Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Cannobio : Politica

Cronaca di una morte annunciata

Dal blog dei Democratici di Cannobio, delle riflessioni sul DEA.
Cannobio
Cronaca di una morte annunciata
La morte annunciata non è quella di Topo Gigio, che resiste.

Sul declassamento di un DEA nella provincia si sta dicendo e scrivendo molto.
Anche noi vorremmo contribuire, sperando di non scadere nella banalità e di non attizzare la cenere, ma con la solita vis polemica.

Fioriscono proverbi e titoli: "non ci resta che piangere" ha scritto qualcuno (non il solito qualcuno, un altro qualcuno), "chi è causa del suo male pianga sé stesso", parole di qualcun altro.

Al di là della posizione imbarazzante di “nostri” politici, della quale, francamente ce ne infischiamo, il problema è che la questione non solo divide (e chi impera sa quanto sia vantaggioso) un territorio già diviso su posizioni campanilistiche, ma si gioca sulla pellaccia dei cittadini che non sono solo un bacino importante, anche se solo grande come un quartiere di Torino, di voti.

Ora diciamo la nostra.

Partiti in quarta a difendere a spada tratta il Castelli di Verbania, sul quale si sta per calare la “mannaia” dei tagli alla Sanità (che sono probabilmente tagli agli sprechi, ai carrozzoni malfunzionanti, ai medici “marchettari”), ma che sono anche tagli ai servizi al cittadino per il quale la salute è un diritto inalienabile sancito dalla Costituzione, abbiamo fatto un incontro illuminante e fortunato (sembra una favola, ma ormai avete capito che a noi le favole piacciono assai).

Uno di noi, non a caso, esperto di emergenze, ci ha raccontato come in realtà funzionino le cose, dall’interno: a Verbania due medici al DEA, a Domo la stessa cosa, un medico al pronto soccorso di Omegna, per un totale di cinque unità (quando al DEA delle Molinette di Torino si alternano due o tre medici). Il problema è che comunque se hai bisogno dello specialista, sfumato ormai il progetto dell’Ospedale Unico (sempre per le sopracitate guerre da “salviamo il nostro orto, che siamo i più bravi”), devi aspettare che arrivi, e se ti capita sotto le feste, comunque arriva dopo il lauto pranzo, piuttosto imbufalito, perché gli hai rovinato la digestione.

Domodossola è agguerrita, gli Ossolani scendono in piazza, a Verbania gli puoi passare sopra con una ruspa e non si fanno sentire. Ma non è questo il punto.

Il punto è che cosa sia davvero meglio per i cittadini e non per il territorio, che è un’entità astratta della quale i soliti noti si riempiono la bocca, che cosa sia più funzionale, come assicurare una capillare ed efficiente risposta alle emergenze, senza creare cittadini di serie A e di serie B, senza costruire altre cattedrali nel deserto, ma assicurando standard qualitativi alti nell’assistenza sanitaria, nonostante le difficoltà logistiche.

Altra questione spinosa è il punto nascite: da tempo il nostro (sempre lui), sostiene che si sia creata l’ennesima buffonata. I parametri numerici dettati in primis dall’OMS (l’Organizzazione Mondiale della Sanità), per garantire una minima sicurezza sono di almeno 1000 parti all’anno: Domo e Verbania, insieme, non sono in grado di rispettarli con una media rispettivamente di poco più di 200 e sotto i 500 parti all’anno, quindi ben al di sotto della soglia.
L’arroccamento su posizioni campanilistiche ha fatto sì che si sia creata la situazione per la quale vengono appunto assoldati professionisti a contratto che arrivano anche da lontano, non conoscono le pazienti e per ridurre al minimo i rischi di un lungo travaglio, effettuano il cesareo.

Ancora qualche dato: la percentuale di cesarei che sempre l’OMS giudica corretta è di circa il 15%, in Italia la media è 25% alzata sopratutto dalle strutture del centro-sud, attualmente Verbania si assesta sul 27%, Domodossola al 41%, con le conseguenze che i parti naturali nel VCO sono statisticamente molto bassi.

Domo si è messa nelle condizioni di vincere questa “battaglia”, con le sale operatorie rinnovate da poco, il reparto di Rianimazione con posti letto superiori a quelli di Verbania e la recente apertura dell’ emodinamica.
Dovrebbero scattare gli applausi o i fischi a seconda di chi fa il tifo.

In noi scatta solo la molla della paura e il senso di sconforto, perché, per l’ennesima volta ci siamo fatti fregare e non sappiamo neanche da chi.

Questo genera rabbia (ed è un sentimento condiviso): perché quando non sai chi ti sta fregando, il primo che becchi gli fai un paiolo grosso come una casa, poi ti accorgi che non c’entra nulla, che era colpa di un altro, ma il danno ormai l’hai fatto.

È la legge dei disperati, e chi è malato, spesso è, tra le altre cose, anche disperato.

Chiediamo che non si giochi ancora una volta sulla nostra pelle, perché anche se quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare, è anche vero che gli scherzi sono belli quando durano poco.
Chi ha orecchie per intendere, intenda!
 Fonte di questo post



7 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Giovanni Finalmente una voce intelligente.
Giovanni
15 Novembre 2014 - 14:48
 
Zonotti docet
http://www.verbaniasettanta.it/ospedale-ultimo-atto/
Vedi il profilo di lupusinfabula E quindi?
lupusinfabula
15 Novembre 2014 - 15:00
 
E quindi cosa fare?
Vedi il profilo di robi Zanotti chi?
robi
15 Novembre 2014 - 15:22
 
Quello che considera una "stupidaggine" il progetto ospedale unico? Meno male che il peggior sindaco della storia di Verbania si è ritirato, ma non si tira indietro quando si tratta di dire scempiaggini. Grazie a quelli che la pensano come lui che siamo ridotto così. Meglio ritorni ad un dignitoso silenzio.
Vedi il profilo di lady oscar e quindi
lady oscar
15 Novembre 2014 - 16:11
 
Facciamo come gli ossolani: Incaxxiamoci e scendiamo in piazza.
Vedi il profilo di Arturo Ospedale unico stupidata
Arturo
15 Novembre 2014 - 16:11
 
L'odpedale unico è un evidente sciocchezza. Ne indica la necessità solo chi ha idee strane e bislacche o è interessato a porre in essere eventuali opere di costruzione. Ma come si fa solo a pensste di costruire un ospedale a Piedimulera in mezzo sl nulla?
Vedi il profilo di sportiva mente @robi
sportiva mente
15 Novembre 2014 - 16:26
 
è necessario ricordare che il peggiore, inteso come sindaco, è stato zacchera, colui che ci consegna, forse, il CEM e colui che ci ha consegnato in mano al commissario. Ma lei è di destra e ha poca memoria.
Vedi il profilo di robi Memoria lunghissima
robi
15 Novembre 2014 - 17:37
 
Caro poco sportivamente, la mia memoria è lunghissima. Confermo quello che ho detto e ci aggiungo il carico da novanta dicendo che il CEM è una grande cosa per Verbania. Io sono di destra ma ho un passato di sinistra, e so bene come ragionano certi personaggi. Se ora abbiamo le pezze al cu.lo è grazie ai signori che tanto ammirate. Contenti voi......



Per commentare occorre essere un utente iscritto
Iscriviti con la tua email
Cannobio
21/07/2017 - Insieme con Rugge
20/07/2017 - Raffaella Morelli con il suo violino a Cannobio
16/07/2017 - Cannobio: Eventi e Manifestazioni dal 17 al 23 luglio
11/07/2017 - Turismo e Case Cantoniere: Cannobio c'è
09/07/2017 - Cannobio: Eventi e Manifestazioni dal 10 al 16 luglio
Cannobio - Politica
22/03/2017 - SS34: fissato appuntamento con il Ministro
11/08/2016 - Fondazione Comunità Attiva nuovo Consiglio
04/08/2016 - Fondazione Comunità Attiva torna il sereno
18/02/2016 - Costruiamo assieme una rete culturale-teatrale condivisa in ambito provinciale
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti