Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

legge sulla concorrenza

Inserisci quello che vuoi cercare
legge sulla concorrenza - nei post

Disegno di legge sulla Zona Economica Speciale - 28 Ottobre 2018 - 09:33

Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato di Forza Italia - Verbania, riguardante la presentazione di un disegno di legge per una Zona Economica Speciale nel territorio del Verbano Cusio Ossola.

Lo Duca e Scalfi: il futuro di Conser VCO - 8 Ottobre 2015 - 19:42

Riportiamo dal sito verbaniasettanta.it, il post dal titolo "CONSER VCO: La “Missione” dei prossimi dieci anni", a firma di Davide Lo Duca e Nico Scalfi.

Continua la protesta dei carrozzieri - 20 Aprile 2015 - 16:44

Incontro mobilitazione carrozzieri. Dalla CNA un manifesto con le proposte per il Governo. Martedì 21 aprile – ore 20.30 Sede CNA – Regione Nosere 45 Domodossola.

Mobilitazione carrozzieri Dalla CNA un manifesto con le proposte per il Governo - 3 Aprile 2015 - 11:17

Dopo il successo della petizione lanciata dalla CNA che in pochi giorni ha raccolto migliaia di firme, continua la mobilitazione dei carrozzieri contro la norma contenuta nella legge sulla concorrenza che impone carrozzerie convenzionate.

Carrozzieri contro il "monopolio delle assicurazioni" - 24 Febbraio 2015 - 15:03

“Per l’ennesima volta, a un anno di distanza dall’ultimo tentativo, le Compagnie assicurative stanno cercando di ottenere per legge il monopolio sul mercato delle autoriparazioni, con un provvedimento lesivo della libera concorrenza tra imprese”.

Nobili: incontro con motoscafisti di Stresa - 11 Settembre 2014 - 08:30

Provincia rivede la metodologia di ricalcolo del fabbisogno di licenze per il servizio di trasporto pubblico di navigazione non di linea. Soddisfazione da parte del Comune di Stresa che temeva difficoltà e limiti nel rinnovo delle autorizzazioni alla sua cinquantina di motoscafisti.

M5S: interpellanza sul canile - 8 Agosto 2014 - 09:42

Riceviamo e pubblichiamo, il comunicato del Movimento Cinque Stelle Verbania, riguardante la presentazione di una interpellanza al Condsiglio Comunale, riguardante la vicenda del Canile Municipale

Zacchera: Salvini e l'Euro, pensiamoci! - 24 Marzo 2014 - 10:23

Riportiamo dal sito di Marco Zacchera l'ultimo numero della Newsletter "Il Punto", argomenti trattati: I dubbi sull'Euro, manager Pubblici? a casa!, Piemonte: follie elettorali regionali, Marò e Venzuela dimenticati.

Svizzera: “Chiudere a immigrati e lavoratori frontalieri” - 26 Gennaio 2014 - 10:12

I cittadini chiamati a votare il 9 febbraio. I quesiti, avanzati dal partito di ultradestra Udc, riguardano la riduzione dei flussi di stranieri, compresi gli italiani che hanno un impiego nella Confederazione elvetica.

Vertenza Rc Auto: carrozzieri Vco a Roma - 21 Gennaio 2014 - 11:24

C’erano anche i carrozzieri del Vco, insieme ai parlamentari di tutti i gruppi politici, che hanno partecipato alla manifestazione contro alcune norme della riforma Rc Auto previste dal Decreto ‘Destinazione Italia’

Resoconto Consiglio Comunale - 20 Dicembre 2012 - 10:32

Pubblichiamo il resoconto del Consiglio Comunale di Verbania di lunedi 17 dicembre 2012, ultimo consiglio comunale dell'anno.
legge sulla concorrenza - nei commenti

Interpellanza situazione azionisti Veneto Banca - 19 Dicembre 2016 - 13:24

Re: Re: Re: Che il sindaco faccia il sindaco...
Ciao Maurilio Giusta la tua proposta di una class action locale, ma purtroppo la politica si è dimenticata da decenni di tutelare veramente i cittadini a discapito del capitale. L’azione collettiva, prevista dall’art. 140 bis del Codice del Consumo, a cinque anni dalla sua entrata in vigore ha messo in evidenza l’inadeguatezza della tutela risarcitoria di Patrizia De Rubertis | 6 maggio 2015 Ogni volta che in Italia accade un fatto che coinvolge migliaia di consumatori si sente richiedere a gran voce la class action. Si tratta dell’azione collettiva prevista dall’art. 140 bis del Codice del Consumo ed entrata in vigore nel 2010 che consente di attivare un unico processo per ottenere il risarcimento del danno subito da un gruppo di cittadini danneggiati dalla stessa azienda (esclusa la Pubblica amministrazione) in una situazione omogenea. In altre parole, nel caso in cui più persone abbiano subito gli stessi danni derivanti per esempio da prodotti difettosi o pericolosi, oppure da comportamenti commerciali scorretti o contrari alle norme sulla concorrenza, un solo giudice può condannare l’impresa al risarcimento di massa dei danni. Ultimo caso, in ordine di tempo, è l’annuncio di una class action per tutti i pensionati danneggiati dallo stop delle rivalutazioni deciso nel 2011 dal governo Monti e bocciato dalla sentenza della Consulta. Poi c’è il governatore della Lombardia Roberto Maroni che sta preparando un’azione regionale contro i black bloc per risarcire i milanesi che hanno subito danni durante la manifestazione No Expo. Ma recente è anche la class action promossa da Altroconsumo contro Fca sui consumi auto che a luglio arriverà in tribunale a Torino. Cosa succede, però, dopo che viene dato l’annuncio? Praticamente nulla. A cinque anni dal varo della class action italiana, con un iter a dir poco controverso (introdotta con la legge Finanziaria del 2008 è stata modificata solo nel 2012 con il decreto Liberalizzazioni, facendo così sfumare la possibilità di farla utilizzare ai risparmiatori coinvolti nei crac finanziari Parmalat, Cirio e Argentina), questo strumento si è rivelato inefficace e inadeguato, aumentando le difficoltà di accesso per i consumatori. E a dire che non funziona sono i numeri: ad oggi, l’unica azione collettiva vinta è quella del 2013 promossa dall’Unione Nazionale Consumatori contro il tour operator Wecantour. Il Tribunale di Napoli ha infatti riconosciuto il risarcimento del danno da vacanza rovinata a un gruppo di turisti in viaggio a Zanzibar che, pur avendo pagato profumatamente per alloggiare in un lussuoso resort, si sono poi ritrovati in un cantiere. Altri dati è però impossibile reperirli, perché lo stesso ministero della Giustizia a ilfattoquotidiano.it ha risposto che “non ci sono statistiche sull’argomento, siamo in attesa che la materia venga recepita dai registri informatizzati per poter procedere con una rilevazione”. Molti del resto i motivi che rendono la class action un’arma spuntata. http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/05/06/class-action-linefficace-strumento-per-la-tutela-dei-diritti-dei-consumatori-italiani/1657639/

Pendolari Domodossola-Arona-Milano le novità - 26 Ottobre 2014 - 07:32

Proposta di legge per privatizzare
Per fortuna riesco ancora ad arrabbiarmi, quindi non sono rassegnato. Ma fare assemblee ed incontri non serve a nulla. Ripeto: se vige il monopolio e i pendolari sono costretti a prendere questi treni, non c'è nulla da fare. La qualità del servizio migliora solo se il chi lo offre ha la concorrenza di altri. Ti rcordi ArenaWays? Fatto fallire perchè RFI non mollava sulla rete. E Italo sta facendo la stessa fine. Fino ad oggi cosa abbiamo risolto? I treni sono sempre in ritardo, quelli nuovi di Vivalto ti sparano aria ghiacciata sulla faccia, spesso tirano ancora fuori i cadaveri di quelli con sedili in similpelle strettissimi e porte che si staccano, ogni mese fanno sciopero. Bei risultati. Non è una critica, ma se vogliamo ottenere qualcosa secondo me dobbbiamo punare dritto al bersaglio. Una proposta di legge per privatizzare le ferrovie e togliere a RFI il monopolio della rete.

Pedone multato dai vigili a Intra - 12 Agosto 2014 - 12:34

Capacità di comando e buon senso
Bisognerebbe capire quale sia la volontà del popolo e chi la debba rappresentare. in problema è che non esiste un solo popolo, e di conseguenza una sola volontà. Bisognerebbe decidere a botte di referendum, ma così si blocca tutto. Il fatto è che la volontà del popolo non si crea dal nulla, ma si forma sulla base dei fatti e di come questi sono interpretati. Mettiamo la frase dei vu cumprà di Alfano. Secondo me condivisa dal 90% degli italiani eppure qualcuno ha gridato al razzismo. Per i giornali, pare che la "volontà del popolo" sia quella di difendere i vu cumprà e dare del razzista ad Alfano. Ma come si devono chiamare correttamente? Commercianti ambulanti senza permesso di soggiorno che non emettono scontrini, fanno concorrenza sleale, non pagano le tasse e assillano la gente? Tradotto potrebbe essere delinquenti. Eppure c'è chi li difende, difende l'illegalità e accusa falsamente di razzismo per non vedere il problema. Un governo ed un Leader forte, di polso, senza per questo essere dittatore, dovrebbe intervenire immediatamente. Non rispetti la legge? Ne paghi le conseguenze, sempre, chiunque tu sia ed in qualsiasi caso. la legge non è sempre giusta ed infallibile, ovvio e scontato. Ma il buon senso del padre di famiglia, come si suol dire, dovrebbe coprire i buchi legislativi. In questo senso in buon governante dovrebbe essere in grado di fare questo. Imporre con la forza, quando necessario, ma soprattutto imporre il buon senso, che dovrebbe essere concetto universalmente accettato. In quanto al sorridere, l'unica cosa che trovo ridicola sono i commenti del Dott. Paolino. Tanto esilaranti quanto inutili.
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti