Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Spazio Bimbi

Spazio Bimbi: Emozioni che aiutano a crescere

Assistiamo sempre più spesso alla tendenza di dividere le emozioni in due gruppi: quelle positive e quelle negative. Ma è davvero così? È giusto proteggere i bambini da tristezza o rabbia ed altre emozioni considerate negative?
Verbania
Spazio Bimbi: Emozioni che aiutano a crescere
Questa settimana stavo riguardando “Inside out”, il lungometraggio della Disney dove si vedono cinque emozioni, gioia, tristezza, disgusto, paura e rabbia guidare le azioni e i sogni della piccola protagonista. È molto interessante in modo particolare vedere come il personaggio di Gioia cerchi in ogni modo di far sì che Tristezza agisca il meno possibile sullo stato d'animo di Riley, ma che alla fine si trovi a rivalutare il ruolo di questa emozione e capisca che anch'essa è fondamentale per la crescita della bambina.

La stessa cosa succede spesso ai genitori della vita reale: fin dalla nascita la vita di ogni essere umano è caratterizzata da esperienze a cui sono legate delle emozioni, che noi adulti siamo soliti raggruppare in piacevoli e spiacevoli. Molto spesso i genitori sono in grado di fare in modo che i propri figli non vengano a contatto con eventi che possano far scaturire in loro rabbia o tristezza, così sentiamo spesso frasi come: “Non farlo, altrimenti si arrabbia!” oppure “Non fare così, altrimenti il bambino piange”. Come fa Gioia, cerchiamo di limitare che sia la tristezza o la rabbia a prendere il controllo, seppure momentaneo, del nostro bambino.

Uno dei compiti di un genitore dovrebbe essere invece quello di accompagnare il bambino nella scoperta degli stati d'animo che è possibile sperimentare. Limitare l'esperienza di emozioni poco piacevoli sicuramente ha l'effetto immediato di preservare alcune lacrime e alcuni scoppi d'ira, ma il bambino dovrà rendersi conto in fretta che anche questi momenti fanno parte della vita ed ognuno di questi avrà l'importante ruolo di allenarlo a conoscersi e a capire come gestire anche gli stati d'animo meno piacevoli.

Il genitore in questi casi è il modello che insegna come non farsi sopraffare da sentimenti forti, che spesso possono fare perdere il controllo, spiegando al proprio figlio come sia normale provare determinati stati d'animo, ma che questi non debbano trasformarsi in comportamenti sbagliati e che su di essi è possibile mantenere un certo grado di controllo.

Sarà compito di mamma e papà guidare alla soluzione di situazioni problematiche, ma senza proporre una risoluzione già pronta dall'esterno. Dovrebbe essere il bambino a compiere lo sforzo di pensare a come uscire da una situazione che può portarlo a provare emozioni spiacevoli.

Diversi studi mostrano come bambini con intelligenza emotiva più sviluppata siano più equilibrati, più sereni e sicuri di sé, oltre ad avere un maggior rendimento scolastico.

Inoltre questi bambini sono capaci di gestire situazioni stressanti e di calmarsi da soli.

È chiaro quindi come proteggere i bambini da ogni emozione potenzialmente spiacevole significhi anche privarli di un importante gradino della propria crescita emotiva.

Dott.ssa Francesca Calzaretta
La Girandola – Spazio Psicoeducativo
lagirandola.spe@outlook.com



3 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di l crescere, dipende come
l
4 Settembre 2016 - 15:17
 
"...Diversi studi mostrano come bambini con intelligenza emotiva più sviluppata siano più equilibrati, più sereni e sicuri di sé, oltre ad avere un maggior rendimento scolastico..."

Dico una eresia, parola che al giorno d'oggi pare far rizzare i capelli più agli psicologi che ai preti, i primi hanno loro sottratto un ruolo che non sapevano più reggere, svuotato e imputridito è stato scalzato dalla nuova categoria, che ora sta a mio avviso perdendo palesemente forza perchè, in linea generale, poco di buono ha prodotto concretamente.
Poche volte sono stato sicuro di me, poche volte mi sono sentito equilibrato, raramente sereno, quasi mai ho avuto un decente rendimento scolastico. La causa è stata dei miei genitori? Spesso l'ho pensato, non hanno saputo modulare l'educazione, perchè ogni essere ha delle proprie specificità. Ora, con i miei anta, inizio a capire qualcosa di più. Queste belle cose che ho riportato dall'articolo e messo sopra fra virgolette, è dura ammetterlo, probabilmente non sono indispensabili, fondamentali per l'individuo. Per restare nel vostro campo, ad es. Hillman se ne era accorto e aveva proposto alcune sue osservazioni poco ortodosse. A mio parere c’è qualcosa di innato, qualcosa di molto più vasto di quel che si creda, che deve trovare il modo di esprimersi ed evolvere, in alcuni può essere favorito con una educazione x, in altri con una educazione y, in altri ancora con una pseudo -educazione z; in sostanza, il paradosso, corroborato dall’osservazione di casi reali, dice che il bambino z ha potuto ed anzi sembra essere stato facilitato nella sua evoluzione dagli ostacoli e dagli errori messi in atto dai genitori. Si, è una idea scorretta per la concezione che si ha di norma nell’educazione, ma visto da un altro punto di vista, essere “piu sani, equilibrati, sereni, sicuri di sé, avere un maggior rendimento scolastico” pare anche voler significare più stupidi. In altre parole, a volte questi attributi possono essere controproducenti se discendono da questa sorta di piallatura del cervello fatta a fin di bene, se invece sono risultati da dinamiche ingestibili – perché la crapa dei genitori è quella e non assorbono le sagge idee di psicologi/educatori – e cioè da svariate crisi che obbligano i ragazzi a osservarsi per cercare la loro ricerca di verità, allora è un altro paio di maniche.
Vedi il profilo di Kiryienka Re: crescere, dipende come
Kiryienka
5 Settembre 2016 - 19:04
 
Ciao l,sono senza parole.............condivido tutto...anzi,di piu'!!!!!Ottima analisi..........
Vedi il profilo di lady oscar campana di vetro
lady oscar
5 Settembre 2016 - 20:45
 
E' ovvio che ogni genitore vorrebbe preservare il proprio figlio da preoccupazioni e brutte esperienze. Ma i nostri figli devono sbagliare e cavarsela da soli. La mamma non c'è sempre a risolvere i problemi e picchiarci il muso vale piu di tante raccomandazioni. Si potesse vivere due volte .....



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
28/03/2017 - Messa delle Forza dell'Ordine
28/03/2017 - Offerte di lavoro del 27/03/2017
28/03/2017 - PD su situazione Provincia del VCO
28/03/2017 - Cristina sul verde in città
28/03/2017 - The pic of the week - Riflessi
Verbania - Spazio Bimbi
26/03/2017 - Spazio Bimbi: Quando è il corpo a parlare
19/03/2017 - Spazio Bimbi: Cos'è il Mutismo Selettivo
12/03/2017 - Spazio Bimbi: Resilienza familiare e disabilità
05/03/2017 - Spazio Bimbi: Il disturbo da TIC nei bambini
26/02/2017 - Spazio Bimbi: Relazioni tra pari e benessere psicologico
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti