Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Politica

Strade Provinciali, utenti e compartecipazione alle spese

Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato del Gruppo Consiliare "La Provincia per il Territorio", riguardante la compartecipazione degli utenti alle spese di istruttoria, di monitoraggio e di controllo in materia di viabilità provinciale.
Verbania
Strade Provinciali, utenti e compartecipazione alle spese
Nei giorni scorsi, anche a seguito dell’incontro avutosi con gli artigiani della Valle Strona, abbiamo presentato al Presidente Costa una interpellanza perché ci vengano chiarite le ragioni sottese al Decreto presidenziale n. 46 del 21.04.2016 (definizione delle tariffe per la compartecipazione degli utenti alle spese di istruttoria, di monitoraggio e di controllo in materia di viabilità provinciale) con cui l’Amministrazione provinciale ha ritenuto doveroso applicare le spese di istruttoria ai procedimenti svolti a richiesta dell’utente e che sono finalizzati ad ottenere concessioni, autorizzazioni, deroghe e altri provvedimenti finali necessari all’esecuzione di attività o allo svolgimento di manifestazioni che interessano le strade provinciali.

In particolare riteniamo che richiedere importi significativi (anche 200 euro al mese per consentire di percorre alcune arterie provinciali) rappresenti un costo insostenibile per i piccoli imprenditori che ancora mantengono attività produttive nelle nostre Valli e che andrebbero per questo incentivati e non penalizzati. Così facendo le piccole imprese sono infatti sottoposte a rischio chiusura e, in tale caso, i territori non solo perderanno occasioni lavorative ma anche significativi introiti dovuti, per esempio, alle addizionali IRPEF sui redditi prodotti che, di certo, sono di gran lunga superiori rispetto a quanto incassato in forza del Decreto presidenziale n. 46.

Crediamo, questo sì doveroso, difendere con forza il principio per cui non devono essere i piccoli imprenditori o i fruitori a pagare o a farsi carico di parte delle spese di una Provincia senza risorse per scelte governative sbagliate – dimostratesi tali alla luce del recente referendum costituzionale che ha confermato le Province nella Carta costituzionale e ha di fatto sconfessato l’impianto della legge 56/2014, meglio nota come Delrio, che ha tolto risorse agli enti lasciando loro le competenze e ha eliminato la possibilità per il popolo di votare direttamente i propri rappresentanti – poiché già penalizzati da una fra le più forti pressioni fiscali d’Europa senza il corrispettivo di adeguati servizi.

Poiché si tratta, come sostenuto anche dalla stessa Provincia, di importi da corrispondersi per “gli oneri sostenuti da parte degli uffici pubblici per prestazioni di attività istruttorie, di monitoraggio e controllo, connessi all’adozione dei provvedimenti”, chiediamo che vada prima di tutto quantificato il costo di ciascun provvedimento sul quale poi individuare la compartecipazione (che, proprio perché tale, deve rappresentare una percentuale del quantum individuato), tenuto conto delle realtà imprenditoriali e della zona di montagna di questa Provincia, con le conseguenti problematiche concorrenziali in cui incorrono le imprese ivi presenti. Diversamente la Provincia anziché favorire lo sviluppo dell’economia locale finisce per essere complice della sua uccisione.

Sarebbe quindi auspicabile, a nostro giudizio, la individuazione di importi di gran lunga inferiori e correlati ai reali costi di istruttoria degli uffici, prevedendo, ad esempio per le autorizzazioni al transito in deroga per le piccole e medie attività commerciali, una durata annuale delle anziché limitata a 30 giorni.

Sul punto abbiamo altresì presentato una mozione al Consiglio provinciale affinché deliberi un atto di indirizzo che ci auspichiamo vada nella direzione che abbiamo esposto.

Contestualmente abbiamo depositato un ordine del giorno sulla Strada Provinciale n. 75 della Valle Cannobina affinché l’Amministrazione provinciale proponga e sostenga in ogni sede il passaggio di questa arteria, che collega due strade statali, ad ANAS anche alla luce dei lavori che prossimamente interesseranno la Strada Statale 337 e ne comporteranno la chiusura per alcuni periodi.

In ragione delle ristrettezze economiche provinciali riteniamo, inoltre, occorra richiedere senza ulteriori ritardi ad ANAS, al Ministero e alla Regione, quale conseguenza della citata chiusura, lo stanziamento di idonei fondi compensativi per il disagio e l’ammaloramento che si verrà a concretizzare sulla S.P. 75, al fine di risolvere le problematiche sopra evidenziate, in particolare l’allargamento nel tratto tra Cursolo e Orasso in Comune di Cursolo Orasso, nonché il consolidamento di versanti, muri di contenimento e il rifacimento di tratti di asfalto, laddove necessari.

I lavori sulla S.S. 337 rappresentano l’unica occasione per ottenere una contropartita di risorse economiche o di interventi strutturali. La Provincia non può permettersi di perderla e deve quindi attivarsi in ogni sede, procedendo fin da subito a convocare un tavolo urgente cui partecipino Provincia, Ministero, ANAS, Regione Piemonte e i Comuni cannobini e vigezzini.

Infine, abbiamo presentato una interrogazione a risposta scritta con cui chiediamo al Presidente Costa di delucidarci sulla Determinazione dirigenziale n. 53/2017 che ha riaperto, fino al 30.01.17, i termini del bando di gara per la concessione ad idonea associazione di pesca dilettantistica delle acque appartenenti al demanio provinciale, originariamente scadenti al 16.01.17. Ciò sulla base di una motivazione (offerta corrispondente ad un periodo di festività e richieste che richiedono anche accordi scritti con altre associazioni piscatorie e valutazioni particolarmente gravose) che non ci convince appieno, tenuto conto che i soggetti ammessi a partecipare erano già stati notiziati con precedente avviso esplorativo ed erano quindi posti nelle condizioni di conoscere le incombenze richieste fin dal mese di ottobre 2016.

Il capogruppo
Luigi Spadone

I Consiglieri
Fabio Basta
Mario Geraci



2 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di lupusinfabula Le condizioni delle strade provinciali
lupusinfabula
2 Febbraio 2017 - 15:00
 
Le condizioni delle strade provinciali soto quelle che sono anche perchè la Provincia distribuisce deroghe per il passaggio di mezzi pesanti (betoniere e simili) su strade che non sono state progettate e realizzate per quei mezzi. Deroga significa un passaggio concesso del tutto eccezionalmente, mentre le deroghe concesse sono quotidiane. Neppure le sanzioni per le infrazioni aiutano, perchè alle imprese conviene di più pagare una multa ma far transitare i loro mezzi pesanti ed ultrapesanti sulle strade che sono a rischio cedimento: tanto poi il costo delle multe lo mettono a carico dei loro committenti. Dico questo perchè transito quotidianamente su di una strada provenciale e vedo cosa incontro.
Vedi il profilo di Giovanni Caro Lupus
Giovanni
2 Febbraio 2017 - 19:18
 
Concordo con quello che dici , ma è ormai evidente che le strade provinciali sono allo sbando e all'incuria totale ,io sto aspettando quando il nostro presidente della provincia sarà chiamato a difendersi perché accusato di concorso in omicidio colposo ,vista la nuova legge sull'omicidio stradale. che rende i proprietari delle strade responsabili. Prima o poi qualcuno inizierà a pagare è inevitabile, guarda come è stato condannato Mario Moretti per Viareggio.



Per commentare occorre essere un utente iscritto
Iscriviti con la tua email
Verbania
20/10/2017 - Pallavolo Altiora esordio casalingo
20/10/2017 - Paffoni Fulgor Omegna in cerca del poker
20/10/2017 - Vega Occhiali Rosaltiora prima trasferta
20/10/2017 - La poesia di Ranaudo da Milano a Venezia
20/10/2017 - La Settimana del Pianeta Terra
Verbania - Politica
16/10/2017 - Bando Periferie: Il Governo firma il Cipe
15/10/2017 - "Sul Teatro Il Maggiore la deroga della deroga"
11/10/2017 - Casa della Salute a Verbania
11/10/2017 - Lega Nord: De Magistris confermato segretario
07/10/2017 - Impianti Devero - San Domenico: una nota del Presidente Costa
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti