Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : LegalNews

LegalNews: Contratto di assicurazione e clausole di dubbia interpretazione

La Suprema Corte con la recente sentenza n. 668/2016 ha esaminato il tema della interpretazione delle clausole del contratto di assicurazione formulate ambiguamente.
Verbania
LegalNews: Contratto di assicurazione e clausole di dubbia interpretazione
La fattispecie sottoposta al giudizio della Suprema Corte è la seguente: una società produttrice di calcestruzzo contraeva con un istituto bancario un finanziamento per coprire i costi per la realizzazione di un nuovo impianto; il contratto con la banca prevedeva che la società stipulasse un contratto di assicurazione contro i rischi da scoppio e che, in caso di sinistro, l’indennizzo venisse corrisposto direttamente alla finanziatrice.

Purtroppo si verificava il sinistro e le tre società coassicuratrici eccepivano la non indennizzabilità dello stesso, in quanto il contratto prevedeva che fosse oggetto di copertura assicurativa esclusivamente l’ipotesi di scoppio causato da “eccesso di pressione”, mentre nel caso in esame si era verificato un cedimento strutturale. In sostanza le compagnie assicuratrici affermavano che la clausola contrattuale menzionata dovesse essere interpretata prendendo come riferimento per l’eccesso di pressione quella massima progettualmente prevista e non, al contrario, qualsiasi pressione eccessiva rispetto alla tollerabilità di un impianto con difetti strutturali come quello assicurato.

In primo grado il Tribunale condannava le compagnie al pagamento dell’indennizzo, mentre la Corte d’Appello ribaltava la decisione escludendo l’indennizzabilità del sinistro, sposando la tesi delle assicuratrici.

La Suprema Corte, invece, ha ritenuto il sinistro indennizzabile, partendo dalla premessa – più che condivisibile – che nel nostro ordinamento vige il principio per il quale il contratto di assicurazione deve essere redatto in modo chiaro e comprensibile. A ciò consegue che – in presenza di clausole contrattuali ambigue e, quindi, di dubbia interpretazione – il giudice non può attribuire ad esse un significato pur teoricamente non incompatibile con la loro lettera, senza prima ricorrere all'ausilio di tutti gli altri criteri di interpretazione del contratto previsti dagli artt. 1362 c.c. e ss., ed in particolare quello dell'interpretazione contro il soggetto che ha unilateralmente predisposto la clausola, di cui all'art. 1370 c.c..

Avv. Mattia Tacchini



0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
24/07/2017 - Pagamenti delle Pubbliche Amministrazioni: bene Verbania
24/07/2017 - Lega Nord su Commissione Urbanistica
24/07/2017 - Sicurezza in città: maggiore presenza della Polizia Locale
24/07/2017 - Cinema sotto le stelle: "Forza Maggiore"
24/07/2017 - Luoghi d’arte e di fede concerto a S. Giuseppe
Verbania - LegalNews
24/07/2017 - LegalNews: Controllare il lavoratore per mezzo del badge: è legittimo?
17/07/2017 - LegalNews: Birreria in condominio: chi è responsabile dei rumori?
10/07/2017 - LegalNews: La responsabilità da intervento chirurgico inutile
03/07/2017 - LegalNews: Auto d’epoca e capacità reddituale
26/06/2017 - LegalNews: Assegno di mantenimento per i figli: modifica d’ufficio da parte del giudice
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti