Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

cerca

Inserisci quello che vuoi cercare
cerca - nei post
La Cura è di Casa cerca volontari - 26 Febbraio 2017 - 13:01
il progetto La Cura è di Casa intende rinforzare la rete dei volontari e organizza lunedì 27 febbraio dalle 14.30 alle 18.00 presso Casa Immacolata di Verbania un incontro dedicato a sostenere e diffondere una cultura che valorizzi l’età anziana come ricchezza della persona e la persona anziana come risorsa della comunità.
Altea Altiora perde ma fa festa - 20 Febbraio 2017 - 13:01
Finisce con una sconfitta per 3/1 lo scontro tra Altea e la forte PMT (2° in classifica), Miani&C lottano fino all’ultimo punto prima di arrendersi ad una compagine molto attrezzata con alcune individualità di categoria superiore.
Rifugio Pian Cavallone cerca gestore - 15 Febbraio 2017 - 19:06
Dopo tanti anni il Rifugio al Pian Cavallone, della Sez. Verbano-Intra del CAI, ha bisogno di un nuovo gestore.
Vega Occhiali Rosaltiora sconfitta con Arona - 13 Febbraio 2017 - 07:02
Seconda sconfitta stagionale tra le mura amiche per Vega Occhiali Rosaltiora in Serie D. La seconda in classifica Pallavolo Arona ha vinto 3-1 in un PalaManzini gremito di tifosi, con un grande tifo per la squadra di casa, corretto e rumoroso; qualcosa che va denotato positivamente.
VerbaniaBau: Dialoghiamo: comunicazione e comportamento - 7 Febbraio 2017 - 08:01
Il cane comunica mettendo in atto comportamenti all’interno del contesto relazionale ed ambientale nel quale si trova in quel dato momento. Quindi, tutti i comportamenti vanno capiti nella situazione generale in cui avvengono e assumono significato in quel preciso contesto.
Vega Occhiali Rosaltiora vittoriosa a Novara - 5 Febbraio 2017 - 10:23
Ancora una vittoria esterna per la prima squadra di Vega Occhiali Rosaltiora che ha vinto 3-2 sul campo del Team Volley Novara dimostratasi una formazione esperta e quadrata come del resto era attesa, capace soprattutto di sfruttare le sbavature delle verbanesi che in due attimi ben precisi della partita si sono disunite permettendo alle padrone di casa di arrivare ad un tie break che poi ha avuto poca storia.
VerbaniaBau: Dialoghiamo: esperienze di comunicazione non verbale in Canile - 31 Gennaio 2017 - 08:01
Claudio ed io arriviamo nei box di Drop e Gilda, ci salutiamo, ci raccontiamo, ci vestiamo per l’uscita: il momento dell’incontro è carico di stati interni inizialmente emotivi (eccitazione, fretta, agitazione, movimenti sconnessi) che impattano su una buona comunicazione e sull’ascolto.
Metti una sera al cinema - Al di là delle montagne - 30 Gennaio 2017 - 09:16
Il Cinecircolo Socio Culturale Don Bosco, martedì 31 gennaio 2017, per la rassegna "Metti una sera al Cinema", presso Il Maggiore doppia proiezione ore 17:30 e 20:30 di "Al di là delle montagne".
Interpellanza su Veneto Banca - 29 Gennaio 2017 - 15:03
Riceviamo e pubblichiamo, il testo di una Interpellanza del Consigliere Comunale Scarpinato Lucio, presentata al Presidente del Consiglio Comunale con oggetto : Veneto Banca.
"Un Americano a Parigi" a Il Maggiore - 25 Gennaio 2017 - 09:16
Prossimo appuntamento in programma per la Stagione Teatrale 2016/2017 del Teatro Il Maggiore di Verbania. Giovedì 26 gennaio alle 21.00 per il cartellone Prosa e… il musical "Un Americano a Parigi" - Tributo a George Gershwin con Michele Carfora, Arianna Bergamaschi e Danilo Brugia.
Vega Occhiali Rosaltiora perde con la capolista - 9 Gennaio 2017 - 19:48
I numero erano tremendamente a sfavore: dieci partite giocate, dieci vittorie, otto 3-0 e due 3-1. La capolista del campionato Gianni Scurato Novara è stata per tutti fino ad ora ingiocabile ed ha vinto anche al PalaManzini nella prima partita del 2017 per la prima squadra di Vega Occhiali Rosaltiora.
Continua il progetto scuola Paffoni Fulgor - 17 Dicembre 2016 - 11:27
Nuova uscita del Progetto Scuola 2016/2017 che vede legate il GSH Sempione 82 e la Paffoni Fulgor Basket, società legate da una solida amicizia che sfocia spesso in una bella e attiva collaborazione che in questa stagione le vede anche unite inel comunicare ai ragazzi valori altamente condivisi di solidarietà e di come si possa vivere anche affrontando le barriere architettoniche.
Altea Altiora cerca continuità - 17 Dicembre 2016 - 09:16
Serie C Altea Altiora: sfida playoff-playout tra Verbania e Aosta al Palamanzini. Giovanili: tutti match esterni per le formazioni giovanili verbanesi.
Service Rotaract: divise al Radio Club Verbania - 14 Dicembre 2016 - 19:06
Si é svolta mercoledì 7 dicembre la cena sociale del Radio Club Verbania durante la quale Manzoni Gianluca, presidente del Rotaract Club Pallanza-Stresa ha effettuato la consegna ufficiale dei materiali acquistati con i fondi del "Service per le associazioni di volontariato di Verbania 2016-17".
cercasi volontari per spazzamento neve - 24 Novembre 2016 - 16:11
L'Amministrazione Comunale cerca volontari per lo spazzamento neve in città.
cerca - nei commenti
Rifugio Pian Cavallone cerca gestore - 16 Febbraio 2017 - 23:54
Re: Re: Un poco di ironia
Ciao Hans Axel Von Fersen si, certo.... E' evidente che si va in cerca di disperati a cui è rimasta una unica cartuccia da sparare. E la cosa incredibile è che nemmeno più ci si fa scrupoli di fare affermazioni come la seguente che estrapolo dal bando ed hanno evidenziato in neretto: "il gestore.....potrà trattenere a proprio beneficio quanto ricavato dall’attività di gestione..." Ma pensa un pò, che grande magnanimità! Con un minimissimo barlume che uno può ancora conservare nella propria testa - a meno che tutto ciò sia generato lucidamente - prima di proporre codeste offese alla dignità dell'uomo (non sto esagerando) si potrebbe facilmente immaginare che tale bando è diretto ad esseri umani e non a bestie da soma. Non è cosa bella disprezzare le persone, ma cosa buona e giusta è arrabbiarsi e non permettere che idee di questo tipo possano essere espresse senza essere contestate.
Rifugio Pian Cavallone cerca gestore - 16 Febbraio 2017 - 12:20
Un poco di ironia
5 mesi di apertura, richiesti euro 2580,00 oltre agli oneri di legge, necessario inoltre a provvedere a proprie spese alla stipula di idonee polizze assicurative. Insomma si cerca una sorta di benefattore; il concetto di volontariato, propinato ad ogni svolta d'angolo, ha contribuito a rincitrullire le menti, purtroppo. Noto - e faccio notare - che fortunatamente le persone non sono più disposte ad essere schiavizzate.
Minore su campi da tennis Pallanza - 2 Febbraio 2017 - 12:31
Può darsi, che...
Può darsi, non lo so ma nel mio ragionamento non mi interessa, che da un punto di vista formale, la signora Minore abbia ragione, quindi complimenti per il buon lavoro di controllo fatto... ...però, in questo modo, non si tiene minimamente conto dell'impegno e dei risultati raggiunti da una ASD (Associazione sportiva dilettantistica, cioè SENZA SCOPO DI LUCRO!) attraverso il lavoro dei suoi volontari. Se seguo il ragionamento sottinteso, ma avrò sicuramente capito male, si vorrebbe che una ASD, che lavora e si impegna per sei anni, cresce, mantiene al meglio la struttura, non ha lasciato debiti o strascichi giudiziari vari (non tutti, nel partito della signora Minore potrebbero dire lo stesso!) possa essere "buttata fuori" dalla struttura che ha gestito, per essere soppiantato da qualcuno, buttando al vento il lavoro di anni? Voglio fare un ragionamento generale, uscendo da questo caso, che lo conosco per quello che si è scritto sui giornali e per quello che si dice al bar. Non sarebbe stato meglio che, invece di tirare in ballo la storia di Possaccio (chissa chi erano le parti in causa?), la signira Minore, si fosse fatta promotrice di un cambiamento del regolamento comunale, in modo da prevedere un rinnovo automatico per quelle strutture non finalizzate al "business", appunto delle ASD, che si impegnano per il sociale. Ovviamente, individuando anche i criteri per cui premiare, o meno, le diverse ASD! Invito quindi, tutte i gruppi consigliari a muoversi su questa fronte...perchè questo mi aspetto da un politico o amministratore locale, mi aspetto che proponga come migliorare e che aiuti chi, tra mille difficoltà, cerca di fare del bene per la comunità, senza fine di lucro! Saluti Maurilio P.S. Ammetto di non conoscere nel dettaglio il regolamento comunale, se quello che propongo c'è già, mi scuso per il commento! Nel caso, non capirei il comunicato delle signora Minore
M5S: bene adesione ad "Avviso Pubblico" - 24 Gennaio 2017 - 16:07
Re: onestà
Ciao Danilo Quaranta Potrei scriverne a non finire, e cercare di far comprendere il senso di questo atto dovuto, principalmente per gli obblighi che devono rispettare le amministrazioni aderenti, e poi per coerenza, il m5s cerca in ogni modo di cambiare la politica, si è preso un impegno in campagna elettorale e lo ha mantenuto, tutti tranne una.......questa è una risposta più articolata http://www.verbanianotizie.it/n932127-avviso-pubblico-risponde-alla-lega-nord.htm
Bando Periferie: un comunicato delle minoranza di sinistra - 14 Gennaio 2017 - 10:25
Re: Re: Re: Ciò che penso
Ciao andrea marconi visto? di fronte a cose concrete,l'acrobata risponde con la consueta piroetta senza dire nulla in merito. i nuovi ultras della sindaca sono così,un po' sfuggenti con chi cerca di dialogare,ma prontissimi ad annuire ad ogni sillaba della loro beniamina.
Con Silvia per Verbania su spostamento LIDL - 28 Dicembre 2016 - 21:04
Deriva Neoliberista o Sviluppo Indirizzato
Sono quasi ridicoli, se non fossero pericolosi, i ragionamenti con cui si cerca di far passare per roba seria certi "dati" su quanto possa essere positivo un Supermercato Gigante all'ingresso di Verbania, in una zona tanto centrale. 12.000 metri cubi sono il corrispondente di 40 villette ammucchiate. E tremila mq di Verde sono solo aiuole negli spazi interstiziali a posteggi e vie d'accesso. Ma con le parole si gioca come si vuole. Stiamo in realtà parlando di una zona molto grande e di importanti volumi. Che per la cultura della Deriva Neoliberista del lasciamo fare al mercato ben sostenuta dall'ex comunista di turno sono un bel ragionare ! Per chi pensa che un zona tanto importante di Pallanza doveva invece assumere una valenza sostanziale in un progetto di Città Turistica e che lo Sviluppo urbanistico debba essere indirizzato, un Mega Supermercato in quel posto è una vera assurdità. Io credo che una buona amministrazione avrebbe dovuto andare alla ricerca di imprenditori del settore Turistico-Ricettivo-Termale e in quella zona si sarebbe dovuto sviluppare un punto di arrivo interesse e distribuzione sulla Città. Un Centro Termale con Albergo. Un grande posteggio sotterraneo per la pedonalizzazione di Pallanza. Un ufficio Turistico e di Accoglienza e smistamento. Un punto di Rilascio Bici a Nolo. Una stazioncina di partenza di un trenino elettrico per visitare la Città ecc ecc. NO un Supermercato ! Giordano Andrea Ferrari - Consigliere Comunale Città di VERBANIA - SOCIALISTA.
Interpellanza deliberazioni di Consiglio Comunale - 9 Dicembre 2016 - 23:54
Re: Re: sssssssssssssssssssssssssst
Ciao Giovanni% Io credo che si possa fare politica in vari modi, c'è chi cerca di farla solo per ottenere consensi, sperando in una "scalata politica" e c'è chi cerca di far rispettare ciò che è giusto, indipendentemente da ciò che la gente possa pensare ( o conoscere poiché spesso si ignorano aspetti importanti).
Lega Nord sulla rivolta migranti - 6 Dicembre 2016 - 19:10
Re: per privatemail
Ciao lupusinfabula Rispetto il tuo pensiero in questo commento, e fa piacere scambiare pareri in modo pacato e costruttivo, di solito sui social si sbraita troppo. E vero credo nel progetto 5stelle ma non ciecamante,a mio avviso ha un limite temporale in cui può essere attuato,dopodichè sarebbe un occasione storica persa, e sono convinto sia un buon tentativo per cambiare la società,la mentalità, e far partecipare sempre più persone alla vita politica, che non vuol dire poltrone ed incarichi politici, ma una partecipazione attiva e consapevole alle problematiche della propria città e Paese. Potrei e dovrei aggiungere molto di più per esternare il mio pensiero, ma sarebbe noioso per troppi di voi. Mi limito a ribadire concetti già espressi in altri commenti riguardo all'immigrazione, la quale è l'effetto e non la causa, non mi stancherò mai di dirlo, e con il tuo commento mi dai un assist per il reddito di cittadinanza. Il migrante a mio avviso non ha queste grandi differenze tra economico e profugo, si parla di persone ridotte alla fame e senza prospettive,proprio dal profitto esasperato del capitale e del consumismo, si forse il migrante economico non è cosi patito, ma se resta ancora in patria lo diventerebbe. Questo mi fà pensare ad un parallelo con i nostri giovani, che vanno in cerca di un futuro all'estero. Il nostro paese non ha futuro se continua a perdere diritti meravigliosi invidiatoci da quasi tutto il mondo,nonostante siano in declino e sempre più inefficienti, quali la sanità pubblica, l'acqua pubblica, la previdenza, l'istruzione,case popolari (ormai una chimera l'epoca delle Fanfani),tutele per chi lavora (i lazzaroni vanno sempre condannati ed in qualche modo penalizzati nonchè educati) l'energia con fasce di tutela, il walfare in generale ecc ecc Questo declino che ha subito pesantemente la Grecia (non si parla più di Grecia?)Quì http://contropiano.org/news/internazionale-news/2016/09/29/tsipras-svende-la-grecia-084111 e Quì http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/07/11/grecia-cosi-giornale-di-strada-shedia-sta-salvando-centinaia-di-persone-dallindigenza/393409/?pl_id=396590&pl_type=playlist Potrebbe essere il nostro futuro a breve, e dopo toccare con mano le difficoltà dei migranti che oggi accogliamo, ed essere noi l'uomo nero da cacciare. In questo contesto il reddito di cittadinanza "potrebbe"essere una soluzione ed un atto di giustizia sociale, a fronte di una ricchezza globale sempre in crescita e sempre più nelle mani di pochi, di una produttività del lavoro sempre più alta, e milioni di persone che non troveranno mai il lavoro, se non inventandosi ruoli burocratici che assillano tutti noi, un reddito di cittadinanza pagato dal profitto spregiudicato della finanza malata, ed improduttiva, e dal capitale che sfrutta le risorse che non gli appartengono arricchendosi in modo vergognoso per poi nascondere ed eludere i profitti, da società che con pochi dipendenti muovono miliardi di dollari per poi pagare le tasse in Irlanda come ad esempio Apple paga in tasse solo lo 0,005% del suo utile un metalmeccanico il 16%. http://agensir.it/europa/2016/09/07/multinazionali-fatturati-giganteschi-e-contributi-fiscali-ridotti-a-briciole-non-solo-apple/ Potremmo vivere dividendo la giornata di lavoro, tra più persone, diciamo si lavora solo 3 ore ciascuno, e lo stipendio,magari sommato ad un reddito di cittadinanza, dovrebbe essere sufficiente a mantenere una famiglia come accadeva negli anni del benessere, il padre di famiglia con la sua busta paga manteneva decentemente moglie e 2/3 figli. Forse dovremmo imparare anche ad accontentarci di più, e consumare meno rispettando il pianeta che abbiamo ricevuto in prestito. Ricordiamoci che possiamo cambiare la costituzione, come la legge elettorale, i partiti o movimenti,i politici, ma se le persone non cambiano, è inutile !!!!
Scioglimento del Consiglio Comunale di Verbania - 2 Dicembre 2016 - 16:19
Scioglimento
Eppure se continuerà a lavorare così assiduamente, i cittadini di Verbania le daranno un altro mandato . Il fatto è che un Sindaco ,anche quando fà il massimo , questo massimo scontenterà qualcuno , un Sindaco non è di sinistra o di destra , cerca di fare il meglio e non sempre questo soddisfa specialmente quelli che ti remano contro sempre e comunque.
PD sui fatti di Arizzano - 27 Novembre 2016 - 20:13
Paolino
Paolino, da buon sinistro tu fai filosofia, io propongo azioni concrete: stai certo che non tornerebbero indietro. Ma vedo che sul punto "1" delle mie proposte non dici nulla: perchè? E' il più semplice da attuare: se e quando vado a Brissago e mi fermano al confine, stai certo che le Guardie di Confine CH se non ho un documento di identità non mi fanno entrare.Se chi cerca di entrare in Italia non un documento peggio per lui, sono solo problemi suoi. Se lo aveva e lo ha distrutto peggio ancora.E non ricominciamo con i piagnistei del genere :-Ma arrivano da stati inguerra e non hanno potuto procurarsi il documento": lo ripeto: problemi loro.
Marchionini su Rete 4 a Verbania - VIDEO - 27 Novembre 2016 - 16:39
Re: maurilio e Lady
Ciao Danilo Quaranta Se non mi capisci, è sicuramente perchè non sono capace di farmi capire! Resta il fatto che i gazebo servano a vendere! Vi si vendono idee, oggetti,... ...ascoltare le persone è un'altra cosa, ma in fondo, non serve neanche andare in piazza! Ma anche in questo caso, sono io che sbaglio! Più rivedo il filmato di rete4, e più mi faccio l'idea che sia servito, (ma sarà servito veramente?) a dare un po' di visibilità a qualche (pseudo)politico locale in cerca di facile visibilità, buttando in prima linea persone che non hanno "nulla da perdere"! Oltre che dare argomenti a qualche "fannullone" in felpa verde pagato da Strasburgo! Se sei così convinto di quello che si è detto, perchè non ti sei messo in prima fila? Magari mi è sfuggito, ma non ti ho visto... Saluti Maurilio
Lega Nord sulla trasmissione di Rete 4 - 25 Novembre 2016 - 17:19
Danno d'immagine!
Bisogna tenere presente, che la Signora Sindaca, ha impegnato ingenti risorse economiche per rilanciare Verbania in The World, Giro d'Italia dai reali costi coperti dal "Top Secret". A fronte di questo, si è vista in prima serata, su rete nazionale, componenti a dir suo della minoranza, che in cerca di visibilità hanno raccontato fatti non veri! In primis, c'è da chiedersi in quale Verbania la Signora Sindaca vive!... Tutto rosa e azzurro? Credo che in Italia, ciascun cittadino abbia il diritto di manifestare....libertà d'opinione, pensiero etc....Chi presente alla trasmissione, si è presentato come cittadino e non come politico!!!! La realtà è che difronte a situazioni gravemente scomode, c'è sempre una schiera di persone che vuole metterle sotto il tappeto....come se la sporcizia si potesse nascondere! Una brava massaia, dopo aver ripulito il pavimento, getta la sporcizia! L'unica strumentalizzazione politica messa in atto, è quella del Signor Sindaco che tiene molto alla poltrona e si vede, perché teme per la Sua,di lei,IMMAGINE! Molti complimenti a chi ha avuto il coraggio di denunciare pubblicamente, la reale situazione locale.
Marchionini su Rete 4 a Verbania - VIDEO - 24 Novembre 2016 - 21:48
Aspettando di risolvere le cause e non gli effetti
In questa apparizione tv non si riflette sulle cause ma solo sugli effetti, ed in particolare si continua a dare da mangiare solo al lupo nero La leggenda cherokee racconta che un giorno il capo di un grande villaggio decise che era arrivato il momento di insegnare al nipote preferito cosa fosse la vita. Lo porta nella foresta, lo fa sedere ai piedi di un grande albero e gli spiega: “Figlio mio, si combatte una lotta incessante nella mente e nel cuore di ogni essere umano. Anche se io sono un saggio e vecchio capo, guida della nostra gente, quella stessa lotta avviene dentro di me. Se non ne conosci l’esistenza, ti spaventerai e non saprai mai quale direzione prendere; magari, qualche volta nella vita vincerai, ma poi, senza capire perché, all’improvviso ti ritroverai perso, confuso e in preda alla paura, e rischierai di perdere tutto quello che hai fatica tanto a conquistare. Crederai di fare le scelte giuste per poi scoprire che erano sbagliate. Se non capisci le forze del bene e del male, la vita individuale e quella collettiva, il vero sé e il falso sé, vivrai sempre in grande tumulto. È come se ci fossero due grandi lupi che vivono dentro di me: uno bianco, l’altro nero. Il lupo bianco è buono, gentile e innocuo; vive in armonia con tutto ciò che lo circonda e non arreca offesa quando non lo si offende. Il lupo buono, ben ancorato e forte nella comprensione di chi è e di cosa è capace, combatte solo quando è necessario e quando deve proteggere se stesso e la sua famiglia, e anche in questo caso lo fa nel modo giusto; sta molto attento a tutti gli altri lupi del suo branco e non devia mai dalla propria natura. Ma c’è anche un lupo nero che vive in me, ed è molto diverso: è rumoroso, arrabbiato, scontento, geloso e pauroso. Le più piccole cose gli provocano accessi di rabbia; litiga con chiunque, continuamente, senza ragione. Non riesce a pensare con chiarezza poiché avidità, rabbia e odio in lui sono troppo grandi. Ma è rabbia impotente, figlio mio, poiché non riesce a cambiare niente. Quel lupo cerca guai ovunque vada, perciò li trova facilmente; non si fida di nessuno quindi non ha veri amici. A volte è difficile vivere con questi due dentro di me, perché entrambi lottano strenuamente per dominare la mia anima.” Al che, il ragazzo chiede ansiosamente: “Quale dei due lupi vince, nonno?” Con voce ferma, il capo risponde: “Tutti e due, figlio mio. Vedi, se scelgo di nutrire solo il lupo bianco quello nero mi aspetta al varco per approfittare di qualche momento di squilibrio, o in cui sono troppo impegnato e non riesco ad avere il controllo di tutte le mie responsabilità, e attaccherà il lupo bianco, provocando così molti problemi a me e alla nostra tribù; sarà sempre arrabbiato e in lotta per ottenere l’attenzione che pretende. Ma se gli presto un po’ di attenzione perché capisco la sua natura, se ne riconosco la potente forza e gli faccio sapere che lo rispetto per il suo carattere e gli chiederò aiuto se la nostra tribù si trovasse mai in gravi problemi, lui sarà felice e anche il lupo bianco sarà felice ed entrambi vincono. E tutti noi vinciamo.” Confuso, il ragazzo chiede: “Non capisco, nonno, come possono vincere entrambi?” Il capo continua: “Vedi, figlio mio, il lupo nero ha molte importanti qualità di cui posso aver bisogno in certe circostanze: è temerario, determinato e non cede mai; è intelligente, astuto e capace dei pensieri e delle strategie più tortuose, caratteristiche importanti in tempo di guerra. Ha sensi molto acuti e affinati che soltanto chi guarda con gli occhi delle tenebre può valorizzare. Nel caso di un attacco, può essere il nostro miglior alleato.” Poi il capo tira fuori due pezzi di carne dalla sacca e li getta a terra, uno a sinistra e uno a destra. Li indica e dice: “Qui alla mia sinistra c’è il cibo per il lupo bianco, e alla mia destra il cibo per il lupo nero. Se scelgo di nutrirli entrambi, non lotteranno mai per attirare la mia attenzione e potrò usare ognuno nel modo che mi è necessario. E,
Lega Nord sulla rivolta migranti - 23 Novembre 2016 - 21:20
Arizzano...PROFUG..."LESS"...
Quel che sta "CAPITANDO"(???) al confine,con i NIPOTI di quel GRAN..."MAITRE CHOCOLATIER" del..."GUGLIELMO TELL"...,purtroppo lo si DEVE al SERVILISMO schifoso a cui i nostri cari "POLITICHINI" SOTTOSTANNO!,al posto di fare rispettare il POPOLO e la NAZIONE che rappresentano (...e li MANTIENE!!!)! Andassimo NOI,DA LORO!,a fare un quarto delle porcherie (...dalle DISCARICHE di rifiuti tossici,travestite da SCAVI per le gallerie di valico,guarda caso sempre prossime ai NOSTRI confini...,a vecchi "casi" debitamente INSABBIATI, come la,forse meno nota "FACCENDA THERMOSELECT" di ormai qualche anno fa,della Piana di Fondotoce...),che,questi "perfettini" d'oltreconfine,COMPIONO,in casa nostra,col beneplacito dei loro fidi "correntisti" compari romani...,sai il "PUTTANAIO INTERNAZIONALE" che scatenerebbero? Provate ad "entrare" e...,malauguratamente,farvi cadere,dalle tasche,una semplice cartina di caramella a terra... e...vedrete che immediatamente,salterebbero fuor,da nonsisadove?,i 4/5 "HUBER" di turno,con tanto di mitra alla spalla, pronti, owiamente,MULTANDOVI SAPORITAMENTE!,a farvi desistere dal "riprovarci" Ripeto! Finché saremo "in mano" a 'sta "gentaglia" (tipo quel "tal "MINISTRO"...che... MÀNCO SA!...quanto costa un litro di latte -...dato che,della SPESA(!!!),a casa..."se ne occupa la MOGLIE"-, e che,x parargli il culo,IN AIUTO!,ne fa intervenire un altro che, "A GRANDI LINEE"...,cerca di tirarlo "FUORI DALLE CANNE"...,sparando prezzi a ca..o...)? non potremmo MAI! nemmeno immaginare di pensare di essere RISPETTATI da chicchessia! Saremo sempre lo zimbello di tutti quanti,e tutti continueranno a prenderci DEBITAMENTE per il "deretano"... E ora...?...: PRONTI?..., per l'ennesima buffonata!: la raccolta dei voti (...taroccati!...) degli italiani... ALL'ESTERO! Ce ne faremo... di GRASSE GHIGNATE!..., peccato che poi, continueremo a piangere..., finché PIAZZA PULITA... non sarà DAWERO fatta! Nel frattempo continuiamo a dover subire INVASIONI da parte di... "extracomunitari" che, o con i barconi, o con i macchinoni..., continueranno INDISTURBATAMENTE a scaricare "MELMA" DENTRO i nostri PATRII CONFINI!!!
Teatro: "Non ti pago" - 15 Novembre 2016 - 17:02
non ti pago
NOTE DI REGIA PREMESSA I "giochi di sorte" hanno origini antichissime; per correttezza di informazione, occorre dire che l'origine del gioco del lotto si può individuare a Genova, nella prima metà del Cinquecento e consisteva nello scommettere sui nomi dei cittadini candidati a cariche pubbliche. Era un gioco che prevedeva l'estrazione di cinque nomi di candidati che, su un totale di 120 possibili, sarebbero diventati Membri del Maggiore Consiglio della Repubblica. Si chiamava "giuoco del Seminario", presto ai nomi si sostituirono i numeri ed erano previsti estratti, ambi e terni. L'estrazione, con la possibilità per i vincitori di avere benefici economici significativi, avveniva due sole volte all'anno. Verso la fine del Seicento il gioco del Lotto si diffuse a Napoli, che però del gioco è, nell'immaginario collettivo, la capitale indiscussa. Indubbiamente, tutte le derivazioni relative alle indicazioni che nel sogno arrivano a chi gioca, sono di origine partenopea. Tutto ciò avvenne non senza danni. “Il lotto è il largo sogno, che consola la fantasia napoletana: è l’idea fissa di quei cervelli infuocati; è la grande visione felice che appaga la gente oppressa; è la vasta allucinazione che si prende le anime. […] Il popolo napoletano non si corrompe per l’acquavite, non muore di delirium tremens; esso si corrompe e muore pel lotto. Il lotto è l’acquavite di Napoli.” (da Il ventre di Napoli, di Matilde Serao 1884). Nel 1891, ne "il paese della cuccagna", la Serao prese in esame i danni morali, sociali, economici e psicologici che il gioco del lotto aveva apportato alla società napoletana: un gioco che, con la chimera di fare arricchire in beni materiali, finisce col fare perdere tutto ciò che il poveretto di turno possiede poiché egli,sfidando la propria sorte e sperando di essere sostenuto dalla Dea Bendata, punta tutti i suoi beni in assurde scommesse. LO SPETTACOLO Oggi, che il gioco d'azzardo patologico rovina un numero impressionante di esistenze, con continue sollecitazioni che entrano nelle case turbando e distruggendo la vita di moltissime famiglie, il "Non ti pago" di Eduardo riporta ad un mondo nel quale l'estrazione dei numeri vincenti avveniva una sola volta la settimana... un mondo quasi idilliaco, se rapportato al nostro... un mondo in cui il banco lotto di Ferdinando Quagliolo appare come un'artigianale "fabbrica dei sogni", che ingloba la vita del protagonista,che ha ricevuto in eredità dal padre la proprietà di un banco Lotto a Napoli. Ferdinando si ostina ad inseguire la fortuna interpretando nottetempo le forme delle nuvole, appollaiato sul tetto di casa insieme al fedele e squinternato Agliatiello. Ferdinando è un insieme di testardaggine, fatalismo, ottimismo, rabbia e speranza. Straordinariamente sfortunato, non ne azzecca una, ma ci riprova sempre. La moglie Concetta lo rimprovera di continuo e lui si accanisce sempre di più. La figlia Stella frequenta un giovane sfacciatamente fortunato, che appena chiude gli occhi viene visitato da defunti che gli consegnano numeri che puntualmente escono e per questo Ferdinando soffre di un'invidia che definisce "sete di giustizia". Quando il giovane Mario vince una cifra esorbitante grazie a quattro numeri che gli sono stati portati in sogno dal padre di Ferdinando, tutto si complica. "Non ti pago", dichiara il proprietario del Banco Lotto... e da lì, ricerca di giustizia umana (con l'avvocato Strummillo) e divina (con don Raffaele), tensione familiare, figlia piangente, domestica sull'orlo di una crisi di nervi, moglie alla perenne ricerca di una possibile pace, vicine di casa accusatrici, una stiratrice sognatrice a sostegno della tesi del protagonista, aiutante di casa e bottega, che cerca nel vino la soluzione a tutto o quasi, maledizioni che raggiungono il bersaglio e affliggono una desolata zia; il tutto in un crescendo paradossale che arriva a rasentare la tragedia.
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti