Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : LegalNews

LegalNews: Cortile condominiale e sosta temporanea dei veicoli

Periodicamente la questione della sosta di veicoli nei cortili condominiali torna alla ribalta: esaminiamo una pronuncia interessante sul tema, ossia la sentenza n. 11204/2008 della Cassazione.
Verbania
LegalNews: Cortile condominiale e sosta temporanea dei veicoli
Come noto, tra le maggiori cause di contenzioso in ambito condominiale vi è sicuramente la questione dell’uso - da parte dei condomini - degli spazi comuni, in particolare per parcheggiarvi automobili o motocicli.

Sul punto è necessario premettere che l’art. 1102 co. I c.c., teso a disciplinare la comunione ma pacificamente applicabile anche in tema di condominio, espressamente sancisce che ciascun partecipante alla comunione può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne uso secondo il loro diritto. Si comprende agevolmente che il tema centrale diviene quindi quello della delimitazione degli usi della cosa comune consentiti a ciascun condomino, escludendo al contempo quelle forme di uso che impediscono agli altri condomini di utilizzare a loro volta il bene.

In particolare, tra i condomini - e specialmente tra coloro che dispongono di un box nello stabile e quelli che invece ne sono sprovvisti - sorgono contestazioni in merito al parcheggio di veicoli nel cortile condominiale. Generalmente i proprietari di box chiedono che il cortile condominiale e le vie di accesso al piano ove essi sono collocati vengano lasciati completamente liberi; al contrario, i condomini sprovvisti di box, essendo stati negli anni lasciati liberi di parcheggiare in determinate porzioni delle parti comuni, pretendono di continuare a farlo anche in futuro.

Sul punto la Suprema Corte, con la citata sentenza n. 11204/2008, ha esaminato il caso di un androne condominiale utilizzato come area di transito per l’accesso ai box di proprietà privata, rilevando che nei limiti consentiti dalle dimensioni dell'area non può ritenersi estranea alla destinazione di tale parte comune quale area di transito anche quella di sosta temporanea dei veicoli, purché ciò non ostruisca il passaggio per l’accesso ai box da parte dei proprietari.

La Corte ha proseguito sottolineando che in assenza di contrari determinazioni del condominio, la destinazione dell'androne a sosta veicolare temporanea e occasionale, nei limiti idonei a salvaguardare la funzione di passaggio anche veicolare per l'accesso alle proprietà individuali, può considerarsi accessoria rispetto all'utilizzazione dello stesso per il transito.

Al contrario, ovviamente, da tale orientamento non può desumersi che il cortile condominiale possa essere impiegato per una sosta di tipo stabile, in quanto tale operazione sarebbe idonea ad alterare la destinazione originale dell’area, limitando il suo godimento da parte degli altri condomini.

Avv. Mattia Tacchini
www.novastudia.com



0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
25/09/2018 - Forza Italia: Zona Economica Speciale
25/09/2018 - Incidente a Fondotoce - lunghe code
25/09/2018 - Offerte di lavoro del 25/09/2018
24/09/2018 - Pallavolo Altiora tante attività in corso
24/09/2018 - Verbania: Eventi e Manifestazioni dal 24 al 30 settembre
Verbania - LegalNews
07/05/2018 - LegalNews: Imposta di registro e atti nulli o annullabili
23/04/2018 - LegalNews: Contratto telematico e approvazione delle c.d. clausole vessatorie
16/04/2018 - LegalNews: Cose in custodia e dovere di eliminazione del fattore imprevedibile
26/03/2018 - LegalNews: Assicurazione: aumento del rischio e adeguamento automatico del premio
12/03/2018 - LegalNews: La risarcibilità del danno derivante dallo stress lavorativo
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti