Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Politica

Forno Crematorio: nasce il comitato per il SI all’esternalizzazione

Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato del neonato comitato per il si all’esternalizzazione del forno Crematorio.
Verbania
Forno Crematorio: nasce il comitato per il SI all’esternalizzazione
E’ nato il Comitato di verbanesi “undici uomini e un referendum” , il cui fine è informare la cittadinanza in merito al progetto del nuovo forno crematorio e per dire si all’esternalizzazione della gestione. Ritenendo inutile il referendum proposto inviteremo conseguentemente a non andare a votare.

Le posizioni del Comitato sono riassunte in un documento approfondito (che trovate in allegato) i cui punti principali soni qui riassumibili.

- Il Consiglio Comunale a larga maggioranza (19 voti su 28) ha già deciso sul forno crematorio: perché fare un referendum che costerà migliaia di euro? A cosa serve il Consiglio Comunale da noi eletto?
- L'attuale linea del Forno Crematorio è vecchia e deve essere sostituita da una nuova moderna linea. Nel progetto del nuovo forno crematorio è previsto anche una moderna “sala del commiato” per dare uno spazio più rispettoso del dolore dei familiari in quei momenti difficili.
- Si inquina di meno. Un impianto tecnologicamente avanzato che sostituisce quello vecchio è EVIDENTE a tutti che è in grado di emettere un minor quantitativo di emissioni. I filtri di questi forni sono dotati infatti delle migliori tecnologie oggi sul mercato.
- Al termine dei lavori, rimarrà in funzione solo la nuova linea. Quindi non è vero che ci sarà il raddoppio delle linee del Forno. Oggi il forno può effettuare, come da autorizzazione Provinciale, fino ad un massimo di 1872 cremazioni all'anno. Sarà così anche dopo con Il gestore privato che avrà lo stesso numero di cremazioni.
- In Piemonte l'esternalizzazione di questo servizio è stato scelto dalla stragrande parte dei Comuni (quindi la stragrande maggioranza dei Comuni sbaglia? Ovviamente no).
- Il Comune non può far fronte a tutti gli investimenti: deve scegliere quelli prioritari. Se si spende quasi un milione e mezzo di euro sul forno crematorio è evidente che “la coperta corta” del bilancio impedirà di investire in altre direzioni (scuole, strade, turismo, cultura, ecc).
- Il nuovo gestore oltre a riconoscere al Comune un canone annuo certo si assumerà anche la gestione del personale e le spese di tutti i servizi del cimitero di Pallanza. Questo vuol dire che si somma il canone da introitare e il risparmio dei costi si avrà un entrata che pareggerà quantomeno l’utile del 2015.

In queste settimane lavoreremo per informare delle nostre idee i cittadini. Per chi volesse aderire al Comitato di verbanesi “undici uomini e un referendum” può contattarci alla mail comitato.no.referendum.forno@gmail.com

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
COMITATO DI VERBANESI: “Undici uomini e un referendum”

Lo scorso 23 settembre 2015 il Consiglio comunale di Verbania, con il voto favorevole di un'ampia maggioranza (19 voti su 28), ha deciso di esternalizzare a ditte private il servizio di cremazione delle salme.

A novembre 11 persone (a norma di statuto comunale ne erano necessarie 10) hanno presentato una domanda per indire un referendum contro questa decisione e hanno raccolto circa 1100 firme (ne occorrevano, per legge, 1000 in due mesi) per avviare il referendum che sarà convocato, come da Statuto Comunale (art.55), entro novanta
giorni successivi alla verifica delle firme (probabilmente in aprile).

Una consultazione che costerà migliaia di euro e che per essere valida dovrà vedere recarsi ai seggi la metà dei cittadini votanti delle ultime elezioni amministrative (8626 votanti). Altrimenti tutto sarà stato inutile.

Ci chiediamo:
a che cosa serve il Consiglio Comunale eletto se bastano undici persone a bloccare una decisione? A Verbania una Giunta e un Sindaco hanno scelto cinque anni fa di realizzare un teatro/centro eventi, Il Maggiore dal costo di 17 milioni di euro, senza alcun referendum e nemmeno la scelta (economicamente ben superiore) dell’ospedale nuovo e unico ha dato luogo a procedure referendarie. E altri esempi si potrebbero fare.

Con il voto alle elezioni diamo un mandato a chi governa: giudicando poi se opera bene o male. Altrimenti bastano ogni volta undici persone che non sono d'accordo su una singola scelta per organizzare un referendum e l'esito sarebbe la… paralisi!

Perché il Consiglio Comunale ha previsto di affidare a privati il servizio?
- L'attuale linea del Forno Crematorio è vecchia e deve essere sostituita da una nuova moderna linea, che sarà costruita durante il funzionamento dell’attuale.

Si al nuovo forno crematorio e all’esternalizzazione della gestione Riteniamo inutile il referendum

Noi non andremo a votare
Al termine dei lavori, rimarrà in funzione solo la nuova linea. Non è vero che ci sarà il raddoppio delle linee del Forno.
Il rischio, se non si procedesse alla costruzione di una nuova linea ed intervenisse un guasto all’attuale con cessazione dell’attività, è anche quello di non poter più disporre delle autorizzazioni necessarie per avere un forno per le cremazioni in città. Oggi la struttura può funzionare, come da autorizzazione ambientale della Provincia, fino a
un massimo di 1872 cremazioni l’anno ma ne realizza meno (poco più di mille nel 2014) e offre una prestazione appena sufficiente.

- In Piemonte l'esternalizzazione di questo servizio, consentita dalla legge, è applicata dalla stragrande parte dei Comuni: su undici impianti quasi tutti i forni crematori sono affidati a gestori privati (quindi la stragrande maggioranza dei Comuni sbaglia? Ovviamente no).

- Il servizio di cremazione NON è un compito istituzionale del Comune (come le scuole, le strade, ecc.) e noi crediamo che l'obiettivo principale sia quello di rendere più moderna l'attività. Oggi non è così a Verbania dove l'impianto è vecchio e va sostituito. Abbiamo una struttura non all'altezza e poco dignitosa per una giusta accoglienza delle
salme e dei loro parenti. Nel progetto del nuovo forno crematorio è prevista anche una moderna “sala del commiato” per dare uno spazio migliore e più rispettoso del dolore dei familiari in quei momenti difficili. Secondo i dati Istat la richiesta di cremazioni è in aumento in Italia come in Europa. Nel 2013 l'incidenza delle cremazioni sul totale dei decessi è stata del 18%. Essendo una pratica meno costosa rispetto alla sepoltura, la popolazione, complice anche la crisi economica, fa maggiormente ricorso a questa pratica. Senza il rinnovo dell'impianto Verbania si troverebbe a non poter soddisfare in tempi contenuti questo servizio e a costringere i parenti dei defunti ad attendere per alcuni giorni il turno del proprio congiunto, lasciandolo depositato in luogo poco consono. Inoltre non si avrebbe neppure uno spazio adeguato per commemorare chi opta per una cerimonia laica.

- Inoltre il Comune non può far fronte a tutti gli investimenti, dovendo scegliere quelli prioritari. Si pensi alle tante urgenze: viabilità, territorio da riqualificare, lo sviluppo turistico da incrementare, il patrimonio da curare ecc. Se si spende un milione e mezzo di euro sul forno crematorio, è evidente che “la coperta corta” dei bilanci impedirà al Comune di investire in altre direzioni legate sviluppo della città.

I conti economici
Solo nel 2015 il Comune dalla gestione diretta del Forno ha perso oltre un terzo del ricavo lordo (che è stato di 200 mila euro) rispetto al 2014. A questo ricavo lordo devono essere però tolte le spese che il Comune ha. Il nuovo gestore oltre a riconoscere al Comune un canone annuo certo si assumerà anche la gestione del personale e le spese di tutti i servizi del cimitero di Pallanza.

Questo vuol dire che si somma il canone da introitare e il risparmio dei costi (della gestione dell’impianto di cremazione e del cimitero) si avrà un’entrata che quantomeno pareggerà l’utile del 2015.

La gestione esterna del cimitero di Pallanza è una scelta votata in Consiglio Comunale, anche da una parte della minoranza consigliare, per sperimentare se sia efficace questo modello di gestione e poi, in caso positivo, estenderlo agli altri nove cimiteri nel Comune.

Che cosa accadrà con il privato?
Non vi sarà alcuna perdita di lavoro per gli attuali due dipendenti comunali; anzi è prevedibile un incremento di personale per offrire un servizio più competitivo e accogliente (apertura anche il sabato, costruzione di una sala del commiato e un luogo per i riti civili).

Il nuovo forno crematorio gestito da una società privata subentrerà con la stessa attuale autorizzazione provinciale per compiere al massimo 1872 cremazioni all'anno come oggi.

Il Comune, che non farà più l'imprenditore che controlla se stesso, potrà:
- fissare il numero di cremazioni;
- avviare verifiche sanitarie e ambientali con gli organi preposti (oggi invece le subisce e
si deve "difendere");
- decidere le tariffe preferenziali per i residenti;
- incassare un canone annuo dalla società che gestirà il forno crematorio.

E l’Ambiente? S’inquina di meno
Un impianto tecnologicamente avanzato che sostituisce quello vecchio è EVIDENTE a tutti che è in grado di emettere un minor quantitativo di emissioni nocive. I filtri di questi forni sono dotati delle migliori tecnologie oggi sul mercato che andranno a sostituire una tecnologia vecchia e obsoleta come quella attuale, e quindi si avranno per ogni cremazione meno emissioni di CO2 (anidride carbonica) e Nox (composti gassosi che si formano con l’azoto ogni volta che l'aria è riscaldata sopra i 1.400° C. ).

A questo vanno sommati i minori consumi ed emissioni derivanti dall’uso di fonti rinnovabili previsti nel nuovo impianto (pannelli fotovoltaici, scambiatori di calore) in linea con il piano comunale del PAES approvato dal Comune di Verbania.

E cosa succede se il Comune dovesse continuare a gestire il Forno Crematorio?
1. Sarebbe necessario assumere nuovo personale: per le mansioni esecutive e aggiungere consulenze per le manutenzioni specialistiche (ricordiamo che i due dipendenti stanno per andare in pensione, e il Comune non potrà poi assumerne di nuovi, ma solo uno ogni quattro cessati come previsto dalla legge).
2. Il nuovo forno crematorio costerebbe circa un milione e mezzo di euro, aumentando notevolmente i costi dei mutui. Così facendo, per il patto di stabilità, si ridurrà la possibilità di finanziamento per altre opere indispensabili al rilancio della città.
Oppure potrebbe essere costretto a chiudere il forno, che non è un servizio obbligatorio, sapendo che vicino a Verbania vi sono (a Domodossola ecc.) degli efficienti servizi a gestione privata.

3. Si dovrebbe rinunciare all'investimento di una società privata che in ogni caso incrementa l'economia complessiva del territorio.

Primi firmatari: Valentino Bottacchi - Silvio Carniel - Massimo Malta – Giovanni Natali - Graziano Pavesi - Claudio Ramoni - Yuri Ruaro - Aurelio Tedesco

COMITATO DI VERBANESI: “Undici uomini e un referendum”
per contatti: email comitato.no.referendum.forno@gmail.com



15 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di renato brignone quante approssimazioni e inesattezze
renato brignone
17 Febbraio 2016 - 13:45
 
innanzitutto ricordiamo quanto scritto in alcune recenti lettere di dimissioni da ruoli importanti di maggioranza, ovvero che alcuni Consiglieri hanno votato "controvoglia" certe deliberazioni, tipo la questione forno crematorio che merita approfondimenti. Poi nel comunicato si confondono netti e lordi... insomma ci spieghino un po' tutte le approssimazioni e inesattezze, ne cito un paio, le più macroscopiche:
1) come fanno a dire che ci sarà un tetto massimo alle cremazioni quando tale limite è sancito dai permessi che variano in funzione della tecnologia utilizzata (e che oggi non è dato conoscere)? A detta del dirigente tale limite non è stato posto dall'Amministrazione
2) come fanno a dichiarare: "- Il nuovo gestore oltre a riconoscere al Comune un canone annuo certo si assumerà anche la gestione del personale e le spese di tutti i servizi del cimitero di Pallanza. Questo vuol dire che si somma il canone da introitare e il risparmio dei costi si avrà un entrata che pareggerà quantomeno l’utile del 2015" ?
Se il comune ha un utile di 250000€ ( tolte quindi le spese, ivi comprese quelle di gestione) e il privato darà un canone di 100-150000€ ( tutto da vedere e a partire dal rientro dell'investimento, quindi tra qualche anno) assumendosi la gestione "qualcuno" ipotizza che detto canone, sommato al risparmio gestionale ( ma non era già calcolato nell'utile?) sarà uguale all'utile attuale.
Forse "qualcuno" deve ripassare il significato di utile.
Vedi il profilo di Maurilio Re: quante approssimazioni e inesattezze
Maurilio
17 Febbraio 2016 - 14:29
 
Ciao renato brignone

senza offesa, ma anche tu non scherzi... se oggi ho un utile di 250.000, cedo attività e personale per un "affitto" di 150.000, con 4 dipendenti in meno (25.000 per quattro), ho un margine (non un utile, concetto ben diverso) di 250.000...

...poi, non è così proprio così che si dovrebbero fare questi conti, perchè dovrei pesare fattori critici di successo e di debolezza, opportunità e criticità, sia dal punto di vista economico, finanziario e come benefici non quantificabili, che in casi come questi, di gestione esterna, pesano molto!

Ma è già stata fatta una lunga discussione su questo tema, non dilunghiamoci oltre. Darò di nuovo il mio parere, per quello che vale, solo quando avrò visto il bando di gara...

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di renato brignone e comunque sono 8
renato brignone
17 Febbraio 2016 - 17:34
 
sorrido rileggendo le varie inesattezze , lacune e approssimazioni, perchè noto che i firmatari sono solo 8 :-)
Vedi il profilo di cesare 1In concreto?
cesare
17 Febbraio 2016 - 20:46
 
Hanno scritto un romanzo in stato confusionale. Nasce il comitato del SI per dire NO al referendum ..
Vedi il profilo di paolino 1senso civico
paolino
17 Febbraio 2016 - 21:27
 
un comitato non per votare sì o no,ma un comitato che nasce per far fallire un referendum invitando la gente a non votare.
senso civico,per non dire civiltà,pari a zero.
va bene,volete metterla su questo piano?ok. il senso civico è anche quello che fa testimoniare,ad esempio,una persona che vede un pirata della strada investire qualcuno e fuggire.
io auguro a chi invita la gente a non avere senso civico,di trovare la propria macchina bocciata davanti a un gruppo di persone,e che nessuna di queste voglia testimoniare. macchina bocciata e carrozziere da pagare. sai che ridere!
Vedi il profilo di privataemail 1Referendum si referendum no
privataemail
17 Febbraio 2016 - 22:07
 
Da una parte 8 persone dicono che il referendum è inutile, dall'altra 11 persone hanno raccolto quasi 1200 firme (certificate) di cittadini che dicono vogliamo il referendum (che tra l'altro non costerà un euro al comune in quanto accorpato a quello nazionale) ai cittadini l'onere di decidere
Vedi il profilo di andrea marconi Potrebbe rispiegarmelo
andrea marconi
18 Febbraio 2016 - 00:25
 
Mi scusi sig Maurilio non ho ben inteso in base a quale calcolo lei ricava un margine di 250000€, potrebbe spiegarmelo nuovamente?
Vedi il profilo di Maurilio Re: Potrebbe rispiegarmelo
Maurilio
18 Febbraio 2016 - 09:33
 
Ciao andrea marconi

le mie sono solo interpretazioni dei dati che Brignone aveva a sua volta reinterpretato!

Non conosco la fonte dei numeri, ma so che in casi come questo, non bastano solo le valutazioni economiche-finanziaria, ma è necessario valutare anche altri fattori, come l'impegno delle persone su altri incarichi, a costo costante.

Mi sembra di ricordare, ma potrei sbagliarmi, che con il patto di stabilità, le amministrazioni non possono sostituire i dipendenti che vanno in pensione con un rapporto 1 a 1 (1 pensionato -> 1 nuovo assunto), ma solo 1 ogni 4. Avere a disposizione per altri incarichi le persone oggi impegnati nel forno è un vantaggio per tutta la comunità, a parità di costo. Ma ripeto, le mie sono solo ipotesi, su dati imprecisi. Un'analisi accurata richiede una valutazione di tutti i fattori che non possono essere inseriti conto economico.finanziario (il reimpiego delle persone ha impatto sulla qualità dei servi non sul conto economico!).

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di Pulcinobig Numeri
Pulcinobig
18 Febbraio 2016 - 10:36
 
Mi piacerebbe sapere da dove sono estratti questi numeri. A quanto ne so il forno ha sempre reso un introito pari a circa 250.000 euro l'anno (con una sola linea). Adesso, raddoppiando la linea, tolto l'ammortamento per l'investimento, penso che l'amministrazione debba chiedere almeno il doppio di quanto prendeva gestendoselo in proprio, altrimenti che vantaggi ha a darlo in gestione?
Si sta però discutendo sul nulla, perché nessuno scrive dati certi. Chi si propone per il no da motivazioni estremamente generiche e molto opinabili. Chi invece ha proposto il referendum non ha mai dato numeri certi. Il consigliere Brignone dovrebbe avere tutte le possibilità per dare dati e numeri certi. Magari potrebbe anche dare informazioni sulla ditta che intende gestire il forno...
Vedi il profilo di maffy Re: Numeri
maffy
18 Febbraio 2016 - 11:02
 
Ciao Pulcinobig. La linea non verrà raddoppiata. Non c'è scritto da nessuna parte.
Vedi il profilo di renato brignone dati certi
renato brignone
18 Febbraio 2016 - 11:16
 
sul 2014 (un anno non particolarmente redditizio) il forno ha prodotto utili NETTI per 250'000 euro (...a memoria , dati forniti dal dirigente). Oltre a ciò si aggiunga che se la gestione diventa privata va aggiunto il costo dell'IVA che attualmente con gestione pubblica non si paga. Per quanto mi riguarda non sono contrario a priori alla privatizzazione, ma pretendo paletti chiari e certi: Quante cremazioni massimo farà il privato? quali gli introiti per il comune? quali le tariffe che verranno applicate? quali garanzie su fumi e ceneri? che garanzie per tutto questo? Il comitato per l'astensione non risponde a queste domande, fa solo ipotesi. A queste domande dovrebbe dare risposta una Amministrazione seria, un comitato serio dovrebbe dare motivazioni per un voto diverso, non per il NON voto. In tutto ciò il problema delle assunzioni è un problema FASULLO.
Vedi il profilo di Aurelio Tedesco Re: dati certi
Aurelio Tedesco
18 Febbraio 2016 - 11:31
 
Ciao renato brignone

accusi il consigliere Marinoni di essere analfabeta (in capigruppo) , ma vedo che anche tu pecchi in qualcosa..per le risposte alle tue domande .. basta leggere il documento sopra... Il nuovo forno crematorio gestito da una società privata subentrerà con la stessa attuale autorizzazione provinciale per compiere al massimo 1872 cremazioni all'anno come oggi.
Un impianto tecnologicamente avanzato che sostituisce quello vecchio è EVIDENTE a tutti che è in grado di emettere un minor quantitativo di emissioni nocive. I filtri di questi forni sono dotati delle migliori tecnologie oggi sul mercato che andranno a sostituire una tecnologia vecchia e obsoleta come quella attuale, e quindi si avranno per ogni cremazione meno emissioni di CO2 (anidride carbonica) e Nox (composti gassosi che si formano con l’azoto ogni volta che l'aria è riscaldata sopra i 1.400° C. ).
l Comune, che non farà più l'imprenditore che controlla se stesso, potrà:
-- decidere le tariffe preferenziali per i residenti;
- incassare un canone annuo dalla società che gestirà il forno crematorio.
Vedi il profilo di Aurelio Tedesco una cosa
Aurelio Tedesco
18 Febbraio 2016 - 11:45
 
tutti quelli che si scandalizzano per la richiesta di non voto .. mi potrebbero far vedere la timbratura della partecipazione al voto del referendum del 15 giugno del 2003 sulla reintegrazione dei lavoratori illegittimamente licenziati?
Vedi il profilo di renato brignone capire non è da tutti
renato brignone
18 Febbraio 2016 - 11:50
 
A parte che non ho accusato il consigliere Marinoni di essere analfabeta (in capigruppo) , ma l'ho preso in giro ironizzando sul suo "non capire"... la differenza ti è chiara?
per quanto concerne l'affermazione banale di Tedesco quì sopra , va detto che è ovvio che se uno subentra in una gestione , subentra nei limiti di quella gestione (il forno che c'è oggi ha quei limiti), ma loro costruiranno una NUOVA LINEA, CHE AVRA' NUOVI LIMITI!!! qual'è il passaggio che Tedesco non capisce?
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen 2Re: Re: dati certi
Hans Axel Von Fersen
18 Febbraio 2016 - 12:01
 
Ciao Aurelio Tedesco

"Un impianto tecnologicamente avanzato che sostituisce quello vecchio è EVIDENTE a tutti che è in grado di emettere un minor quantitativo di emissioni nocive."
Per me non è evidente. Può fornire dati tecnici sia dell'attuale sia del nuovo?
Mi scusi se sono diffidente ma audi-volkswagen ha omologato auto con i parametri euro5 per poi scoprire che inquinavano di più dell'OM leoncino del 1950 (per chi se lo ricorda) e pochi giorni fa una utente di questo blog ha scoperto che la nuova caldaia di casa sua, consuma non oltre il 5% in meno della vecchia contrariamente ad un 30% che le era stato propinato,



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
26/08/2016 - Carabinieri di Verbania fermano due ladri
26/08/2016 - Inaugurazione del ‘’Forno Comunitario’’ di Cavandone
26/08/2016 - Silvia Per Verbania sulle dimissioni di Massimo Forni
26/08/2016 - Swimrun Cheers - sport, birra artigianale e gastronomia
26/08/2016 - VerbaniaArte: Le ragioni di una passione
Verbania - Politica
25/08/2016 - Roberto Brigatti nuovo assessore ai lavori pubblici
24/08/2016 - Secondo intervento a sostegno dei lavoratori disoccupati per il decoro della città
24/08/2016 - FI Berlusconi su progetti ex gasometro e Piazza F.llI Bandiera
24/08/2016 - Minore torna sulle dimissioni Forni
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti