Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Cronaca

Referendum Lombardia: fallisce il quorum

Il Verbano Cusio Ossola non vota per il passaggio alla Regione Lombardia. A decretarlo la bassa affluenza alle urne.
Verbania
Referendum Lombardia: fallisce il quorum
Era necessario un quorum del 50% più uno degli aventi diritto al voto e la maggioranza assoluta dei SI perchè vincesse la proposta del passaggio alla Regione Lombardia.

Al voto è andato solo il 33,22% degli aventi diritto, cifra lontana dal necessario 50% del quorum, facendo fallire il referendum.

I Si, alla chiusura dei seggi erano l'82,93%, mentre i NO il 17,07%.

Sul sito della Prefettura del VCO è possibile vedere il dettaglio del Referendum.



11 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Vincenzo Colombo 1risorse gettate
Vincenzo Colombo
23 Ottobre 2018 - 08:32
 
E adesso chi ci rida' i 400K€?
Vedi il profilo di Giovanni 1Mi sembra
Giovanni
23 Ottobre 2018 - 09:55
 
Mi sembra evidente che li pagheremo noi cittadini di una provincia in dissesto, naturalmente i soldi sarebbero stati più utili investiti sulle nostre strade ormai al limite della decenza.

Da modificare anche il numero delle firme per indire un referendum del genere.
Vedi il profilo di Aston 1Re: risorse gettate
Aston
23 Ottobre 2018 - 13:21
 
Ciao Vincenzo Colombo

Ciao Vincenzo Colombo

magari la provincia li sconta dai 45 milioni di euro che ha chiesto alla Regione Piemonte per i canoni idrici non versati dal 2012.

Fonte:
http://www.verbanianotizie.it/n1254243-provincia-vco-una-nota-sui-canoni-idrici.htm
Vedi il profilo di Vincenzo Colombo 1conti senza l'oste
Vincenzo Colombo
23 Ottobre 2018 - 15:35
 
I canoni idrici non pagati per deficit pregressi della Regione Piemonte non ce li avrebbe di sicuro pagati un altra regione. Si sarebbe dovuto fare un bilancio onesto tra dare ed avere nelle due alternative. Questo non e' stato fatto ne dai pro referendum ne dai contro. Il dato di fatto e' che i 400K€ sono andati per niente
Vedi il profilo di alberto 1Referendum Magna Dolum
alberto
26 Ottobre 2018 - 17:58
 
La grande truffa si è consumata attraverso la volontà di non far votare assieme alle elezioni europee.
E' troppo chiaro che il quorum ci sarebbe stato ma i professionisti della politica che conoscono molto bene le regole hanno architettato il tempismo perfetto per evitare secessioni non gradite. E' evidente che chi avrebbe messo piede ai seggi per le europee avrebbe posto volentieri il suo SI sulla scheda apposita, la ribellione alla Regione Piemonte avrebbe preso corpo in attesa di modificare il territorio Italiano in tre macro regioni.
Detto questo lecchiamoci le ferite e consigliamo a tutti di introdursi nella politica perdendo un po' di tempo per conoscere gli strumenti che consentono di fare le cose evitando di conquistare posizioni di consenso e vedere poi l'impossibilità di cambiare a causa dell' establishment che non cambia mai le sue persone alla faccia di qualche politico che in effetti cambia davvero.
Vedi il profilo di SINISTRO 1Re: Referendum Magna Dolum
SINISTRO
27 Ottobre 2018 - 15:41
 
Ciao alberto

ti sfugge un particolare: la data del referendum è stata decisa dall'attuale inquilino del Viminale, che è della stessa scuderia dei promotori! Addirittura l'attuale classe politica al potere, a livello locale di segno opposto, ne aveva chiesto un rinvio, causa carenza fondi..... Troppo comodo poi per qualcuno giustificarsi. dicendo che forse era troppo presto! Suvvia, siamo seri ed onesti: a posteriori ci si è accorti che forse, in concomitanza con comunali, regionali ed europee, si sarebbe potuto confidare in un aiutino suggestivo.... L'errore macroscopico è stato proprio quello di politicizzare questo appuntamento alle urne, con tanto di effetto boomerang, previsto e capito da TUTTI, e solo dopo, a danno fatto, dagli addetti ai lavori...... Il referendum è degli elettori, non degli eletti!
Vedi il profilo di robi Re: conti senza l'oste
robi
28 Ottobre 2018 - 07:15
 
Ciao Vincenzo Colombo
Un bilancio onesto? Bollo auto più caro, no bonus benzina, trasporti pubblici più cari (chiedere ai oendolari) trattenute irpef più care. Per non parlare dei vantaggi economici e sociali nel dar parte della regione tra le più ricche d'Europa che sono andati a monte. Altro che 400 mila euro!
Vedi il profilo di paolino 1chi vive sperando...il resto lo sappiamo!
paolino
28 Ottobre 2018 - 09:57
 
ma tutti questi vantaggi economici,bolli auto stracciati,treni regalati,a parte nelle speranze di Robi,qualcuno li ha visti messi nero su bianco dalla Lombardia,in questa pseudo trattativa? io no. attendo con fiducia,anche ex post come in questo caso,che qualcuno ci faccia leggere un documento ufficiale con scritte queste cose.
l'abbiamo atteso invano prima del referendum,dubito arriverà ora.
Vedi il profilo di robi 1Re: chi vive sperando...il resto lo sappiamo!
robi
28 Ottobre 2018 - 11:59
 
Ciao paolino
Purtroppo non si tratta di regali ma di certezze in quanto il bollo auto in Lombardia è meno caro come le trattenute irpef e gli abbonamenti di cui so bene. Questi sono fatti. Poi per il restosi può discutere ma questi vantaggi oggettivi e incontestabili li abbiamo persi.
Vedi il profilo di SINISTRO 1Re: Re: conti senza l'oste
SINISTRO
29 Ottobre 2018 - 08:54
 
Ciao robi

a questo punto, aspettiamo la ZES....
Vedi il profilo di Vincenzo Colombo 1Re: Re: conti senza l'oste
Vincenzo Colombo
29 Ottobre 2018 - 09:28
 
Ciao robi CVD



Per commentare occorre essere un utente iscritto
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti