Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Cronaca

Centro di aiuto alla vita verbanese sta con l'infermiera di Voghera

Il "Centro di aiuto alla vita verbanese" desidera manifestare la propria ammirazione e il proprio sostegno all'infermiera del Pronto Soccorso di Voghera, costretta alle dimissioni.
Verbania
Centro di aiuto alla vita verbanese sta con l'infermiera di Voghera
Ricordiamo i fatti: due ragazze si sono presentate al Pronto Soccorso dell'Ospedale di Voghera chiedendo la "pillola del giorno dopo"; l'infermiera addetta al triage – che doveva classificare l'urgenza del caso con i quattro "colori" (rosso, giallo, verde e bianco) - ha colloquiato con loro invitandole a non proseguire.

Il comportamento dell'infermiera ha ricordato a tutti molte verità "scomode":

1. Il Pronto Soccorso deve "prestare cure immediate al paziente in gravi condizioni" e "fornire prestazioni urgenti che non possono essere erogate da altri operatori (medici di base, ambulatori ecc.)" e che "il Pronto Soccorso non garantisce prestazioni richieste come urgenza differibile (bollino verde)".
La prescrizione medica della "pillola del giorno dopo" non era nemmeno da "bollino verde"! Non era affatto urgente, visto che il preparato deve essere assunto entro 72 ore dal rapporto sessuale. L'infermiera ha garantito il buon funzionamento dell'ospedale e evitato un dispendio di denaro pubblico!

2. La pillola del giorno dopo somministrata dopo un rapporto sessuale agisce principalmente impedendo l'annidamento dell'embrione e provocando quindi un cripto-aborto. Norlevo infatti non è solo un contraccettivo, ma anche un antinidatorio e perciò un abortivo, nonostante l’Aifa , con un provvedimento tanto più illegittimo perchè non suffragato da prove scientifiche o cliniche, abbia concesso la scorsa primavera alla casa produttrice Hra Fharma di cancellare dal foglietto illustrativo l’affermazione che tale preparato può impedire l’impianto dell’ovocita fecondato. Un'infermiera "ignorante" che non conosce la differenza tra contraccettivi e farmaci abortivi? Lo dice chi si fida ciecamente delle manovre delle case farmaceutiche, che hanno cercato di far credere che questo effetto – da tutti noto – non vi sia più: ma ogni professionista sanitario è chiamato all'attenzione e all'approfondimento delle questioni che affronta.

3. L'embrione, dal primo stadio di ovulo fecondato, è una vita umana che deve essere difesa, sempre!

4. Le persone che chiedono un intervento sanitario hanno diritto ad essere informate: e l'infermiera ha adempiuto a questo obbligo fondamentale, avvisando le due giovani che il preparato avrebbe potuto avere effetti abortivi.

5. I professionisti sanitari (medici, farmacisti e infermieri) non sono operatori "a comando", ma devono agire con professionalità e nel rispetto della deontologia. Quale imbarazzo devono avere provocato le parole dell'infermiera, che ricordava a tutti che esiste un Codice deontologico che le impone di "rispettare la vita" (art. 3), di agire "secondo principi di equità e giustizia" (art. 4), di "rispettare i diritti fondamentali dell'uomo e i principi etici della professione" (art. 5) e di impegnarsi "a trovare la soluzione attraverso il dialogo" in caso di conflitti determinati da diverse visioni etiche (art. 8)!

Ravvisiamo nel comportamento di questa infermiera quell’apertura alla vita e all’accoglienza che dovrebbe connotare, quale convincimento profondo e inderogabile, l’impegno di qualsivoglia operatore sanitario, ma che spesso un malinteso senso di rispetto per l’autodeterminazione dell’altro e talvolta anche il timore di incorrere nell’accusa di indebita ingerenza offuscano e frenano.

Ricordiamo che persino la legge 194/78, che regolamenta l’aborto volontario, prevede, almeno nella lettera, una preferenza per la vita e demanda al personale sanitario il compito di aiutare la donna a scongiurare l’aborto.

Per il Centro di aiuto alla vita verbanese
Il Presidente
Laura Cristofari



2 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di evaristo parziale.
evaristo
12 Ottobre 2014 - 12:10
 
ARGOMENTO TROPPO DELICATO PER AVERE CERTEZZE.
CHIARAMENTE ESPRIME QUESTO TRAFILETTO UNA VISIONE ANTIABORTISTA CHE RISPETTO.
TUTTO GIUSTO QUANTO DETTO SUL RUOLO DELL'INFERMIERE.
TROVO PERÒ MOLTO LIMITATIVO CHE IL SOSTEGNO AD UNA RAGAZZA IN UNA SITUAZIONE DEL GENERE SIA UN BREVE COLLOQUIO IN SEDE DI TRIAGE PER CONVINCERLA A PRENDERE O MENO LA PILLOLA IN QUESTIONE.
RICORDO INOLTRE CHE L'OBIEZIONE DI COSCIENZA SI MANIFESTA NEL NON PRENDERE A ATTO ALL'ABORTO, NON NEL NEGARLO ALLA PERSONA.
RISPETTO E SOSTENGO L'INFERMIERA IN QUESTIONE PERCHÈ NON CONOSCIAMO COSÌ BENE I FATTI PER GIUDICARLA.
Vedi il profilo di Simona76 concordo
Simona76
13 Ottobre 2014 - 06:56
 
Non si possono esprimere a caldo giudizi su una situazione che praticamente nel personale non si conosce. L'infermiera sicuramente ha fatto il suo dovere, in un'altra situazione avrei osato dire che xomunque è diritto di ognuno decidere nel bene o nel male, io non avrei il coraggio di abortire o prendere la pillola, forse xche ho vissuto sue gravidanze e so cosa vuol dire.... auguro a queste ragazze di agire con più 'prudenza' nel futuro onde evitare di trovarsi a prendere provvedimenti che possono decidere in modo definitivo sulla propria vita.



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
22/08/2017 - "L'azzardo del giocoliere"
22/08/2017 - Il Muller a Cena con gli Alpini di Suna
22/08/2017 - Offerte di lavoro del 22/08/2017
21/08/2017 - SS34: Interpellanza FDI AN
21/08/2017 - LegalNews: Divorzio: nuova convivenza e assegno divorzile
Verbania - Cronaca
20/08/2017 - Unione Industriale del VCO: appello per la SS34
19/08/2017 - Selezione pubblica agenti di polizia municipale
18/08/2017 - Acqua Novara.VCO: lavori per allagamenti
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti