Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Politica

Province "addio" è ufficiale

La riforma è stata approvata da Montecitorio con 260 voti favorevoli, 158 contrari e 7 astenuti. L’abolizione delle Province – che poi abolizione non è, poiché trasforma esclusivamente l’ente da elettivo a non elettivo – è legge dello Stato.
Verbania
Province "addio" è ufficiale
Le Province diventano enti di secondo livello imperniati su tre organi: il presidente, che sarà il sindaco del comune capoluogo; l'assemblea dei sindaci, che raggrupperà tutti i primi cittadini del circondario; il consiglio provinciale, che sarà formato da 10 a 16 membri (a seconda della popolazione) scelti tra gli amministratori municipali del territorio. Per nessuno di questi organi è previsto un compenso. Così come non percepiranno alcuna indennità né i 52 presidenti di Provincia che sarebbero scaduti in primavera e né i 21 commissari in carica per effetto della legge di stabilità fino al 30 giugno. Fino all'inizio del 2015 quando le Province 2.0 s'insedieranno saranno questi organi a supplire al consiglio provinciale mentre gli assessori resteranno al loro posto. Sempre fino a fine 2014 e sempre a costo zero.

Le nuove funzioni
Al tempo stesso cambieranno le funzioni degli "enti di mezzo". Mentre su trasporti, ambiente e mobilità avranno la semplice pianificazione, sull'edilizia scolastica manterranno la gestione e cominceranno a occuparsi anche di pari opportunità. Tutte le altre competenze passeranno ai Comuni a meno che le Regioni non preferiscano tenerli per sè. E lo stesso percorso seguiranno il personale e il patrimonio.

Via alle città metropolitane
Il secondo pilastro del provvedimento è rappresentato dalla nascita delle prime 10 Città metropolitane che sostituiranno, sempre a partire dal 1° gennaio 2015, altrettante amministrazioni provinciali. Si tratta di Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Roma capitale (con poteri speciali per effetto del suo ruolo), Napoli e Reggio Calabria (che partirà però nel 2016). A differenza delle Province le città metropolitane avranno dei compiti "pesanti". Oltre a quelli rimasti agli enti di area vasta si occuperanno infatti della pianificazione territoriale generale, ivi comprese le strutture di comunicazione, le reti di servizi e delle infrastrutture, dell'organizzazione dei servizi pubblici di interesse generale di ambito metropolitano, della viabilità e mobilità e dello sviluppo economico.

Le unioni di Comuni
Un terzo e ultimo gruppo di norme interessa invece i municipi. Rinviando agli altri articoli pubblicati nella pagina accanto per gli ulteriori dettagli in questa sede va segnalata soprattutto la scelta di consentire ai Comuni fino a 3mila abitanti di derogare alla regola che prevede per il sindaco un massimo di due mandati consecutivi. Portando tale tetto a tre. Al tempo stesso vengono ampliati di circa 24mila unità i posti a disposizione nei Comuni. Fino a 3mila abitanti avranno infatti un sindaco, 10 consiglieri e massimo due assessori (ora hanno solo sindaco e sei consiglieri) mentre nella fascia 3mila-10mila abitanti ci saranno un sindaco, 12 consiglieri e al massimo 4 assessori. Tutti incarichi per i quali non verrà comunque corrisposto alcun compenso.

Abolizione definitiva rinviata
Per l'abolizione definitiva delle Province bisognerà aspettare l'approvazione del Ddl di riforma costituzionale approvato lunedì scorso dal Cdm che abolisce il Senato elettivo e riforma il Titolo V della Costituzione.

Approvata anche la possibilità del terzo mandato per i sindaci dei comuni sotto i 3mila abitanti, il ripristino della giunta nei comuni sotto i mille abitanti e la determinazione dei consiglio comunale in 10 componenti nei comuni fino a 3mila abitanti ( con giunta da due assessori) e in 12 da 3mila a 10mila (con giunta da 4 assessori).

Tra chi esulta al termine del voto c’è il deputato democratico del Vco Enrico Borghi, protagonista di una battaglia per il riconoscimento dell’autonomia amministrativa per le province interamente montane, confinanti con paesi esteri (Verbania e poi Sondrio e Belluno).

"Abbiamo dovuto sudare fino al termine commenta Borghi e ora abbiamo raggiunto un risultato davvero storico. La previsione della specificità e dell'autonomia amministrativa per le province montane consente di avere poteri e funzioni per governare le esigenze del territorio. Dopo questo risultato, oggettivamente autonomistico e rispettoso delle peculiarità locali, ora si apre la battaglia con Torino per la legge regionale di attuazione, e su questo il territorio del Vco si deve organizzare come vera e propria lobby territoriale per ottenere dal prossimo Consiglio Regionale ciòche dovrà' fare e che da oggi rientra nei propri diritti".
 Fonte di questo post



7 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di paolino addio elezioni
paolino
4 Aprile 2014 - 09:52
 
ennesimo capolavoro del governo,che riesce a partorire una porcheria peggiore dell'altra ogni settimana. adesso ci spacciano come addio alle province quello che in realtà è solo un addio alle elezioni,visto che le province nessuno le toccherà ( cambio di nome,qualche ridistribuzione di competenze,risparmi quasi nulli) . ci dicono che toglieranno i compensi (i compensi,non i rimborsi..) ,ma l'effetto risparmio verrà annullato dal fatto che dovendo dare i rimborsi a più di 30mila nuovi consiglieri i soldi che non escono da una tasca escono dall'altra. e visto che in 18 regioni su 20 le inchieste dimostrano che è sui rimborsi che i nostri politici ladroni fanno manbassa,chiunque può immaginare come andrà a finire. come sempre,politici contenti,e noi cornuti e mazziati.
Vedi il profilo di catamar .....
catamar
5 Aprile 2014 - 02:20
 
ennesima schifezza fatta dal governo di sinistra........
Vedi il profilo di paolino dove la vedi?
paolino
5 Aprile 2014 - 09:42
 
catamer,ma dove la vedi la sinistra in questo governo?? l'unico partito di pseudo sinistra,SEL,sta all'opposizione. il PD odierno è un partito di sinistra come Ruby è nipote di Mubarak.
Vedi il profilo di Danilo P2
Danilo
5 Aprile 2014 - 10:48
 
il progetto massonico-piduista continua ad andare avanti. Sempre più enti di governo vengono trasformati in enti i cui rappresentanti vengono nominati dai politici. Politici che nominano altri politici. Stiamo scivolando silenziosamente verso una dittatura e non ce ne stiamo nemmeno rendendo conto. Il Senato sarà fatto da nominati dagli enti locali, le province da nominati dei comuni (che sono la base del territorio) e la Camera che avrà poteri quasi in esclusiva che continuerà ad essere eletta con listini bloccati formati dai segretari dei partiti.
Non se ne può più.
Vedi il profilo di marcella province addio?
marcella
5 Aprile 2014 - 12:06
 
io ci ho capito poco su questo provvedimento ma mi sa tanto di "sola" per dirlo alla romana ,ci devono spiegare dove sta il risparmio.
Vedi il profilo di Alberto Furlan addio province
Alberto Furlan
5 Aprile 2014 - 13:15
 
Ma scusate, non era la sinistra che ha sempre professato di essere dalla parte del popolo? mi è sfuggito qualcosa?
Certo che un parto anale così scellerato, che mi ricordi, non mi è capitato mai di vederlo! tra l'altro prendono una patella di euro per fare queste cagate; ah già è vero, anatomicamente parlando la cacca la si fa in base a quello che si mangia!
Hanno eliminato l'unico anello di contatto diretto fra i Comuni e il popolo (le province) e hanno lasciato la fabbrica dello sperpero che non serve a niente e a nessuno (le regioni).
Siamo sempre lì, ci illudiamo che i volti nuovi rivoluzioneranno e cambieranno il vecchio sistema politico; ma voi ci credete? siete mai riusciti a ricomporre il guscio di un uovo rotto? io ho solo visto fare delle grandi frittate!
Vedi il profilo di lupusinfabula ragione a Paolino
lupusinfabula
5 Aprile 2014 - 14:15
 
Stavolta concordo con Paolino;a dire che questo PD e Renzi in primis, siano di sinistra, ci vuole un bel coraggio! E' semplicemnte l'araba fenice della vecchia DC risorta dalle sue ceneri.



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
16/01/2017 - Sondaggio IPR Marketing: Marchionini 18^
16/01/2017 - Lega Nord sui fondi revocati da Fondazione Cariplo
16/01/2017 - Fratelli d'Italia torna sul Bando Periferie
16/01/2017 - Metti una sera al cinema - Frantz
16/01/2017 - LegalNews: La riparazione del lastrico solare di proprietà esclusiva di un condomino
Verbania - Politica
15/01/2017 - Agenda Digitale: le proposte del PD
14/01/2017 - Con Silvia per Verbania su Bando Periferie
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti