Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Stresa : Cronaca

Mottarone: polemiche per lo stop allo sci dopo la vittoria dei Borromeo

La sezione civile del Tribunale di Verbania ha dato ragione al ricorso presentato dalla famiglia Borromeo, proprietaria dei terreni dove sorgono gli impianti sciistici, che ora hanno i giorni contati.
Stresa
Mottarone: polemiche per lo stop allo sci dopo la vittoria dei Borromeo
Molto probabilmente, la stagione sciistica del Mottarone si chiuderà questo week end, dal prossimo sarà già esecutiva la sentenza a favore della famiglia Borromeo.

Come noto, la controversia verteva sulla decisione del Comune di Stresa, di imporre una servitù di passaggio sui terreni di proprietà della famiglia Borromeo, dove sorgono gli impianti sciistici del Mottarone, al fine di far proseguire la stagione e il lavoro degli operatori di vetta.

Il tribunale civile di Verbania, tuttavia si è espresso a favore del ricorso presentato dalla famiglia Borromeo, assistita dall'Avvocato Mirella Cristina, affermando che le decisioni prese dal Comune di Stresa sono avvenute in assenza assoluta di potere.

Il Comune di Stresa, la cui tesi di non competenza del Tribunale civile, e di richiesta di essere giudicati dal Tar del Piemonte è stata rigettata, è stato altresì condannato a risarcire i proprietari con 3.500 euro di spese e 10.000 euro di danni.

Ora il Comune, avrà circa dieci giorni di tempo, per ristabilire il totale possesso dei terreni ai Borromeo.

Ovviamente delusi il Sindaco di Stresa, Canio Di Milia, che dichiara di aver fatto tutto il possibile per difendere il lavoro degli operatori del Mottarone, e la società S4 gestore degli impianti sciistici, che per bocca dell'amministratore Stefano Sappa, fà sapere che la chiusura sarà probabilmente definitiva.



44 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di renato brignone Se Il buon giorno si vede dal mattino
renato brignone
5 Marzo 2014 - 14:20
 
Notiamo il nome del l'avvocato dei Borromeo , pare lo stesso del candidato sindaco di Verbania per la destra... Interessante. Notiamo anche che per bloccare delle attività commerciali la "giustizia" é molto solerte ( la volta scorsa anche gli elicotteri) , ma ancora non vediamo Berlusconi ai servizi sociali. É proprio vero che qualcosa non funziona!
Vedi il profilo di Maurilio ...la cosa bella sarà quando...
Maurilio
5 Marzo 2014 - 14:46
 
Premetto che sono sicuro che l'Avvocato Cristina avrà fatto al meglio il proprio lavoro, ma la cosa bella sarà quando in campagna elettorale parlerà del futuro turistico di Verbania...ah, già ma il Mottarone è a Sresa, "alura, parola turna in dre..."
Vedi il profilo di Papi Ma che...
Papi
5 Marzo 2014 - 15:51
 
ma che cosa vogliono i Borromeo? Perché la stanno menando tanto?
Vedi il profilo di Emanuele Pedretti Avv. Cristina
Emanuele Pedretti
6 Marzo 2014 - 05:58
 
L'Avv. Cristina fa semplicemente il suo lavoro ovverosia tutelare gli interessi dei propri clienti. Per di più clienti che, come stabilito dal Tribunale, avevano ragione. Non penso che candidandosi si debba smettere di difendere i diritti dei cittadini... Ma questo è il mio umile parere.
Il comune di Stresa non può pretendere di "fare" turismo calpestando i diritti di terzi.
X Papi: immagino vogliano soldi...
X Renato: non puoi chiedere al tuo capo partito di intervenire presso il Tribunale di Milano? Dovrebbe sapere quali sono le porte a cui bussare...
Vedi il profilo di Renato Brignone Quando un problema lo guardi male..
Renato Brignone
6 Marzo 2014 - 07:49
 
Per Emanuele è giusto che Fiat dopo aver munto l'Italia porti i futuri guadagni all'estero, che il medio evo resti in Italia per pochi privilegiati e che l'interesse privato conti più di quello pubblico. Io non la penso così , è per questo che a volte, sempre più raramente, ha senso parlare di destra e sinistra.
Vedi il profilo di lupusinfabula Mottarone
lupusinfabula
6 Marzo 2014 - 13:05
 
Non conosco bene i termini della questione e da pescatore dilettante non vedo certo bene il retaggio del monopolio Borromeo sulla pesca; di certo però se la questione verte su di un canone d'affitto ritengo che, indipendentemente dal cognome, il proprietario dell'immobile abbia diritto a veder corrisposto il canone concordato in precedenza con l'inquilino; penso poi che se davvero il Comune di Stresa voleva slvaguardare l'aspetto sportivo/turistico del Mottarone avrebbe magari potuto accordarsi con i padroni di casa saldando con le finanze sulle pubbliche il dovuto e rifacendsoi subito dopo sugli incassi della gestione fino a completo rientro della somm anticipata. Dico così, tanto per dire.
Vedi il profilo di Lorenzo Complimenti!
Lorenzo
6 Marzo 2014 - 20:52
 
Al di la delle beghe giudiziarie, purtroppo chi ci va di mezzo sono tutti coloro che prestano attività lavorativa in vetta al mottarone (commercianti, dipendenti della società che gestisce gli impianti, maestri di sci ) e soprattutto i nostri bambini che sciano, si divertono ed imparano uno sport bello e sano. Complimenti!!
Vedi il profilo di Gianfranco ma vergognatevi
Gianfranco
6 Marzo 2014 - 21:59
 
Ma secondo voi è normale che uno può essere proprietario di una montagna, comprata come? corrompendo tutto e tutti quando si poteva? ma per favore vergognatevi gente senza anima
Vedi il profilo di Alessandro Non esiste
Alessandro
7 Marzo 2014 - 07:25
 
Per me non esiste che una famiglia, un cognome per quanto importante, si a proprietario di una intera montagna e quindi detta le sue leggi...ma non esiste proprio!
Vedi il profilo di Marco Argomentare e non parlare a vanvera
Marco
7 Marzo 2014 - 09:21
 
Ma dove starebbe la corruzione? Perché vi riempite la bocca contro i Borromeo? Mi spiegate cosa ci sarebbe di male nel possedere una montagna? O un'isola? E a difendere i vostri diritti davanti a un giudice che, giustamente, vi da ragione?
Se siete così sicuri che non meritino di avere quello che hanno perché hanno corrotto e rubato non limitatevi a urlare frasi populiste, ma portate delle prove, altrimenti fate più bella figura a stare zitti
Vedi il profilo di von Ludendorff Tutti generosi coi soldi degli altri
von Ludendorff
7 Marzo 2014 - 10:23
 
Non posso che essere d'accordo con Marco e con quanti la pensano come lui. Mi spiegate quale diritto poteva vantare una società PRIVATA che per anni non ha pagato un canone di locazione LEGITTIMO? Mi spiega, sig. Gianfranco quali persone avrebbero corrotto i Borromeo (secoli fa) per ottenere la proprietà del Mottarone?
Mi potrebbe far presente, signor Brignone, su quale codice medioevale sarebbe sancito il diritto alla difesa della proprietà privata, e su quale trattato posteriore sarebbe sancita la fine della proprietà privata per determinate proprietà ("il Capitale" et similia non valgono). Inoltre la legge che i Borromeo "dettano" (secondo il suo illuminato parere) è la stessa, caro Alessandro, che non permette a chicchessia di venire sulle sue proprietà a fare quel che gli aggrada senza alcuna paura di eventuali conseguenze
Vedi il profilo di sergio commento
sergio
7 Marzo 2014 - 10:36
 
Caro Marco, ti auguro che in giorno quando farai il bagno in un lago qualcuno ti denunci per violazione di proprietà privata in quanto il lago era suo.
Vedi il profilo di renato brignone costituzione?
renato brignone
7 Marzo 2014 - 11:44
 
potrei sbagliare, certamente, ma credo che l'interesse pubblico debba prevalere su quello privato, ritengo sia scritto in costituzione :)
Vedi il profilo di Marco se il lago fosse proprietà privata
Marco
7 Marzo 2014 - 12:14
 
allora sarebbe giusto essere multati, così come lo sarebbe se io entrassi nel tuo giardino per prendere il sole.

Mi sembrano concetti da "esproprio proletario", che strano, pensavo che il concetto fosse morto con gli anni '70, ma forse c'è qualche nostalgico in giro.

Gestire delle proprietà così vaste come il Mottarone ha sicuramente dei costi e rendere redditivo un possedimento come quello va nella direzione di evitare di mandarlo allo sfascio.

Se l'alternativa è l'esproprio e il darlo a dei politicanti incapaci, meglio la gestione Borromeo.

La costituzione parla di un mondo perfetto, che purtroppo è governato da persone imperfette.
Vedi il profilo di sergio commento
sergio
7 Marzo 2014 - 12:30
 
Qui nessuno parla di espropri, quelli sono una cosa ben lontana dal mio modo di pensare. Qui si parla di un limite nella proprietà privata. I mari, i laghi e i monti sono dell'umanità, non di quattro grassi signorotti.
Vedi il profilo di Giancarlo guidetti Mottarone
Giancarlo guidetti
7 Marzo 2014 - 12:52
 
Non ho mai sentito tante sciocchezze tutte insieme. Il punto e' molto semplice: in Italia la proprietà privata e' protetta ed i signori Borromeo hanno solo esercitato un loro diritto, tramite un avvocato incaricato, per tutela della loro proprietà. Il Tribunale, giustamente, non ha potuto che dar loro ragione. Ora è evidente che qualcuno dei commentatori crede di essere in un paese da socialismo reale e che tutta la proprietà privata sia illegittima, NON è così, per nostra fortuna (vedasi lo stato di quelle nazioni). Piuttosto e' da sottolineare l'arroganza del politico di turno che crede di calpestare impunemente i diritti dei privati cittadini!!! E' evidente che non poteva procedere all'esproprio per pubblica utilità quindi doveva trovare un accordo. Mi pare sia una semplice reazione (dei Borromeo) contro una insopportabile prepotenza!! Spero che prevalga il buon senso e qualche sindaco avveduto possa convincere ora i Borromeo a trovare una soluzione.
Vedi il profilo di Marco limiti che non esistono
Marco
7 Marzo 2014 - 12:56
 
Vorrei sapere quale norma del diritto cinese .. volevo dire italiano, pone questi limiti, anche su diritti acquisiti, allora ne riparleremo.

Se il Mottarone fosse stata una palude senza interesse, nessuno si sarebbe rivoltato contro la decisione dei giudici.

Se invece questi fantomatici limiti esistessero, allora il Mottarone sarebbe già stato "riconsegnato" al popolo "delle nevi"

Vorrei poi capire come è possibile definire il passaggio di un bene da un privato alla collettività, dato che esproprio non si può usare: "donazione forzosa"?
Vedi il profilo di Renato Brignone Si chiama servitù
Renato Brignone
7 Marzo 2014 - 13:30
 
Tal volta anche i nobili sono soggetti a servitù :) tal volta il lavoro di molti vale più dei terreni di pochi. Non è socialismo o comunismo, è buon senso e fa parte di una modernità progressista. Ma potete tranquillamente non comprendere, ce ne faremo una ragione ;)
Vedi il profilo di giuliano mah
giuliano
7 Marzo 2014 - 14:29
 
Ma come, un poveretto si compra, con il proprio sudore, un intera montagna e quattro burini di sciatori non vogliono poi pagare il pizzo...
Vedi il profilo di Susanna Mottarone
Susanna
7 Marzo 2014 - 14:58
 
Io so che da sempre la montagna appartiene ai Borromeo e che da sempre è stato possibile sciare in vetta. Il problema è sorto oggi perché il gestore degli impianti ha smesso di pagare l’affitto: si dice circa 10000 euro l’anno, ossia circa 900 euro al mese, ossia circa 30 euro al giorno…. quanto costa uno skipass per una giornata? Per evitare quello che è accaduto non serviva ricorrere a un esproprio (a quanto pare illegittimo), ma bastava che il Comune individuasse un altro gestore. Mi risulta infatti che già nel 2011 i Borromeo avessero sfrattato questo gestore e che poi però gli avessero consentito di riprendere il possesso dei terreni per fare la stagione invernale. Il gestore però è rimasto sui terreni continuando a non pagare il canone. I Borromeo sono privati, cosa dovevano fare a questo punto? Sta alle pubbliche amministrazioni agire per l’interesse pubblico con mezzi legittimi, non al privato.
Vedi il profilo di Marco 900 euro al mese sono pochissime
Marco
7 Marzo 2014 - 15:43
 
Affittare un qualsiasi ufficio costa molto di più di 900 euro al mese, i Borromeo chiedono anche poco al gestore dell'impianto.
Vedi il profilo di paolino cifra ridicola
paolino
7 Marzo 2014 - 16:20
 
fatemi capire,diamo tutti addosso ai Borromeo perchè osano chiedere 10mila euro all'anno per l'affitto di...una montagna?? e nessuno di quanti grida allo scandalo fa cenno al fatto che i gestori degli impianti non pagano il canone: lo trovate giusto? chi parla di posti di lavoro persi ecc,dà la colpa ai Borromeo? non sarebbe forse più giusto dare la colpa a chi,gestendo impianti che incassano qualche centinaio di migliaia di euro poi non ne dà 10mila ai proprietari dei terreni? mi sembrano polemiche surreali,davvero.
Vedi il profilo di giuliano commento
giuliano
7 Marzo 2014 - 17:24
 
No, nel contesto legale preciso ha certamente ragione la proprietà, chi non paga il pattuito é un cattivo gestore.
Si faceva un discorso più ampio riferendosi a quanto sia accettabile che un privato possegga una montagna, andando oltre il senso comune della normale proprietà privata.
Vedi il profilo di renato brignone aggiungo
renato brignone
7 Marzo 2014 - 17:53
 
la questione vera è che non può essere che terze persone (e non poche) ci rimettano per un contenzioso tra due soggetti (albergatori, lavoratori, indotto ecc), è da ciò che si evince l'interesse pubblico... secondo me... Poi il fatto che certe volte la "giustizia" sia così veloce (la volta scorsa si sono usati gli elicotteri per andare a mettere i sigilli..) è quantomeno ridicolo.
Vedi il profilo di paolino velocità relativa
paolino
7 Marzo 2014 - 18:09
 
considerando che l'arretrato è di almeno un paio d'anni,mi sembra che non si possa parlare di giustizia "troppo veloce"...e se anche fosse,rimproverare qualcuno che fa (finalmente) il suo dovere nei tempi giusti mi sembra curioso.
ovvio che spiace che a rimetterci siano i lavoratori,ma non è pensabile che il modo per salvare dei posti di lavoro sia non rispettare le leggi. ribadisco,io trovo incredibile che questi signori non paghino un canone così risibile (io pago quasi la stessa cifra di affitto per un trilocale..) e si trovino pure spalleggiati da un sindaco!
Vedi il profilo di Emanuele Pedretti x Paolino
Emanuele Pedretti
7 Marzo 2014 - 18:35
 
"...Impianti che incassano qualche centinaio di migliaio di euro..." hai sparato un po' alto. Se fosse realmente così solo un mentecatto si farebbe sfrattare. La realtà è che gli incassi sono inferiori alle spese anche non pagando l'affitto. Se il canone è così basso, è perché rende poco. In Italia, penso che si contino sulle dita di una mano, gli impianti in attivo.
Vedi il profilo di Susanna Mottarone
Susanna
7 Marzo 2014 - 18:41
 
A me francamente, e lo dico con molto rispetto, sembra insensato alludere alla mala fede del giudice perché é stato "troppo veloce". Se dobbiamo arrivare a questi punti allora tanto vale smettere di confrontarsi.
Vedi il profilo di giulio impianti
giulio
7 Marzo 2014 - 18:51
 
Ma se gli incassi sono inferiori alle spese anche senza tenere conto dell'affitto prima o poi gli impianti avrebbero dovuto comunque chiudere? Possibile che sia così nella stragrande maggioranza dei casi?
Vedi il profilo di paolino emanuele
paolino
7 Marzo 2014 - 18:52
 
facciamo i conti della serva,ma al ribasso: diciamo una stagione di 100 giorni,media di 100 persone al giorno,spesa media (tra giornaliero o pomerdiano) 20 euro,fanno 200mila euro di incassi,e sono stato volutamente bassissimo. ovvio che le spese siano altissime,ma scegliere di non pagare una delle più basse,ma anche quella più "rischiosa" non mi sembra un colpo di genio. quanto al fatto che gli impianti di risalita siano un cattivo business ci può stare,ma nessuno obbliga i gestori a farlo!
Vedi il profilo di Emanuele Pedretti conti del servo
Emanuele Pedretti
7 Marzo 2014 - 19:22
 
OK 100 giorni di stagione ma direi più verosimilmente 100 biglietti nei sabati e nelle domeniche di alta stagione quindi solamente 10 giorni in totale. Negli altri considera mediamente 20 biglietti venduti e non penso di andare lontano. Quindi secondo i miei conti 56.000 euro lordi. Diciamo che forse sono 100.000 mila. Diciamo 5 persone sempre presenti tra chi e agli impianti e biglietteria. Considera i turni e quindi saranno 8 almeno. Lavoro festivo, lavoro notturno per il "gattista", quindi direi che una bella fetta va in stipendi. Rimangono diciamo 20.000 e devi pagare luce, manutenzioni spicce... A fine stagione soldi nel cassetto? ZERO
Vedi il profilo di giuliano in efetti
giuliano
7 Marzo 2014 - 20:40
 
Anche secondo me non é in gran business
Ma si vede che mister Borromeo doveva comprarsi le scarpe nuove
Vedi il profilo di kaysersoze Mottarone
kaysersoze
7 Marzo 2014 - 22:52
 
Buonasera, premetto che sono milanese, simpatizzante di destra, nobile e frequentatore da anni dello splendido lago Maggiore. Nonostante ciò io reputo che lo Stato dovrebbe espropriare per interesse pubblico non solo il Mottarone ma anche le isole ai Borromeo. I tempi dei ducati, contee, marchesati sono finiti. La montagna è di tutti, basta dichiararla Parco Nazionale ed il problema è risolto. D'altronde non è che i Borromeo abbiamo tutelato il territorio o investito su di esso.
Vedi il profilo di paolino revoluciòn verbolivariana
paolino
8 Marzo 2014 - 00:34
 
sono stupito nel vedere quanti emuli di Hugo Chavez frequentano il blog...ma sì allora,espropriamo le terre ai ricchi,così possiamo continuare a sciare senza pensieri. espropriamo,e poi diamo in concessione. ma le concessioni si pagano...e una concessione del genere costerebbe altrochè 10mila euro l'anno. quindi? quali altre ideone avete per risolvere l'annoso problema?
Vedi il profilo di paolino emanuele
paolino
8 Marzo 2014 - 00:47
 
va bene fare i conti al ribasso,ma qui si esagera!! nei sabati e nelle domeniche di bel tempo arrivano almeno 5/600 persone!!!! siamo seri su,per sostenere una tesi non serve stravolgere completamente i fatti! ribadisco,gli impianti di risalita NON sono un buon business,e questi signori non sono stati obbligati dal dottore a intraprendere questa avventura. quanto ai lavoratori,i ragazzi agli skilift vengono pagati a giornata,e il loro costo incide poco (meno di 2 giornalieri cad). quello che "uccide" è il costo dell'energia elettrica,bollette lunari. ma questo lo sanno anche i sassi,se un imprenditore si fa cogliere impreparato da queste cose beh,forse ha sbagliato mestiere. e comunque nulla lo autorizza a non pagare quanto dovuto.
Vedi il profilo di keysersoze al genio della lampada che difende i Borromeo
keysersoze
8 Marzo 2014 - 07:39
 
Ma scusate perché a me possono espropriare case e terreni per costruire autostrade o linee ferroviarie nell'interesse pubblico ed ai Borromeo non si possono espropriare terreni sempre per interesse pubblico? Il Mottarone è d'interesse pubblico per la comunità che vive in quella zona e quindi l'assioma vale nella stessa maniera. Altrimenti dovremmo dare ragione anche ai No Tav e tutte quelle altre comunità che si oppongono a progetti di pubblica utilità sul loro territorio
Vedi il profilo di Susanna Mottarone
Susanna
8 Marzo 2014 - 10:51
 
L'esproprio comporta il pagamento di un'indennità, su questo non ci sono dubbi. L'indennità la paga la collettività, che così diviene proprietaria dell'area. A questo punto la collettività dovrebbe consentire al gestore di utilizzare il terreno gratuitamente? Ma allora l'esproprio sarebbe stato fatto a favore del gestore e non per la collettività, che anzi ci ha rimesso di tasca sua. Oppure dovrebbe essere chiesto un affitto? E chi lo paga? L'attuale gestore? Intanto però i soldi pubblici per l'indennità sono stati spesi... Non sarebbe stato più semplice individuare un nuovo gestore capace di pagare l'affitto. Considerate che ogni anno sul Mottarone si vendono 50.000 skipass (questi i dati del Comune).
Vedi il profilo di giuliano togliere i paraocchi
giuliano
8 Marzo 2014 - 10:54
 
Cerchiamo di essere lungimiranti, abbiamo capito che il sistema dello sci al mottarone si regge a malapena senza pagare l'affitto.
Quindi i casi sono 2 o si dice stop allo sci al mottarone e si azzera il turismo invernale, o gli si da un comodato ai gestori, "rischiando" così di incassare un po' di soldi con la strada a pedaggio da stresa.
Vedi il profilo di Marco Gestori
Marco
8 Marzo 2014 - 11:42
 
Ma perché diamo per scontato che sia un problema pagare 10000 euro
Aumentiamo di 20 centesimi il costo dello skipass e tutto si risolve. Oppure cerchiamo un gestore più capace. 10000 euro e' il costo annuale di una impiegata partime a 3 ore al giorno. Non è un costo a sorpresa, ma concordato mesi prima.
Se poi si deciderà di far gestire alla "comunità" il mottarone allora ne riparleremo, ma non possiamo parlare del se, dobbiamo parlare dell'attuale e l'attuale dice che siamo di fronte alla morosità di un affittuario
Vedi il profilo di paolino la colpa del cognome
paolino
8 Marzo 2014 - 14:57
 
diciamo la verità; ai difensori d'ufficio dei debitori, del Mottarone frega poco,qualcuno forse manco c'è mai andato. quello che ha scatenato tutte queste reazioni prive di senso e di buon senso è il fatto che a dover prendere i soldi siano i Borromeo. fosse stato qualcun'altro,tutti questi paladini dell'esproprio (non si sa bene in nome di cosa) avrebbero continuato a dormicchiare davanti al pc.
Vedi il profilo di giuliano commento
giuliano
8 Marzo 2014 - 15:59
 
Nessuno ce l'ha coi Borromeo che nel caso specifico hanno pure ragione.
Solo che molti non sono favorevoli al fatto che una montagna intera sia proprietà privata.
Vedi il profilo di von Ludendorff interesse pubico
von Ludendorff
10 Marzo 2014 - 10:29
 
certo.. l'interesse pubblico di un impianto sciistico del livello del Mottarone o sulle Isole è lo stesso che grava sulla costruzione di un autostrada o della TAV, per cui l'esproprio è necessario, anzi auspicabile. Qui l'unico torto è dei gestori che si sono buttati in un'attività imprenditoriale o con premeditazione (quindi: se va male non pago) oppure senza la benchè minima idea di come si gestisce un'attività e i rischi ad essa connessi. Certamente la pubblica amministrazione ha il dovere di tutelare la pratica dello sci al mottarone ma non ha il diritto di ledere il diritto alla proprietà privata, da quella degli orti a quella delle montagne.
Vedi il profilo di lupusinfabula sexy mottarone
lupusinfabula
10 Marzo 2014 - 16:05
 
Von Ludendorff ha per il Mottarone un interesse "pubico": guarda in basso, insomma.... (il tutto detto con simpatia)
Vedi il profilo di von Ludendorff simpatica gag
von Ludendorff
11 Marzo 2014 - 09:29
 
la parola era volutamente scherzosa... dato che l'interesse suscitato da questo "affaire" di solito è riservato a ben altre tematiche (!) una "gag" che spero sia stata capita...



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Stresa
17/07/2017 - Midsummer Jazz Concerts: al via la sesta edizione
17/07/2017 - 56° Stresa Festival - Il programma
15/07/2017 - Isola in Festival - Tango e atmosfere argentine
14/07/2017 - Un Paese a Sei Corde 2017
05/07/2017 - "Alessandro Borghese 4 Ristoranti" sul lago Maggiore
Stresa - Cronaca
04/07/2017 - Furto di bici
04/07/2017 - Scafi e auto d'epoca sul Lago Maggiore
20/06/2017 - Presi ladri di biciclette
17/06/2017 - Lite con accoltellamento
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti