Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Politica

"I livelli del lago Maggiore vanno monitorati"

"I livelli del lago Maggiore vanno monitorati per evitare il rischio delle “bombe d’acqua”. Vanno contemperate tutte le esigenze, a monte e a valle". Inizia così la missiva dei Comuni della sponda piemontese del Lago, Verbania, Stresa, Cannobio, Oggebbio, Ghiffa, Baveno, Meina, Lesa, Belgirate, Arona, Dormelletto e Castelletto.
Verbania
"I livelli del lago Maggiore vanno monitorati"
Scriviamo per esporre il nostro punto di vista sulla questione dei livelli delle acque del Lago Maggiore. Rappresentiamo i Comuni della sponda piemontese del Lago, Verbania, Stresa, Cannobio, Oggebbio, Ghiffa, Baveno, Meina, Lesa, Belgirate, Arona, Dormelletto e Castelletto riuniti in gestione Associata.

Da due anni è in vigore un protocollo sperimentale di innalzamento del livello del Lago Maggiore .

Le portate del fiume Ticino sono gestite in modo artificiale dalla traversa del Pan Perduto, che a sua volta, dipende dai prelievi effettuati a monte e dalla regolazione dello sbarramento artificiale della Miorina, che regola l’utilizzo dell'acqua dal lago.

A fronte dell'evento meteorologico di fine giugno (26-29) in cui si è passati da un livello giornaliero di 211 m3/sec ad uno di 942,09 m3/sec, nonostante le previsioni meteo di criticità ordinaria (ARPA Piemonte 26 e 28 giugno), nonostante le previsioni di Meteo Svizzera con previsione di allerta grado 4 (27 giugno, con punte massime di precipitazione di 300 m3/sec -24 ore), il Consorzio del Ticino solo a partire dal 28 giugno ha effettuato una simulazione ed un'effettuazione di manovra, sottostimando le previsioni.

Di fatto, le manovre per aumentare l'erogazione delle portate dal Lago Maggiore sono iniziate quando il livello aveva già raggiunto il massimo consentito dalla sperimentazione in corso.

Il livello di qualche giorno fa delle acque del Lago Maggiore era prossimo al suo massimo e ciò implica, in piena stagione turistica, un'ulteriore diminuzione delle aree fruibili a lago, cioè delle spiagge, moli di attracco e opere di difesa.

Un'ulteriore annotazione: i livelli raggiunto dall'evento di fine giugno non hanno destato particolare preoccupazione sul piano della sicurezza. Tuttavia si rileva come, all'interno della sperimentazione, lo “svaso” preventivo da effettuarsi sulla base delle previsioni di afflusso sia l'unico strumento che può tutelare i territori rivieraschi da un aumento del rischio alluvionale, ma a noi non sembra che in occasioni di questi eventi minori questo strumento sia stato pienamente utilizzato.

Vanno contemperate tutte le esigenze, a monte e a valle.

In caso di previsioni di eventi meteo eccezionali intensi, le cosiddette “bombe d'acqua”, è necessario effettuare manovre di abbattimento preventivo completo dell'opera di regolazione entro 54-78 ore dall'inizio dell'evento.

A partire dalle osservazioni sopra riportate ribadiamo che l’approccio proposto, che considera il lago Maggiore un serbatoio da utilizzare a esclusivo servizio delle esigenze di valle, deve essere ripensato: il Ticino e il lago Maggiore sono parti interconnesse dello stesso ecosistema e tanto gli aspetti ambientali, quanto quelli sociali ed economici devono essere visti nella loro totalità.

Alla luce degli studi effettuati sinora e dei risultati prodotti dalla sperimentazione sembra più opportuno rivedere le modalità di regolazione in modo tale che, di anno in anno, vi possano essere adattamenti della regolazione alle condizioni del sistema.

Il quadro conoscitivo relativo agli effetti economici, ambientali e in termini di sicurezza idraulica, infine, si ritiene debba essere approfondito e condiviso tra tutti i soggetti presenti al Tavolo Tecnico istituito dall'Autorità di Bacino e comprendere sia i territori rivieraschi che quelli del Ticino sub lacuale.

Una regolazione tesa a mantenere il livello del Lago il più alto possibile, associata all’impossibilità di prevedere in anticipo lunghi periodi di bassi livelli, non permette un’adeguata programmazione di verifiche e manutenzioni delle opere primarie presenti sulle sponde, aumentando il rischio di crolli o di incidenti per il degrado delle strutture stesse.

I Comuni della sponda piemontese del Lago, Verbania, Stresa, Cannobio, Oggebbio, Ghiffa, Baveno, Meina, Lesa, Belgirate, Arona, Dormelletto e Castelletto.



3 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Wanda Brizio 1livello del Lago Maggiore
Wanda Brizio
5 Luglio 2017 - 10:15
 
Sono confortata nel sapere che i Sindaci dei Comuni si sono attivati per sottolineare l'importanza che il livello del lago venga regolato sulla base di previsioni meteo, ora precise ed attendibili, per fare in modo che non debba ripetersi quanto successo nei giorni scorsi in cui le poche spiagge, in piena stagione turistica, sono state completamente sommerse dall'acqua.
Nell'elenco dei Comuni manca il Comune di Cannero Riviera, semplice svista?
Vedi il profilo di luigi carmine 1"Bombe d'acqua".
luigi carmine
5 Luglio 2017 - 10:45
 
Se non si possono utilizzare i bacini naturali ed artificiali per smorzare gli effetti delle "mattane" del nostro clima, ci dicano lor Signori Sindaci cosa fare..........
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Re: "Bombe d'acqua".
Hans Axel Von Fersen
6 Luglio 2017 - 10:34
 
Ciao luigi carmine

Sarebbe proprio l'intento dei sindaci: tenere più basso il livello del lago per avere più capacità l'accumulo per le "bombe" oltre ad avere le spiagge



Per commentare occorre essere un utente iscritto
Iscriviti con la tua email
Verbania
22/09/2018 - Les Nuits Romantiques: Domenico Codispoti
22/09/2018 - Villa Olimpia prima domenica in famiglia
22/09/2018 - Celebrazioni eccidio degli ebrei sul Lago Maggiore
22/09/2018 - Le domeniche in famiglia a Villa Olimpia
22/09/2018 - Giochi in Piazza per bambini
Verbania - Politica
21/09/2018 - Montani replica al PD su bando periferie
20/09/2018 - PD su messa in sicurezza SS 34
19/09/2018 - Lega soddisfatta per protocollo SS 34
19/09/2018 - Montani risponde a Chiamparino sul referendum
19/09/2018 - Forza Italia rilancia la Zona Economica Speciale
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti