Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

ferrovie

Inserisci quello che vuoi cercare
ferrovie - nei post
Dal VCO al Cammino Minerario di Santa Barbara - 12 Ottobre 2017 - 18:06
Sono nuovamente in viaggio gli instancabili pellegrini di Piedimulera, Domenico Delbarba, 83 anni e Antonio Bovo, 69 anni. Questa volta resteranno in Italia e, spostandosi in Sardegna, percorreranno il “Cammino Minerario di Santa Barbara”.
Approvata legge nazionale piccoli Comuni - 2 Ottobre 2017 - 18:06
Legge piccoli comuni e montagna, Riba (UNCEM): "un testo che fa bene al territorio, agli enti e a tutto il Piemonte". Di seguito la nota di Uncem Piemonte.
“Vandal Contest” - 13 Aprile 2017 - 09:16
La Consulta Giovani-Baveno 360, organo consultivo della Città di Baveno, presenta “Vandal Contest”, un progetto dedicato a chi vuole lasciare il segno.
Camelie e cristalli a Locarno - 21 Marzo 2017 - 09:16
Camelie Locarno festeggia dal 22 al 26 marzo 2017 la 20^ edizione nelle due suggestive sedi del Castello Visconteo e del Parco delle camelie
Riapre Villa Taranto - 14 Marzo 2017 - 17:05
I Giardini Botanici di Villa Taranto, realizzati nel 1931, dal Capitano Scozzese Neil Mc. Eacharn, riapriranno al pubblico mercoledì 15 marzo, per terminare la stagione mercoledì 1° novembre, dopo 232 giorni di apertura ininterrotta.
"Il Coda Rossa. dalla leggenda alla storia" - 12 Gennaio 2017 - 15:03
Venerdì 13 gennaio, alle ore 18:00 presso la Libreria Alberti di Verbania si terrà la presentazione del libro: "Il Coda Rossa. dalla leggenda alla storia". Di Pietro Pisano, Magazzeno Storico Verbanese.
Movicentro: approvata variazione di bilancio - 29 Ottobre 2016 - 10:23
"Giovedì sera il Consiglio Comunale ha approvato la variazione di bilancio e la modifica del piano triennale delle opere pubbliche con l'inserimento del primo lotto dei lavori del Movicentro per 2 milioni e centomila euro (di cui 145 mila euro del nostro Comune presenti a residuo dal 2006!)". La nota dell'Amministrazione all'interno.
Trenino Verde delle Alpi - 22 Luglio 2016 - 10:23
Sabato 23 e Domenica 24 luglio ritorna l'iniziativa In Svizzera e in Italia con il Trenino Verde delle Alpi organizzata dalle ferrovie Svizzere BLS in collaborazione con operatori locali.
Funivia del Mottarone: lavori in corso - Foto - 2 Maggio 2016 - 19:06
A Stresa sono iniziati lavori per la revisione generale della funivia che porta al Mottarone. I lavori saranno realizzati da una società di imprese che comprende il noto costruttore funiviario Leitner Spa e la locale ferrovie del Mottarone unite nella "Funivie del Mottarone", società che gestirà l'impianto fino al 2019.
Locarno Camelie 2016 - 15 Marzo 2016 - 19:07
Punto di riferimento fra le manifestazioni primaverili nazionali e internazionali, Camelie Locarno si terrà nella suggestiva sede del Castello visconteo e in contemporanea al Parco delle Camelie di Locarno. La 19^ edizione è in programma dal 16 dal 20 marzo 2016.
Treni: in Piemonte -35mila pendolari dal 2011 - 25 Gennaio 2016 - 09:41
Un Paese con sempre più treni di Serie A e B, dove si evidenzia in alcune aree una vera e propria emergenza per i pendolari. È quanto emerge da Pendolaria 2015, il dossier di Legambiente presentato oggi nell’ambito della campagna che ha al centro dell’attenzione la situazione e gli scenari del trasporto ferroviario pendolare in Italia.
Linea Milano-Domodossola: interrogazione parlamentare di Borghi - 7 Dicembre 2015 - 19:28
Riportiamo il testo dell'interrogazione parlamentare, presentata dall'on Enrico Borghi, in merito alla Linea ferroviaria Milano Domodossola, e i dati relativi ai ritardi del novembre 2015.
Stazioni in comodato gratuito - 14 Ottobre 2015 - 15:03
Sono circa 1770 le stazioni "abbandonate", le ferrovie dello Stato propongono la possibilità di prenderle in comodato gratuito.
Su Rai Tre la Ferrovia Vigezzina - 3 Ottobre 2015 - 16:03
La Vigezzina e la Val Vigezzo su Rai 3 domenica 4 ottobre. E martedì 6 ottobre, insieme al Museo dello Spazzacamino, nel nuovo tg turistico condotto da Patrizio Roversi e Syusy Blady, i “Turisti per caso”.
La Vigezzina è la più bella ferrovia panoramica d’Italia - 18 Agosto 2015 - 15:03
La ferrovia che attraversa la Valle Vigezzo è stata dichiarata da Rai Radio2 come la più bella ferrovia panoramica d’Italia. E ad ottobre sarà protagonista della nuova trasmissione di Rai Tre “Fuori binario”.
ferrovie - nei commenti
Stop lavori via delle Ginestre: "Conta far perdere il Sindaco" - 17 Giugno 2017 - 01:24
Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Ad esempio....
Ciao Hans Axel Von Fersen non hai idea di come funziona un'organizzazione, dal condominio in su! Vuoi approvare la spesa di x soldi per la manutenzione delle ferrovie? Sì. Allora presenta un bilancio preventivo con i piani di spesa ed il relativo progetto! Se vuoi placcare d'oro i binari lo dichiari prima e qualcuno (il consiglio dei condomini, il consiglio di amministrazione, il consiglio comunale) ti approva o boccia il progetto/bilancio. Nella seconda colonna del documento pubblicato sul sito del comuni, grazie Filippo Marinoni, si legge: "Pavimentazione via alle Ginestre 390.000,00". Quindi la cifra era nota a tutti. Se il problema fossero i lavori, rimango perplesso, da quando un consiglio comunale entra nel merito tecnico? Non ci sono le commissioni e dirigenti "ad hoc"? E comunque, tutti gli approfondimenti andavano fatti prima, a costo di non approvare il bilancio! Allora sarebbe stato più comprensibile! Saluti Maurilio
Stop lavori via delle Ginestre: "Conta far perdere il Sindaco" - 16 Giugno 2017 - 23:17
Re: Re: Re: Re: Re: Re: Ad esempio....
Ciao Maurilio Forse funziona così: vuoi approvare la spesa di x soldi per la manutenzione delle ferrovie? Sì. Allora spendiamo questi x soldi per placcare d'oro i binari. Ti va bene? No.
In corsa con la maglia della legge “salvaciclisti” - 5 Giugno 2017 - 16:35
Non ho letto la proposta di legge
Ma voglio comunque fare un ragionamento più ampio, in linea con quanto detto da Robi che vorrebbe una riforma più organica ed a 360 gradi. In primo luogo si dovrebbe fare un distinguo in funzione dell'ampiezza delle varie strade, in quanto è evidente a tutti, per esempio, quanto sia stretta la statale per cannobbio in molti punti. Quindi la regola dovrebbe valere solo su carregiate di una certa dimensione. Secondo punto, (e qui mi aspetto i soliti commenti ottusi) a mio avviso bisognerebbe finirla di fare auto sempre più grandi, larghe ed inquinanti, avete notato che non si riesce più ad utilizzare i garage degli anni 60-70? Questo contribuisce ad una riduzione delle misure di sicurezza in strada, ed alla necessità di continui ampliamenti delle strade. Ci dovrebbe essere il divieto ove esistono le ciclabili di transitare nelle comuni strade, e questo non lo accetterebero in molti. Le tanto criticate ciclabili dovrebbero sempre essere inserite per legge in progetti di costruzione ed ampliamento delle strade. Dovremmo avere un servizio pubblico efficiente e capillare, dalle ferrovie ai tram ai bus ecc ecc. Il che ridurrebbe il numero di automobili ed altri veicoli a motore In ultimo io temo che in Italia ci sarà la solita passatemi il termine inchiappettata, questa legge darà il La alle sanguisughe di stato ed alle lobby assicurative. Vi sarà l'obbligo di targa, dell'assicurazione e della revisione delle biciclette, vedremo i ciclisti ossessionati dal grammo in più o in meno dal peso delle biciclette, e chi a fatica compra una bicicletta decente, quanto saranno grati a questa proposta Per la cronaca sono sia ciclista che automobilista, e quando vado in bici (ora ho qualche problema fisico) prediligo strade secondarie e di montagna proprio per evitare il traffico, pensate dopo un 80-100 km a polmoni belli dilatati, che bello stare in coda ad un diesel che accelera per sorpassare o rigenerare il FAP In conclusione la strada è sempre stata pericolosa. In Europa gli incidenti stradali sono una delle prime cause di morte, con più di 120 000 vittime all'anno. L'Italia è al 14° posto in Europa per numero di vittime. Luglio è il mese con più deceduti. A morire con maggiore frequenza sono gli under 25. Nel 2014 in Italia ci sono state 3.149 vittime e 246.050 feriti, per un totale di 2.173.892 incidenti stradali con lesioni a persone, e d'allora è in continua crescita, così come l'aumento del mezzo di trasporto privato, quasi esclusivamente dovuto alle carenze del trasporto pubblico. Morale questa proposta farà solo aumentare i premi assicurativi ed ingrassare la casta degli avvocati, ma non ridurrà gli incidenti, anzi si rischia un aumento a causa di chi frenerà a fondo magari dopo una curva in cui trova il ciclista che viaggia a 20 km/h e non riuscirà a rispettare il benedetto 1,5 metro di sicurezza.
Conferenza di Magdi Cristiano Allam - 8 Maggio 2017 - 23:49
Re: Re: Re: Re: Re: robi...
Ciao Maurilio Ahhhh buona la Thatcher!! Dobbiamo a Lei l'avvio del neo liberismo sfrenato. Ricordo bene la prima grande privatizzazione delle ferrovie Inglesi, ora continuano a pagare i contribuenti tutti i debiti, perché al solito si privatizzano solo i profitti, mentre le perdite sono sempre o quasi socializzate. http://www.trasportoeuropa.it/index.php/home/archvio/44-ferrovia/11283-la-rete-ferroviaria-inglese-torna-pubblica Anche se è stata l'unica ad aver messo in guardia sull'euro. Già nel 1990 la Signora Thatcher aveva previsto con dolorosa chiarezza la devastazione che sarebbe derivata da quelle scelte. Nella sua autobiografia ricorda di come avvertì il cancelliere dello scacchiere John Mayor, pro-euro, di come la moneta unica non avrebbe mai accomodato le così diverse necessità di un colosso industriale come la Germania a quelle di paesi più piccoli come la Grecia. "La Germania si ritroverà la sua naturale fobia dell'inflazione, mentre l'euro risulterà fatale per i paesi più poveri perchè "devasterà le loro economie inefficienti.
Forza Italia Berlusconi: “La porta di San Giovanni” - 1 Settembre 2016 - 10:14
mah
A parte il fatto che le zone di cui parla il comunicato non sono affatto periferia, non e' nemmeno paragonabile la necessità di risolvere il problema stazione con ciò che propongono loro. Prenderei assolutamente la palla al balzo di questa opportunità visto che dalla regione e dalle ferrovie soldi non ne arriveranno.
Stazione di Stresa: chiude la biglietteria? - 23 Marzo 2016 - 08:27
Stazione FNM di Gavirate
Purtroppo siamo in mano (siamo buoni che è Pasqua) a degli incompetenti, basterebbe un poco di iniziativa e fantasia.. Un esempio positivo : la biglietteria della stazione delle ferrovie Nord di Gavirate (VA) è stata "convertita" in ufficio turistico quindi fa promozione turistica e da biglietteria, Un esempio negativo : sono anni che i Bar su alcuni Traghetti della NLM sono stati chiusi perchè non "a norma" notare che davano lavoro ad almeno un nucleo familiare senza contare il servizio offerto al passeggero/turista --- mi domando : ma ci volevano così tani soldi per renderli "a norma" ?!
Comitato Amici Pendolari riunione aperta - 29 Gennaio 2015 - 11:26
x i bambini di sopra
La fornitura del servizio di trasporto pubblico è in pratica un appalto dove i privati partecipano alla gara per l'assegnazione (Trenitalia o Trenord sono SpA). L'amministrazione vuole 5 coppie giornalieri Domodossola - Novara, 7 giorni su 7, composti da 3 vagoni? Semplice, fa un bando. Chi offre maggiore ribasso si prende la commessa. Dove un privato può guadagnare? Dovendo lavorare ad un prezzo del servizio imposto dalla Regione (che copre una minima parte delle spese) può solamente minimizzare i costi. Lo standard del servizio è imposto dal contratto e quindi il privato non ha alcun interesse ad investire sulla qualità per attirare nuovi "clienti" i quali, ribadisco, partecipano col biglietto per una minima parte ai costi. Da almeno 10 anni, ferrovie estere (svizzere e spagnole) cercano di entrare "nel mercato" del trasporto pubblico regionale ma senza riuscirci sia a causa della condizioni proposte dalle Regioni sia a causa dei costi di utilizzo della rete imposti da RTI. In pratica, nonostante da qualche anno i servizi di trasporto pubblico vengano assegnati a gara, l'assegnazione è sempre andata a Trenitalia. Mi sembra di ricordare che, qualche anno fa, la Regione Piemonte abbia contattato in pratica tutte le ferrovie estere europee per l'assegnazione del servizio ma alla fine il tutto finì a tarallucci e vino con Trenitalia la quale aveva promesso di sostituire tutti i sedili dei treni. (Sarebbe curioso sapere se poi, quanto promesso, sia stato mantenuto). Mentre per le tratte "a libero mercato" quali la Torino - Napoli è un altro discorso. Lo Stato ha costruito le infrastrutture e le concede ad un prezzo politico ai vari privati interessati a mettersi sul mercato. Sulle tratte Novara-Domodossola Santhià-Biella San Paolo, nessun privato si farà "il treno suo" e andrà a vendere i biglietti a 4,3 euro per 100 persone trasportate.
Comitato Amici Pendolari riunione aperta - 28 Gennaio 2015 - 18:41
Privatizzare, privatizzare, privatizzare.
Lasciamo perdere. Dopo una giornata con treno delle 6.14 soppresso e ritardi vari mi sono rassegnato. L'unica soluzione è lo sciopero dell'abbonamento ad oltranza per ottenere che il Governo attui la privatizzazione delle ferrovie sbandierata e mai realizzata, in modo che Trenitalia e RFI non intralcino l'entrata dei privati nella gestione del servizio ferroviario. Non credo che queste iniziative, nonostante l'impegno, portino a qualcosa.
Comitato pendolari incontra Trenord e Regione Lombardia - 26 Novembre 2014 - 19:30
tutto come prima
Apprezzo la volontà di queste persone e di questi comitati che cercano di far valere i diritti, se di diritti si può parlare, di noi pendolari, ma temo sia tempo perso. Trenord, RFI e Trenitalia, ovvero i tre gemelli usciti male da una madre ignota, non hanno la minima intenzione di migliorare il servizio, semplicemente perchè non esiste concorrenza e le persone sono obbligate a rivolgersi al monopolista. Non mi pare ci sia nulla di nuovo su questo fronte, anche se il Governo ha messo della gente per studiare la privatizzazione delle ferrovie, ma RFI non molla nemmeno un vagone arrugginito, nonostante ne abbia molti. Ergo, se si vuole veramente far tremare i pantaloni a questi, bisogna fare azioni clamorose come lo sciopero dell'abbonamento ad oltranza, manifestazioni davanti alle loro sedi, denunce in sede europea. Cominciamo una bella guerra, poi vediamo se si danno una mossa. Le restanti opzioni, francamente, mi paiono aria fritta. Io intanto sono costretto a prendere il treno lumaca delle 5,14 per essere in orario al lavoro....
Pendolari Domodossola-Arona-Milano delusi da Trenord - 8 Novembre 2014 - 12:24
Sciopero dell'abbonamento
Noi pendolari siamo trattati peggio dei cani. Il monopolio della rete ferroviaria fa si che la qualità ne risenta ma che il cliente, cioè noi, non possiamo cambiare fornitore del servizio. E loro lo sanno. Speriamo si proceda alla liberalizzazione della rete o almeno al fornitore del servizio e non si faccia come con Arenaways che hanno fatto fallire. Per il resto non perderei più tempo con tavoli e riunioni inutili. Loro ci offrono un servizio scadente? E noi facciamo sciopero degli abbonamenti per un mese e picchetti ogni giorno in stazione a Milano e Domo. Poi vediamo se i signori di trenord alias ferrovie dello Stato alias RFI non si danno una mossa!
Pendolari Domodossola-Arona-Milano le novità - 26 Ottobre 2014 - 13:39
Il ruolo del dipendente puibblico
Chi lavora nel settore pubblico deve rendere conto ai cittadini. Se lavoro in un negozio di scarpe e sciopero danneggio il mio datore di lavoro, se sciopero nella sanità danneggio i malati. Non mi pare sia la stessa cosa. Anche per le ferrovie, pur formalmente non essendo pubblico impiego, vale la stessa cosa. Francamente mi sentirei una mer.da a scioperare e girare con le mani in tasca guardando anziani e bambini seduti in stazione che aspettano attoniti un treno che non arriva, come mi è capitato di vedere anche venerdì scorso. Questo intendo dire.
Pendolari Domodossola-Arona-Milano le novità - 26 Ottobre 2014 - 10:39
Non si muove foglia
Il vero comandante delle ferrovie Non è l'amministratore delegato ma è il sindacato. Ricordate ALITALIA. In ferrovia Non si muove foglia che il sindacato non voglia, in particolare la CGIL. I posti di comando sono occupati da uomini del sindacato , vedi Moretti ex sindacalista e a scendere sino ai livelli più bassi. Le cose non cambieranno purtroppo, ma non bisogna mai smettere di lottare.
Pendolari Domodossola-Arona-Milano le novità - 26 Ottobre 2014 - 08:41
manco a farlo apposta....
Dal Corriere: Marcello Messori ha da poche ore riconsegnato al consiglio di amministrazione delle ferrovie dello Stato (FS) le sue molte deleghe mantenendo solo quelle al controllo interno. Il presidente Fs «Poca chiarezza su privatizzazione, una società così grande ha bisogno di ruoli ben definiti» «Una società di queste dimensioni e complessità ha bisogno di una chiarezza nei ruoli e nella direzione strategica soprattutto in vista di un’operazione complessa come il processo di privatizzazione». «Nessuna polemica, ma serviva un atto di chiarezza. Sta ora al governo e a tutti noi operare affinché la privatizzazione delle ferrovie dello Stato possa essere avviata e arrivare a compimento nel 2015»
Pendolari Domodossola-Arona-Milano le novità - 26 Ottobre 2014 - 07:32
Proposta di legge per privatizzare
Per fortuna riesco ancora ad arrabbiarmi, quindi non sono rassegnato. Ma fare assemblee ed incontri non serve a nulla. Ripeto: se vige il monopolio e i pendolari sono costretti a prendere questi treni, non c'è nulla da fare. La qualità del servizio migliora solo se il chi lo offre ha la concorrenza di altri. Ti rcordi ArenaWays? Fatto fallire perchè RFI non mollava sulla rete. E Italo sta facendo la stessa fine. Fino ad oggi cosa abbiamo risolto? I treni sono sempre in ritardo, quelli nuovi di Vivalto ti sparano aria ghiacciata sulla faccia, spesso tirano ancora fuori i cadaveri di quelli con sedili in similpelle strettissimi e porte che si staccano, ogni mese fanno sciopero. Bei risultati. Non è una critica, ma se vogliamo ottenere qualcosa secondo me dobbbiamo punare dritto al bersaglio. Una proposta di legge per privatizzare le ferrovie e togliere a RFI il monopolio della rete.
Pendolari Domodossola-Arona-Milano le novità - 25 Ottobre 2014 - 23:09
bullshit
tutte cavolate. Fino a che c'è il monopolio delle ferrovie, a nessuno frega dei viaggiatori perchè non hanno scelta. O così, o così. Fanno quello che vogliono e noi pendolari dobbiamo solo subire. L'unica soluzione è l'apertura al privato, ma RFI fa di tutto per ostacolarne l'entrata. Quondi cari pendolari, siamo fottuti.
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti