Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Spazio Bimbi

Spazio Bimbi: Giocattoli: una quantità eccessiva inibisce la creatività

Il gioco è uno degli elementi principali nello sviluppo del bambino, ma siamo sicuri che una quantità di giochi maggiore corrisponda anche a una qualità migliore di gioco? Ecco cosa dicono le ricerche.
Verbania
Spazio Bimbi: Giocattoli: una quantità eccessiva inibisce la creatività
Il gioco costituisce una delle componenti più importanti nello sviluppo sia fisico che psicologico del bambino.
Attraverso il gioco, il bambino impara a conoscere il mondo e a sua volta esprime il proprio mondo interiore.
Giocando si sviluppano diverse abilità cognitive, emotive e sociali.

Tra le abilità cognitive coinvolte troviamo l’attenzione, il ragionamento, la concentrazione e la memoria. Il bambino può inoltre sviluppare ed esprimere la propria creatività e immaginazione.

I dati dell’Istat dicono che in media i bambini italiani passino circa 3 ore e 5 minuti della loro giornata giocando, mentre una ricerca inglese stima che ogni bambino possieda in media 238 giocattoli ma ne utilizzi solo il 5%.
Possedere una grande quantità di giochi però non garantisce un gioco qualitativamente migliore, infatti, secondo una ricerca dell’Università di Toledo nell’Ohio, i cui dati sono stati pubblicati recentemente da Elena Dusi su La Repubblica, in presenza di meno giocattoli i bambini li esplorano in modo migliore, gli dedicano maggiore attenzione, si concentrano di più e li utilizzano in modo più creativo.

Nella ricerca, in presenza di una quantità di giochi maggiore (16 giochi), i bambini, di età compresa tra i 18 e i 30 mesi, passavano frequentemente da un oggetto all’altro, trascorrendo con ognuno un tempo nettamente inferiore rispetto a quando erano in presenza di meno oggetti (4 giochi). Con meno giochi inoltre esploravano tutte le possibilità con cui gli oggetti potevano essere utilizzati.

La qualità del gioco dunque è migliore con una quantità di giochi minore, riducendo dunque l’eccesso di stimolazione.
“Questo vale anche per i giochi educativi e per i libri” afferma Antonella Costantino, presidentessa della Società Italiana di neuropsichiatria Infantile, “un buon compromesso può essere quello di presentarli al bambino a rotazione: 4 per volta ad esempio, per permettergli di conoscerli a fondo e poi eventualmente rinnovarli”.

Dott.ssa Nicolini Greta
La Girandola – Spazio Psicoeducativo
lagirandola.spe@outlook.it



0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
19/09/2018 - Pallavolo Altiora presentata la stagione
19/09/2018 - "Operazione Zaino Pieno"
19/09/2018 - Montani risponde a Chiamparino sul referendum
19/09/2018 - Nuovo Maggia raccolta firme
19/09/2018 - Forza Italia rilancia la Zona Economica Speciale
Verbania - Spazio Bimbi
16/09/2018 - Spazio Bimbi: La Scuola Senza Zaino
02/09/2018 - Spazio Bimbi: Come aiutare i bambini al rientro dalle vacanze?
05/08/2018 - Spazio Bimbi: Sbagliando si impara
22/07/2018 - Spazio Bimbi: L’importanza della comunicazione nell’adozione
08/07/2018 - Spazio Bimbi: I disturbi del sonno nei bambini
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti