Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Politica

Presidente Costa dopo riunione sul futuro della Provincia

Seconda riunione nella mattinata odierna dell’Osservatorio regionale istituito per la ricognizione, secondo quanto stabilito dalla legge Delrio, delle funzioni delegate alle province e per la loro eventuale ridistribuzione tra enti.
Verbania
Presidente Costa dopo riunione sul futuro della Provincia
“Ci ritroveremo con il Presidente Chiamparino e gli Assessori Reschigna e Valmaggia tra Natale e Capodanno per entrare nel merito di una decisione finale, anche alla luce del testo definitivo della legge di stabilità, al voto in Senato venerdì, sebbene i presupposti non ispirino ottimismo e nonostante ci sia stato detto che a Roma sono ormai in molti ad aver compreso che il proseguimento della riforma Delrio risulti a questo punto impraticabile. Di fatto è purtroppo improbabile che il testo che approderà in aula riservi novità che possano salvare le Province sull’orlo del dissesto.

I tagli ai trasferimenti già attuati e quelli previsti non consentono alla quasi totalità degli enti di coprire le spese per le funzioni fondamentali assegnate dallo Stato (edilizia scolastica, viabilità e difesa del suolo), figuriamoci per le funzioni delegate, che la Regione non pare disposta ad assumere su di sé, perché vorrebbe dire farsi carico anche del personale che se ne occupa e ciò in una situazione di grave disavanzo per la stessa Regione, che per prima si è imposta di razionalizzazione il proprio organico” ribadisce il presidente della Provincia del VCO Stefano Costa.

“Da parte mia – continua – nella riunione di stamane ho richiamato l’attenzione sull’insostenibile situazione finanziaria che grava sulla nostra Provincia, che registra il record nazionale per tagli ai trasferimenti negli ultimi 4 anni, e di come stiamo cercando di affrontare questo nodo drammatico in piena trasparenza con una seconda riunione, nel pomeriggio del prossimo venerdì, di un tavolo tecnico-politico, teso a estendere anche all’esterno dell’ente la consapevolezza di come per la Provincia del VCO non vi sia futuro in seguito alla pesantissima riduzione nei trasferimenti decisi con la legge di stabilità in via di approvazione e a quelli già operati dal decreto 66 dello scorso aprile.

Ho evidenziato anche come siamo la prima tra le otto province piemontesi ad avere istituito con il sindacato un gruppo di lavoro per monitorare la possibilità di mobilità del nostro personale verso altri enti, anche se lo spostamento di dipendenti delle provincia verso altri uffici pubblici si è già abbondantemente effettuato negli scorsi tre anni e ora la situazione risulta piuttosto satura”.

Da ciò che il Presidente Costa riporta della riunione odierna si apprende come la Regione sembrerebbe indirizzata a riorganizzare la gestione del trasporto pubblico locale, della formazione professionale, ma anche dei servizi legati al ciclo idrico e dei rifiuti, a livello di ‘quadrante’, con convenzioni tra province, ma non assumendosene direttamente le funzioni.

“Per quanto riguarda le politiche della montagna, nota positiva, la Provincia del VCO, almeno nominalmente, viene già indicata come dotata di ‘specificità’ e dunque designata con UNCEM e le Unioni dei Comuni a partecipare al tavolo dedicato ad affrontare questo ambito.

A questo proposito – conclude Costa – ho voluto evidenziare come il nostro territorio risulti quello in cui viene prodotto un terzo di tutta l’energia idroelettrica realizzata in Piemonte e che dunque non si possa prevedere, come inteso dalla manovra economica regionale, aumentare il canone di concessione per lo sfruttamento di una nostra risorsa prevalente senza che, ancora una volta, non ci venga riconosciuto quello che – proprio in virtù della nostra specificità – ci spetta. Attualmente si tratta di un incasso per la Regione di 12 milioni che con questo aumento salirebbe almeno a 20”.



2 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Alberto Furlan Province
Alberto Furlan
19 Dicembre 2014 - 09:32
 
Gli incontri che fanno dovrebbero essere più costruttivi, almeno per rispetto al popolo che paga tutte le loro scelte; cominciare ad eliminare molta gente che siede sulle cadreghe e magna a quattro ganasse, questo sarebbe un bel regalo per l'anno nuovo, non cercare altre cadreghe per quella massa di trombati dalla politica nazionale e regionale!
Vedi il profilo di garzoli gabriele Provincia VCO
garzoli gabriele
28 Dicembre 2014 - 10:53
 
I signori che hanno tanto sostenuto la costituzione della provincia dove sono finiti? L'attuale struttura politica è l'espressione massima della non Democrazia, ma di una schifosa spartizione politica. Così come le proposte di una riforma elettorale gestita in camera caritatis. E' il risultato eclatante che l'assenteismo sia il partito di maggioranza assoluto la dice lunga. Il Medioevo politico mi auguro finisca quanto prima con la crisi economica voluta dagli stessi barboni che ci rappresentano attraverso partiti inesistenti ma solo lobbies di potere.



Per commentare occorre essere un utente iscritto
Iscriviti con la tua email
Verbania
18/01/2017 - Assemblea Congressuale Auser Verbania
18/01/2017 - Costa su revoca finanziamenti Fondazione Cariplo
18/01/2017 - "Cittadini con Voi" e "Sinistra & Ambiente" fanno il punto
18/01/2017 - Metti una sera al cinema speciale Cinegusto - Red Obsession
18/01/2017 - PsicoNews: Che tristezza il giorno più triste dell’anno!
Verbania - Politica
17/01/2017 - Nessuna vessazione per lo sfratto dalle case popolari
16/01/2017 - M5S su revoca fondi Fondazione Cariplo
16/01/2017 - Sondaggio IPR Marketing: Marchionini 18^
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti