Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

lavoratore

Inserisci quello che vuoi cercare
lavoratore - nei post
Nasce il giornale "Il Frontaliere" - 10 Ottobre 2017 - 13:01
Nasce "IL FRONTALIERE", mensile del lavoratore italiano all’estero, 48 pagine a colori in 22mila copie, in distribuzione gratuita da mercoledì 11 ottobre presso i valichi di frontiera.
LegalNews: Attività lavorativa svolta durante il periodo di malattia - 25 Settembre 2017 - 08:00
La Suprema Corte con la recentissima sentenza n. 21667 del 19.09.2017 ha affrontato il tema della possibilità, per il dipendente in malattia, di svolgere altre attività lavorative.
LegalNews: Controllare il lavoratore per mezzo del badge: è legittimo? - 24 Luglio 2017 - 08:00
La Cassazione con la sentenza n. 17531/2017 ha trattato il tema dei limiti dell’uso del badge aziendale per il controllo dell’attività del lavoratore.
LegalNews: Part time: compatibilità con altre attività lavorative - 12 Giugno 2017 - 08:00
La Suprema Corte con la recentissima sentenza n. 13196 del 25.05.2017 ha affrontato il tema della valutazione della compatibilità tra part time e svolgimento di ulteriori attività lavorative da parte del dipendente.
Ticino: appalti pubblici, prima gli svizzeri - 12 Aprile 2017 - 13:01
Il Gran Consiglio ticinese ha approvato all'unanimità (due astensioni) la nuova legge sulle commesse pubbliche che privilegia negli appalti le imprese nazionali per importi al di sotto di una certa soglia legale.
LegalNews: Reintegra del lavoratore illegittimamente licenziato nell’azienda dichiarata fallita - 27 Febbraio 2017 - 08:00
La Suprema Corte con la sentenza n. 2975/2017 ha trattato il tema della reintegra del lavoratore, a seguito di licenziamento illegittimo, nell’azienda nel frattempo dichiarata fallita.
LegalNews: il no della Corte Costituzionale al referendum sull’articolo 18 - 13 Febbraio 2017 - 08:00
La Corte Costituzionale con la recente sentenza n. 26 del 27.01.2017 ha dichiarato l’inammissibilità del referendum abrogativo avente ad oggetto la disciplina dei licenziamenti individuali dettata dal Jobs Act e dall’articolo 18.
LegalNews: Mutamento delle mansioni affidate al dirigente e recesso con indennità di preavviso - 30 Gennaio 2017 - 08:00
La Cassazione con la sentenza n. 22938/2016 ha trattato il tema del mutamento delle mansioni affidate ad un dirigente in corso di contratto di lavoro nonché delle conseguenze di tale operazione ai sensi dell’art. 24 del CCNL dei dirigenti del settore terziario.
LegalNews: Licenziare per aumentare i profitti dell’impresa - 9 Gennaio 2017 - 08:00
Con la recente sentenza n. 25201 del 07.12.2016 la Cassazione è tornata sul tema della legittimità del licenziamento per giustificato motivo oggettivo irrogato dal datore di lavoro per aumentare i profitti della propria impresa.
LegalNews: Condanna per spaccio di marijuana e licenziamento - 2 Gennaio 2017 - 08:00
La Suprema Corte con la recente sentenza n. 24023 del 24.11.2016 ha preso in esame il tema della legittimità del licenziamento intimato dal datore di lavoro ad un dipendente a seguito del patteggiamento di una condanna penale per spaccio di stupefacenti.
Gospel con i Black Inside - 17 Dicembre 2016 - 10:23
Tra Villadossola e Baveno, aspettando le festività, il coro gospel Black Inside by Arcademia in concerto sabato 17 e domenica 18 dicembre 2016.
Presentazione "Falli ridere” - 10 Novembre 2016 - 10:14
"Falli ridere” - Il libro di Alessandro Nocilla. Presentazione ufficiale, sabato 12 novembre al Forum di Omegna .
PsicoNews: Noi, porcospini di Schopenhauer - 26 Ottobre 2016 - 08:00
Il gruppo di lavoro come fonte di supporto per contrastare lo stress lavoro-correlato.
LegalNews: Riconoscimento della subordinazione in capo al lavoratore autonomo - 10 Ottobre 2016 - 08:00
La Suprema Corte, con la recentissima sentenza n. 18586 del 22.09.2016, è tornata sul tema del riconoscimento della natura subordinata di un rapporto di lavoro qualificato dalle parti come autonomo, anche quando la lavoratrice abbia svolto la proprio attività senza vincoli di orario e con un elevato grado di autonomia.
PsicoNews: Chi non lavora non fa l’amore - 5 Ottobre 2016 - 08:00
Gli effetti dell’eccesso di lavoro e il ruolo delle organizzazioni lavorative in una bella ricerca tutta italiana.
lavoratore - nei commenti
Sciopero dei Vigili del Fuoco - 11 Dicembre 2017 - 16:59
Re: Re: Re: FACCIAMO UN PO' DI CHIAREZZA.
Ciao SINISTRO ho risposto con energia al tuo commento in quanto pretendi di fare CHIAREZZA (scritto tutto in maiuscolo) con puntualizzazione sbagliate È continui a non capire. Non mi accanisco affatto contro le divise, che ritengo i nostri angeli custodi, ma pretendo un criterio di giustizia verso altre categorie che svolgono lavori usuranti. Vorrei lo stesso trattamento per muratori, camionisti, operai turnisti, Carabiniri e Poliziotti. Oggi però un lavoratore pubblico in divisa (adibito il più delle volte ai servizi sedentari a fine carriera)va in pensione a 52 o 53 anni (A breve a 62 anni) mentre un muratore o camionista oggi va a 65 o 67 anni se va bene. Non è un trattamento di favore questo? Non so perché ora mi vuoi indicare gli "abbuoni" e forse hai fatto bene. Questi "abbuoni" sono goduti solo dal personale in divisa. Per loro sono anni di anticipo pensionistico mentre per un privato con lavoro usuranti può solo pretendere qualche mesetto in meno. Mi sembra palese che non sei tu che fai le leggi ma certe discriminazioni vanno gridate ed evidenziate. Mi sembra tutto così chiaro.
Sciopero dei Vigili del Fuoco - 9 Dicembre 2017 - 16:26
Pretese?
Nessuna pretesa: se mai l'assurdo è che qualunque ( e sottolineo il "qualunque") lavoratore deve andare in pensione a 67 anni, l'età più alta di tutta l'Europa: già, ma secondo i nostri politici siamo europei solo quando fa comodo a loro.
Sveglia al suono della raccolta vetri - 10 Novembre 2017 - 08:48
Re: Commento
Ciao Rosa yrene castillo mejia Prendo spunto dal tuo commento per concludere che: "Qualsiasi sia l'orario della raccolta del vetro, romperà sempre los marones a qualcuno" o al cuoco che torna tardi dal lavoro o al turnista che non ha sempre lo stesso orario di riposo o al lavoratore tradizionale 8-17. Dove abito io, avviene alle 20 (parlo della mia via, altre vie hanno orari diversi) e c'è comunque gente che si lamenta. In pratica l'attuale orario va più che bene. Qualsiasi modifica incontrerà altre lamentele
Conferenza sulla Brexit - 4 Settembre 2017 - 14:58
Re: Re: Brexit
Ciao SINISTRO, per quanto concerne il voto concesso dai cittadini all'estero (teme inserito in modo incidentale da un commentatore) non credo che si detrmino casi al limite dell'apolidia. Come ho già scritto bisognerebbe distinguere diversi casi. Il lavoratore che accetta un contratto di lavoro all'estero per 5 anni è assai diverso di chi è nato in Argentina o Brasile da genitori con cittadinanza italiana che hanno perso ogni interesse o contatto con l'Italia. Molti di questi sono diventati anche parlamentari. Quest'ultimi non sono apolidi. Hanno quasi sempre una doppia cittadinanza e quella italiana è diventata un retaggio culturale e familiare con tutti i vantaggi che ne possono derivare
Squadra Nautica 6 posti di Servizio Civile - 29 Maggio 2017 - 21:12
PS per Gris e HAvF
Quando parlo di retribuzione che io ritengo minima, intendo ovviamente per un lavoratore Italiano: per uno straniero, specie se extracom. se non gli sta bene quello che gli danno, soffero anche 2 euro/h libero di tornarsene da dove è arrivato.
Spadone: SS34, SS33, basta! - 31 Marzo 2017 - 16:39
Re: la ricongiunzione degli immigrati.....
Ciao lucrezia borgia Condivido in pieno, aggiungerei alcuni dettagli in particolare sulla separazione. I Governi che si sono succeduti ha trasformato molte prestazioni assistenziali in previdenziali. Si pensi agli assegni sociali, alle voci relative ai disabili di diverso tipo, alla cassa integrazione, alla mobilità, all’integrazione al trattamento minimo e così via. Sin dal 1989 ( legge 88) il legislatore ha cercato di separare, all’interno del bilancio INPS, la previdenza dall’assistenza, istituendo una speciale gestione dei trattamenti assistenziali (GIAS) da finanziarsi a carico della fiscalità generale. La GIAS tuttavia non riguarda solo le prestazioni assistenziali ma anche talune previdenziali, non coperte correttamente dai contributi versati. Pochi esempi su tutti: le pensioni dei coltivatori diretti, le pensioni d’invalidità ante 1982, l’integrazione al trattamento minimo. Voce che, da sola, vale oltre 13 miliardi di euro e che deve essere inequivocabilmente iscritta all’assistenza. http://infoprevidenza.it/welfare-sanita-assistenza-e-previdenza/ Per quanto riguarda gli immigrati, personalmente sarei per pari diritti solo nei confronti di chi ha versato regolarmente per almeno 10 anni. Perché gli abusi sono tanti. Pur avendo fatto ritorno ai loro Paesi di origine, o essendosi assentati continuamente dal territorio nazionale per periodi da uno a cinque mesi (perdendo così i requisiti per il beneficio), 331 lavoratori (bengalesi ) percepivano indebitamente l'assegno mensile di 800 euro. Mentre tutti li credevano in Italia loro se ne erano andati (di nascosto) già da un po' con in tasca la pensione sociale mensile. I truffatori sono 174 immigrati di diverse nazionalità con un età superiore ai 65 anni. Ciascuno di loro avrebbe continuato a percepire una pensione mensile di 450 euro. Nei fatti, un immigrato, per avere l’assegno, deve aver compiuto «65 anni e 3 mesi di età» e trovarsi in uno «stato di bisogno economico». Poi, gli basta avere un famigliare che sia titolare del «permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo» e abbia «residenza effettiva, stabile e continuativa per almeno 10 anni nel territorio nazionale». Rispettate queste condizioni, il gioco è fatto: lo Stato gli elargirà una pensione di 448,51 euro mensili per 13 mensilità (cifra aggiornata a inizio 2015). Più o meno è l’importo di una pensione minima di un lavoratore italiano. Solo che lo straniero non ha lavorato né versato contributi qui. I controlli per accertare che abbiano soggiornato stabilmente, ovviamente non ci sono. Da non sottovalutare la comunità cinese Prato avrà pure una storia di tolleranza (toscani e meridionali sono fifty fifty), riesce a far convivere 110 etnie diverse ma la misura ora sarebbe colma. Nelle ultime settimane sono arrivati in Comune 240 esposti: il pronto soccorso dell`ospedale è intasato da cinesi che non hanno medico di famiglia e si rivolgono lì per qualsiasi disturbo. Quindi ribadisco dopo 10 anni di lavoro regolare i Italia per me pari sono, ma diversamente dubito siano un vantaggio per le casse Inps e della sanità
MilanoInside: Buon compleanno Eataly! - 2 Febbraio 2017 - 00:43
maurilio.........
Eataly, Farinetti: “Dopo polemiche sui lavoratori ho pensato di lasciare l’Italia”..........Il made in Italy di Farinetti: operai romeni a tre euro l'ora - IlGiornale.it..............Modello Eataly: 800 euro per 40 ore a settimana. Farinetti: “I sindacati ..........EATALY SRUTTA I LAVORATORI! - YouTube..........“Io, lavoratore 'usa e getta' a Eataly” | Zic.it........Farinetti apre Eataly a Londra e licenzia metà dei dipendenti a Firenze ... Maurilio...................par piase'..........!!!! difendi l'indifendibile..............
Nasce la costituente cittadina di Fratelli d’Italia Alleanza Nazionale - 18 Novembre 2016 - 10:44
sottozero%
Sempliciotto è l'elettore-lavoratore che vota Lega in quanto spera in un proprio miglioramento. Tu invece fai parte delle elite?La tua mancanza di rispetto è vergognosa La tua supponenza ti porta a scrivere cose di cui ti dovresti vergognare dimostrando di avere il cervello scollegato.Quei lavoratori sempliciotti sono gli stessi che ti permettono adesso di vivere bene molti di loro pagando con la vita mamma mia che squallore da gente che non ha il coraggio di mettere il proprio nome non c'è altro da aspettarsi.............. ho sbagliato io a provare a discutere addio
Nasce la costituente cittadina di Fratelli d’Italia Alleanza Nazionale - 18 Novembre 2016 - 09:22
Re: Sempliciotti e semplici
Ciao caro Robi, ti sorprenderai ma voglio dirti che, per quanto concerne la sinistra, HAI PERFETTAMENTE RAGIONE. C'è una finta sinistra libeista e radical chic insieme a una minoranza massimalista ancorata a vecchie ideologie che hanno il denominatore comune di essere scollegate alle classi lavoratrici. Come ho già scritto non sei tu il sempliciotto. Tu da politologo aderisci consapevolmente a determinate idee e a tutte le loro conseguenze economiche e sociali. Robi hai idee per le quali dissento profondamente ma comunque hai delle idee. Sempliciotto è l'elettore-lavoratore che vota Lega in quanto spera in un proprio miglioramento. Per tanti motivi il futuro per le prossime generazioni si prospetta moto difficile. Serve forse un nuovo modello di società. Coservatori, finti-sinistri, sinistri-massimalisti e chiassosi grillini non serviranno più a nulla.
"Sì" al casellario d'obbligo per lavorare in Svizzera - 16 Novembre 2016 - 14:55
Populismo quanto basta...
Robi, Max Lavecchia e altri, state mettendo sullo stesso piano aspetti completamente diversi. Iniziamo con il dire che un lavoratore regolare, frontaliere o domiciliato, è censito, paga tasse, contributi e tutto il resto, in Italia, Svizzera e nel resto del mondo! Quindi, dire che "l'immigrazione ha portato molti problemi di ordine pubblico e la delinquenza straniera dilaga" è una "baggianata" (senza offesa)! Di quale immigrazione stiamo parlando? Ovvio che il problema c'è con tutti quelli che non sono "regolari", stipendiati in nero, reclutati con metodi "poco leciti" e via discorrendo. Quando "importi(are) in casa propia personale selezionato", lo hai già selezionato, "anche a livello penale" anche se non è obbligatorio! Questo è il caso dei frontalieri. Ricordiamo che In Italia, per poter accedere a diversi ruoli, in particolare nel pubblico, è necessario, almeno lo era fino a qualche tempo fa, presentare il certificato del casellario giudiziale, non mi sembra che sia servito a granchè! Quello che non si dice, almeno in Italia, è che c'è una "classe media" Svizzera, "inca**ata" con gli italiani, ma, soprattutto con gli imprenditori svizzeri, perchè, approfittando del cambio favorevole, assumono lavoratori italiani, a parità di specializzazione, pagandoli molto meno. Ma stiamo parlando di una minoranza, visto che la maggior parte dei frontalieri occupa posizioni di "basso" profilo. Cosa significa "distingua lavoratori specializzati da manovalanza generica"? La manovalanza generica sono i frontalieri! Cavalcando questo "malcontento", le paure per un'immigrazione, anche se solo di passaggio, selvaggia, qualcuno ne sta approfittando, con del "buon sano" populismo, che non porta a nulla se non a far parlare di se', tutto il mondo è paese! Saluti Maurilio
"Sì" al casellario d'obbligo per lavorare in Svizzera - 16 Novembre 2016 - 06:44
malessere generale
Forse il problema è più generale. Il frontaliere è un lavoratore specializzato e non un pregiudicato. In Svizzera come in tutti i paesi occidentali l'immigrazione ha portato molti problemi di ordine pubblico e la delinquenza straniera dilaga. Purtroppo in momenti del genere e data l'incapacità dei governi di far fronte al fenomeno i problemi si confondono. Servirebbe un sano pragmatismo che distingua lavoratori specializzati da manovalanza generica, delinquenti da gente perbene. Ma per far questo occorrono leggi ferree e controlli. E certamente non il lassismo e il permissivismo che finalmente stanno crollando sotto i colpi della vita reale. La colpa è solo degli imbelli governi occidentali che sono riusciti a far marcire una società sana in nome di multiculturalismo e assistenzialismo, abbandonando sicurezza e rispetto per le leggi. E il risultato è anche che i frontalieri da lavoratori specializzati sono diventati ratti. ..
Incidente mortale sul lavoro - 18 Ottobre 2016 - 20:29
No, non è solo fatalità-
No, Simona, non si tratta solo di fatalità. E' sempre la somma di mancanza di sicurezze da parte del datore di lavoro, e di disattenzione da parte del lavoratore. Parla uno che ha vissuto tanti anni e in diversi ambienti di lavoro, e la cosa continua a ripetersi. Credo nel vecchio adagio che dice " Un lavoratore non deve mai potersi fare male ". Cioè il datore di lavoro deve garantire sempre e comunque la totale sicurezza sul posto di lavoro.
Forno crematorio: "perchè non andremo a votare" - 11 Aprile 2016 - 16:42
Re: sig. Maurilio
Ciao sibilla cumana il mio libretto di lavoro è datato 1982, anche se ero uno studente lavoratore...a proprio di primo pelo non lo sono nemmeno io! Almeno, dalla nostra abbiamo l'esperienza!! ...non dichiarare la mia attività, non è un vezzo, ma una scelta ben precisa! Io ho scelto di commentare e condividere pensieri con persone che usano uno pseudonimo, non capisco perchè, pur mettendoci una faccia e un nome reale poco comune, il valore di quello che dico dipenda da quello che faccio. Se fossi un ciabattino, le mie argomentazioni varrebbero meno? Io seguo volentieri i commenti di tutti, senza pregiudizi di sorta. Saluti Maurilio
Work4You: Dimissioni telematiche, al via la procedura. - 16 Marzo 2016 - 18:01
Nella testa dei PD
Probabilmente nella testa dei PD ( e di chi sorregge loro la coda) che formulano ed emanano queste leggi/forzature non vi è il minimo conceto di cosa voglia dire essere un lavoratore privato o pubblico che sia: in effetti molti di quei PD che stanno ora a Roma sono tutti figli di papà, figli che non hanno mai avuto padri operai, madri lavoratrici, altrimenti non se ne uscirebbero con queste forzature innaturali. Volevano spingere sulle dimissioni telematiche? Bene, sarebbe sato molto più corretto e semplice affiancare le due soluzioni, dicendo che da oggi chi voleva dare le dimissioni poteva farlo col vecchio sistema oppure telematicamente, non escudendo nessuna delle due ipotesi. Ma nulla si può pretendere da chi si è montato la testa in quel modo.....
Work4You: Dimissioni telematiche, al via la procedura. - 16 Marzo 2016 - 14:14
ma chi vogliono prendere in giro.
Non ho capito, per evitare le dimissioni in bianco si sono inventate le dimissioni telematiche? non ditemelo, ma le dimissioni in bianco erano per agevolare il datore di lavoro quando voleva lasciare a casa il lavoratore (la vittima), oggi con il Jobs Act (bisogna essere dei fessi a chiamare in inglese una legge applicata in italia), questo problema non esiste più, come dice lupusinfabula, proprio grazie a questa legge di ostacoli per la ditta non ce ne sono più e spendono soldi per fare informare di una stronzata del genere che ha un solo significato: prendere per il fondo della schiena i lavoratori sopra di tutto i giovani, grazie pd.
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti