior d'acqua, un'iniziativa inedita a livello nazionale, che permette ai visitatori di scoprire Crodo e le sue frazioni di montagna, ma soprattutto gli angoli nascosti, quelli lontani dai classici circuiti di visita. Gli antichi lavatoi in pietra raccontano storie di donne che qui si recavano per lavare i panni di casa, con i ritmi lenti e con i prodotti che la natura di queste zone di montagna metteva a disposizione: acqua e cenere di legna. Fontane, abbeveratoi e lavatoi, luoghi di incontro, oltre che di utilità per le genti di un passato non troppo lontano, che diventano oggi anche meta turistica e luogo per esprimere la propria creatività. Proprio così, perché sono le donne e gli uomini che dimorano in questa valle piemontese a decorare con il proprio estro e la propria fantasia questi suggestivi scorci di paesi, frazioni e borghi, che diventano così vere e proprie esplosioni di colore.

Una manifestazione profondamente legata al territorio, Fior d'acqua, e di lunga durata, perché ogni fontana e lavatoio rimarrà vestito a festa per tutta l'estate, lungo un percorso a tappe, dai 500 ai 1.200 metri di altitudine, che è possibile effettuare sia a piedi, sia in auto, su strade asfaltate o su antiche mulattiere che collegano tutti i borghi: Molinetto e Vegno, poi in quota a Smeglio e Mozzio; e Viceno, Rovallo, Foppiano; e poi ancora giù verso Campieno, Cravegna e Fariolo e ancora su fino a Maglioggio. Frazioni e borghi che, insieme a Crodo, costituiscono il percorso di visita.

In realtà le fonti rappresentano solo una scusa per ammirare gli angoli di questi luoghi, vere e proprie esplosioni di sfumature profumate, grazie a giardini ed orti incredibilmente rigogliosi. Petunie, gerani, lobelie, stelle alpine, begonie, mesebriantenum, clematidi montane, tageti, gigli, rose, lavande e decine di altri fiori ed essenze, tutti accomunati da un unico rumore di sottofondo che diventa anche un indizio per non perdere nemmeno una postazione. Già, perché sarà proprio il rumore dell'acqua, che scorre sulla pietra di antiche fontane del 1800 o all'interno di lavatoi del 1500, a guidare i visitatori, che, nel silenzio di una natura ancora intatta, dovranno ascoltare le loro “voci” per ammirarne lo spettacolo.

Gli organizzatori sono gli abitanti di questi luoghi, con il coordinamento del Comune di Crodo, che tra erbe aromatiche, fiori di montagna e veri e propri allestimenti tematici, accompagnano i visitatori per mano all’interno di questi borghi tutti da (ri)scoprire. Proprio la (ri)scoperta del territorio è uno degli scopi principali di Fior d'acqua e della sua “sorella maggiore” Presepi sull'acqua, manifestazione dal sempre più consolidato successo e da cui nasce l'idea dell'evento estivo. La “versione natalizia” arriverà quest'anno alla terza edizione e, all'interno di circa 50 lavatoi e rii, vedrà accendersi la magia del Natale con le tradizionali installazioni dedicate alla nascita di Gesù.

Non solo scopi turistici, per questo tipo di eventi: si aziona infatti un importante meccanismo di coesione sociale e si accentua nei cittadini un senso di appartenenza al proprio territorio. Come un giardino avido di cure costanti, ogni allestimento verrà infatti “mantenuto” in vita dai rispettivi curatori, che dovranno provvedere alle cure rituali e quotidiane per il verde e per i fiori.

La collocazione degli allestimenti insiste anche sull’elemento che dà forma all'acqua, ovvero la pietra. La prima, sorgente di vita ma anche elemento da sempre indissolubilmente legato al destino di Crodo (paese che deve molto alle sue acque, da cui trae origine anche l'analcolico biondo “dolce e amaro” celebre in tutto il mondo); la seconda, regina assoluta dell’intera valle, elemento imprescindibile per la formazione delle strutture architettoniche alpine di questo spicchio di Piemonte.

L’evento permette ai visitatori di ammirare una vera e propria mostra a cielo aperto, visitabile per tutta l'estate, mutevole nella sua fruizione a seconda del periodo di visita, con cambi di colori, sfumature e profumi.

Per maggiori informazioni è possibile seguire la pagina ufficiale di Facebook delle due manifestazioni:
https://www.facebook.com/presepiacqua
Presto online anche il sito ufficiale degli eventi di Crodo all'indirizzo www.crodoeventi.it

Immagine 1



0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Crodo
06/11/2016 - "Uomini, macchine e dighe" 100 scatti d'epoca
17/10/2016 - Marchiatura del Bettelmatt
13/10/2016 - Crodo d'Autunno 2016
23/09/2016 - Torna “sportiSSimamente Crodo”
23/07/2016 - Musica in quota fa tappa all'Alpe Voma
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti