Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Politica

Zacchera e Marcovicchio ancora polemiche

Riportiamo dal sito di Marco Zacchera, l'ultimo numero della newsletter "Il Punto", argomenti trattati: E adesso Renzi – Piemonte: sentenza politica – Stile Fiat - Elezioni a Verbania.
Verbania
Zacchera e Marcovicchio ancora polemiche
ELEZIONI A VERBANIA
Da tempo sostengo prudenza con la candidatura a sindaco di Verbania per il centro destra di Marco Parachini che non ritengo adatto al ruolo e propongo delle primarie per la scelta del candidato. Quello che segue è tratto testualmente dal comunicato redatto dal mio giovane ex assessore Matteo Marcovicchio, fortemente vicino a Valerio Cattaneo

…”C’è chi tenta azioni disperate provocando finti dibattiti sui media e non nelle sedi e con le persone opportune. Del resto chi si oppone ossessivamente a Parachini e a chi lo sostiene, sono singole persone. Enrico Montani è un militante della Lega (Montani è stato deputato e senatore della Lega fino al febbraio 2013 – ndr) e non il suo segretario. Marco Zacchera rappresenta solo se stesso. Autosospesosi dal PDL, ammiccante al Nuovo Centro-Destra ma vicino idealmente a Fratelli d’Italia sta con tutti e con nessuno, compreso il Centro-Sinistra. Dice che è il momento di andare oltre gli schieramenti, ma tenta di accreditarsi come padre nobile del Centro-Destra. La sua decisione di dimettersi e interrompere il mandato conferitogli dagli elettori, presa al di fuori dei partiti e contro i partiti della coalizione lo estromettono da ogni ruolo attivo. Stupisce anche che ogni sua esternazione, priva di ufficialità, venga dai media interpretata come voce autorevole…”
Verbania 11.2.2014 – Nuovo Centro-Destra con Alfano – Matteo Marcovicchio

Al giovane rampante yuppie Marcovicchio, La Lega Nord e Fratelli d’Italia hanno già risposto con comunicati esaustivi.
Personalmente per ora mi limito a riportare il suo comunicato perché il piglio saccente, la stoffa arrogante e fuori dai tempi fanno da corollario ad una candidatura calata dall’alto e credo che ogni lettore nel leggere un comunicato del genere possa farsi una propria opinione dei rischi che il centro destra stia correndo considerando che da sempre le “primarie” sono segno di democrazia e di ascolto mentre Marcovicchio risponde tentando di screditare la credibilità delle persone, attività che a quanto pare lo impegna più che la politica.
Verrà il momento per affrontare anche questo delicato aspetto. Grazie comunque a Matteo per la riconoscenza, ma soprattutto perché così tutti adesso possono capire lo stile, i metodi, la “stoffa” e le smodate ambizioni di certa gente che avevo intorno.

ARRIVA RENZI, COSA CAMBIERA’ ?
Viviamo in uno strano paese. Neppure 24 ore dopo che il premier Enrico Letta aveva presentato “urbi et orbi” il suo programma di rilancio per l’Italia da qui al 2018 eccolo silurato ed affondato da Matteo Renzi, che solo pochi giorni fa sosteneva “ Con me ai vertici del PD Letta è più forte”.
D'altronde lo stesso Letta insisteva “Non mi dimetterò”, cosa che ha puntualmente fatto due giorni dopo averlo strenuamente dichiarato. Anomalie di un Partito Democratico che ora punta tutto su Renzi e cannibalizza uno dopo l’ altro tutti i suoi suo leader, sport cui nel recente passato si è ampiamente distinto.
Immaginatevi che cosa potranno pensare di noi i ricchi sceicchi arabi che solo ad inizio settimana ricevevano Letta con tutti gli onori e che l’hanno visto distrutto in tre giorni: si potranno mai fidare degli italiani?
La confusione è massima visto che dovremmo essere una repubblica parlamentare ma entrambe le attuali vedettes della politica italiana, Renzi e Berlusconi, non siedono in parlamento e anche questa è un’altra anomalia soprattutto visto che siamo al 3° governo di fila condotto da persone non scelte per via elettorale: ma la sovranità non apparteneva al popolo? .
Dunque, Renzi. Gli vanno fatti comunque gli auguri e non resta che vedere che cosa, concretamente, sarà capace di fare tenendo conto che l’Italia è stremata, che è difficile fare peggio ma che nello stesso tempo - ove anche l’immagine del giovane leader dovesse tramontare - presto saremmo nel buco più nero. Renzi eredita una situazione drammatica per cui non basterà la sua “smisurata ambizione” a risolvere i problemi, ma è anche l’unico ad avere teoricamente le carte in mano per rovesciarla: maggioranze blindate in parlamento, indubbio appeal personale, faccia nuova in una politica asfittica…non ci resta che vederlo davanti alla prova dei fatti.

REGIONE PIEMONTE: SENTENZA POLITICA
Le sentenze si rispettano, ma in democrazia si può ancora protestare ed io quindi come cittadino piemontese protesto e denuncio come squisitamente “politica “ la decisione di sciogliere il consiglio regionale del Piemonte.
Con una brevissima udienza il Consiglio di Stato ha infatti rigettato il ricorso del presidente Cota e – dando ragione al TAR – ha annullato le elezioni del 2010. Difficile peraltro che decidesse in modo diverso visto che il caso è stato affidato alla stessa 5a sezione che già in passato si era espressa “pro TAR” e che quindi difficilmente avrebbe sconfessato sé stessa.
Tutti a casa, quindi, il voto di milioni di persone non è contato nulla, quelli che hanno votato “Pensionati per Cota” erano tutti evidentemente dei cittadini cretini perché NON volevano votare Cota come presidente (logica aberrante e contro ogni buonsenso) e poiché quella lista è stata presentata con firme non debitamente autenticate “non esisteva” e quindi 27.000 cittadini non sono stati solo dei cretini, ma sono anche diventati dei fantasmi.
Infine un’ulteriore presa per i fondelli sono le dichiarazioni dell’ex presidente Mercedes Bresso, la presidentissima ai tempi della sinistra che tuona “finalmente giustizia è fatta”. Bene, allora si ricandidi Lei alla presidenza della Regione, cara la mia Bresso, visto che – Magistrati o no – nel 2009 si era preso una bella intronata (ho cambiato il termine in uso per questioni di buon gusto) dal corpo elettorale. Invece no, Chiamparino è già in pista sicuro del successo e la Mercedes (Bresso) resterà rottamata, ma con i piemontesi che nel frattempo si sono probabilmente dimenticati dei disastri che con lei la sinistra aveva combinato. Speriamo di no, anche perché quei danni li stiamo ancora pagando e comunque si è già visto come sono finite certe “gioiose macchine da guerra”…

STILE FIAT
Che la Fiat di Marchionne abbia formalmente lasciato l’Italia e trasferito all’estero sede e recapiti fiscali ha tenuto poco banco sui media italiani che hanno trattato la faccenda come un dato tecnico e poco di più. Peccato così che pochi abbiano sottolineato una grande verità e cioè come la FIAT per decenni abbia spolpato l’osso Italia per tutto quanto possibile – dai contributi di stato alla cassa integrazione - e poi, digerita la “ciccia”, se ne sia andata. Una volta di più vince il capitalismo del “I miei costi e i debiti cerco di farli pagare agli altri, gli utili me li tengo io” che in casa Agnelli sono buona regola dai tempi dei bisnonni. Pensate per un attimo se il “sistema Italia” fatto da milioni di piccole imprese avesse avuto le stesse possibilità di credito e finanziamenti di FIAT negli ultimi decenni… Credo che il nostro paese sarebbe già da tempo fuori dalla crisi.



8 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Rizzo Benito Marcovicchio.....
Rizzo Benito
17 Febbraio 2014 - 17:28
 
Questa volta il giovane yuppie, come si suol dire, l ha fatta fuori dal vaso.
Vedi il profilo di renato brignone il suo mentore
renato brignone
17 Febbraio 2014 - 18:20
 
il suo mentore chiamerà un impresa a pulire... poi lo scontrino sapete che fine farà? :)
Vedi il profilo di Rizzo Benito Riflessione
Rizzo Benito
17 Febbraio 2014 - 21:21
 
L'intervento di Zacchera é molto significativo e per certi aspetti illuminante. A parte Marcovicchio che a quanto pare avrà tempo e modo di preoccuparsi, irrompe sulla scena della crisi verbanese anche Cattaneo. Il Fester di Ghiffa, come ormai viene simpaticamente chiamato in città, accomuna tanti protagonisti della vicenda: oltre a Marcovicchio non è una novità che manovrasse altri discussi assessori della ex giunta verbanese, oltre all'addetto stampa del comune. Qualcosa mi dice che non è finita qua .....
Vedi il profilo di paolino metodi poco simpatici
paolino
17 Febbraio 2014 - 22:05
 
povero ex sindaconorevole,scaricato anche dal giovane Marcovicchio!
e che tristezza il livore che trasudano le parole nei confronti del giovane che "osa sfidare" il vecchio podestà,il quale unitamente ai suoi ultimi e pochi seguaci usa nei confronti di Marcovicchio un mix di derisione e velate allusioni,un po' minacciose,tipiche di altre latitudini.
ribadisco che Marcovicchio ha buona volontà (e idee distantissime dalle mie!) e che nella tragicomica esperienza amministrativa zaccheriana provava a darsi da fare,scontrandosi però con l'immobilismo e l'incapacità totale di chi guidava l'amministrazione.
l'ex sindaco sta uscendo di scena nel modo peggiore,una caduta di stile dietro l'altra.
Vedi il profilo di Tommaso Strano
Tommaso
18 Febbraio 2014 - 02:48
 
L'endorsement di paolino bei confronti del giovane yuppie sa proprio di abbraccio mortale ..... Della serie i nemici del mio nemico sono comunque miei amici ........
Vedi il profilo di paolino sano ricambio
paolino
18 Febbraio 2014 - 08:40
 
nessun endorsement,Tommaso,non sono impazzito! solo che mi infastidisce il fatto che chi ha già dato (e preso,un sacco) voglia impedire a un giovane (che forse non sarà mai uno statista,ma non è che chi l'ha preceduto possa vantare grandi risultati..) di provarci. Zacchera ha fatto il parlamentare per un ventennio,votando tutte le leggi vergogna ( e guadagnando una montagna di soldi),e ha tentato di fare il sindaco per quattro anni,coi risultati tragici che abbiamo visto. vuol farsi da parte o no? cosa vuole ancora? ha avuto una marea di chances di fare qualcosa,e le ha fallite. tutte. si faccia da parte,e lasci provare qualcun'altro.
Vedi il profilo di Rizzo Benito Non per questo
Rizzo Benito
18 Febbraio 2014 - 14:02
 
Paolino tutto quello che dici dal tuo punto di vista ci può stare; ovviamente io non sono d'accordo ma va beh, opinione personale. Quello che invece non ci sta é il fatto che tu stia cercando di far passare Marcovicchio per quello che non è mai stato. A dirla tutta il giovane yuppie non è che sia proprio cosi ben visto nell'ambiente di centrodestra, proprio per il fatto di essere stato nominato ovunque dal suo capo, al di là dei suoi reali meriti......... Quindi ribadisco calma e gesso ...... La pipì fuori dal vaso ormai è fatta, vediamo di limitarci a quello, ammesso che basti.
Vedi il profilo di Alberto Furlan Parole sempre e solo parole
Alberto Furlan
18 Febbraio 2014 - 19:48
 
Ricordo un vecchio proverbio "la miglior difesa è l'attacco", qui ne abbiamo la dimostrazione lampante; non penso si possa criticare un giovane, che ha da poco iniziato a farsi un sentiero nella politica, poi, in questa politica che è tutto dire.
Fiat, tutti siamo d'accordo che gli Agnelli hanno mangiato, sfruttato, approfittato e chi più ne ha più ne metta, ma chi gli ha permesso agli Agnelli di fare tutto questo, LA VECCHIA SPORCA POLITICA, quindi, lasciamo che i giovani politici inizino il loro cammino, di certo, viste le esperienze passate, non faranno peggio di quelli che purtroppo hanno ancora la sedia sotto il sedere.



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
16/01/2017 - Seminario su MaRHE Center Maldive
16/01/2017 - M5S su revoca fondi Fondazione Cariplo
16/01/2017 - Sondaggio IPR Marketing: Marchionini 18^
16/01/2017 - Lega Nord sui fondi revocati da Fondazione Cariplo
16/01/2017 - Fratelli d'Italia torna sul Bando Periferie
Verbania - Politica
15/01/2017 - Agenda Digitale: le proposte del PD
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti