Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Politica

Forno crematorio: "perchè non andremo a votare"

Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato del Comitato “Undici uomini e un referendum”, in cui sono spiegati i motivi per cui il 17 aprile non andranno a votare al referendum sul forno crematorio.
Verbania
Forno crematorio: "perchè non andremo a votare"
Il Comitato “11 uomini e un referendum” nasce con l’intento di sostenere la decisione consiliare di esternalizzare la gestione del forno crematorio di Verbania. Il Consiglio Comunale, infatti, ha votato per ben due volte decidendo per l’esternalizzazione del servizio. Ci chiediamo quindi: perché fare un referendum? A cosa serve il Consiglio Comunale eletto se bastano 11 persone a bloccare una decisione?

Il servizio di cremazione NON è un servizio essenziale e NON è un compito istituzionale del Comune che, al contrario, deve finalizzare gli investimenti per garantire i servizi prioritari (come scuole, asili, viabilità, territorio, servizi sanitari, cultura, turismo, ecc.). E’ un servizio che l’amministrazione mette a disposizione della cittadinanza e che ha costi di gestione elevati che nei prossimi anni diventerebbero insostenibili, se si considera che l’attuale linea obsoleta debba essere sostituita con una più moderna: si tratta di un investimento importante (circa 1,5 mln) che andrebbe a sottrarre importanti risorse al bilancio comunale, a fronte di un patto di stabilità ancor più stringente imposto dal Governo, non consentendo così di investire per lo sviluppo della città.

Questo non è il comitato del no ma un gruppo di persone che affronta seriamente la questione, acquisendo informazioni, al fine di far comprendere come tale decisione sia la più conveniente per il Comune e, quindi, per la Città e per i Cittadini verbanesi. Riteniamo pertanto inutile il referendum per l’abrogazione della deliberazione.

Vediamo ora perché riteniamo l’esternalizzazione del servizio la scelta da perseguire.
1) L’utile (differenza tra ricavi e costi) è in costante diminuzione (circa 250.000 € nel 2013, poco meno nel 2014 e 200.000 € nel 2015): ciò è dovuto da un lato all’aumento dei costi di gestione per le opere di manutenzione ordinaria di un impianto vecchio di 15 anni e dall’altro ad una riduzione delle cremazioni dovuta ad un’offerta globale del servizio non in linea con quella di altri forni (es. Tempio di Domodossola).

2) Il trasferimento della gestione del forno crematorio ad un privato, viceversa, comporterebbe per il Comune di Verbania una serie di benefici: canone annuo al quale si aggiungano tutte le spese di gestione a carico del concessionario privato (manutenzione ordinaria e straordinaria, personale, utenze, rifiuti, ecc.) e quelle di manutenzione del cimitero di Pallanza, con la possibilità di estenderle all’intero sistema cimiteriale cittadino; ciò determinerebbe, tra introiti e risparmi, un utile pari, se non superiore, a quello attuale, senza alcuna perdita rispetto alla gestione pubblica.

3) L’attuale linea crematoria è obsoleta per cui deve essere sostituita da una moderna, più efficiente e meno inquinante: il nuovo forno dovrà essere inserito in un nuovo locale tecnico, dovranno essere predisposte una nuova sala del commiato e nuove celle frigorifere, entrambe attualmente insufficienti, e nuovo personale. Ciò comporterebbe un impegno finanziario che il Comune non sarebbe in grado di sopportare, se non a scapito di servizi primari; e mantenere il forno nello stato attuale significherebbe una non lontana sospensione del servizio, mancanza che sarebbe supplita dalla presenza di un tempio crematorio attrezzato e molto efficiente a Domodossola.

4) Visto e considerato che l’attuale linea crematoria è obsoleta, per cui poco efficiente ed inquinante, il suo mantenimento in attività da parte del gestore privato non parrebbe logica (se non unicamente nella fase di transizione alla nuova linea) perché antieconomico a causa degli alti costi di gestione e manutenzione a fonte di una bassa efficienza d’esercizio;

5) dall’analisi di uno studio tecnico inerente l’impatto ambientale di un forno crematorio (“Aspetti tecnico ambientali di un crematorio” – Prof. Gioacchino Nardin, Facoltà d’Ingegneria, Dip. Di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica, Università di Udine) risulta che le emissioni prodotte da un forno di piccola taglia (come quello di Verbania, portata di circa 1000 Nm3/h) sono centinaia di volte inferiori a quelle di due comuni attività quali il legno domestico (ad es. un fornello, stufa o caminetto) e un’utilitaria a benzina verde. Nelle conclusioni si afferma che “ a oggi campagne di misura sull’ambiente prospiciente un crematorio strutturato come da norme nazionali ed europee non hanno mai rilevato differenze misurabili e certe del tasso d’inquinamento tra forno crematorio in funzione e spento, per cui i crematori operano in condizioni di sicurezza ambientale ed il loro contributo alle concentrazioni che determinano la qualità dell’aria è ininfluente ”.

6) da un confronto tra emissioni di un moderno forno crematorio dotato di una linea di ultima generazione (Tempio di Domodossola, linea della Facultative Tachnologies) e quelle del forno crematorio di Verbania risulta molto chiaramente come nel primo caso le emissioni dei principali macroinquinanti (polveri, mercurio, diossine, NOx, SO2, CO) siano nettamente inferiori, e si consideri che il forno di Domodossola ha una portata dei prodotti di combustione (m3 di fumi emessi ogni ora), e quindi di inquinanti, che è circa doppia di quella del forno di Verbania, il che significa che il numero di cremazioni è circa doppio di quelle attualmente eseguite a Verbania.

7) In considerazione di ciò, quand’anche il privato gestore privato dovesse decidere di aumentare le cremazioni raggiungendo il valore massimo concesso di 1872/anno, le emissioni dei macroinquinanti sarebbero comunque inferiori alle attuali. E non si andrebbe oltre tale limite poiché stabilito e imposto da Comune e Provincia e non a discrezione del gestore privato solo in base all’effettiva capacità della nuova linea crematoria.

La relazione tecnica del Prof. Nardini è stata redatta per la realizzazione di un forno crematorio a Bovolenta (PD) che ha circa le stesse caratteristiche di quello che si vuole realizzare a Verbania in termini di portata di prodotti di combustione e quindi di inquinanti: circa 1000 Nm3/h (metri cubi di fumi emessi ogni ora) paragonabile come potenza termica a una caldaia di riscaldamento di un impianto condominiale di circa 300.000 kcal/h.

La tabella 4 riporta le emissioni delle diossine (PCDD/F) da vari processi di combustione, che assieme a polveri, SO2, CO e NOx è il macroinquinante di maggior interesse: poiché in essa non sono riportate le emissioni di un forno crematorio hanno usato i dati di emissione di un forno di portata analoga a quello previsto a Bovolenta (e quindi a Verbania) da cui si evince innanzitutto che le emissioni registrate in tale impianto nel 2010 sono di 0,00018ng/Nm3 e cioè 550 volte inferiori ai valori massimi ammessi dalla normativa europea (pari a 0,1 ng/Nm3 (vedasi paragrafo 4. “Valori di emissione diossine”) e nel 2012 sono pari a zero.

Per operare un confronto hanno considerato due fonti comuni: legno domestico (es. caminetto o stufa o forno) e auto a benzina: facendo i dovuti rapporti risulta che per queste due attività i livelli delle emissioni di diossina sono centinaia di volte superiori al forno crematorio.



138 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di paolino zappa sui piedi
paolino
5 Aprile 2016 - 13:40
 
ecco,dopo questo intervento gli undici fenomeni hanno definitivamente affossato la loro speranza.
quale privato si farà mai avanti,se il forno crematorio è questo disastro? dipingono la situazione come il peggior investimento possibile, prospettano solo disastri e miserie per convincerci di aver ragione,ottenendo il paradossale effetto di scoraggiare chiunque potesse essere interessato. fantastici!
ovviamente tutti a votare per esercitare l'unico nostro residuo diritto,sì o no poco importa (ovviamente io sono per il mantenimento dello status quo),ma non diamola vinta a chi in modo incivile invita all'astensione.
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen 2commenti, dubbi, domande e considerazioni
Hans Axel Von Fersen
5 Aprile 2016 - 14:34
 
1) "si tratta di un investimento importante (circa 1,5 mln)" com'è che ogni volta questa cifra aumenta? La prossima volta facciamo direttamente 2 milioni che fa più effetto
2) offerta globale del servizio: ben consapevole di non fare statistica ma gli ultimi 2 funerali dove ho partecipato (non come protagonista), entrambi in provincia di Varese ed entrambi nel 2015; in tutti e 2 i casi le salme sono state cremate e in tutti due i casi sono stati cremati a Verbania. Statistiche nazionali affermano che le cremazioni sono sempre più "di moda"
3) "L’attuale linea crematoria è obsoleta" il forno crematorio non è un cellulare che dopo 2 anni è obsoleto. Un forno di 15 anni, sicuramente non più moderno, ma sicuramente ancora utilizzabile per parecchi anni.
4) "con la possibilità di estenderle all’intero sistema cimiteriale cittadino" quindi privatizziamo anche i cimiteri? Cioè solo per saperlo...
5) "dovranno essere predisposte una nuova sala del commiato e nuove celle frigorifere, entrambe attualmente insufficiente" una sala commiato non è una discoteca che deve rinnovarsi in base alla moda. Magari qualche piccolo intervento ma non esageriamo.
6) ma se dite che ci sono sempre meno cremazioni perché si dovrebbe predisporre nuove celle frigorifere?
7) ma che unità di misura è "Nm3/h"? newton metri cubi l'ora? azoto metri cubi l'ora? Scusate non la capisco...
8) dipendenti comunali: non mi è chiaro se gli attuali dipendenti comunali che attualmente curano il servizio, verranno "trasferiti" alla nuova ditta oppure rimarranno sempre in forza alla pubblica amministrazione. E in quest'ultimo caso, a far che?
9) se come dite voi, un nuovo forno crematorio inquinerebbe ben 550 volte in meno dei valori massimi ammessi, tenendoci il vecchio, sicuramente più inquinante di uno nuovo del doppio, facciamo il triplo, stiamo larghi, facciamo 5 volte, abbiamo che l'attuale forno inquina 100 volte meno i valori massimi ammessi.
10) se come dite voi: "se per un caminetto (o auto a benzina) i livelli delle emissioni di diossina sono centinaia di volte superiori al forno crematorio" allora teniamoci pure il vecchio che al limite inquinerà come 2 caminetti o come 2 auto a benzina
Per compensare spegnerò il mio caminetto e Paolino andrà in bicicletta
Ringrazio anticipatamente chi vorrà rispondere alle mie domande e fugare i miei dubbi
Vedi il profilo di Giovanni% 3Referendum FUFFA
Giovanni%
5 Aprile 2016 - 14:44
 
Sono state esposte in modo eccellente alcune valide argomentazioni a sostegno della scelta dell'Amministrazione volta a estrenalizzare la gestione del crematorio.
E' solo un referendum fuffa.
Io mi asterrò per rispedire al mittente un tentativo di fare solo chiasso.
Spero che la cittadinaza dia un segnale di bassa affluenza alle urne.
Due referendum FUFFA!
Vedi il profilo di Anonimo Re: Referendum FUFFA
Anonimo
5 Aprile 2016 - 15:21
 
Ciao Giovanni%

Saranno fuffa quanto vuoi ma il popolo è sovrano. Preferisco dovermi adeguare ad una decisione presa dalla collettività che ad una presa da 4 petalosi di un partito ancor più petaloso
Vedi il profilo di Giovanni% 1Re: Re: Referendum FUFFA
Giovanni%
5 Aprile 2016 - 15:28
 
Ciao Anonimo
quel partito petaloso con il suo leader petalosone non piace neanche a me.
Valuto le sinole questione e queste poste in essere a livello nazionale e comunale (ovviamente diversissime tra di loro) mi appaiono solo fuffa.
Vedi il profilo di renato brignone serietà e magari chiarezza...
renato brignone
5 Aprile 2016 - 17:49
 
1136 firme per affermare che essere in maggioranza non significa "avere ragione", è la democrazie bellezza!

1- i numeri riportati dei ricavi non sono veritieri, scontano una serie di elementi (imputazioni arbitrarie di alcune spese, blocco temporaneo ecc.) mediamente i ricavi netti minimi si attestano a 250'000 € che nessun privato garantirebbe, lo ha detto l'Assessore Forni.
2- il punto due è pura fantasia, ovvero si potrebbe verificare alla sola condizione di più che raddoppiare le cremazioni (e forse nemmeno). E' semplice matematica.
3- Le condizioni descritte al punto 3 si verificano solo con incremento ENORME delle cremazioni, ma ciò NON E' NECESSARIO, basta la manutenzione straordinaria dell'attuale linea, costo 500'000 euro, solo 2 anni di utile. Quindi una spesa alla portata del Comune.
4- Altra fantasia. Se questa linea permette di fare utili importanti, quale privato mai la rottamerebbe? è come se io buttassi un auto usata solo perchè ne ho comprato una nuova... le uso entrambe (una io e una mia moglie).
5- La volkswagen sosteneva di fare macchine diesel non inquinanti e la Marlboro sosteneva che il fumo non facesse male ... potrei continuare per ore con esempi. Se si bruciano corpi carichi di farmaci chemioterapici, chi garantisce che tutto vada bene?
6- Il punto 6 dimostra solo che quando si rifarà la linea bisognerà usare idonea tecnologia
7- grave errore! noi non sappiamo quale sarà il limite massimo di cremazioni, potrebbero essere 5000 o 7000, dipende dall'autorizzazione che chiederà il privato. Ad oggi il Comune non ha messo alcun paletto numerico (fonte dirigente del settore del Comune).

Per tutte queste ragioni il Comune prima di pensare a privatizzare dovrebbe comunicare con che limiti ciò verrà fatto. In assenza di paletti e limiti, per sicurezza/prudenza/ buon senso si deve votare "SI" e impedire l'ennesima scelta sbagliata (e in questo caso anche pericolosa) di questa amministrazione
Vedi il profilo di maffy Brignone e il punto 3
maffy
5 Aprile 2016 - 17:57
 
" basta la manutenzione straordinaria sacrifichiamo due anni di utile"?... E dici niente? Sacrificando due anni di utile si toglierebbero servizi per pari cifra. E poi chi ci dice che dopo una manutenzione straordinaria non ne serva un'altra?
Vedi il profilo di Roberto Campana FALSITA'
Roberto Campana
5 Aprile 2016 - 18:37
 
MI SCUSO MA PER COMODITA' SCRIVO IN MAUISCOLO I COMMENTI AL TESTO DEL SUDDETTO COMITATO NATO GRAZIE ALLA SPINTA ANCHE DI UNO DEI SAGGI CHE OGGI COMPONGONO IL SEGRETERIA DEL PD, GURU DEL SINDACO... E QUESTA LA DICE LUNGA. Roberto Campana

1) L’utile è in costante diminuzione: FALSO E' DIMINUITO SOLO QUEST'ANNO E NON PER
ciò è dovuto da un lato all’aumento dei costi di gestione per le opere di manutenzione ordinaria di un impianto vecchio di 15 anni: FALSO IL FORNO E' STATO CHIUSO SOLO VENTI GIORNI LAVORATIVI, SONO DIMINUITE LE CREMAZIONI GIORNALIERE INOLTRE IL FORNO E' DEL 2004
e dall’altro ad una riduzione delle cremazioni dovuta ad un’offerta globale del servizio non in linea con quella di altri forni FALSO E' CAMBIATO IL METODO DI GESTIONE

2) Il trasferimento della gestione del forno crematorio ad un privato, viceversa, comporterebbe per il Comune di Verbania una serie di benefici: canone annuo al quale si aggiungano tutte le spese di gestione a carico del concessionario privato (manutenzione ordinaria e straordinaria, personale, utenze, rifiuti, ecc.) e quelle di manutenzione del cimitero di Pallanza, con la possibilità di estenderle all’intero sistema cimiteriale cittadino; ciò determinerebbe, tra introiti e risparmi, un utile pari, se non superiore, a quello attuale, senza alcuna perdita rispetto alla gestione pubblica.

3) L’attuale linea crematoria è obsoleta per cui deve essere sostituita da una moderna, più efficiente e meno inquinante: il nuovo forno dovrà essere inserito in un nuovo locale tecnico, dovranno essere predisposte una nuova sala del commiato (LA NUOVA SALA COMMIATO SERVE PER LA SECONDA LINEA, CIOE' AL RADDOPPIO DELL CREMAZIONI) e nuove celle frigorifere, entrambe attualmente insufficienti, e nuovo personale. Ciò comporterebbe un impegno finanziario che il Comune non sarebbe in grado di sopportare, se non a scapito di servizi primari FALSO, BASTA NON INVESTIRE NEI MOLTEPLICI PARCHEGGI O CASA CERETTI NEL 2016 O ALTRI SOLDI BUTTATI; e mantenere il forno nello stato attuale significherebbe una non lontana sospensione del servizio, mancanza che sarebbe supplita dalla presenza di un tempio crematorio attrezzato e molto efficiente a Domodossola.

4) Visto e considerato che l’attuale linea crematoria è obsoleta, (QUINDI DENUNCIANO CHE AD OGGI NON E' A NORMA?) per cui poco efficiente ed inquinante, il suo mantenimento in attività da parte del gestore privato non parrebbe logica (se non unicamente nella fase di transizione alla nuova linea) perché antieconomico a causa degli alti costi di gestione e manutenzione a fonte di una bassa efficienza d’esercizio; CONFERMANO CHE FARANNO UNA LINEA PIU' POTENTE

5) dall’analisi di uno studio tecnico inerente l’impatto ambientale di un forno crematorio (“Aspetti tecnico ambientali di un crematorio” – Prof. Gioacchino Nardin, Facoltà d’Ingegneria, Dip. Di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica, Università di Udine) risulta che le emissioni prodotte da un forno di piccola taglia (come quello di Verbania, portata di circa 1000 Nm3/h) sono centinaia di volte inferiori a quelle di due comuni attività quali il legno domestico (ad es. un fornello, stufa o caminetto) e un’utilitaria a benzina verde. "..." QUESTO DITELO AI RESIDENTI DI S. ANNA

6) da un confronto tra emissioni di un moderno forno che è circa doppia di quella del forno di Verbania, il che significa che il numero di cremazioni è circa doppio di quelle attualmente eseguite a Verbania. VERO CONFERMA CHE A VERBANIA NE FAREBBERO CON LA STESSA TENOLOGIA IL DOPPIO

7) quand’anche il privato gestore privato dovesse decidere di aumentare le cremazioni raggiungendo il valore massimo concesso di 1872/anno, FALSO DIMOSTRAZIONE CHE LA DITTA HA FORNI DI PORTATA MOLTO BEN SUPERIORE
Vedi il profilo di Renato brinone Lo dice il dirigente
Renato brinone
5 Aprile 2016 - 18:58
 
Con 500 mila euro si fa una linea nuova. I costi aumentano se si vuole fare tutto più grande, allora e solo allora servono nuove sale , celle frigo e altro. Due anni di utile significano anche 4 anni a mezzo introito ( considerate che stando all'assessore si pensa che il privato non pagherebbe più di 100/150 mila euro anno al massimo... E aumentando il numero di cremazioni)
Vedi il profilo di Kiryienka Forni e Forni
Kiryienka
5 Aprile 2016 - 19:40
 
ci sono forni e Forni....come direbbe l'Assessore verbanese...................in uqesta complessa miriade di nmeri e quant'altro,nn ho veramente capito se,per pareggiare,in due anni dobbiamo morire piu' velocemente o meno.....da domani guardero' con piu' attenzione i necrologi,giusto per statistica.............
Vedi il profilo di paolino Re: commenti, dubbi, domande e considerazioni
paolino
5 Aprile 2016 - 20:05
 
Ciao Hans Axel Von Fersen

chi l'avrebbe mai detto... bellissimo commento!

;)

ovviamente non ti risponderà nessuno,questi sparano numeri a Katso che fanno presa su chi non ha voglia di interessarsi.
Vedi il profilo di Giovanni% 1Complimenti a tutti
Giovanni%
5 Aprile 2016 - 20:21
 
Sono state postate argomentazioni con numeri alle quali sono seguite precise contro argomentazioni che rispondono punto per punto.
Sono molto perplesso su quesito ma rispetto questo modo argomentativo di fare politica. Ottimo. Chapeau. Riflettero' ancora sul mio voto.
Vedi il profilo di Maurilio 1Re: FALSITA'
Maurilio
5 Aprile 2016 - 22:27
 
Caro Roberto Campana

la sua risposta mi ha lasciato interdetto, giuro che l'ho letta più volte.

Da quando si discute della privatizzazione del crematorio, i contrari hanno sempre sostenuto che il forno porta 250.000€ di utili e sarebbe da fessi dare in gestione ai privati. Lo stesso Brignone, in un commento a questo stesso post picchia duro sull'argomento.

Ma Lei, al punto 3 del suo intervento non fa commenti, quindi è da intendersi corretta la frase "Il trasferimento della gestione del forno crematorio ad un privato, viceversa, comporterebbe per il Comune di Verbania una serie di benefici"?

Se ho inteso bene, credo che l'argomento sia chiuso, è giusto e corretto privatizzare il forno! (Tutti le altre argomentazioni sono un contorno a questa)

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di Maurilio Re: Lo dice il dirigente
Maurilio
5 Aprile 2016 - 22:32
 
Caro Renato Brinone (sei un utente diverso o Brignone che si è collegato con un altro account e ha perso una g?)

ti butto lì una provocazione, tanto per farsi due risate.

Se il Comune di Verbania deve mettersi, in realtà continuare, a fare l'imprenditore, e sappiamo in Italia come finisce quando lo stato si mette a fare l'imprenditore, non ci sono altre aree di business più redditizie? E magari più divertenti del servizio di cremazione!

Con simpatia

Maurilio
Vedi il profilo di Roberto Campana Per Maurilio
Roberto Campana
6 Aprile 2016 - 00:01
 
NON CI STAVANO PIÙ CARATTERI MA TI ACCONTENTO
2) Il trasferimento della gestione del forno crematorio ad un privato, viceversa, comporterebbe per il Comune di Verbania una serie di benefici: canone annuo al quale si aggiungano tutte le spese di gestione a carico del concessionario privato (manutenzione ordinaria e straordinaria, personale, utenze, rifiuti, ecc.) e quelle di manutenzione del cimitero di Pallanza, con la possibilità di estenderle all’intero sistema cimiteriale cittadino; ciò determinerebbe, tra introiti e risparmi, un utile pari, se non superiore, a quello attuale, senza alcuna perdita rispetto alla gestione pubblica. AD OGGI IL FORNO RENDE ALLE CASSE DEL COMUBE 250.000 EURO PULITI, COMPRESE TUTTE LE MANUTENZIONI FATTE. IL PRIVATO per poter mantenere lo status quo o aumenta il numero di cremazioni o aumenta le tariffe questa è l'unica soluzione. Infatti il Pd in sede di Consiglio si è badato bene nel mettere già dei paletti sia sulla cifra da percepire che sul numero massimo di cremazioni. Maurilio ti ringrazio per l'attenzione che mi dedichi , arrivederci.
Vedi il profilo di Giovanni% 1Re: Re: Lo dice il dirigente
Giovanni%
6 Aprile 2016 - 06:25
 
Grazie anche a te Maurilio - da 110 e lode sempre -che ci aiuti a riflettere.
Vedi il profilo di renato brignone Maurilio birichino...
renato brignone
6 Aprile 2016 - 08:55
 
ti anticipo che ieri ero al quartiere nord con Campana che conferma che nella fretta evidentemente si è perso qualcosa...per il punto 3 fai pure riferimento alla mia risposta :-)
Per quanto concerne l'imprenditorialità pubblica, non so quale film hai visto tu, io vedo sempre le repliche dello stesso, la trama è questa: il pubblico cede servizi remunerativi, tiene sevizi che nessuno vuole e i costi lievitano. Il giorno che il pubblico volesse fare buisness suggerirei legalizzare droghe leggere e prostituzione! Va bene come replica ? :-)
Vedi il profilo di jon snow 1Re: commenti, dubbi, domande e considerazioni
jon snow
6 Aprile 2016 - 12:11
 
Ciao Hans Axel Von Fersen

Nm3/h sono i "normal metri cubi ora", ovvero la portata a condizioni di pressione e temperatura standard

@campana:
ciao, ti chiedo un favore, da cittadino a consigliere comunale: riusciresti ad informarti su quali sarebbero queste nuove tecnologie che renderebbero il forno di pallanza "obsoleto"? che io sappia un forno è sempre un forno, e i depuratori non è che abbiano avuto chissà quale innovazione tecnologica nell'ultimo decennio.

OT
@brignone:
come mai sono stati chiusi i commenti al post sulle tompoma / emergency e cancellati quelli già pubblicati? ti piace vincere facile?
Vedi il profilo di renato brignone @ jon snow
renato brignone
6 Aprile 2016 - 12:25
 
Non devi chiedere a me, fosse per me gli anonimi non avrebbero nemmeno titolo di commentare, figurati giudicare l'etica altrui. Ci vole il coraggio di metterci la faccia, per me i "leoni da tastiera" valgono zero! saluti
Vedi il profilo di Maurilio Re: Maurilio birichino...
Maurilio
6 Aprile 2016 - 19:13
 
Ciao renato brignone

infatti io, da liberista convinto fino al midollo, solo del parere che il pubblico detta le regole e il privato fa l'imprenditore!

In Italia di esempi dove lo stato imprenditore ne sia uscito bene, nel senso che il paese ci ha guadagnato, sono davvero pochini...quindi non mi scandalizza barattare 150.000€/anno certi con utili incerti, anche visto che anche i tanto decantati 250.000€/anno non sono una certezza.

Questo non è svendere!

Ovvio, le condizioni lr detta il pubblico a favore del pubblico, cioè di noi cittadini, senza favorire questa o quella cordata!

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Re: Re: Maurilio birichino...
Hans Axel Von Fersen
6 Aprile 2016 - 20:43
 
Ciao Maurilio

Ai 150.000 euro devi detrarre il costo dei 2 (o forse più) dipendenti del comune che gestiscono il servizio. Quindi passi dai 250.000 euro al netto dei costi e quindi del personale a 150.000 euro e poi devi pagare il personale che c'è rimasto sul groppone. Quindi ipotizzando 2 dipendenti passi a 90.000 di entrate.
Vedi il profilo di Maurilio Re: Re: Re: Maurilio birichino...
Maurilio
6 Aprile 2016 - 21:59
 
Ciao Hans Axel Von Fersen

non giocare con i numeri...sai che, se la menoria non mi inganna, puoi assumere un dipendente comunale ogni quattro che vanno in pensione? Sai quanto lavoro utile per la comunità potranno fare queste due persone? Se poi fossero loro prossimi alla pensione, i conti sono presto fatti!

Poi, io ho solo fatto notare che Roberto Campana non aveva posto nessun commento alla "madre di tutte le motivazioni", al no alla privatizzazione, quello economico. Infatti, è stato subito corretto, sostenuto e giustificato da Brignone.

Dopodichè, sai quanto me ne importarà, il giorno che sarò "andato oltre" sapere che chi accenderà il forno sia un dipendente comunale o un privato... :)

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di andrea marconi La situazione è grave
andrea marconi
6 Aprile 2016 - 22:22
 
Qui sta accadendo qualcosa di grave e solo il comitato lo urla, la politica tace.
Gli astensionisti si presentano con numeri falsi, abbiamo già ripetuto che quando dovrà essere cambiato il forno non sarà necessario spendere tutti quei soldi;
Parlano di nuove tecnologie quando non sono cambiate le tecnologie dei forni crematori dal nostro a quelli attuali;
Fanno il gioco delle tre carte con gli utili facendo passare il messaggio che se rimane pubblico non potremo fare investimenti ma se il privato comincerà a darci un canone dopo qualche anno ( non si sa quando) quei soldi comunque non li avremo per investire;
Ci dicono che il privato potrà gestire anche i cimiteri ma vorrei capire come fa un privato a d'effetto are 1800 cremazioni, a non modificare i prezzi, ad accollarsi la gestione dei cimiteri, a garantirsi 150000€ a finire l'anno in attivo, questa è pura fantasia;
Non ci dicono che la sala del commiato, attualmente gratuita, sarà a pagamento, non ci dicono che verrà applicata l'Iva al 22%, che non potremo decidere il numero di cremazioni massime, che le emissioni ci sono e ci saranno...semplicemente aumenteranno.
si sottraggono al dibattito poiché consapevoli che verrebbero sbugiardati.
Spero che i verbanesi alpino la testa e il 17 aprile vadano a votare si.
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Re: Re: Re: Re: Maurilio birichino...
Hans Axel Von Fersen
6 Aprile 2016 - 23:22
 
Ciao Maurilio

Chissà quali gran lavori utili per la comunità potranno fare 2 tecnici di forno crematorio senza che la comunità abbia un forno crematorio da gestire... Sono curioso...
Vedi il profilo di paolino tornando al tema
paolino
7 Aprile 2016 - 00:05
 
gli undici (in realtà sono solo otto,non si sono trovati altri tre disposti a mettere la faccia in una simile baracconata) consci di non avere NESSUN ARGOMENTO si giocano l'unica disonorevole carta a loro disposizione,l'astensione.
se avessero anche solo uno straccio di argomentazione valida farebbero campagna per il no. penosi.
Vedi il profilo di Clerval Totò
Clerval
7 Aprile 2016 - 07:52
 
11 uomini, evidentemente, sono gli altri. Certamente voleva fare il verso a un famoso film umoristico di tanti anni fa. Bello, ma non percepibile agli intenditori odierni.
Vedi il profilo di Maurilio Re: Re: Re: Re: Re: Maurilio birichino...
Maurilio
7 Aprile 2016 - 07:57
 
Ciao Hans Axel Von Fersen

eri tu che giocavi con i numeri, io ti ho seguito...poi, come per la mensa, basterebbe inserire nel bando che chi subentra assume anche gli addetti, tanto qualcuno lo deve far funzionare sto forno!

Se c'è la volontà, e speso anche la capacità, le soluziono ci sono, altrimenti...

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Re: Re: Re: Re: Re: Re: Maurilio birichino...
Hans Axel Von Fersen
7 Aprile 2016 - 08:56
 
Ciao Maurilio

no Maurilio, io non sto giocando coi numeri, io mi sto confrontando con la realtà. Se ad esempio lo stipendio di Maurilio passasse da 250.000 al netto di tutte le spese (quali trasferte, materiale vario) a 150.000 al lordo delle spese e quindi 90.000 netti, penso che a Maurilio girerebbero le palle.
E Maurilio mettiti d'accordo con te stesso... O questi 2 dipendenti del forno crematorio sono, a prescindere dalla mansione che svolgono, essere utili per la comunità oppure che debbano essere assunti dal gestore grazie a specifico obbligo nel bando. Bando che, tra l'altro, ad oggi è sconosciuto nei suoi termini e quindi, quello che tu dici, è una tua ipotesi senza alcun fondamento.
Inoltre, (potrei sbagliarmi) ma penso che nessuno possa obbligare dei dipendenti comunali a diventare dipendenti di una ditta privata
Se anche il Comune fosse carente di personale, cosa che dubito, magari potrebbero servire ad esempio dei contabili per l'amministrazione o dei geometri o degli ingegneri per l'ufficio tecnico e tu invece gli daresti degli addetti per forno crematorio?
Vedi il profilo di Maurilio 1Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Maurilio birichino...
Maurilio
7 Aprile 2016 - 10:46
 
Ciao Hans Axel Von Fersen

nel momento stesso in cui scrivi "Se ad esempio..." stai giocando con i numeri!

Quello che nessuno ha fatto, o quantomeno ha reso pubblico, è una tabella che rappresenti seriamente e in modo totale l'impatto di questa scelta su un piano pluriennale, inserendo costi, ricavi e tutte le altre variabili (allego il primo esempio che ho trovato su internet). Senza questo documento, ovviamente basato su dati certi, siamo sempre nell'ambito del "...ad esempio...", cioè stiamo giocando con i numero, sia se si è favorevoli che contrari alla privatizzazione!

Ribadisco poi, che io ho solo commentato il fatto che Campana, uno dei principali oppositori della privatizzazione, non ha fatto nessun commento alla frase: "Il trasferimento della gestione del forno crematorio ad un privato, ..., comporterebbe per il Comune di Verbania una serie di benefici:...", lasciando intendere di essere d'accordo, senza prendere una posizione.

So solo convinto che il referendom si una "fuffa", che si presta a troppe strumentalizzazioni e mi fanno ridere certi commenti basati sul nulla.

Per esempio, mi ha fatto molto ridere parlare della pericolosità e del maggiore inquinamento atmosferico della cremazione di un cadavere sottoposto a più cicli di chemioterapia; quali studi confermano o meno questa teoria? Qualcuno ha presentato questi dati?

Questo referendum andava fatto basandosi su ben altri, e meglio circostanziati quesiti!

Basta parlare di democrazia partecipativa, se la domanda è mal posta, spesso non merita risposta, ecco spiegata la posizione di chi si asterrà.

E' poi inutile, caro Hans Axel Von Fersen. che mi stuzzichi con questi esempi puerili. Gli affitti di rami d'azienda sono prassi consolidate, la bontà, o meno, di queste operazioni dipende da tutta una serie di fattori e, anche in questo caso, si devono basare su una seria analisi economica.

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di andrea marconi Re: sig marconi
andrea marconi
7 Aprile 2016 - 14:25
 
Ha ragione, solitamente cerco di essere pacato, ma mi aspetto che i temi vengano affrontati con serietà e non vengano distorti - omessi dati.
La sala del commiato è a pagamento, da quel che mi risulta nei crematori di questa azienda ma comunque i forni crematori privati la fanno pagare.
Anche se per i residenti la tariffa rimanesse invariata a questa viene applicata l'iva.
Noi abbiamo richiesto tutti i dati inerenti il forno crematorio e non ci è stato fornito alcunché concernente le emissioni, figuriamoci i dati riguardanti le emissioni del forno crematorio di domo, mi chiedo loro come facciano ad averli e la risposta più semplice è che siano inventati.
Non dicono che nel 2015 gli utili, è vero che sono diminuiti ma la gestione delle "prenotazioni" è cambiata ( ora passano dal dirigente con orari ben precisi prima venivano contattati direttamente gli addetti in qualsiasi momento) e che ci sono 33000€ di gas di cui una parte probabilmente è un conguaglio ( la dirigente interrogata non sapeva bene per quale motivo ci fosse una cifra più alta di anni in cui ha lavorato maggiormente).
Fanno del populismo dicendo "o si investe nel forno o negli asili" ma non è vero poiché i 150000€ ( bisogna vedere se saranno davvero così tanti, non c'è certezza) cominceranno ad essere corrisposti dopo qualche anno per favorire l'investimento del privato, ciò vuol dire che non investiremo nel forno ma non potremo farlo nemmeno in altri servizi.
Nel loro primo articolo avevano già tirato fuori delle tecnologie che sarebbero state utilizzate, ricordo che l'unica, fino a prova contraria, ad aver visionato il progetto è la dirigente che smentisce quanto affermato da loro.
Tutte le loro argomentazioni sono inventate oppure distorte, gli viene concesso di passare in televisione e parlare anche per ultimi, se in più ci aggiunge il fatto che ho sempre chiesto un confronto pubblico ( in modo da poter smontare le loro tesi) e loro si sono sempre rifiutati beh, mi sento in diritto di essere quantomeno arrabbiato
Vedi il profilo di andrea marconi 1Re: tariffa
andrea marconi
7 Aprile 2016 - 16:56
 
Devo essermi perso questa parte, se però lei è sicura chela dirigente abbia detto così mi fido.
per il resto non credo sia un referendum pro o contro Marchionini, credo che lei lo faccia diventare così nel momento in cui "fa nascere" comitati per l'astensione e cerca in tutti i modi di non parlarne affatto, ci rende difficile reperire i dati, non rispetta le scadenze e le procedure imposte dai regolamenti ecc.
basti pensare che sulla pagina di Verbania ancora non è uscito nulla riguardante il referendum, siamo a 10 giorni dal voto.
Vedi il profilo di renato brignone 1non è proprio così
renato brignone
7 Aprile 2016 - 17:29
 
A S. Anna , l'amministrazione ha potuto solo esprimere un orientamento, non ha dato certezze. L'orientamento a che i prezzi non cambiassero (per i residenti) l'ho sentito, quello che l'IVA sarebbe stata assorbita, mi manca. La logica deduzione , a maggior ragione se l'iva venisse assorbita, sarà tutta una questione di economie di scala e ripartizione dei costi... e quindi tante, tante , tante cremazioni. E' il mercato bellezza
Vedi il profilo di Demian Quindi
Demian
7 Aprile 2016 - 18:58
 
Oltre la polvere e le ceneri sui balconi , la sala commiato a pagamento, anche quella dell iva, quindi non sono solo gli altri a dire falsità o a inventarsi le cose
Vedi il profilo di paolino miracolo a s.anna
paolino
7 Aprile 2016 - 19:52
 
ricordiamo che tra le varie panzane inventate per convincerci della bontà dell'operazione c'era anche quella che sovvertiva tutte le leggi della termodinamica : il forno (dei privati) si autoalimenta!
vista la location,si poteva tranquillamente parlare di un miracolo a s.anna.
Vedi il profilo di Roberto Campana 2Sig. Maurilio
Roberto Campana
8 Aprile 2016 - 08:59
 
Buongiorno, la ringrazio per la considerazione, questo mi fà onore.
Nel merito, non avendo tempo di stare dietro ai molteplici commenti, la inviterei a non attribuirmi frasi, per l'appunto, "non dette".
Riguardo alla sua ultima frase: ""Ribadisco poi, che io ho solo commentato il fatto che Campana, uno dei principali oppositori della privatizzazione, non ha fatto nessun commento alla frase: "Il trasferimento della gestione del forno crematorio ad un privato, ..., comporterebbe per il Comune di Verbania una serie di benefici:...", lasciando intendere di essere d'accordo, senza prendere una posizione.""
Gli unici benefici che il Comune avrebbe sono sostanzialmente tre: si libera di due dipendenti, nessuno deve assumersi più responsabilità per il forno (quindi ridurremo i compensi dei Dirigenti???) e non dovrà fare l'investimento. Nonostante questi tre "apparenti e discutibili" vantaggi (non certo per i lavoratori o per i cittadini), Vi sono innumerevoli questioni che fanno ritenere questa perazione di esternalizzazione "non vantaggiosa per la collettività". Il costo sociale in termini di salute pubblica, il costo delle tariffe, in tutti i forni di quella società il costo di cremazione per i residenti è di circa 150,00 € maggiore a quello che paghiamo oggi, senza calcolare che se vuoi rimanere nella sala commiato devi pagare 100,00 € in più (cosa che oggi non si paga).Ammesso e non concesso che ai Verbanesi venissa concessa la cremazione gratis, ricordo che il forno è utilizzato solo (e per fortuna) per il 20% dai residenti, tuti gli altri pagherebbero molto di più di quello che si paga ora, e per altri, si intende già comuni come Ghiffa o Gravellona. Invito Maurilio agli incontri pubblici che ci saranno, di presentarsi (ammesso che la foto si la sua) e, se lo vuole, avrò la premura di informarlo sui molteplici aspetti che, con un post o dei commenti, non si riesce ad esplicare nel dettaglio. Ah, ultima cosa, anzichè investire in 4 parcheggi multipiano, nell'acquisto di Casa Ceretti, in incarichi poi non considerati per il Cem..... e tante altre cose, il comune potrebbe investire nell'unica cosa che ad oggi, con la farmacia comunale, dà un entrata certa al nostro Comune... Saluti.
Vedi il profilo di Clerval Inventati
Clerval
8 Aprile 2016 - 09:31
 
I dati del forno di Domodossola (emissioni dal 2007 al 2015) sono consultabili sul suo sito al link http://www.altairprogetto.it/index.php/servizi/dati-emissioini/emissioni-domodossola. Buona lettura
Vedi il profilo di Maurilio Re: Sig. Maurilio
Maurilio
8 Aprile 2016 - 11:16
 
Caro Roberto Campana

non mi sembra di averle attribuito frasi non dette, ribadisco, ho solo commentato che lei non aveva messo nessun commento al punto 2 del comunicato! E questo è fuori da ogni discussione!

La cosa l'ho trovata molto strana, perchè si è sempre battuto su questo tasto, l'inquinamento è sempre venuto solo in secondo piano. Non dico che non sia importante, ma si vada a rileggere tutti i comunicati della prima ora e vedrà che il tema principale è sempre stato quello economico.

Inoltre, farcisce il suo commento, come hanno fatto altri commentatori, con cifre e percentuali, ma non fa quello che ho suggerito, che è l'unico modo serio per affrontare la questione economica!.

Per convincere gli scettici che la privatizzazione non è un affare per il comune, costruisca una tabella, internet fornisce molti esempi, con l'impatto economico delle diverse ipotesi, ripartite sugli anni in cui sarà attiva l'ipotetica convenzione con la ditta esterna (15, 20, 25,...?). Solo così i numeri potranno avere un senso!

Ovviamente, invito anche chi è favorevole alla questione a fare altrettanto, solo così si esce da questa situazione ridicola, dove ognuno gioca, con i numeri.

Come ho detto in molti altri commenti, l'opposizione è il vero valore della democrazia. Ma per essere all'opposizione in modo attivo, e non sbraitare solo in ogni situazione, bisogna esserne all'altezza!
Purtroppo, in molte situazioni, questo non è avvenuto!

In quanto a me, a parte che abito appena al di fuori dei confini di Verbania, quindi non ho diritto di voto, penso, ma ho già avuto modo di dire, che questo referendum è assolutamente inutile, concordo con la definizione di Giovanni% è un "referendum fuffa"!

Saluti

Maurilio

P.S. se lo desiderate, mi metto a disposizione di entrambe le parti (comitati per il Sì o per il No) per supportarvi a redigere questa tabella, autorizzo la redazione a dare i miei contatti oppure cercatemi sui social, non dovrebbe essere un problema trovarmi.
Vedi il profilo di Maurilio Re: Sig. Maurilio
Maurilio
8 Aprile 2016 - 11:26
 
Ciao Roberto Campana

detto questo, trovo offensivo e presuntuoso dire:
1. "...ammesso che la foto si la sua..." prima si informi sono facilmente raggiungibile sui diversi social!!!!
2. "...avrò la premura di informarlo sui molteplici aspetti ..." crede che io commento senza essermi prima informato?

Un'ultimo consiglio, e lo dico da simpatizzante del M5S, basta populismo, se mi fa un commento sulla convenienza economica della privatizzazione del forno crematorio, si limiti a quel commento! I parcheggi, casa Ceretti e altro, non serve nulla in questa discussione!!! Anzi, potrebbe dare certezze a chi dice che in realtà questo sia un referendum pro o contro Marchionini!!

Ecco cosa intendo quando dico che l'opposizione deve "essere all'altezza della situazione"!!

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di Maurilio Re: Sig. Maurilio
Maurilio
8 Aprile 2016 - 11:37
 
Ciao Roberto Campana

inoltre, penso che anche l'amministrazione abbia commesso parecchi errori.

La prima cosa che avrebbe dovuto fare è evidenziare l'impatto economico sui prossimi 15/20 anni di gestione diretta del forno (costi, ricavi, investimenti,...), cosa questo avrebbe comportato per la città e solo da qui far partire il progetto di privatizzazione.

Sarebbe stato più facile per tutti capire la bontà o meno del progetto!

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di renato brignone tutti bravi a commentare, ma sono altri a "fare"
renato brignone
8 Aprile 2016 - 11:48
 
Caro Maurilio, mi permetto di intervenire perchè hai chiamato in causa "le " opposizioni, lasciando intendere che (secondo te) non siano all'altezza... Tutto legittimo, ma non è che siccome tu proponi un modo diverso di fare opposizione tu abbia ragione e gli altri sono "fessi". Tirare in ballo anche sul forno come questa amministrazione usa i soldi in modo molto discutibile è (a mio modesto avviso) assolutamente sensato. Oggi più che mai il referendum rappresenta anche una questione di fiducia verso un agire politico che è su troppe e diverse questioni , molto, molto discutibile.
Vedi il profilo di Maurilio Re: tutti bravi a commentare, ma sono altri a "far
Maurilio
8 Aprile 2016 - 12:17
 
Caro renato brignone

Primo non ho detto che le opposizioni "non siano all'altezza", ma che non sempre sono all'altezza, due concetti ben diversi!

Secondo, ne le opposizioni ne la maggioranza ha dimostrato, in modo chiaro, che sia un buon o pessimo affare!

Finora sia la maggioranza che le opposizioni hanno "giocato" con i numeri, si è detto tutto e il contrario di tutto sia sul piano economico che sul piano delle emissioni. Per questo il referendum è una fuffa!

Sei un imprenditore, dovresti conoscere il concetto di "Business Plan", presentamene uno che dimostri che la privatizzazione non sia vantaggiosa e avrai tutta la mia ammirazione e, per quel che vale, il mio appoggio!

Fino ad ora solo parole! Da ambo le parti!

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di paolino curiosità per Maurilio
paolino
8 Aprile 2016 - 13:14
 
ma che mestiere fa? per mettersi addirittura a disposizione dei comitati per redigere dei business plans,o è un imprenditore di un certo livello o un dirigente di d'azienda,chissà.
di sicuro ha un'alta considerazione di sè
Vedi il profilo di Maurilio Re: curiosità per Maurilio
Maurilio
8 Aprile 2016 - 13:35
 
Ciao paolino

anche uno studente universitario sa cos'è, ma sopratutto a cosa serve, un "business plan"!

Invece di chiederti chi sono e cosa faccio, cosa peraltro abbastanza semplice da verificare, dovresti chiederti perchè nessuno lo ha presentato?

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di andrea marconi 1Re: Re: curiosità per Maurilio
andrea marconi
8 Aprile 2016 - 14:49
 
Buon giorno,
se davvero è interessato e intenzionato ( nel senso che riesce a dedicarci del tempo) a fare un business plain, le scrivo qui la mia email così da poterci sentire ( può mandarmi il suo numero di cellulare così la contatto), le fornirò tutti i dati che posseggo, seppur pochi.
andreamarconi91@gmail.com
In attesa di una sua email,
Andrea
Vedi il profilo di Anonimo Re: Re: curiosità per Maurilio
Anonimo
8 Aprile 2016 - 15:19
 
Ciao Maurilio
concordo su cose da te scritte.
Non bisogna essere un Montezemolo o un Marchionne per redigere un business plan.
Non c'è nulla di trascendentale e tale nozioni vengono pure insegnate agli studenti degli istituti tecnici commerciali.
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Business plan sto...
Hans Axel Von Fersen
8 Aprile 2016 - 16:52
 
Non serve nulla per capire che se si cede un servizio che rende 250k netti l'anno per incassarne 150k lordi l'anno (e per i primi 3-4 anni si incasserebbe ZERO) e doverne spenderne 60k per i 2 adetti (che rimangono sulle croste della collettività), quindi incasso netto 90k sia una follia.
Vedi il profilo di Maurilio Re: Business plan sto...
Maurilio
8 Aprile 2016 - 16:56
 
Ciao Hans Axel Von Fersen

A parte che ti sei dimenticato gli investimenti (manutenzione o nuovo impianto) per il resto...chapeu!!!!

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di Kiryienka HAVF e i K
Kiryienka
8 Aprile 2016 - 18:02
 
giusto per informazione,per chi nn si dedica a gabling,tipo poker on line o cose del genere,vorrei spiegare che i ''k'' delle cifre sciorinate,giustamente e puntualmente da HAVF,significano ''migliaia''...........no more bets!!!!!
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Re: Re: Business plan sto...
Hans Axel Von Fersen
8 Aprile 2016 - 18:12
 
Ciao Maurilio

Forse ti sfugge il significato di "netto".... Vuol dire spese già incluse tra cui le manutenzioni. Nuovo impianto: anche se fosse indispensabile (e ciò non è detto) e costasse diciamo un 1 milione, tempo 6 anni è ammortizzato. Anche un bambino capirebbe che dando il forno in gestione con questi termini economici, il comune perderebbe 1,5 milioni in 10 anni e una società esterna guadagnerebbe 1,5 milioni in 10 anni
Vedi il profilo di Maurilio Re: Re: Re: Business plan sto...
Maurilio
8 Aprile 2016 - 18:22
 
Ciao Hans Axel Von Fersen

si, si, continua pure a giocare con i numeri...

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di Demian Numeri
Demian
8 Aprile 2016 - 18:30
 
Anche tale fersen soara numeri a caso, dove ha letto che il comume non incasserebbe nulla per iprimi anni? Sa di accordi segreti ?
O anche lei per sentito dire?
Vedi il profilo di maffy Re: Re: Re: Business plan sto...
maffy
8 Aprile 2016 - 18:34
 
Ciao Hans Axel Von Fersen. Dimentichi che quando il forno e' fermo per avarie (quest'anno due mesi) il netto diminuisce.. E col forno "obsoleto" si rischia che succederà spesso...
Vedi il profilo di paolino Re: Re: curiosità per Maurilio
paolino
8 Aprile 2016 - 19:30
 
Ciao Maurilio
primo,ribadisco che la tua autostima è notevole (dovrebbe essere facile sapere chi sei e cosa fai..ammazza che umiltà!).
secondo,se permetti il business plan DEVE presentarlo chi vuole privatizzare il servizio,mica chi vuole lo status quo,ma scherziamo?? tu vuoi convincermi che è meglio privatizzare un servizio? bene,dimostramelo tu,cifre alla mano! qui casca l'asino,i "privatizzatori " non possono fare altro che sparare numeri a casaccio per perorare la loro "causa". e ben consci di questo,provano a far fallire il referendum,non a vincerlo.
questa è disonestà intellettuale,e continuare a giochicchiare coi numeri per sostenere una tesi assurda è abbastanza penoso.
Vedi il profilo di Renato brinone Paolino
Renato brinone
8 Aprile 2016 - 19:51
 
Paolino for president :-)
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Re: Numeri
Hans Axel Von Fersen
8 Aprile 2016 - 20:04
 
Ciao Demian

L'ha scritto Andrea Marconi il 7 aprile alle 14:25
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Gli dedichiamo una strada?
Hans Axel Von Fersen
8 Aprile 2016 - 20:06
 
Quindi fatemi capire... Dobbiamo considerare la ditta, che vuole il forno crematorio in gestione, una benefattrice della comunità?
Vedi il profilo di Demian Re: Re: Numeri
Demian
8 Aprile 2016 - 20:38
 
Ciao Hans Axel Von Fersen

Marconi ha sparato anche che le polveri e le ceneri finiscono anche sui balconi di sant anna se è per questo.
Vedi il profilo di sibilla cumana HAVF
sibilla cumana
8 Aprile 2016 - 20:43
 
tutti i benefattori della comunità, quando c'è di mezzo un interesse economico....sono alquanto sospetti!
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Re: Re: Re: Numeri
Hans Axel Von Fersen
8 Aprile 2016 - 20:48
 
Ciao Demian

Chiedi chiarimenti a lui e non a me e soprattutto chiediglieli subito
Vedi il profilo di Maurilio Re: Re: Re: curiosità per Maurilio
Maurilio
8 Aprile 2016 - 21:21
 
Ciao paolino

forse è vero, ho sicuramente un'autostima notevole, ma sui social, a Verbania, di Maurilio non ce ne sono molti...più tardi metterò la stessa foto che ho su Facebook anche su VBN, così ti sarà più facile rintracciarmi!

A parte questo, tu però non leggi quello che scrivo (non è un obbligo in assoluto, ma se mi rispondi nei commenti...).

Io ho scritto, testuali parole, "...ne le opposizioni ne la maggioranza ha(nno) dimostrato, in modo chiaro, che sia un buon o pessimo affare..."; siccome mi hanno insegnato, ma si vede che ho avuto pessimi maestri, che se vuoi sostenere o confutare, una tesi, la devi dimostrare, ecco che il discorso del "business plan" vale per ambo le parti!

Un paio di persone, una per parte, mi ha chiesto di sviluppare un "business plan", fornendomi i dati di bilancio el forno, tra qualche ora avranno il mio "esercizio", poi decideranno il da farsi...non ci voleva molto, 20' per impostare un modello, altrettanti per impostare qualche ipotesi...

Inoltre, io non ho mai detto di essere favorevole "in toto" alla privatizzazione, semplicemente leggo un sacco di banalità spacciate per verità assolute, senza un briciolo di argomentazione strutturata. Come ho risposto ieri a HAVF: "Gli affitti di rami d'azienda sono prassi consolidate, la bontà, o meno, di queste operazioni dipende da tutta una serie di fattori e, anche in questo caso, si devono basare su una seria analisi economica."

"Seria analisi economica" che devono fare sia chi è favorevole che chi è contrario, altrimenti vale la risposta di questa mattina a Campana e Brignone: "...non sempre le opposizioni sono all'altezza..."

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Ci siete o ci fate?
Hans Axel Von Fersen
8 Aprile 2016 - 22:37
 
Il business plan può servire quando si vuole iniziare un'attività perché si fanno stime, ipotesi, proiezioni su qualcosa che non esiste. Quando una attività è già operativa si guarda l'ultima riga del bilancio, un dato secco. Questo dato incontrovertibile è stato fornito dal dirigente: si incassa tra i 200.000 e i 250.000 euro all'anno. Non capisco cosa vogliate dimostrare con i vostri plan plin plon
Vedi il profilo di Kiryienka havf business plan
Kiryienka
8 Aprile 2016 - 22:45
 
corretto........business plan per attivita' da avviare.........lasciali cazzeggiare HAVF......e' bello ''fare gli scemi per non pagare il dazio''....e' un'arte sopraffina,come la mangusta che si finge morta.......
Vedi il profilo di Demian Re: Ci siete o ci fate?
Demian
9 Aprile 2016 - 00:03
 
Ciao Hans Axel Von Fersen

Guardi signor fersen che ogni azienda che si rispetti oltre il bilancio di fine anno, fa proiezioni non solo sull anno in corso , ma anche sui tre anni successivi
Vedi il profilo di paolino addirittura!
paolino
9 Aprile 2016 - 01:06
 
apprendo che entrambi gli "schieramenti" si sarebbero rivolti al guru Maurilio per avere un business plan del forno crematorio. non volendo palesare la sua professione ,devo dedurre che il nostro super manager operi in questo ambito,per poter addirittura stilare un business plan verosimile comprensivo di manutenzioni ecc,a meno di cercare a casaccio su internet.

quanto a chi deve dimostrare qualcosa appare abbastanza evidente (tranne a Maurilio,evidentemente) che spetta al "preponente" dimostrare la bontà dell'operazione.

a oggi abbiamo qualcuno che vuole convincerci che è meglio prendere 150 mila euro all'anno,forse nemmeno da subito,piuttosto che i 250 mila incassati finora;converrà anche Maurilio che per suffragare questa stravagante ipotesi occorrano certezze incontrovertibili,e non tabelline scopiazzate da internet.
Vedi il profilo di andrea marconi Re: Re: Re: Numeri
andrea marconi
9 Aprile 2016 - 01:16
 
Per quanto riguarda gli anni in cui il privato non verserà alcunché è stata la dirigente a dirlo e, anzi, proprio ieri sera Lo Duca parlava di 7 anni in cui non avrebbe versato nulla.
Per le ceneri invece ho riferito quanto mi è stato detto da più abitanti di Sant'Anna purtroppo ho peccato di ignoranza in materia poiché in realtà le ceneri sul balcone si sono effettivamente palesate ma a causa di guasti.
scusate per l'errore
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Re: Re: Ci siete o ci fate?
Hans Axel Von Fersen
9 Aprile 2016 - 08:39
 
Ciao Demian

Non ci crederai ma non stiamo parlando della Fiat che ha svariati stabilimenti in giro per il mondo con migliaia di dipendenti. Parliamo di un forno crematorio che ha 5 voci di spesa (personale, manutenzioni, gas, luce, gestione) e una voce per gli incassi (tot cremazioni x costo cremazioni). Bilancio di questi capitoli dichiarato dal dirigente 250.000 euro anno. Offerta ricevuta da ditta esterna 100.000 max 150.000 nemmeno da subito perché i primi anni bisogna "andargli incontro" e rimangono sul groppone la spesa per i 2 dipendenti che attualmente è ricompresi nelle spese del forno. Quindi al metto di questa spesa incassi per il comune 40.000 euro max 90.000 euro.
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Re: Re: Ci siete o ci fate?
Hans Axel Von Fersen
9 Aprile 2016 - 08:48
 
Ciao Demian

*è ricompresa
*netto

Conclusione: perdita annuale per il comune tra i 160.000 e i 210.000 euro.
Incassi annuali della ditta esterna tra i 160.000 e i 210.000 euro
Vedi il profilo di Maurilio Re: addirittura!
Maurilio
9 Aprile 2016 - 09:44
 
Ciao paolino

complimenti!

Io mi metto in gioco, con nome, facilmente identificabile sui social, e foto, tu mi provochi, al limite dell'insulto nel completo anonimato!

Che livello! Complimenti!

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di paolino Re: Re: addirittura!
paolino
9 Aprile 2016 - 09:53
 
Ciao Maurilio

non fare la vittima,su. nessun insulto o provocazione,se hai qualcosa di serio da dire lo dici,altrimenti stai solo millantando cose non vere. e sei liberissimo di ribattere come ti pare,come facciamo tutti,purchè si resti nei limiti concessi. evidentemente finora lo siamo stati tutti,quindi..
Vedi il profilo di Demian Re: Re: Re: Ci siete o ci fate?
Demian
9 Aprile 2016 - 09:53
 
Ciao Hans Axel Von Fersen
Un altro che fa i conti per sentito dire o perche legge l autorevole signor Marconi. Ridicolo
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Re: Re: Re: Re: Ci siete o ci fate?
Hans Axel Von Fersen
9 Aprile 2016 - 09:58
 
Ciao Demian

Falli tu i conti
Vedi il profilo di Clerval Jacques Prèvert
Clerval
9 Aprile 2016 - 10:37
 
Scusate, disse il comandante, credevo si potesse. Siete scusato tutti possono sbagliare
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Re: Re: Re: Re: Numeri
Hans Axel Von Fersen
9 Aprile 2016 - 13:55
 
Ciao andrea marconi

Spettacolare! Per 7 anni il comune non incasserà un ghei! Ipotesi dopo 7 anni di gestione comune: incassi comune ricavi tra 1.400.000 e 1.750.000. Ipotesi dopo 7 anni di gestione esterna: incasso comune ZERO!
Attendo il business plan per riderci sopra
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Re: Re: Re: Re: Re: Numeri
Hans Axel Von Fersen
9 Aprile 2016 - 14:14
 
Ciao Hans Axel Von Fersen

Chiedo perdono per il grave errore di conto: con gestione esterna, incassi comune dopo 7 anni -420.000 euro che è il costo dei 2 addetti che dovrà continuare a stipendiare senza incassare un ghei!
Vedi il profilo di Demian Re: Re: Re: Re: Re: Re: Numeri
Demian
9 Aprile 2016 - 14:31
 
Ciao Hans Axel Von Fersen

Vedo che ormai tal fersen da i numeri da solo e crede alle false affermazioni di tale Marconi .Contento lui. Chissa se crede anche a babbo natale alle scie chimiche etc etc . Molto probabile
Vedi il profilo di DON È nato prima......
DON
9 Aprile 2016 - 15:01
 
È nato prima l'uovo o la gallina? Prima si vota una privatizzazione e poi si valuta la proposta nei dettagli ? La questione è tutta qui, ed anche il motivo per cui e nato un comitato ed abbiamo un referendum, dove si dice all'amministrazione non mi svendi un servizio pubblico remunerativo a scatola chiusa, non siamo al gioco dei pacchi televisivo dove all'apertura scopri se hai fatto una buona scelta.
Proviamo ora ad entrare nel merito dei punti sopra esposti
1 non è vero che gli utili sono in costante diminuzione e per quanto riguarda il 2014 grave inesattezza l'utile non è di 200 mila ma bensì di 295.796,93 dato ufficiale del dirigente, ufficioso... e prima o poi lo verifichero potrebbe essere vicino ai 400 mila
2 gli unici costi che verrebbero alleggeriti sono quelli cimiteriali della sola pallanza, se la ditta se ne farà carico in quanto si è parlato di un periodo sperimentale, sperando non aumentino le tariffe cimiteriali, altrimenti i verbanesi pagheranno direttamente il risparmio comunale
3 e 4 il forno non è obsoleto e la sostituzione non è urgente, ma anche se fosse urgente a Frosinone il solo forno, con potenzialita simili, è costato 364.000 euro, quindi il solo utile del 2014 sarebbe bastato per coprire l'operazione, i costi di manutenzione sono già stati detratti dai ricavi
5 e 6 senza entrare in formule complesse , faccio una semplice constatazione, anno 2015 costo bolletta gas euro 33.619,48, poniamo un costo di 80 centesimi al m3 vuol dire 42.024,36 m3 di gas metano bruciato comprensivo di inquinanti causa cremazione,quali cianuro HCN, composti inorganici del fluoro HF e cloro HCL, cadmio Cd tallio Ta mercurio e relativi composti Hg, policlorodibezodiossine PCDD policlorodibezofurani PCDF eccc.ecc...senza prendere in considerazione le perplessita di Bava in merito ai componenti tossicci delle cure chemioterapiche di cui i pazienti deceduti sono imbottiti (scusate l'argomento un po macabro)mi può spiegare il luminare come possa inquinare meno di un'auto a benzina ( gli inquinanti citati son presi dal forno che la stessa ditta proponente ha installato a Serravalle Scrivia)
7 avete accesso ai dati secregati del progetto preliminare per dichiarare che inquinera meno? 1000 m3 ora come si conciliano con i 42000 annuì sopra esposti? L'autorizzazione al limite del numero di cremazioni lo da la provincia (nominata) e se la ditta proponente farà richiesta di un aumento delle cremazioni, in quanto il nuovo forno ne ha le potenzialità, siamo certi che non l'avranno?
Vedi il profilo di renato brignone X Lady Maffy :-)
renato brignone
9 Aprile 2016 - 15:06
 
Sono in montagna, quindi i dati li riporto a memoria, non ho modo di essere precisissimo, comunque 250 é l'incasso minimo al netto delle spese ottenuto dalla gestione comunale, lo consideriamo un punto di riferimento per le valutazioni, ma se controlli, ci sono stati anni in cui il guadagno netto é arrivato a 400 mila... Comunque per me é una questione più di "visione politica" che di mera economia.
Vedi il profilo di Demian Sagra della porchetta
Demian
9 Aprile 2016 - 15:46
 
Ormai chi entra spara il numero piu alto.scommettiamo che alla fine scopriamo che sto forno fa guadagnare al comune due o tre milioni di euro? Ma qualcuno che ce li mostri questi dati non c è?

.
Vedi il profilo di Don Re: Sagra della porchetta
Don
9 Aprile 2016 - 16:39
 
Ciao Demian

Hai poco da ironizzare, a Serravalle con 4000 cremazioni hanno un utile poco meno di 1.100,00
Vedi il profilo di Demian Re: Re: Sagra della porchetta
Demian
9 Aprile 2016 - 16:59
 
Ciao Don

Mi scusi.. Marconi dice 250 , Brignone e Campana confermano , poi per 2015 magicamente diventano 200 , ma è colpa della bolletta del gas e del fermo forno dicono marconi e campana. Poi salta fuori lei e dice contrordine sono 295 , ma attenzione potrebbero essere 400 ( 100 in piu da dove saltano fuori?). Permette che la gente pensi che sparate numeri a caso? Fate vedere questi numeri nero su bianco e vi credero . Quindi il giorno prima del voto diventeranno un milione?
Vedi il profilo di Don Re: Re: Sagra della porchetta
Don
9 Aprile 2016 - 17:01
 
Ciao Don

Opss volevo dire 1.100.000,00 quindi il business è più che interessante
Vedi il profilo di Don Re: Re: Re: Sagra della porchetta
Don
9 Aprile 2016 - 17:19
 
Ciao Demian

250 mila lo si è usato per comodità e per riportare quanto dichiarato in consiglio comunale, ed era usato per prudenza. In merito al 2015 a marzo è subentrato il dirigente a gestire le richieste, e le cremazioni sono calate drasticamente,da 1227 dichiarati dall'amministrazione a 841 e di conseguenza le entrate , comunque l'utile netto fonte ufficiale del dirigente per il 2015 è di 203.076,12 alla voce oneri di gestione diversi appare la cifra di 45.722,88 che nel 2014 era di 14.762,98 e nel 2013 981,08 questi numeri non sono ad minchiam, e solo uno cieco o di parte non riesce ad interpretarli correttamente
Vedi il profilo di Don Re: Re: Re: Re: Sagra della porchetta
Don
9 Aprile 2016 - 17:24
 
Scusate ma sono su cell e faccio fatica a scrivere e rileggere preciso che 1227 erano le cremazioni del 2014 ed 841 quelle del 2015
Vedi il profilo di Maurilio Re: Re: Re: addirittura!
Maurilio
9 Aprile 2016 - 21:02
 
Caro paolino

Fammi capire, che nesso c'è tra la frase "se hai qualcosa di serio da dire lo dici" e la frase "altrimenti stai solo millantando cose non vere"?

Non capisco cosa avrei millantato?

Mi sono anche preso la briga di verificare il significato del verbo millantare, cioè "Vantare cose non vere o comunque esagerate", ma ancora non capisco di cosa mi sarei vantato? Quali cose non vere avrei detto?

Mah, mistero!!!!

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di paolino Re: Re: Re: Re: addirittura!
paolino
10 Aprile 2016 - 10:20
 
Ciao Maurilio
chi ha detto di essere stato interpellato da entrambi gli schieramenti per un business plan? io o Maurilio? se non è vero,e qualche dubbio più che lecito ce l'ho (perchè diciamocelo,o sei del settore o un business plan sui generis può farlo chiunque senza scomodarti,anche perchè non rivelandoci la tua qualifica potresti essere anche un pittore o un netturbino,gente non a proprio agio con un business plan..) quella è una millanteria.
adesso dovresti aver capito.
ciao.

p.s. la diffidenza è giustificata,sia qui che su Verbanianews abbiamo smascherato qualche fenomeno che pensava di essere il più furbo di tutti..
Vedi il profilo di aurelio tedesco Signor Marconi, signor Brignine signor Campana
aurelio tedesco
10 Aprile 2016 - 17:45
 
Ieri in conferenza stampa abbiamo presentato i documenti con i dati di emissione dei forni : anni 2014/2015 forno di Verbania, dati di emissione forno di domodossola e studio dell universita di udine sui consumi ed emissioni di un forno crematorio . Io da parte vostra ho sentito solo chiacchiere e insulti. Per favore ci mostrate i vostri dati sull imquinamento?
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Re: Signor Marconi, signor Brignine signor Campana
Hans Axel Von Fersen
10 Aprile 2016 - 19:12
 
Ciao aurelio tedesco

Facciamo che lei ci fornisce i suoi (cosa che tra l'altro aspetto da un bel po' di tempo) oppure li faccia pubblicare sul sito del comune.
Non ci crederà, ma non è che possa seguire tutte le vostre conferenze stampa...
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Re: Signor Marconi, signor Brignine signor Campana
Hans Axel Von Fersen
10 Aprile 2016 - 19:20
 
Ciao aurelio tedesco

Ad ogni caso... Inquina troppo? Consuma troppo? Investiamo il 10% degli incassi annuali per i prossimi 10 anni e lo sostituiamo.
Vedi il profilo di paolino conferenza stampa
paolino
10 Aprile 2016 - 21:33
 
chissà se Tedesco ieri ha presentato anche il famoso forno autoalimentato..
Vedi il profilo di Maurilio 1Re: Re: Re: Re: Re: addirittura!
Maurilio
11 Aprile 2016 - 00:47
 
Caro paolino

spiegami cosa avrei millantato? Ho scritto che In due mi hanno contattato, uno lo ha fatto pubblicamente su queste pagine (venerdì mattina, pubblicando la sua email, ma ora il commento è stato cancellato), concedimi almeno il beneficio del dubbio per il secondo!

Mi fa specie che tu, che commenti in incognito, sei preoccupato della serietà degli altri commentatori! Capisco le motivazioni di chi sceglie l'anonimato, ma almeno abbi il buon gusto di stare zitto, E se il furbo fossi tu, come posso verificare?

"...business plan sui generis può farlo chiunque..." vero, ma finora non ne ho visti nessuno e non ne ho sentito parlare! Nemmeno un mezzo riferimento, perché? Non lo so, ma mi sarebbe sembrato comunque interessante. E lo ribadisco qui ha sbagliato l'amministrazione!

Inoltre, io non ho mai detto di avere la verità in tasca, anzi! Infatti, non renderò pubblica la mia analisi proprio perchè non ho nessun titolo per farlo, sono un "signor nessuno"!

La prima bozza della "proiezione pluriennale sulla base di ipotesi normalizzate" (questo è, più o meno, la traduzione di business plan in italiano, meglio l'inglese!) del confronto tra la scelta di gestire direttamente o esternalizzare la gestione del crematorio di Pallanza, è già in mano di chi ha chiesto il mio contributo; ne facciano pure quello che vogliono!

Perchè me lo hanno chiesto? Non lo so, se vogliono lo diranno loro, altrimenti fa niente! Immagino per confrontare diverse ipotesi e diversi modelli. Un business plan non è mai ne giusto o ne sbagliato, si basa su ipotesi, siamo nell'incertezza più totale! Ma la correttezza o meno delle ipotesi alla base che ne uno strumento utile. Più ipotesi si confrontano, più è probabile che si trovi la strada migliore da percorrere!

Che cosa è emerso dalla mia analisi? Più o meno quello che mi aspettavo! C' è sempre un margine a favore della gestione diretta (e ci mancherebbe altro!), ma è sempre all'interno di una forbice accettabile.

Che cosa rende o meno accettabile il mancato guadagno, cioè la forbice? Dipende dalle aspettative di chi decide!.
Mi spiego con un esempio; oggi, un mutuo a tasso fisso presenta tassi di interesse tra il 50 e il 100% superiori di uno a tasso variabile. Perchè dovrei scegliere il tasso fisso? Lo scelgo se desidero la sicurezza di una rata fissa, all'incertezza di una rata variabile, che potrebbe variare anche di molto la rata mensile!

CERTEZZA contro INCERTEZZA!

Analogamente, la scelta tra la gestione diretta e la gestione esterna è una scelta tra CERTEZZA (gestione esterna) contro INCERTEZZA (gestione diretta, l'attuale)!

Confronto il "è PROBABILE", di un guadagno maggiore con "la SICUREZZA" di una guadagno certo!

Ora, però, si pone la domanda chiave, Quanto posso accettare di mancato guadagno? Anche in questo caso, dipende! Da cosa? Dalle condizioni di contratto!
Se il subentro solo nella gestione "ordinaria", cioè rimane tutto come nelle condizioni di partenza (un pò come se al crematorio si subentrasse oggi, senza cambiare nulla), la percentuale di mancato guadagno dovrà essere bassa, diciamo il 10/15% (questa è una mia ipotesi arbitraria, solo per dare una indicazione di misura). Se invece il subentro avviene in un contesto "straordinario", con un pesante investimento, maggiore livello di servizio, basse emissioni in atmosfera e così via, si può pensare che il mancato guadagno, rispetto all'aver fatto direttamente l'investimento, possa essere maggiore, diciamo il 30/35% (anche questa è una mia ipotesi arbitraria).

Vabbè, ora basta annoiarvi! Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di sibilla cumana sig. Maurilio
sibilla cumana
11 Aprile 2016 - 09:13
 
Lei scrive: un businness plan non è mai nè giusto o nè sbagliato, si basa su ipotesi, siamo nell'incertezza più totale!
Per essere nell'incertezza più totale.....perchè farlo? per essere ancora nel campo delle cento pertiche?
Lei scrive di non avere la verità in tasca, che non renderà pubblica la sua analisi proprio perchè non ha nessun titolo per farlo, "è un signor nessuno".....ed il suo contributo è già nelle mani di chi glielo ha chiesto.
A meno che, "chi" glielo ha chiesto, le abbia detto di non parlarne perchè la sua analisi dovrebbe uscire non partorita da lei ma partorita da qualche altra gestante.
Se così fosse, ritengo che non era il caso che lei ne parlasse su questo spazio; diversamente, stando sempre a quello che lei dichiara (è un signor nessuno) è come se chi glielo ha chiesto, fosse andato a domandare ad un ciabattino come si fa a confezionare una torta!
Vedi il profilo di Aurelio Tedesco Re: conferenza stampa
Aurelio Tedesco
11 Aprile 2016 - 09:48
 
Ciao paolino

"I nostri macchinari permettono di ridurre al minimo le immissioni nel rispetto dell’ambiente circostante e di riciclare l’energia prodotta per il riscaldamento e all’auto-alimentazione dell’impianto, infatti gli impianti sono in grado di accumulare l’energia prodotta da una cremazione e di sfruttarla per quella successiva, consentendo un risparmio energetico" http://alea-italia.it/forno-crematorio-allestimenti. io ho scritto e riportato questo...
Vedi il profilo di Maurilio 1Re: sig. Maurilio
Maurilio
11 Aprile 2016 - 10:22
 
Caro sibilla cumana

"l'incertezza più totale" è riferita al campo di applicazione, NESSUNO E' IN GRADO DI PREVEDERE IL FUTURO!
Il Business Plan si fa proprio per valutare il/i possibili scenari. E' uno strumento di supporto alle decisioni, non uno strumento che vende verità!

Poi. fammi capire, qui ognuno entra e gioca a spararla più grossa, dai forni autoalimentati ai possibili veleni nei corpi cremati, passando per cifre casuali, e ho torto io che ho il pudore di non "vendere" nessuna verità?

E poi, cosa ti interessa chi sono e cosa faccio, ho mai detto frasi del tipo "non sai chi sono io" o "io che ho lavorato per ( o con)..."? Quando ho esposto una tesi, ho cercato di argomentarla, non sei d'accordo con me? Normale, se avessimo tutti le stesse idee sai che noia!

E, ti ricordo, questa discussione si è animata perchè qualcuno non ha argomentato sul beneficio economico di questa possibile scelta, ribadendo poi motivazioni vaghe e confuse.

Ancora nessuno che ha presentato, ufficialmente non nei commenti di un post, uno straccio di proiezione di costi e ricavi! Va bene, mi adeguo!

Saluti

Maurilio

P.S. Io, ma so che sono fatto male, per scegliere il tipo di contratto telefonico, ho fatto una tabella dove ho confrontato, rendendo omogenei le diverse offerte, per poi scegliere quella che ritenevo la migliore... anche se fossi un ciabattino, lavoro peraltro molto nobile, due stime sarei comunque in grado di farle!
Vedi il profilo di Don Re: Re: Re: Re: Re: Re: addirittura!
Don
11 Aprile 2016 - 11:35
 
Ciao Maurilio

Per la prima volta condivido in parte il tuo commento, in particolare dove puntualizzi che l'amministrazione ha sbagliato, avrei anch'io apprezzato la pubblicazione su questa piazza della tua analisi economica, anche se come giustamente dici sono ipotesi e hanno molte variabili, le quali andavano fatte e condivise il più possibile, prima di portare in consiglio comunale la delibera oggetto del referendum, a maggior ragione non devi denigrare chi espone le sue tesi con i numeri di cui dispone, in quanto è proprio da quel tipo di confronto tra le varie posizioni che si deve trovare il giusto equilibrio nell'interesse della città. Per comodità rispondo anche al Sig. Tedesco, uno dei motivi per cui sono convinto aumenteranno le cremazioni è proprio nel suo commento, per ottimizzare l'efficienza del forno e di conseguenza risparmiare energia, vie è la combustione continua, il forno consuma molto ad arrivare a temperatura da freddo, mantenerla in seguito è meno dispendioso. Il fantomatico macchinario che limita le emissioni, altro non è che l'abbattimento della temperatura fumi, con relativo recupero di calore, e conseguente abbattimento delle diossine, la convenienza energetica dello scambiatore c'è sempre che si abbia dove recuperare questo calore, in inverno in parte può essere ceduto al riscaldamento dei locali, diversamente in estate ad esempio se non si collega ad una importante utenza di acqua calda sanitaria va sprecato, le possibilità possono essere svariate, basta confrontarsi serenamente per il bene della città, ad esempio la famosa falda di acqua temperata che hanno evidenziato i 5stelle, aiutata dal forno crematorio, potrebbe essere sfruttata per riqualificare la zona ex acetati e creare delle terme. Magari da valutare per essere inserito nel fantomatico Paes, il quale chiede di abbassare le emissioni di Co2 non di aumentarle, per chi non avesse letto la notizia in Olanda le auto a benzina e gasolio saranno vietate dal 2025, concludo ribadendo che i 2 referendum non sono fuffa come qualcuno dice, ma voler guardare a lungo termine come migliorare la qualità della nostra vita per non essere cremati prima del tempo
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen 2Re: Re: conferenza stampa
Hans Axel Von Fersen
11 Aprile 2016 - 12:44
 
Ciao Aurelio Tedesco

Anche il fornetto de Longhi accumula energia. Quando scaldo la seconda pizza devo impostare "meno tempo" perché il forno è già caldo altrimenti la pizza si brucia.
Anche il forno crematorio attuale funziona così.
Aurelio ti prego, per favore, un po' di ragionamento!
Vedi il profilo di Aurelio Tedesco Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: addirittura!
Aurelio Tedesco
11 Aprile 2016 - 13:15
 
Ciao Don

se lei avesse avuto la bonta di guardare (mi auguro vivamente che l'abbia fatto) si parlava di un forno che effettuava tra le 4 e le 5 cremazioni al giorno pari al quantitativo che vengono effettuate a Verbania .
Vedi il profilo di Aurelio Tedesco Re: Re: Re: conferenza stampa
Aurelio Tedesco
11 Aprile 2016 - 13:16
 
Ciao Hans Axel Von Fersen

ecco si vada a mangiare una bella pizzetta
Vedi il profilo di Don 1Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: addirittura!
Don
11 Aprile 2016 - 13:28
 
Ciao Aurelio Tedesco

Il link mi riporta a questo Negli ultimi anni la cremazione sta registrando una costante crescita che tenderà ad aumentare in quanto rappresenta un efficace soluzione ai problemi territoriali, ecologici ed urbanistici oltre che il diritto di ogni cittadino di scegliere liberamente il trattamento e la destinazione finale del proprio corpo.
La cremazione è considerata la forma più ecologica, igienica e salutare di trattamento dei corpi defunti.

I nostri macchinari permettono di ridurre al minimo le immissioni nel rispetto dell’ambiente circostante e di riciclare l’energia prodotta per il riscaldamento e all’auto-alimentazione dell’impianto, infatti gli impianti sono in grado di accumulare l’energia prodotta da una cremazione e di sfruttarla per quella successiva, consentendo un risparmio energetico, completamente automatizzati, rispettano tutti gli standard di sicurezza e sono conformi alle nuove normative europee.

Abbiamo una gamma completa per soddisfare le vostre esigenze, un design moderno, facilità di installazione grazie alla sua struttura monoblocco, buon rivestimento refrattario di alta qualità, basso consumo energetico, e prezzo competitivo.

Depliant Forni Crematori 2014

E francamente mi sembra un semplice slogan, privo di dettagli tecnici rilevanti, credo nel mio limitato intelletto di aver argomentato con più dettagli tecnici
Vedi il profilo di Aurelio Tedesco Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: addirittura!
Aurelio Tedesco
11 Aprile 2016 - 14:03
 
Ciao Don

no se guarda tutto il sito ci sono anche i dati tecnici di emissioni e di consumi, ma questo è solo un esempio naturalmente. I dati tecnici e di emissione non sono stati tratti da qui, ma da dati certi , quelli del forno di verbania, quelli del forno di domo e gli studio fatti dall'università di Udine . Poi se li vuole guardare ... io invece da parte vostra non ho visto dati ( certificati naturalmente) . Una persona che come me chiede l'astensione li ha chiesti al signor Brignone e al signor Marconi l'altra sera a Intra, ma non ha avuto nè documenti nè altro . Visto che lei è una persona cordiale e che come me crede che nel NO TTIP ( penso che si debba sbattere un po di più su questa porcata ) e non insulta come altri.. chiedo a lei di fornirmi i dati che avete sull'inquinamento
Vedi il profilo di sibilla cumana sig. Maurilio
sibilla cumana
11 Aprile 2016 - 14:13
 
sapere chi è non interessa, sapere cosa fa un pò di più poichè se le argomentazioni arrivano da persone competenti in materia è tutt'altra cosa ed assumono maggior valenza.
Ho mai detto che lei è fatto male, ci mancherebbe!
Per quel che riguarda le scelte dei contratti, sappia che ho alle spalle 31 di ufficio acquisti....e...come si fa.......un pò l'ho imparato!
Ricambio i saluti e, a proposito.....sono una femminuccia e dagli anni di lavoro che ho dichiarato si può dedurre.....un pò "passatella".....
Vedi il profilo di paolino ma dai?!
paolino
11 Aprile 2016 - 14:21
 
l'ineffabile Tedesco cita il depliant di chi deve vendere il nuovo forno come fonte. come basarsi sui depliant della Volkswagen per decidere se il loro diesel inquina...
e pensa che tecnologia incredibile,se il forno è già caldo consuma meno rispetto a scaldarlo da spento. è veramente un prodotto rivoluzionario.
Vedi il profilo di SINISTRO UNA DOMANDA....
SINISTRO
11 Aprile 2016 - 15:39
 
Qualcuno di voi potrebbe indicarmi come sarà posto il quesito? Grazie.
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen 1Re: UNA DOMANDA....
Hans Axel Von Fersen
11 Aprile 2016 - 16:40
 
Ciao SINISTRO

Sul sito del comune trovi tutti i dettagli
Vedi il profilo di Maurilio Re: sig. Maurilio
Maurilio
11 Aprile 2016 - 16:42
 
Ciao sibilla cumana

il mio libretto di lavoro è datato 1982, anche se ero uno studente lavoratore...a proprio di primo pelo non lo sono nemmeno io! Almeno, dalla nostra abbiamo l'esperienza!!

...non dichiarare la mia attività, non è un vezzo, ma una scelta ben precisa!

Io ho scelto di commentare e condividere pensieri con persone che usano uno pseudonimo, non capisco perchè, pur mettendoci una faccia e un nome reale poco comune, il valore di quello che dico dipenda da quello che faccio. Se fossi un ciabattino, le mie argomentazioni varrebbero meno? Io seguo volentieri i commenti di tutti, senza pregiudizi di sorta.

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di sibilla cumana sig. Maurilio
sibilla cumana
11 Aprile 2016 - 17:35
 
Buona sera sig. Maurilio

accidenti, ma chi le dice che le opinioni di un ciabattino non siano da prendere in considerazione?
Ribadisco, se un ciabattino da un parere sulle calzature (ambito di sua competenza) le sue argomentazioni avranno maggior valenza rispetto alle argomentazioni che un ciabattino può portare sul lavoro di un pasticcere....
Ad ogni buon conto: ben vengano i bravi ciabattini (ormai molto rari e dei quali si sente la mancanza) per il benessere dei nostri piedi ed anche i bravi pasticceri.....per il benessere della nostra gola!
Vedi il profilo di SINISTRO 2Re: Re: UNA DOMANDA....
SINISTRO
12 Aprile 2016 - 10:09
 
Ciao Hans Axel Von Fersen

Grazie! Proprio ieri ho trovato nella mia cassetta postale i 2 volantini per entrambi i referendum.
Vedi il profilo di Don 1Sì prevedono aggiornamenti
Don
12 Aprile 2016 - 13:03
 
Sui dati del progetto di finanza ed altro
ancora, il comitato per il si al referendum aveva visto lungo, altro che deriderli

http://www.verbania5stelle.it/2016/04/la-terzieta-e-posta-a-garanzia-del-cittadino/
Vedi il profilo di renato brignone 1A quelli che "danno i numeri"
renato brignone
12 Aprile 2016 - 18:23
 
ho trovato questo comunicato che demolisce le affermazioni del comitato pro astensione:

Leggiamo dal comunicato del Comitato 11 uomini e un referendum che viene utilizzato uno studio fatto dall’università di Udine in merito a un impianto di cremazione di Bovolenta che può essere assimilato al nostro di Verbania. Lo studio viene utilizzato per dimostrare come un impianto di cremazione nuovo inquini meno di uno “obsoleto” come il nostro. Incuriositi chiamiamo il professor Nardin che ha redatto lo studio. Riportiamo di seguito l’illuminante conversazione.
“Buon giorno professor Nardin, è a conoscenza del fatto che un gruppo di persone di Verbania utilizza il suo studio per dimostrare che il nostro forno è obsoleto?”
“Verbania? Non sapevo nemmeno che ci fosse un forno crematorio, io non ho sentito né autorizzato nessuno ad utilizzare questo studio”
“Ah, ingenuamente credevamo che l’avessero contattata.
È possibile paragonare il nostro forno crematorio a quello di Bovolenta e asserire che il nostro impianto è obsoleto ( marca GEM del 2004)?”
“Senza le specifiche non si può fare, ciò che posso dirle è che GEM è una delle due società leader nel settore e che dal 2004 a oggi la tecnologia è rimasta pressoché invariata”
“È corretto quindi dire che se oggi facciamo 1200 cremazioni e domani le aumentiamo di conseguenza aumentano anche le emissioni?”
“Beh, questo mi sembra ovvio”
“Qual è la vita media di un forno crematorio?”
“Se viene manutenuto adeguatamente potenzialmente ha vita eterna”
“Cosa può dirmi, vista la sua esperienza, dei privati che gestiscono i forni crematorio?”
“Il privato è interessato all’aspetto economico, vuole fare business, ha una politica aggressiva nei confronti delle amministrazioni affinché gli facciano costruire nuovi impianti”.
A margine della piacevole conversazione con il professore ci sentiamo di fornire due consigli:
1) quando si cita una fonte è sempre meglio contattarla e assicurarsi che dia il suo consenso
2) se il tema è poco conosciuto evitare di lanciarsi in confronti-studi che non si comprendono
Vedi il profilo di Clerval Davvero?
Clerval
12 Aprile 2016 - 18:48
 
Ma dai Brignone!
Vedi il profilo di paolino bugiardi sbugiardati
paolino
12 Aprile 2016 - 20:48
 
oltre a raccontare balle,ma ormai siamo abituati,gli undici perditempo fanno pure la figura dei cioccolatai. l'ennesima.
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Pubblico ludibrio virtuale
Hans Axel Von Fersen
12 Aprile 2016 - 21:44
 
Vi prego 11, vi voglio conoscere personalmente per poter ridervi in faccia

Poesia della sera:
Il massimo dell'umiliazione
farsi smerdolare da Renato Brignone
Vedi il profilo di Claudio Ramoni Comunicato Prof. Nardin
Claudio Ramoni
12 Aprile 2016 - 22:38
 
Chiedo che il Sig. Brignone, a stretto giro, mi fornisca gli estremi del comunicato in oggetto del Prof. Nardin, l'indirizzo web ove è stato pubblicato e chi lo ha interpellato in merito alla questione. Grazie
Vedi il profilo di Maurilio 2Re: A quelli che "danno i numeri"
Maurilio
13 Aprile 2016 - 00:05
 
Caro renato brignone

mi vien da dire: "Bonjuor Monsieur de La Palice"!

1. “Se viene manutenuto adeguatamente potenzialmente ha vita eterna”, bella ovvietà, questo vale per tutti gli impianti, come per macchinari e mezzi di trasporto, volano ancora un sacco di aerei risalenti alla seconda guerra mondiale (tanto per fare un esempio). Il problema non è quanto può durare, ma quanto è è la vita utile.Tenere in efficienza un impianto vecchio costa, sia in termini di costi indiretti (la manutenzione ordinaria e straordinaria) che indiretti (il mancato guadagno derivante dai fermi macchina).

2. “Il privato è interessato all’aspetto economico, vuole fare business,..." e meno male, c'è già il pubblico che pensa a fare sprechi!

Questo non significa che il privato sia sempre "buono" e il pubblico sempre "cattivo", bisogna trovare il giusto equilibrio.

Quindi NO a "regalare" il forno ai privati, SI a un buon contratto di gestione esterna, è qui la vera difficoltà.

Poi, da quando, quando si cita una fonte, bisogna contattarla per chiederle il permesso? Se la ricerca è pubblicata (internet, riviste, libri,...), si cita, sperando non a sproposito, e basta!

Concordo con te che "se il tema è poco conosciuto evitare di lanciarsi in confronti-studi che non si comprendono"...ma vale per tutti!

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di renato brignone X Ramoni
renato brignone
13 Aprile 2016 - 00:43
 
Il comunicato l'ho trovato su "milleventi" , é stato Andrea Marconi a contattarlo x delucidazioni. Saluti
Vedi il profilo di andrea marconi 1Per chiarezza
andrea marconi
13 Aprile 2016 - 01:50
 
Alcune domande mi rendo perfettamente conto essere banali, era importante che fosse una persona autorevole citata dall'altro comitato a rispondere.
Il punto è che il nostro impianto non è obsoleto e al momento non ci sono nuove tecnologie ( il processo di combustione e post combustione è uguale e anche i filtri utilizzati per abbattere le emissioni che sono filtri a maniche se non erro, come già ho detto non sono un tecnico, mi trovo ad analizzare questi dati poiché qualcuno chiedendo di astenersi li ha citati), per questo ho voluto chiedere anche quale fosse la vita utile di un forno crematorio.
Per quanto concerne la fonte, beh credo che se ci si lancia in paragoni facendo passare per vere proprie asserzioni riportando il nome di chi ha redatto uno studio che nulla ha a che fare con Verbania quantomeno sarebbe corretto interpellarlo ( ma può essere che in questo mi sbagli).
Credo sia importante ora, una volta appurato che il nostro impianto tecnologicamente è all'avanguardia, sentite le persone che nel quartiere abitano ( ho già detto che un conto è che le emissioni siano a norma, altra cosa è che non inquinino, non emanino odori ecc), aver appurato che effettivamente un aumento delle cremazioni aumenterà anche le emissioni.
Tengo a precisare che l'amministrazione si stava muovendo su un progetto ( poi ritirato dal pd ma vi dà un'idea della gestione della faccenda) che avrebbe portato il numero di cremazioni a triplicare ( ovviamente potenzialmente), che avrebbe aumentato le tariffe anche per i residenti ( 381€ più iva che crescevano ogni anno, se veramente la dirigente sosteneva qualcos'altro non so il perché) e che avrebbe dato al comune 25000€ fissi ( manutenzione dei cimiteri) e il 14% del fatturato ( quindi, per capirci, se l'impianto è fermo non ci perde solo il privato ma anche il comune).
Ora io credo che la questione potesse essere affrontata con più serenità ma se per far apparire valido ciò che dico mi trovo costretto a contattare esperti in giro per l'italia state pur certi che non ho problemi a farlo.
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen 1Re: Re: A quelli che "danno i numeri"
Hans Axel Von Fersen
13 Aprile 2016 - 05:12
 
Ciao Maurilio

Sbagli. Alcuni beni possono avere vita eterna altri no. Un aereo è progettato per poter lavorare un preciso numero di ore. Dopo aver volato quelle ore, l'aereo non può più volare. Fermo l'aereo e ne devo comprare un altro. Anche le pompe di raffreddamento di una centrale hanno una scadenza. Dopo aver funzionato un certo numero di ore devono essere cambiate anche se funzionanti. Una nave teoricamente è eterna. Vengono periodicamente riammodernate ma tranquillamente puoi trovare per mari navi che hanno un secolo magari nate come navi merci e poi trasformate in navi da crociera o viceversa. Anche un'automobile non ha limiti tecnici ma ha un limite di ragionevolezza economica. Non andrò mai a spendere 1.000 euro di tagliando (distribuzione, freni, manutenzione ordinaria, pompa) per una macchina che ha un valore commerciale di 300 euro. Butto l'auto e ne compro un'altra. Poi abbiamo impianti ad alto livello evolutivo. Anche se efficiente e relativamente nuovi sono diventati obsoleti. Un impianto di 5 anni fa che produceva microprocessori, oggi è completamente da buttare, puoi salvare solo il capannone.
Poi abbiamo impianti con un bassissimo livello evolutivo ed è il caso dei forni crematori ("dal 2004 a oggi la tecnologia è rimasta pressoché invariata" prof. Nardin di una certa università) che dopo aver fatto l'investimento iniziale puoi continuarlo ad usare senza limiti di tempo. Come ogni impianto avrà le sue manutenzioni ordinarie, esempio: ogni 6 mesi pulire un certo condotto, ogni anno lubrificare certi componenti, ogni 2 anni fare certe tarature, ogni 3 anni cambiare il refrattario, ogni 10.000 h cambiare la valvola del gas ecc ecc.
Poi abbiamo le manutenzioni straordinarie ovverosia la sostituzioni di componenti al di fuori della manutenzione ordinaria prevista che hai sempre per tutti gli impianti. Con meno frequenza per gli impianti nuovi ma passati i primi anni che hai componentistica nuova anche su un impianto di pochi anni si inizia ad avere la manutenzione straordinaria.
Ad ogni modo questa manutenzione straordinaria corrisponde ad una piccola percentuale rispetto al valore dell'impianto. Per un impianto da un valore di 1,5 milioni (secondo gli 11) non si spenderà mai più di 50.000 euro di manutenzione all'anno.
E' stato scritto che l'anno scorso è stato fermo 2 mesi perché rotto. Anche l'anno scorso il semaforo di Fondotoce è stato fermo quasi un mese perché rotto e sai cosa aveva di rotto? Aveva le lampadine bruciate e il comune non le aveva da cambiare. Non tenevano lampadine di scorta e ad agosto la ditta era chiusa! Alla fine sono riuscite a recuperarle facendosele spedire dal comune di Bologna...
Quindi è bene non confondere l'inefficienza della PA con i problemi reali degli impianti.
Comunque attendo con ansia la pubblicazione del business plaaaaaaannnnnn
Vedi il profilo di Maurilio 1Re: Re: Re: A quelli che "danno i numeri"
Maurilio
13 Aprile 2016 - 09:23
 
Ciao Hans Axel Von Fersen

la vita eterna non è di questo mondo!

Tutti gli oggetti e gli impianti hanno una vita utile, che dipende dalle scelte progettuali, dalla bontà costruttiva, da quanto e come è stato usato l'oggetto, dalla bontà degli interventi manutentivi,... Vita utile che può essere prolungata con interventi di manutenzione straordinaria, infatti abbiamo aerei degli anni 30 e 40 che volano ancora! Basta cambiare tutti i componenti alla fine del loro ciclo di vita, ma quale costo?

Io mi auguro che il forno crematorio di Verbania possa avere una vita utile anche di 30 anni, ma prima poi andrà cambiato!

Se questa operazione la faranno i privati o il pubblico è solo questione di scelte, ovviamente, senza regalare nulla a nessuno!

L'esempio del semaforo, dimostra la mia tesi! Se qualcuno avesse fatto business dal semaforo, appunto il privato, ci si sarebbe preoccupati di avere il pezzo di ricambio o più banalmente si sarebbe sostituita la lampadina al termine della sua vita utile (perchè anche le lampadine hanno una vita utile!) invece si è aspettato che si guastasse e basta, questa non è buona manutenzione, speriamo che in questi anni non si sia fatto così anche per il forno crematorio!

Ribadisco, il mio commento all'intervento del professor Nardin, "Bonjuor Monsieur de La Palice"

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di paolino l'ultima carta
paolino
13 Aprile 2016 - 09:40
 
sbugiardati sul campo,smontate le traballanti "tesi" in quattro righe,agli undici perditempo e fans non resta che giocare l'ultima disperata,e unica,carta: il famoso business plan.
siccome dal business plan appare evidente che non c'è alcun vantaggio (come ha implicitamente dovuto ammettere anche Maurilio) ,nemmeno economico,ovviamente lo citeranno a sproposito ma senza mai pubblicarlo.
il giorno in cui capirò perchè un gruppo di personaggi (mooolto in cerca d'autore..) abbiano dato vita a una simile baracconata sarò contento.
forse riusciranno nel loro misero intento di far fallire il referendum,ma la loro colossale figura di melma resterà impressa.
Vedi il profilo di Maurilio 1Re: l'ultima carta
Maurilio
13 Aprile 2016 - 10:35
 
Ciao paolino

cosa significa non c'è nessun vantaggio? E non tirarmi in ballo a sproposito!

Se esternalizzo il servizio i vantaggio non sono solo economici, avere chiaro cosa si guadagna e cosa si perde, nelle diverse ipotesi in campo, è un fondamentale per fare la scelta migliore. Se faccio la scelta, in un verso o nell'altro, solo per motivi "ideologici" o di parte, il risultato, sarà solo questione di fortuna!

QUESTO VALE PER TUTTO E IN TUTTI...poi, ognuno è libero di fare la scelta che vuole...

...dire che un impianto ha "vita eterna", sconfina nella fede...per mia (s)fortuna, tendo ad essere laico, permetti che qualche dubbio mi viene...

...ma sono io che sono fatto male!

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di Maurilio Re: Re: Re: A quelli che "danno i numeri"
Maurilio
13 Aprile 2016 - 10:39
 
Ciao Hans Axel Von Fersen
Ciao Palino

se mi date la Vostra email, Vi mando il business plan, ad uno pseudonimo non do niente!

La mi a email la puoi chiedere in redazione, autorizzo la redazione a comunicarla a chiunque la chieda, dichiarandosi per nome e cognome!

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di sibilla cumana sig. Maurilio
sibilla cumana
13 Aprile 2016 - 14:23
 
non continui a dire che è fatto male, che non è vero!

Ha le sue idee, spesso in contrasto con altre ma ben vengano i confronti.
Vedi il profilo di Maurilio 1Re: sig. Maurilio
Maurilio
13 Aprile 2016 - 14:48
 
Cara sibilla

L'unica mia certezza è che non ho certezze!

Nel confronto con persone che sono sicurissime di quello che dicono, beate loro, mi concedo il beneficio del dubbio!

E' solo una questione di educazione, sono fatto così!

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Re: Re: Re: Re: A quelli che "danno i numeri"
Hans Axel Von Fersen
13 Aprile 2016 - 18:53
 
Ciao Maurilio

Può essere interessante discutere su un elaborato disponibile a tutti. Se c'è l'intenzione di condividere questo documento pubblicamente e poi discuterne sempre pubblicamente, ben venga; se invece debba richiederlo privatamente per poterlo consultare allora la cosa non mi interessa
Vedi il profilo di Maurilio 2Re: Re: Re: Re: Re: A quelli che "danno i numeri"
Maurilio
13 Aprile 2016 - 19:07
 
Ciao Hans Axel Von Fersen

...peccato! Sarebbe stata l'occasione per conoscerci...

Maurilio
Vedi il profilo di paolino Re: Re: Re: Re: Re: Re: A quelli che "danno i nume
paolino
13 Aprile 2016 - 19:27
 
Ciao Maurilio

mah,io fatico a capire. uno ha in mano un documento che potrebbe aiutare a chiarire le idee,oltretutto dopo aver preso posizione abbastanza nettamente,e invece di sfruttare l'occasione per mostrarlo a tutti e convincere della bontà dei propri argomenti preferisce tenerlo in un cassetto,o mostrarlo solo dietro richiesta e privatamente.
un po' come l'ex sindaco che dopo aver strillato ai quattro venti di avere carte scottanti da far vedere per smontare il mitico gombloddo,inivita chi vuole vederle a scrivergli in privato.
permettetemi di dubitare,in entrambi i casi,della veridicità di quel che dite di avere in mano.
Vedi il profilo di Hans Axel Von Fersen Re: Re: Re: Re: Re: Re: A quelli che "danno i nume
Hans Axel Von Fersen
13 Aprile 2016 - 20:26
 
Ciao Maurilio
Ah Maurì! Ci conosciamo da quando ascoltavi Bruce Springteen col giradischi!
Vedi il profilo di Maurilio 2Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: A quelli che "danno i
Maurilio
13 Aprile 2016 - 22:11
 
Ciao paolino

...ma io non ho in mano proprio niente, ho fatto un modello excel, ci ho messo dei numeri, che mi hanno fornito chi mi ha chiesto di darle una mano, ho formulato delle ipotesi e ho elaborato una serie di casi possibili, lo puoi fare anche tu!

Poi, vai a rileggerti bene tutti i miei commenti, io ho sempre preso posizioni nette non contro una o l'altra parte, ma contro i commentatori che formulano idee bislacche. Se uno mi dice che il foto ha "vita eterna", visto di cosa si parla mi sembra umorismo nero, e perchè negli ultimi anni ha avuto utile deve andare avanti così, mi fa ridere se è un cittadino come me, mi preoccupa se è un amministratore, o vorrebbe esserlo!

Oppure se mi dice che ci sono dei pericoli a bruciare cadaveri di pazienti sottoposti a chemioterapia, senza dirmi su quale studio si basa questa informazione! Perchè, la domanda che mi pongo è che se sarà un pericolo dopo, lo è anche adesso!

Non mi scandalizza sostenere un costo, in questo caso un mancato guadagno, a fronte della gestione di un servizio. Penso anche che in questa fase, non sia una bella trovata quella di indire un referendum, che invece avrebbe dovuto essere svolto a fronte di due opzioni ben più concrete e strutturate.

Perchè se vincono i SI si potrebbe perdere un'opportunità, perchè la gestione esterna è un'opportunità da approfondire, se vincono i No o l'astensione, diventa una vittoria politica importante, per chi sta amministrando questa città, un bel regalo dalle opposizioni, e le opposizioni, non devono regalare nulla.

Tutto qui! Il mio documento non sarebbe stato decisivo ne prima ne dopo, è solo un bel esercizio di stile, che avrei voluto vedere da ambo le parti, con le diverse ipotesi possibili. Non l'ho visto, e questo mi preoccupa molto per il futuro della città!

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di Maurilio 2Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: A quelli che "danno i
Maurilio
13 Aprile 2016 - 22:13
 
Ciao Hans Axel Von Fersen

...bene, ma cosa ti ho fatto per non farti riconoscere, almeno in privato? Sarebbe interessante fare due chiacchiere o una rimpatriata!

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di Don Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: A quelli che "dann
Don
13 Aprile 2016 - 22:45
 
Ciao Maurilio

Credo proprio che i No sia impossibile che vincano, al massimo non si raggiunge il quorum, e le opposizioni hanno già vinto, in quanto questa cattiva privatizzazione non si farà, senza il quorum i dettagli di una nuova privatizzazione verranno condivisi alla luce del sole in commissione, perlomeno così ha promesso il Pd
Vedi il profilo di Claudio Ramoni 1Comitato "11 uomini e un referendum"
Claudio Ramoni
14 Aprile 2016 - 00:24
 
Abbiamo contattato il Prof. Nardin per avere un suo parere in merito alla nostra posizione e dal nostro punto di vista, fornendogli i dati che il Comitato ha esibito in conferenza stampa, oltre che per aver citato il suo studio nelle nostre valutazioni. Restiamo in attesa di una sua risposta, preferiamo averla scritta (verba volant, scripta manent). Questo per cortesia nei suoi confronti ma non certo per obbligo visto che qualsiasi studio (tecnico, scientifico, ecc.) pubblicato su libri, riviste e/o siti internet può essere citato e utilizzato liberamente, naturalmente senza modificarne l'impianto generale, semplicemente citandone la fonte senza per questo dover chiedere autorizzazione all'autore. Nel mondo accademico questa è la norma, ad essa ci siamo attenuti.
Chiariamo inoltre che detto studio è stato da noi citato non per confrontare il forno di Bovolenta (nuovo) con quello di Verbania (vecchio) bensì per far comprendere come le emissioni di un forno crematorio siano notevolmente (centinaia di volte) inferiori a quelle di comuni attività domestiche e che l'apporto di inquinanti nell'aria respirata nei suoi pressi sia ininfluente, operando quindi in condizioni di sicurezza ambientale.
Detto questo confermiamo quanto da noi esposto in conferenza stampa, un lavoro il nostro che si basa sulla seria ricerca di informazioni e dati, analizzati e confrontati grazie anche ad un certo livello di competenza in seno al Comitato e non dell'improvvisazione come si vuol far credere, un lavoro quindi obiettivo e non basato sul chiacchiericcio. Infatti nessuna obiezione è stata sollevata in merito al dato di maggior rilievo da noi presentato e cioè il confronto tra le emissioni del forno crematorio di Domodossola e quello di Verbania, nettamente inferiori nel caso del crematorio ossolano.
Vedi il profilo di renato brignone X Ramoni e il gruppo di liberi pensatori astension
renato brignone
14 Aprile 2016 - 09:11
 
copio e incollo una estrema sintesi, le due domande e due risposte del Prof. Nardin che mettono in crisi tutto il vostro castello di carte costruito sull'"inattaccabilità dei VOSTRI dati":

È possibile paragonare il nostro forno crematorio a quello di Bovolenta e asserire che il nostro impianto è obsoleto ( marca GEM del 2004)?”
“Senza le specifiche non si può fare, ciò che posso dirle è che GEM è una delle due società leader nel settore e che dal 2004 a oggi la tecnologia è rimasta pressoché invariata”
“È corretto quindi dire che se oggi facciamo 1200 cremazioni e domani le aumentiamo di conseguenza aumentano anche le emissioni?”
“Beh, questo mi sembra ovvio”

il resto è solo propaganda di pessimo livello, LA VOSTRA!
Vedi il profilo di renato brignone ...a chi piacciono i numeri, può leggere questi
renato brignone
14 Aprile 2016 - 09:22
 
per completezza, è appena uscito un articolo dei 5 Stelle che parla di numeri ... credo sia interessante soprattutto per chi dice che "solo loro hanno messo numeri sul piatto" .... http://www.verbanianotizie.it/n612922-m5s-forno-crematorio-e-numeri.htm
Vedi il profilo di Maurilio 2Re: X Ramoni e il gruppo di liberi pensatori asten
Maurilio
14 Aprile 2016 - 09:52
 
Ciao renato brignone

"Bonjuor Monsieur de La Palice"!

Saluti

Maurilio
Vedi il profilo di Giovanni% 3Peccato originale
Giovanni%
14 Aprile 2016 - 10:36
 
Bisogna comunque che in tutta questa faccenda pesa enormemente l'atteggiamento molto recalcitrante della maggioranza nel voler mostare un chiaro ed ufficiale progetto preventivo di analisi finanziaria e impatto ambientale della contestat esternalizzazione.
Mancata capacità di comunicazione politico-istituzionale o altro?

Non scrivo da ultrà del referendum (anzi...) e riamgo ancora molto perplesso e molto in difficoltà nel sapermi orientare tra l'insuficiente comunicazione dell'Amministrazione e le tesi delle opposizioni che inevitabilmente sono intrise di chiasso e propaganda contro la maggioranza.
Vedi il profilo di Don Re: Peccato originale
Don
14 Aprile 2016 - 11:04
 
Ciao Giovanni%

Le opposizioni sono semplicemente contro la mancata trasparenza e la cattiva gestione della privatizzazione, che va contro l'interesse della città e di conseguenza contro la maggioranza che ha agito maldestramente
Vedi il profilo di Giovanni% 3Re: Re: Peccato originale
Giovanni%
14 Aprile 2016 - 11:43
 
Ciao Don
la mia osservazione non è riferita allo specifico comportamento dei partiti che ora siedono in consiglio comunale ma al comportamento generale delle opposizioni di qualsiasi schieramento e in qualsiasi contesto.
Spesso, e ripeto in tutti i contesti, è difficile scindere i concetti utili e oggettivi dal chiasso e la legittima propaganda politica.
Vedi il profilo di paolino 1il curioso caso di Maurilio
paolino
14 Aprile 2016 - 14:17
 
che per essere solo uno interessato ,ma senza far campagna (a suo dire) si è premurato di scrivere ben 27 commenti,tutti ben indirizzati. speriamo che non si metta a far campagna,altrimenti ci tormenterà anche su whatsapp ,uno a uno.
Vedi il profilo di Maurilio 1Re: il curioso caso di Maurilio
Maurilio
14 Aprile 2016 - 17:05
 
Ciao paolino

tu pensa che alle ultime elezioni nazionali ho anche votato M5S, e se le cose rimangono così, lo rifarei oggi stesso. Non lo ho fatto alle comunali, per il semplice motivo che voto a Vignone.

Non solo, nei giorni scorsi ho passato più di un ora al telefono con un dei promotori referendari! Chiacchierata molto piacevole e costruttiva.

Quando uno scrive una cosa che reputo un'idiozia, non resisto! Nota bene il reputo, lo è per me con la mia esperienza, formazione ed educazione, probabilmente non lo è per altri!

Saluti

Maurilio



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

Iscriviti con la tua email
Verbania
18/01/2017 - "Cittadini con Voi" e "Sinistra & Ambiente" fanno il punto
18/01/2017 - Metti una sera al cinema speciale Cinegusto - Red Obsession
18/01/2017 - PsicoNews: Che tristezza il giorno più triste dell’anno!
17/01/2017 - Hacker sul sito della provincia
17/01/2017 - Consiglio di Quartiere Verbania - Ovest
Verbania - Politica
17/01/2017 - Nessuna vessazione per lo sfratto dalle case popolari
16/01/2017 - M5S su revoca fondi Fondazione Cariplo
16/01/2017 - Sondaggio IPR Marketing: Marchionini 18^
16/01/2017 - Lega Nord sui fondi revocati da Fondazione Cariplo
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti