Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

seminario

Inserisci quello che vuoi cercare
seminario - nei post
“Pesci nel deserto: l'insolita ittiofauna della Depressione Dancala" - 13 Novembre 2017 - 15:03
Martedì 14 novembre alle ore 11:00 presso l’Aula Tonolli dell’Istituto, Largo Tonolli 50, Verbania Pallanza, si terrà il seminario dal titolo: “Pesci nel deserto: l'insolita ittiofauna della Depressione Dancala dell'Africa nordorientale”. Presenta Giorgio Chiozzi, Museo Civico di Storia Naturale di Milano.
Antibiotico resistenza: emergenza globale - 7 Novembre 2017 - 15:03
Mercoledì 8 novembre a partire dalle ore 11.00 presso l’Aula Tonolli del CNR ISE, Gianluca Corno, ricercatore in servizio presso l’Istituto e responsabile della linea di ricerca sulle antibiotico resistenze, terrà un seminario per illustrare le attività e gli studi condotti in questo delicatissimo ambito negli ultimi anni.
"Lo Pan Ner" prima festa internazionale - 27 Ottobre 2017 - 16:01
Sabato 14 ottobre, una splendida giornata autunnale ha incorniciato e accolto la prima edizione in Piemonte de LO PAN NER: la festa internazionale che unisce le comunità, dove, in diverse località dell’arco alpino (Valle d’Aosta, Lombardia, Svizzera - Canton Grigioni) i forni comunitari vengono accesi per rivivere l’antico rito della panificazione.
La martora nel Parco nazionale della Val Grande - 23 Ottobre 2017 - 13:01
Martedì 24 ottobre alle ore 11:00 presso l’Aula Tonolli dell’Istituto, Largo Tonolli 50, Verbania Pallanza, si terrà un seminario dal titolo: “Into the wilderness: l'espansione della martora nel Parco nazionale della Val Grande”. Presentano Alessandro Balestrieri e Andrea Mosini, Cooperativa Val Grande.
8° Concorso Nazionale Corale Polifonico del Lago Maggiore - 20 Ottobre 2017 - 08:01
In collaborazione con la Città di Verbania e l'Accademia Corale Stefano Tempia di Torino, con il patrocinio Feniarco Associazione Cori Piemontesi organizza l'8° Concorso Nazionale Corale Polifonico del Lago Maggiore.
La Festa de "Lo Pan Ner" - 13 Ottobre 2017 - 11:27
Si accendono i forni anche in Valle Antrona, sabato 14 Ottobre 2017. Le comunità Alpine transfrontaliere si riuniscono attorno al profumo di pane di segale: il pane antico, quello nero, che profuma di lavoro, di fatica, il prezioso alimento di sopravvivenza e di condivisione.
“Pipistrelli, protezione e gestione” - 4 Ottobre 2017 - 11:06
Giovedì 5 ottobre alle ore 11:00 presso l’Aula Tonolli dell’Istituto CNR ISE, a Verbania Pallanza, si terrà il seminario dal titolo: “Pipistrelli, protezione e gestione”. Presentano Paolo Debernardi, Laura Garzoli e Elena Patriarca, S.Te.P. Stazione Teriologica Piemontese.
Punto Autostima, l'autostima insegnata giocando - 26 Settembre 2017 - 14:25
Nuovo seminario Esperienziale dal titolo "Punto Autostima, l'autostima insegnata giocando", condotto da Mirko dr. Palamini. Sabato 30 settembre 2017 dalle ore 15 a domenica 1 ottobre alle ore 18.
Il Vermouth sul Lago - 23 Settembre 2017 - 09:16
Domenica 24 Settembre 2017 a Verbania (via Troubetzkoy altezza civico 128/142)lungolago, IL VERMOUTH SUL LAGO, una manifestazione nata dalla passione, di Cinzia Ferro di Estremadura cafe, barlady, per il nostro fantastico prodotto storico nazionale, il vermouth.
Associazione Cori Piemontesi gli appuntamenti nel VCO - 28 Maggio 2017 - 13:01
Si è svolta venerdì mattina presso la Sala Giunta del Comune di Verbania la presentazione delle attività dell’Associazione Cori Piemontesi in programma nel territorio del VCO nel 2017.
seminario "Volontariato e protezione ambientale" - 9 Maggio 2017 - 09:16
Mercoledì 10 maggio alle ore 11:00 presso l’Aula Tonolli dell’Istituto, Largo Tonolli 50, Verbania Pallanza, si terrà un seminario dal titolo: “Volontariato e protezione ambientale: l'Associazione Lago di Bolsena”. Presenta Piero Bruni, Associazione Lago di Bolsena.
seminario Alejandro Martinez Garcia - 23 Gennaio 2017 - 11:27
Martedì 24 gennaio alle ore 11:00 presso l’Aula Tonolli dell’Istituto, Largo Tonolli 50, Verbania Pallanza, si terrà il seminario dal titolo: “Cosa possiamo imparare in ecologia ed evoluzione studiando gli animali cavernicoli marini?”.
seminario su MaRHE Center Maldive - 16 Gennaio 2017 - 15:41
Martedì 17 gennaio alle ore 11:00 presso l’Aula Tonolli dell’Istituto, Largo Tonolli 50, Verbania Pallanza, seminario dal titolo: Storia, infrastrutture, logistica e attività di ricerca nella base MaRHE (Centro di ricerca dell'Università Bicocca di Milano), Maldive Presenta: Paolo Galli Direttore MaRHE Center Maldive, Università degli Studi di Milano Bicocca, Milano.
VerbaniaBau: Apprendimento: le teorie - 10 Gennaio 2017 - 08:01
L’apprendimento è un “ processo psichico che consente una modificazione durevole del comportamento per effetto dell’esperienza.” (Dizionario di psicologia, Garzanti). Apprendere significa costruire/arricchire mappe cognitive per entrare in comunicazione con l’ambiente circostante, per riconoscere il contesto ed interpretare la situazione, per risolvere problemi.
La Rete Antiviolenza nel VCO - 1 Dicembre 2016 - 10:23
I Consorzi dei Servizi Sociali del territorio, la Provincia del Verbano Cusio Ossola e la Cooperativa La Bitta stanno completando gli adempimenti per sottoscrivere il Protocollo d’intesa che sancisce la costituzione del Centro provinciale antiviolenza.
seminario - nei commenti
Teatro: "Non ti pago" - 15 Novembre 2016 - 17:02
non ti pago
NOTE DI REGIA PREMESSA I "giochi di sorte" hanno origini antichissime; per correttezza di informazione, occorre dire che l'origine del gioco del lotto si può individuare a Genova, nella prima metà del Cinquecento e consisteva nello scommettere sui nomi dei cittadini candidati a cariche pubbliche. Era un gioco che prevedeva l'estrazione di cinque nomi di candidati che, su un totale di 120 possibili, sarebbero diventati Membri del Maggiore Consiglio della Repubblica. Si chiamava "giuoco del seminario", presto ai nomi si sostituirono i numeri ed erano previsti estratti, ambi e terni. L'estrazione, con la possibilità per i vincitori di avere benefici economici significativi, avveniva due sole volte all'anno. Verso la fine del Seicento il gioco del Lotto si diffuse a Napoli, che però del gioco è, nell'immaginario collettivo, la capitale indiscussa. Indubbiamente, tutte le derivazioni relative alle indicazioni che nel sogno arrivano a chi gioca, sono di origine partenopea. Tutto ciò avvenne non senza danni. “Il lotto è il largo sogno, che consola la fantasia napoletana: è l’idea fissa di quei cervelli infuocati; è la grande visione felice che appaga la gente oppressa; è la vasta allucinazione che si prende le anime. […] Il popolo napoletano non si corrompe per l’acquavite, non muore di delirium tremens; esso si corrompe e muore pel lotto. Il lotto è l’acquavite di Napoli.” (da Il ventre di Napoli, di Matilde Serao 1884). Nel 1891, ne "il paese della cuccagna", la Serao prese in esame i danni morali, sociali, economici e psicologici che il gioco del lotto aveva apportato alla società napoletana: un gioco che, con la chimera di fare arricchire in beni materiali, finisce col fare perdere tutto ciò che il poveretto di turno possiede poiché egli,sfidando la propria sorte e sperando di essere sostenuto dalla Dea Bendata, punta tutti i suoi beni in assurde scommesse. LO SPETTACOLO Oggi, che il gioco d'azzardo patologico rovina un numero impressionante di esistenze, con continue sollecitazioni che entrano nelle case turbando e distruggendo la vita di moltissime famiglie, il "Non ti pago" di Eduardo riporta ad un mondo nel quale l'estrazione dei numeri vincenti avveniva una sola volta la settimana... un mondo quasi idilliaco, se rapportato al nostro... un mondo in cui il banco lotto di Ferdinando Quagliolo appare come un'artigianale "fabbrica dei sogni", che ingloba la vita del protagonista,che ha ricevuto in eredità dal padre la proprietà di un banco Lotto a Napoli. Ferdinando si ostina ad inseguire la fortuna interpretando nottetempo le forme delle nuvole, appollaiato sul tetto di casa insieme al fedele e squinternato Agliatiello. Ferdinando è un insieme di testardaggine, fatalismo, ottimismo, rabbia e speranza. Straordinariamente sfortunato, non ne azzecca una, ma ci riprova sempre. La moglie Concetta lo rimprovera di continuo e lui si accanisce sempre di più. La figlia Stella frequenta un giovane sfacciatamente fortunato, che appena chiude gli occhi viene visitato da defunti che gli consegnano numeri che puntualmente escono e per questo Ferdinando soffre di un'invidia che definisce "sete di giustizia". Quando il giovane Mario vince una cifra esorbitante grazie a quattro numeri che gli sono stati portati in sogno dal padre di Ferdinando, tutto si complica. "Non ti pago", dichiara il proprietario del Banco Lotto... e da lì, ricerca di giustizia umana (con l'avvocato Strummillo) e divina (con don Raffaele), tensione familiare, figlia piangente, domestica sull'orlo di una crisi di nervi, moglie alla perenne ricerca di una possibile pace, vicine di casa accusatrici, una stiratrice sognatrice a sostegno della tesi del protagonista, aiutante di casa e bottega, che cerca nel vino la soluzione a tutto o quasi, maledizioni che raggiungono il bersaglio e affliggono una desolata zia; il tutto in un crescendo paradossale che arriva a rasentare la tragedia.
Morto Don Rino Bricco - 27 Agosto 2014 - 13:43
Don Rino, uomo straordinario.
Apprendo con vero dolore che "don" ci abbia lasciati. Don Rino è stato mio insegnante di religione alle scuole medie, e quando, già adulto, ebbi bisogno di aiuto per le mie prime mostre di pittura, mi aiutò per le puubblicazioni ed i notiziari senza chiedere o accettare nulla in cambio. Ricordo quando cantava durante la messa, con la sua voce melodiosa e sicura, e si capiva che fosse molto preparato in campo musicale, tanto che conobbi poi don Cavagna di Maggiate Inf. che ricordava con gratitudine di essere stato suo allievo nelle ore di musica in seminario Era anche molto esperto d'arte, e quando parlava della chiesa di Madonna di Campagna, ti sapeva informare su tutta la plurisecolare storia di quel bell'edificio, che ha fatto rifiorire anno per anno con una passione infinita. Vorrei dire molte altre cose belle sulla figura di don Rino, ma so che lui non approverebbe, perchè era anche molto schivo e discreto. Credo che ognuno di noi vorrebbe essere ricordato in modo positivo, e certamente don Rino sarà sempre nella mia memoria come esempio di parroco e di uomo buono.
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti