Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Domodossola : Politica

Molotov a Domodossola: solidarietà e appello al senso di responsabilità

Pubblichiamo una dichiarazione di Enrico Borghi, rispetto alla rinvenimento di una Molotov avvenuto ieri mattina a Domodossola.
Domodossola
Molotov a Domodossola: solidarietà e appello al senso di responsabilità
Il ritrovamento stanotte (giovedì 30 ottobre - ndr) di una bottiglia incendiaria davanti alla casa dei Padri Cappuccini di Domodossola, con il corollario di assurde scritte inneggianti al nazismo, fa il seguito a fatti spiacevoli accaduti nei giorni scorsi nel centro migranti di Crusinallo.

Nell'esprimere i sentimenti di vicinanza e solidarietà' a tutti gli operatori che stanno svolgendo una azione importante nel quadro delle politiche di accoglienza e di sicurezza del nostro paese, desidero fare appello a tutti affinché' su questi temi delicati ciascuno utilizzi senso della misura e atteggiamenti responsabili.

Le legittime e naturali dialettiche politiche non possono sfociare in atti minacciosi ne' costituire il brodo di coltura nel quale soggetti non rispettosi delle regole della democrazia passino dalle parole ai fatti. Un sentimento di vicinanza anche alle forze dell'ordine che sono già' all'opera per trovare i responsabili di simili atti, nella consapevolezza che esse sapranno garantire e tutelare gli Ossolani solidali e responsabili.
 Fonte di questo post



1 commento  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Alberto molotov a Domodossola
Alberto
1 Novembre 2014 - 15:44
 
Di sicuro questi sono atti estremi da condannare, ma il problema degli immigrati così detti "mantenuti", sono la ciliegina sulla torta di una problematica ben più complessa e delicata.
Vedete, la cosa che manda più in bestia il popolo italiano, non è l'accoglienza di questa gente arrivata coi barconi, ma è ben altro, più specificatamente sono le balle e gli scandali che coinvolgono giornalmente gran parte di tutta quella masnada di gente che si fanno chiamare onorevoli e/o senatori, tutto in barba alla povertà, alla disoccupazione e alla crisi economica del popolo italiano.
Purtroppo per noi, questi sono soggetti che, anzichè fare gli interessi del popolo italiano, amministrando con onestà e serietà questo paese (lo dimostrano i loro stipendi da €. 12.000 mesili + benefit + tangenti e scandali), pensano solo ai loro interessi e quelli dei loro famigliari, alle loro tasche e al potere.
D'altronde una stragrande maggioranza di loro lo ha dimostrato coi fatti che: I GAN MIA VOIA DE LAURA' MA IN DOMA' BUN DE SGRAFIGNA; quello che amareggia di più è che lo fanno senza pudore sbattendosene del continuo aumento della disoccupazione e della povertà del popolo italiano.
Non bastano poi quelli che stanno al potere più alto, a rincarare la presa per il sedere sono i loro adepti locali che, per nascondere e difendere le vere e oscure malandrinate dei loro pupilli, perorano, diffondono, giustificano e stravolgono, a livello periferico, le melmate di questi ultimi.
Prendiamo ad esempio questo problema dell'immigrazione: stanno facendo credere al popolo la favola dei famosi €. 30 al giorno più benefit pagati per questi sventurati, gridano insistentemente che li paga la comunità europea; possiamo anche crederci anche se fino ad ora la c.e. di grana non ne ha tirata fuori; ma continuiamo, peccato che questa gente se ne guarda bene di parlare al popolo del buco più grosso che questi politici hanno realizzato ai danni delle nostre casse (mare nostrum) che, al nostro paese, è costato fino a ieri €. 3.000.000 al giorno (dico è costato fino a ieri perchè hanno messo in giro voce che da oggi è arrivato un progetto nuovo della c.e. pagato dalla c.e., POI LO VEDREMO).
Se un popolo come quello italiano, ai primissimi posti nel mondo per umanità e solidarietà, è diventato di colpo insofferente e, in molti casi razzista, non è per gli sfollati arrivati coi barconi, ma è per i politici italiani che di questa triste vicenda ne hanno fatto un business a loro pro, ma a spese nostre!
La soluzione? mandiamoli tutti a casa e sequestriamo loro tutto quello che hanno grattato, impariamo da quei paesi che abbiamo sempre considerati terzo mondo, lì, con sta gente che gratta, non scherzano.



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Domodossola
26/07/2017 - Progetto Rebecca donazione per mini palestra d'arrampicata
14/07/2017 - "In campo con i ricercatori": alberi, arbusti e relativi ambienti
08/07/2017 - Musica in Quota all'Alpe Casalavera
21/06/2017 - Convegno Voluntary Disclosure
16/06/2017 - In campo con i ricercatori secondo appuntamento
Domodossola - Politica
18/01/2017 - M.O.T.O. su futuro del San Biagio
11/01/2017 - Stazione di Iselle: incontro importante
21/11/2016 - Riunione Interconnector Svizzera-Italia
23/09/2016 - Domo: il sindaco affossa ospedale unico
08/11/2015 - Riforma della Pubblica Amministrazione: incontro del PD
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti