Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Miazzina : Cronaca

Raid dei cinghiali

Sono segnalati nelle notti passate raid di gruppi di cinghiali, che hanno "arato" campi pubblici e terreni privati.
Miazzina
Raid dei cinghiali
In particolare le segnalazioni arrivano dalla zona di Miazzina, sulla strada che porta all'imbocco del sentiero per Rugno e all'Alpe Pala.

Ma anche in zone ben più basse, come la zona del ponte di Santino, vengono segnalate scorribande di cinghiali, che scendono sempre più in basso alla ricerca di cibo.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

A tal proposito, il consigliere comunale (Marco Regaldi), che chiede "una soluzione per contrastare e risolvere questo problema di devastazione che sicuramente si espanderà e durerà probabilmente per qualche mese almeno", propone anche al comune di Miazzina e ai comuni della Valgrande e dintorni di emettere e divulgare un avviso alla popolazione come informativo sui CINGHIALI, che potrebbe servire anche ai cercatori di funghi e alle scuole. Il tutto in sintonia con la Forestale e gli enti preposti.

Cosa fare quando si incontra un cinghiale nel bosco ?

Ritrovarsi faccia a faccia con un cinghiale non è così improbabile: il cinghiale è un animale selvatico con un altissimo tasso di riproduzione (ogni femmina può partorire fino a 6 cuccioli alla volta, per due volte l’anno), non ha più un vero predatore in natura (sarebbe il lupo, ma ne son rimasti davvero pochi) ed è praticamente onnivoro cibandosi di ghiande e castagne così come di carcasse di animali e scarti (tanto che ormai non è infrequente scorgerli anche in aree urbanizzate, anche sulle prealpi .....e nella zona di Miazzina, Valgrande, valle Intrasca, ecc).

Insomma, incontrare un cinghiale sulla propria strada è un’ipotesi da tenere in considerazione. Per sapere come comportarsi bisogna però distinguere due situazioni.

La prima è quella dei cinghiali che si sono abituati alla presenza dell’uomo perché gravitano intorno ai centri abitati alla ricerca di cibo: a meno di casi imponderabili questi animali hanno capito qual è la mano che li nutre, e benché possano fare impressione per la mole,normalmente si allontanano senza dimostrare comportamenti aggressivi verso l’uomo.

Diverso il caso dei cinghiali allo stato brado, che si possono incontrare soprattutto nei querceti dove trovano cibo e terreno ideale: è un animale molto veloce, con mascelle potenti e zanne acuminate proprio per difendersi, anche attaccando dai predatori. Ma come tutti gli animali selvatici, anche il cinghiale ha un’innata diffidenza nei confronti dell’uomo.

Nei boschi in cui può trovare cibo non è infrequente sentirlo grufolare, ovvero razzolare grugnendo mentre scava il terreno alla ricerca di ghiande e altro da mangiare, e la sua prima reazione, anche in branco, sarà sempre quella di allontanarsi dall’uomo, che vede come una minaccia.

Tuttavia possono esserci due situazioni potenzialmente pericolose. La prima è quella in cui il cinghiale si trovi senza via di fuga, per esempio perché finito all’angolo di una recinzione di campagna. In questo caso, al di sotto della fisiologica distanza di sicurezza, tenderà ad attaccare, e la cosa più saggia da fare è fermarsi a debita distanza e, senza movimenti bruschi o rumori improvvisi, allontanarsi tenendolo d’occhio; oppure trovare riparo su un rialzo dove non si può essere raggiunti, per esempio arrampicandosi su un albero. La seconda situazione a rischio è quella di incontrare una femmina con i cuccioli: l’istinto materno e l’impossibilità di darsi alla fuga con la sicurezza di portare in salvo tutta la prole, anche in questo caso potrebbe indurre l’animale all’attacco. Ma finché si rimane a debita distanza e non lo si spaventa la prima opzione istintiva rimarrà ancora quella di allontanarsi da noi.

Come sempre quindi, quando si cammina per sentieri di montagna o nel bosco, basta prestare attenzione ai suoni e ai segni che ci circondano, evitando rumori improvvisi ed eccessivi, per evitare rischi come quello di essere attaccati da un cinghiale. Infine attenzione se si è in compagnia di un cane: i cinghiali lo riconoscono come un predatore minaccioso, perché lo associano al lupo o ai cani dei cacciatori, e come ben sanno proprio i cacciatori di cinghiali, in un ipotetico scontro ad avere la peggio sarebbe proprio il cane.-

Ricerca a cura del consigliere comunale di Miazzina (MARCO REGALDI)



5 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Egidio righetti Cinghiali
Egidio righetti
26 Settembre 2016 - 13:53
 
Altro consiglio:non o stacoliamo la caccia di selezione e magari allarghiamola anche in Val grande visto che è soprattutto lì che si rifugiano.
Vedi il profilo di Ramoni L. Abbattimento Tutto L'anno
Ramoni L.
26 Settembre 2016 - 14:26
 
Credo che non debba ulteriormente rimarcarne il titolo,
oppure, ragionando a mente serena,
controllare quali siano le possibilità di sterilità chimica indotte degli ungulati.
I problemi si posso risolvere basta volerlo,
richiamate magari i PENSATORI iniziali di chi li ha caldamente consigliati quale ripopolamento per la caccia. !!
Vedi il profilo di Egidio righetti Cinghiali
Egidio righetti
26 Settembre 2016 - 21:12
 
Non esistono, al momento, farmaci che consentano la sterilizzazione permanente di animali selvatici o domestici. E non mi risulta che i cinghiali (e questo vale anche per altri ungulati ) siamo stati introdotti per favorire la caccia. Anzi mi risulta che la caccia sia sempre stata ostinatamente osteggiata anche quella di selezione.
Vedi il profilo di Egidio righetti Cinghiali
Egidio righetti
26 Settembre 2016 - 21:12
 
Non esistono, al momento, farmaci che consentano la sterilizzazione permanente di animali selvatici o domestici. E non mi risulta che i cinghiali (e questo vale anche per altri ungulati ) siamo stati introdotti per favorire la caccia. Anzi mi risulta che la caccia sia sempre stata ostinatamente osteggiata anche quella di selezione.
Vedi il profilo di Giovanni Da ignorante in materia
Giovanni
26 Settembre 2016 - 21:31
 
Scusate ma io non capisco molto di cinghiali, ma sicuramente quando ero ragazzo negli anni 70 non ne avevo mai visto uno, oggi sono da tutte le parti.
Mi piacerebbe sapere chi li ha reintrodotti nelle nostre zone dove erano estinti??
Sono stati i cacciatori per portare a casa qualcosa di grosso , che giustifichi i soldi della licenza di caccia?



Per commentare occorre essere un utente iscritto
Iscriviti con la tua email
Miazzina
13/09/2017 - In tanti al Piancavallone per Musica in Quota
31/08/2017 - "I funghi in ValGrande"
25/08/2017 - Foto sotto le stelle al Pian Cavallone
24/08/2017 - “Le vipere della ValGrande”
12/08/2017 - Serata danzante a Miazzina
Miazzina - Cronaca
11/06/2016 - A Pala cerimonia dedicata alle Penne Nere
07/10/2015 - Incidente di caccia
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti