Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Fuori Provincia : Politica

Regio Insubrica: Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale

Riunione del direttivo della Regio Insubrica, allargato alle Regioni, ieri mattina a Villa Recalcati, sede della Provincia di Varese.
Fuori Provincia
Regio Insubrica: Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale
All’ordine del giorno dell’incontro della comunità di lavoro transfrontaliera le possibilità e le opportunità di costituzione di un GECT e l’iter necessario per arrivare alla sua istituzione.

Un percorso che è stato illustrato da due funzionari della Provincia autonoma di Trento, che – con la Provincia di Bolzano e il Tirolo austriaco – ha già avviato la sperimentazione di un Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale.

Per fare il punto sul processo, che potrebbe portare alla costituzione di questo nuovo organismo di collaborazione transfrontaliera, si è deciso di convocare l’assemblea generale della Regio Insubrica il prossimo lunedì 29 settembre. Una riunione in cui, a Varese, verrà altresì presentata una traccia di accordo di programma, quale base per l’atto costitutivo di un soggetto giuridico titolato a estendere il proprio raggio d’azione rispetto a quanto oggi è consentito alla comunità di lavoro composta dalle province di Varese, Como, Lecco, VCO, Novara e Canton Ticino.

“Potrebbe infatti concorrere all’assegnazione di fondi Interreg così come di risorse comunitarie. Rappresenta dunque una soluzione per assicurare continuità alle relazioni intessute e alle iniziative fin qua sostenute dalla Regio, che non potrà che indebolirsi in conseguenza della riforma che ha ‘retrocesso’ e spogliato di risorse le Province italiane.

Certo restano ancora dei nodi critici da superare; – fa sapere il Presidente Nobili, in questi mesi alla presidenza della Regio Insubrica – fra questi la necessità che la sede del GECT sia ubicata in un Paese dell’Unione Europea, e la sua regolamentazione segua quella di uno stato comunitario.

Attualmente l’ufficio della Regio è ospitato in Canton Ticino, ma ritengo che questo sia un problema risolvibile, se l’Assemblea sarà concorde a perseguire questa strada con il supporto primario della Regione Lombardia e della Regione Piemonte. Saranno loro i veri interlocutori – stante la riduzione di ruolo delle Province – con il governo di Bellinzona.

Mi auguro che questo percorso possa concretizzarsi anche nell’interesse dei tanti frontalieri di questo territorio e delle istanze alle quali il Lago Maggiore nel suo complesso deve trovare risposta quale presupposto per un suo futuro sviluppo. Se questo non avverrà, credo che il destino della Regio Insubrica sia segnato e una comunità di lavoro nata tanti anni fa rischi di limitarsi a essere un’associazione attiva nella promozione di qualche evento o che termini addirittura di esistere”.



2 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di renato brignone Nobili intenti... Ma é tardi
renato brignone
9 Settembre 2014 - 14:13
 
Il "Bianconiglio" si riempie ora la bocca con i GECT (Gruppi Europei di Cooperazione Economica Territoriale) lo fa ora, a fine mandato, a 8 anni dal regolamento comunitario che ne prevede l'istituzione (http://europa.eu/legislation_summaries/agriculture/general_framework/g24235_it.htm).
Con un piede sulla porta e le relazioni con il Canton Ticino ormai deteriorate per la nota vicenda dei frontalieri dobbiamo sentirci l'ormai quasi ex presidente pontificare sul nulla, anzi sulla propria inattività.
La sola domanda che mi pongo é : uno così , chissà quante poltrone ancora consumerà ?
Vedi il profilo di robi interessante
robi
9 Settembre 2014 - 22:28
 
Tutto quello che riguarda l'integrazione territoriale interregionale è interessante. Del resto l'unica cosa seria che l'UE ha proposto è la cosidetta europa delle regioni, ovvero coesione di zone omogenee culturalmente ed economicamente. Se le nazioni devono perdere sovranità (purtroppo la direzione è questa), altre forme di sovranità devono essere trovate, per non lasciare l'Europa alla mercè del resto del mondo. Il futuro potrebbe proprio essere una nuova architettura edell'Europa dal punto di vista geografico e di revisione dei confini.



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Fuori Provincia
19/01/2017 - MilanoInside: Winter Village, il campo base della salute!
18/01/2017 - Il CONI premia gli atleti del CVCI
16/01/2017 - Vega Occhiali Rosaltiora torna la vittoria
14/01/2017 - Vega Occhiali Rosaltiora trasferta a Romentino
12/01/2017 - MilanoInside: Expo Elettronica
Fuori Provincia - Politica
03/01/2017 - Torna il Bonus Pendolari
29/12/2016 - 2milioni per ciclabilità e turismo montano
29/12/2016 - Banda Ultra Larga: incontri ANCI-UNCEM-Regione
27/12/2016 - Ex Prefetto del VCO Commissario antiracket
20/12/2016 - Legge di bilancio 2017: le novità per le aree montane
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti