Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

svizzera

Inserisci quello che vuoi cercare
svizzera - nei post
A Intra si "Accende" il Natale - 1 Dicembre 2016 - 11:28
L’Associazione Intrainsieme e il Comune di Verbania invitano all’accensione degli alberi e delle luminarie di Intra, che darà ufficialmente il via alle iniziative natalizie nel centro della città.
VerbaniaArte: “Riflessi sull’acqua” di Paul Signac - 29 Novembre 2016 - 13:01
Ormai il Lac di Lugano ha compiuto due anni… E’ una struttura avveniristica, che si impone per la sua spigolosità acuminata sul profilo romantico di un lungolago morbido e impressionistico. Quale cornice migliore, direte voi, per una mostra dedicata a un pittore “pointilliste” come Paul Signac (1863-­‐1935), amico di Seurat, innamorato di cieli, acque, riflessi e luci di porti famosi?
"Un Natale diverso a Intra" - 23 Novembre 2016 - 12:27
Sarà un Natale decisamente diverso dal solito quello che dal 2 all'11 dicembre animerà il centro di Intra quello presentato in una conferenza stampa a palazzo di città a Verbania, organizzato dall'associazione dei commercianti Intrainsieme, con la collaborazione di Cuori di Donna è il contributo del Comune di Verbania.
Riunione Interconnector svizzera-Italia - 21 Novembre 2016 - 19:23
Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato del Comitato Salviamo il Paesaggio Valdossola, riguardante la riunione tenutasi lunedì 14 novembre, sul progetto Interconnector svizzera-Italia 380 kV.
Incontro ciclopedonalizzazione Lago Maggiore - 20 Novembre 2016 - 11:27
Prosegue il lavoro di squadra tra Novarese e VCO per il progetto di ciclopedonalizzazione del Lago Maggiore.
"Nessuna legge anti frontalieri" - 19 Novembre 2016 - 16:01
Riceviamo e pubblichiamo, una nota sull'incontro a Berna tra il sottosegretario agli Affari europei Sandro Gozi e il Segretario di Stato svizzero Jacques de Watteville, che ha rassicurato sul futuro dei frontalieri.
VerbaniaArte: Marianne Werefkin la "nonna" di Ascona - 16 Novembre 2016 - 15:03
In attesa di altre mostre interessanti sulle sponde del Verbano, oltre a quelle già segnalate in Italia e in svizzera, eccomi a raccontarvi di un piccolo “gioiello” espositivo… Si tratta della mostra allestita da Artrust - azienda che commercializza vini raffinati e capolavori d’arte - nei propri spazi di Melano (CH), sul Lago di Lugano.
"Sì" al casellario d'obbligo per lavorare in svizzera - 10 Novembre 2016 - 11:05
L'estratto del casellario giudiziale dovrebbe essere presentato da tutti i cittadini di paesi dell'Unione Europea che intendono soggiornare o lavorare in svizzera.
I verbanesi alla Costituente: Luigi Zappelli - 8 Novembre 2016 - 09:16
Riceviamo e pubblichiamo, l'articolo conclusivo della ricerca di Verbania documenti su "I verbanesi alla Costituente, 1946". riguardante Luigi Zappelli.
Salviamo il Paesaggio Valdossola: Interconnector opzione zero - 7 Novembre 2016 - 18:50
Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato del Comitato Salviamo il Paesaggio Valdossola, riguardante i recenti sviluppi sul progetto Interconnector svizzera Italia 380 kV.
Incontro "Interconnector svizzera-Italia" - 4 Novembre 2016 - 15:03
Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato del Comitato Salviamo il Paesaggio VALDOSSOLA, riguardante l'incontro odierno sull'elettrodotto Interconnector svizzera-Italia.
“Intrigo Internazionale sul Verbano” - 1 Novembre 2016 - 14:31
“Intrigo Internazionale sul Verbano” è il nuovo romanzo giallo di Marina Martorana, ambientato lungo la sponda lombarda del Lago Maggiore. Verrà presentato domenica 6 novembre, ore 12, a Besozzo (VA)
Primo volume del Premio Verbania for Women - 28 Ottobre 2016 - 11:28
Nasce il primo volume del Premio letterario Verbania for Women. Presentazione del libro e della seconda edizione del premio sabato 29 ottobre dalle ore 17.00 al teatro Il Maggiore.
ULTRA TRAIL del lago d'Orta - Classifiche - 25 Ottobre 2016 - 18:15
Nel cuore della notte, poche ore prima della partenza della gara “regina” la 90 km., a Omegna si notava già un gran movimento di appassionati e atleti pronti ad affrontare quello che è diventato uno dei trail più importanti d'Italia e d'Europa. E poi alle 5 del mattino il via...
Frontalieri: novità dall'incontro con il Viceministro Casero - 25 Ottobre 2016 - 09:16
Si è trattato di un incontro importante, quello del tavolo provinciale del frontalierato tenutosi venerdi 22 ottobre presso la sede della Provincia del Verbano Cusio Ossola, che ha visto la presenza del viceministro all’economia con delega alle finanze, on. Luigi Casero, accompagnato dall’onorevole Enrico Borghi e dal vicepresidente della Regione Piemonte, Aldo Reschigna.
svizzera - nei commenti
La Camera conferma 8milioni per Verbania - 30 Novembre 2016 - 09:20
Re: 8 milioni
Ciao lupusinfabula leggi meglio. Non intendevo dire che bisognava destinare 8milioni per la strada verso la svizzera ma concentrare quei fondi ora divisi in tanti microinterventi in pochi obiettivi efficaci veramente urgenti. Ora con quei soldi si farà un inutile Movicentro e certamente non urgentissime piste ciclabili.
La Camera conferma 8milioni per Verbania - 29 Novembre 2016 - 18:43
Re: Re: Formula
Ciao Hans Axel Von Fersen ma così però si crea una contraddizione. Il fondo è destinato al risanamento delle periferie degradate perché destinarlo alle zone con politiche virtuose? Credo per esempio che Baggio o Quarto Oggiaro rappresentano istanze ben più gravi e serie di Fondo Toce con le sue piste ciclabili e il Movicentro che non serve a nulla. Vado oltre. Forse di doveva considerare il Verbano Cusio Ossola come una grande periferia di Milano e della svizzera. Non era più urgente allora implementare un trasporto di treni interregionali migliore per i pendolari? Non era meglio garantire una strada migliore per i frontalieri? La politica nazionale non è capace di fare delle scelte- Ben vengano i fondi per Verbania ma se analizziamo i tutto su un'altra ottica....
PD sui fatti di Arizzano - 28 Novembre 2016 - 10:04
lupus e hans
continuate a fare confusione. voi parlate di gente che provando a entrare in svizzera o altrove verrebbero rimandati indietro. ma in svizzera non entri dal mare! rimandare indietro uno che arriva su un gommone dal mare significa ributtarlo con la forza alla deriva,condannandolo a morte certa. io vorrei capire materialmente come si fa a mandare via e dove,migliaia di persone senza un documento. voi continuate a dire cose che non si possono attuare (quella del traghetto è un capolavoro..), con i voli di linea non si può,senza documenti non possono nemmeno partire. e nemmeno con voli militari,per i quali occorre un accordo con gli stati riceventi altrimenti manco ti fanno atterrare. un conto sono le boutade,altro la realtà. la soluzione,lunga e complicata,è solo quella degli accordi internazionali. ma si scontra con troppi interessi e difficoltà oggettive. di cui parleremo magari dopo..
FdI-AN sui fatti di Arizzano - 20 Novembre 2016 - 17:33
Re: In svizzera
Ciao lupusinfabula E poi chi pagherà la tua pensione?
FdI-AN sui fatti di Arizzano - 20 Novembre 2016 - 14:17
In svizzera
Basterebbe applicare il "metodo svizzera": la polizia elvetica ai clandestini non chiede da che nazione arriva, ma da quale valico o punto di frontiera è entrato: e lì lo riporta. Arrivi dalla Libia e stai naufragando? Ti salvo, ti do da mangiare e bere, ti do un natante in buone condizioni ma poi ti riaccompagno al limite delle acque territoriali libiche con carburante sufficiente solo a raggiungere quelle rive. Il resto sono affari e problemi tuoi.
"Nessuna legge anti frontalieri" - 20 Novembre 2016 - 09:02
bla bla
le parole sono tante e belle,ma in svizzera ad ogni piè sospinto c'è un referendum xenofobo che viene respinto per pochissimi voti,ma se per caso dovessero prevalere i voti favorevoli che succede?
"Sì" al casellario d'obbligo per lavorare in Svizzera - 16 Novembre 2016 - 20:46
Ma cosa pensano gli svizzeri?
Amici svizzeri si lamentano di questo aspetto: che a causa dei frontalieri loro devo accontentarsi di paghe più basse rispetto alla svizzera interna (dove tra l'altro la vita costa meno), che se non ci fossero i frontalieri anche loro potrebbero pretendere paghe da svizzeri. Aggiungo anche che ho un amico che abita a 200km da VB e un giorno m'ha detto: "La sai che voi siete odiati dai ticinesi?" Per lavoro aveva incontrato una persona di Locarno che evidentemente aveva voglia di sfogarsi.
"Sì" al casellario d'obbligo per lavorare in Svizzera - 16 Novembre 2016 - 18:24
Re: puntualizzazione
Ciao Robi lascia perdere la destra e la sinistra, in generale, ma in Italia in particolare sono solo etichette... Tu dici: "l'immigrazione ha portato molti problemi di ordine pubblico e la delinquenza straniera dilaga", va bene, se solo per questo anche il grande afflusso di meridionali negli anni 60 ha portato delinquenza, non so quanti anni hai, io sono abbastanza vecchi da ricordare Renco negli anni 70, primi 80. Ma tutto questo, cosa c'entra con i lavoratori stranieri regolari? Perchè questo sono i frontalieri, nulla hanno da spartire con gli irregolari! Poi dici: "distingua lavoratori specializzati da manovalanza generica", perchè? La maggioranza dei frontalieri sono proprio "manovalanza generica, almeno per il livello svizzero. Stiamo parlando di panettieri, giardinieri, commessi/e, operai/e, muratori, badanti, baristi, lavori che gli svizzeri non fanno. Quindi? Questi tutti a casa? Ma chi lo manda avanti il Ticino (senza contare della ricaduta economica su VCO, VA e CO)? Max Lavecchia dice: "giusto e corretto il dirito di importare in casa propia personale selezionato anche a livello penale", perchè oggi non si fa? Prima di assumere qualcuno, non fanno controlli? Controlli formali e controlli informali... Quindi, tutta la faccenda del casellario, deve essere presa per quello che è, una "boutade" di un'area politica che sta "giocando" con le paure, legittime, della gente. Ma risultati? Si dimostra come il populismo serva solo per far felici qualcuno, arricchire e/o dare potera ad altri, ma che alla società, non serve a niente. I frontalieri, fino a quando varranno le attuali differenze economiche tra Italia e svizzera (tasso di cambio, costo del lavoro, livello di tassazione,...) i frontalieri continueranno ad esserci e fare la "fortuna" della vicina svizzera! Come vedi, Trump, la destra, la sinistra, Renzi, Hillary e compagnia cantante non c'entrano nulla in questo discorso! Saluti Maurilio
"Sì" al casellario d'obbligo per lavorare in Svizzera - 16 Novembre 2016 - 14:55
Populismo quanto basta...
Robi, Max Lavecchia e altri, state mettendo sullo stesso piano aspetti completamente diversi. Iniziamo con il dire che un lavoratore regolare, frontaliere o domiciliato, è censito, paga tasse, contributi e tutto il resto, in Italia, svizzera e nel resto del mondo! Quindi, dire che "l'immigrazione ha portato molti problemi di ordine pubblico e la delinquenza straniera dilaga" è una "baggianata" (senza offesa)! Di quale immigrazione stiamo parlando? Ovvio che il problema c'è con tutti quelli che non sono "regolari", stipendiati in nero, reclutati con metodi "poco leciti" e via discorrendo. Quando "importi(are) in casa propia personale selezionato", lo hai già selezionato, "anche a livello penale" anche se non è obbligatorio! Questo è il caso dei frontalieri. Ricordiamo che In Italia, per poter accedere a diversi ruoli, in particolare nel pubblico, è necessario, almeno lo era fino a qualche tempo fa, presentare il certificato del casellario giudiziale, non mi sembra che sia servito a granchè! Quello che non si dice, almeno in Italia, è che c'è una "classe media" svizzera, "inca**ata" con gli italiani, ma, soprattutto con gli imprenditori svizzeri, perchè, approfittando del cambio favorevole, assumono lavoratori italiani, a parità di specializzazione, pagandoli molto meno. Ma stiamo parlando di una minoranza, visto che la maggior parte dei frontalieri occupa posizioni di "basso" profilo. Cosa significa "distingua lavoratori specializzati da manovalanza generica"? La manovalanza generica sono i frontalieri! Cavalcando questo "malcontento", le paure per un'immigrazione, anche se solo di passaggio, selvaggia, qualcuno ne sta approfittando, con del "buon sano" populismo, che non porta a nulla se non a far parlare di se', tutto il mondo è paese! Saluti Maurilio
"Sì" al casellario d'obbligo per lavorare in Svizzera - 16 Novembre 2016 - 06:44
malessere generale
Forse il problema è più generale. Il frontaliere è un lavoratore specializzato e non un pregiudicato. In svizzera come in tutti i paesi occidentali l'immigrazione ha portato molti problemi di ordine pubblico e la delinquenza straniera dilaga. Purtroppo in momenti del genere e data l'incapacità dei governi di far fronte al fenomeno i problemi si confondono. Servirebbe un sano pragmatismo che distingua lavoratori specializzati da manovalanza generica, delinquenti da gente perbene. Ma per far questo occorrono leggi ferree e controlli. E certamente non il lassismo e il permissivismo che finalmente stanno crollando sotto i colpi della vita reale. La colpa è solo degli imbelli governi occidentali che sono riusciti a far marcire una società sana in nome di multiculturalismo e assistenzialismo, abbandonando sicurezza e rispetto per le leggi. E il risultato è anche che i frontalieri da lavoratori specializzati sono diventati ratti. ..
"Sì" al casellario d'obbligo per lavorare in Svizzera - 15 Novembre 2016 - 20:26
Lupusinfabula
Come si vede che non sà di cosa si parla ! Non basta avere un figlio che lavora in svizzera, per capire sulla propria pelle le cose che voglio dire ! C'è un accanimento , che non fà che peggiorare e rendere difficile la vita già dura , e non è vittimismo . Sono molti i loro problemi, però fanno salti mortali pur di essere puntuali al lavoro, nonostante frane , chilometri andata e ritorno . Ma per lavorare si fa di tutto , ma il peggio se incominciono , a vederti come un ratto , e c'è chi ti rende la vita difficile . Non i datori di lavoro e per fortuna non tutti. Sanno benissimo, che rimarrebbero come una macchina con gomme sgonfie sè venissero via tutti , gli operai , camerieri , infermieri , muratori , manovali e tanti altri
"Sì" al casellario d'obbligo per lavorare in Svizzera - 15 Novembre 2016 - 17:47
Non mi pare
Non mi pare che riguardi solo i frontalieri, ma TUTTI coloro che intendono lavorare od avere un domicilio in svizzera: e basta con sto vittimismo dei frontalieri!!! Ma se non vi vanno bene le norme elvetiche abbandonate quel paese ed i loro opifici!! Le tasse le pagano tutti i lavoratori, anche quelli che non lavorano in svizzera! Perchè sputare nel piatto in cui si è mangiato e si mangia?? Sono i lamentosi con mania di persecuzione come Grazia che rendono invisi i frontalieri. Conosco gente che ha lavorato un'intera vita in svizzera ed ancora oggi, ormai in pensione, sono in ottimi rapporti con i loro ex datori di lavoro elvetici, con i loro ex colleghi svizzeri e con essi intrattengono rapporti di amicizia: certo si sono guadagnati stima e rispetto sul campo come solo gli italiani all'estero sanno fare.Vedo mio figlio che pur essendo ancora giovane è entrato in una ditta svizzera ai livelli più bassi ma in pochi anni ora ricopre un posto di rilievo con uno stipendio che un suo pari età ed esperienza in Italia si sogna; certo ha accettato di andare anche in America ed in altri stati esteri per conto della sua ditta, ma come dovunque, anche in svizzera, chi merita e sa farsi valere fa carriera: gli altri è giusto che restino al palo.
"Sì" al casellario d'obbligo per lavorare in Svizzera - 15 Novembre 2016 - 16:13
svizzera e Frontalieri
Allora , da quando ci sono stati gli accordi bilaterali fra la svizzera e l'Unione Europea , i controlli alla frontiera si sono molto allentati ! Nel l'orario di entrata dei frontalieri ( quello che purtroppo diversamente era una volta ) , nemmeno ti fermano , solo se eventualmente vedono una targa della macchina , di province diverse da quelle confinanti al Ticino . I doganieri non sono inaspriti verso i frontalieri , lo sono solo alcuni politici svizzeri che trovano comodo , per loro interessi "elettorali" , riversare sui frontalieri problemi loro che i frontalieri non ne possono niente ! Vogliono spremerli come dei limoni , così trovano consensi , tassarli al 100% , anche se non vivono in svizzera , anche se a loro non devono i servizi come ai residenti . I frontalieri non votano , perciò non rompono le scatole nemmeno dopo la pensione , non possono chiedere di avere un aumento o la tredicesima. Ultimo anche il casellario , solo per motivi politici! Sempre e comunque e i frontalieri!
"Sì" al casellario d'obbligo per lavorare in Svizzera - 15 Novembre 2016 - 13:10
richiesta ragionevole
ciao maurilio io passo quella dogana 7 8 giorni di fila dopo le 22 e come dici tu MAI VISTA una pattuglia non capisco dove le vedano i tizi tutte queste pattuglie approvo in pieno il tuo ragionamento la richiesta e puramente politica perchè se voglio rubare in svizzera certo non mi serve il permesso di lavoro quelli che hanno commentato sopra non conoscono una fava del problema e parlano tipo homer simpson bla bla bla
"Sì" al casellario d'obbligo per lavorare in Svizzera - 13 Novembre 2016 - 09:55
Sempre per Lady
Se a Verbania ti portano in tribunale per 10 canne è cosa giusta e sacrosanta; non per nulla e grazie alle forze dell'ordine viviamo in un'area relativamente tranquilla dal punto di vista della delinquenza. Vogliamo forse che anche Verbania circondario diventino come Napoli e affini?Se cala l'attenzione anche sui piccoli reati si spiana la strada a quelli più gravi. Il tuo ragionamento mi pare simile a quelli che dicono: fai la multa a me solo perchè andavo forte quando in giro ci sono i ladri? I ladri dicono: perseguite noi che non abbiamo fatto violenza fisica alcuna a nessuno quando in giro ci sono gli stupratori? Gli stupratori dicono; è vero ho stuprato ma in fondo non ho ucciso nessuno e ve la prendete con noi quando in giro è pieno di assassini? Preso l'assassino quello dice: è vero ma ho uccsio una sola persona: e ve la prendete con me quando c'è chi fa attentati e di persone ne uccide decine. E via cantando: quindi viva la GdF se ti becca con 10 canne e ti porta in Tribunale e Verbania resta vivibile. Così se vai a cercare lavoro in svizzera e sul ceretificato penale risulta l'arresto per le canne il datore di lavoro sà che sta assumendo se non un probabile spacciatore, quantomeno un tossico.
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti