Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

infanzia

Inserisci quello che vuoi cercare
infanzia - nei post
Spazio Bimbi: Quando è il corpo a parlare - 26 Marzo 2017 - 08:00
A volte i bambini possono lamentare disturbi come mal di pancia, nausea, mal di testa, senza un apparente disturbo fisico. Come capire quando si tratta di un malessere psicologico?
51ª Mostra della Camelia di Verbania - 24 Marzo 2017 - 09:16
Debutta al teatro Il Maggiore con le iniziative in omaggio ad Arturo Toscanini nel 150 dalla nascita. 25 e 26 marzo 2017.
Spazio Bimbi: Cos'è il Mutismo Selettivo - 19 Marzo 2017 - 08:00
Il Mutismo Selettivo è un disturbo dell’infanzia poco noto, caratterizzato dall’incapacità di parlare in alcuni contesti sociali, nonostante lo sviluppo e la comprensione del linguaggio siano nella norma. Vediamo di seguito quali sono le caratteristiche di questo disturbo
"Parenti Serpenti" - 17 Marzo 2017 - 19:31
Sabato 18 marzo 2017, ore 21.00, presso il Centro Culturale “Nostr@domus” in Piazza della Chiesa, Baveno, L’associazione “Genitori Fogazzaro” con il patrocinio del Comune di Baveno presenta "Parenti Serpenti".
I vincitori di Verbania for Women - 16 Marzo 2017 - 10:23
Sabato 11 settembre 2017 il sole ha voluto ringraziare Verbania per averlo scelto come tema della seconda edizione del Premio letterario Verbania for Women e ha accolto i premiati abbracciandoli calorosamente sulle rive del Lago Maggiore, nel Centro Eventi “Il Maggiore” illuminato dallo splendente riverbero sulle acque cristalline.
VerbaniaBau: Il cane in casa: il cane anziano - 14 Marzo 2017 - 08:01
Anche i Cani Anziani annusano, ascoltano, percepiscono, si arricchiscono di nuove conoscenze e ci arricchiscono: il Cane Anziano può vivere momenti di qualità di vita in un gioco esperienziale ed avventuroso che preserva/recupera il suo/il nostro mondo cognitivo, nella Consapevolezza di una autentica Relazione.
Incontro con la fumettista Takoua Ben Mohamed - 7 Marzo 2017 - 11:27
LetterAltura partecipa per il secondo anno consecutivo al programma del Comune di Verbania, Verbania si tinge di rosa, in occasione della seconda edizione del Premio letterario Verbania for Women e della ricorrenza della Giornata internazionale della donna, con un imperdibile appuntamento.
Scritture al femminile: tre incontri - 4 Marzo 2017 - 11:28
All’interno del premio letterario Verbania For Women (organizzato dal Comune di Verbania, dall' Associazione 77 e dall'Associazione Giovan Pietro Vanni), con gli eventi previsti per Verbania si tinge di Rosa (dal 1 al 18 marzo con una nutrita serie di eventi per ricordare il ruolo delle donne) segnaliamo le iniziative di Scritture al femminile.
Io vado in Biblioteca - 28 Febbraio 2017 - 17:04
Io vado in Biblioteca. Dal 1 marzo al 1 aprile la decima edizione di Storie piccine: un mese dedicato ai più piccoli.
Spazio Bimbi: Relazioni tra pari e benessere psicologico - 26 Febbraio 2017 - 08:00
Diverse ricerche mostrano un’associazione significativa tra status sociale, misurato all’interno del gruppo classe, e la presenza di sintomatologia internalizzante (di tipo ansioso-depressivo) ed esternalizzante (di tipo aggressivo) in età evolutiva
MilanoInside: I Lego che passione! - 23 Febbraio 2017 - 08:01
In arrivo un weekend dedicato ai famosi Lego, i mattoncini colorati che hanno dato sfogo alla fantasia di bambini e adulti.
Metti una sera al cinema - Fai bei sogni - 20 Febbraio 2017 - 09:16
Il Cinecircolo Socio Culturale Don Bosco, martedì 21 febbraio 2017, per la rassegna "Metti una sera al Cinema", presso Il Maggiore doppia proiezione ore 17:30 e 20:30 di "Fai bei sogni".
Istituto Comprensivo Verbania Intra: giornata contro il Cancro Infantile - 14 Febbraio 2017 - 09:16
Il 15 febbraio si celebra la XIV Giornata Mondiale contro il Cancro Infantile (International Childhood Cancer Day, ICCD), iniziativa nata per aumentare la consapevolezza e l'informazione sul cancro nell'infanzia e per esprimere sostegno ai bambini e gli adolescenti colpiti da patologie così gravi e alle loro famiglie.
Spazio Bimbi: Denuncia di 600 professori universitari: gli studenti non sanno l'italiano - 12 Febbraio 2017 - 08:00
Centinaia di personalità dell'ambiente accademico italiano si sono unite per scrivere una lettera al governo per chiedere di intervenire fin dalla scuola primaria per migliorare l'apprendimento della nostra lingua in forma scritta e orale.
Spazio Bimbi: Non riconosco più mio figlio - 29 Gennaio 2017 - 08:00
L’adolescenza è un momento delicato del processo di crescita, non si è più bambini ma non si è ancora adulti, il corpo inizia a cambiare ed è il momento in cui ci s’inizia a porre delle domande riguardo alla propria identità. È una fase critica ma che porta con sé anche tante opportunità di crescita.
infanzia - nei commenti
Lega Nord su aggregazione di Cossogno - 13 Febbraio 2017 - 13:10
Cari amici....
Cari amici del "grande è bello" e fanatici del "W la città", sinceramente non vi invidio: io sto benissmo nel mio villaggio, dove ci consciamo tutti, dove con sindaco ed amministratori ci diamo del tu, dove ci conosciamo con i dipendenti comunali e con l'impiegata dell'ufficio postale nel quale non c'è mai la coda, dove l'omino che raccoglie la spazzatura mi lascia le cassette di legno perchè sa mi servono per accendere camino e stufa, dove, se ho bisogno, c'è il negozietto che vende di tutto, dove i rapporti con i vicini di casa sono ottimali perchè non sono estranei che conosci a mala pena benchè vivavno sul tuo stesso pianerottolo, dove il farmacista è un amico d'infanzia, dove so che andando fuori a cena quelle poche volte che posso permetermelo, non prenderò fregatura perchè l'oste è mio amico, dove l'asilo e le scuole che hanno seguito i miei figli, medie comprese, hanno una dimensione umana e non vi sono pericoli di "infiltrazione" da parte di soggetti disdicevoli, dove se solo gira una faccia poco conosciuta o sconosciuta ci si allarma a vicenda e, se del caso, siamo pronti con quello che serve per convicerli ad allontanarsi, dove se ho problemi con l'acqua potabile non devo fare numeri verdi per parlare con estranei che neppure sanno dove è il paese e men che meno la via in cui abito, dove lo spazzaneve arriva ben prima delle 6 del mattino quando nevica perchè lo guida un dipendente comunale, dove il vigile è un solerte sceriffo e, se chiamato, arriva senz'altro prime di altre divise,...dove, dove....avrei un sacco di altri dove ma concludo, per farvi arrabbiare, con un dove qui non verranno mai migranti perchè non è terra che gli si confà. Su quest'ultimo punto, ma solo su quest'ultimo, so che non sono d'accordo con Paolino. Maurilio tienti pure la tua città piena di luci, servizi, divertimenti, asili nido e tutto quello che vuoi: io dal mio villaggio non mi schiodo.
Aiuole, cani e cartelli - 22 Dicembre 2016 - 09:54
basta!
fin dall'infanzia mi hanno insegnato che le aiuole non si calpestano figuriamoci passeggiarci sopra con un cane al guinzaglio, cosa che succede giornalmente sul lungo lago con relativi "ricordini" idem nelle aiuole dietro la Chiesa di San Vittore dove giocano i bambini....qui non è questione di cartelli ma di educazione civica, sono arcistufo delle solite menate inconcludenti..qui da noi è uno schifo, cosa che non riscontro in altre località quindi reprimere duramente e telecamere ovunque anche a costo di vedermi aumentare le tasse di scopo
150 anni di Rosminiane a Intra - 26 Maggio 2015 - 02:00
....ricordi....
E' uno dei punti fermi della mia infanzia.Ricordi indelebili,nel bene e nel male,come si suol dire.Il campanilebene in vista,con le lancette dell'orologio che sembravano eternamente ferme,la ''refezione'',la campanella,la Madre Superiora,quasi una figura mitica,molte volte evocata come spauracchio,poche volte vista ''dal vivo'',il teatro interno,il salone dove ,dopo pranzo,si marciava e si cantava......e poi la corsa liberatoria verso l'uscita,quando suonava la campanella al pomeriggio,fine lezioni......il doposcuola ...ufff.....e ne avrei moltissime altre da raccontare,nonostante siano passati ....anta anni.............''Sinite parvulos......''' e' indelebile ancora oggi..........grazie Suore Rosminiane
Biblioteche Vco vincono il premio nazionale "Nati per Leggere" - 19 Aprile 2015 - 09:59
libri infanzia
BRAVI. Checché ne dicano la cultura paga in particolare ai più giovani
Verbania premiata da HUMANA People to People Italia - 3 Novembre 2014 - 16:46
HUMANA risponde...
Buongiorno, non ci risulta alcun video de Le Iene relativo alle attività di HUMANA. HUMANA opera in piena trasparenza: su tutti i nostri contenitori gialli della raccolta abiti (presenti in 42 province in accordo con 945 Pubbliche Amministrazioni, 16 aziende Multiservizi e 11 Consorzi di gestione rifiuti) è possibile trovare un adesivo su cui è illustrata tutta la filiera di HUMANA. Ciò peraltro è ampiamente spiegato anche sul nostro sito www.humanaitalia.org (dove pubblichiamo i nostri bilanci annuali certificati da Società esterne) e su tutti i materiali di comunicazione che distribuiamo. Gli abiti, dopo essere stati donati nei contenitori, vengono conferiti presso le sedi di HUMANA, dove sono selezionati per essere valorizzati al meglio. Oltre il 70% è riutilizzato come vestito; il resto è destinato al riciclo per il recupero delle fibre. Gli abiti estivi in buono stato sono spediti in Mozambico, Zambia e Malawi, dove sono venduti in accordo con i governi locali, a prezzi contenuti per ottenere fondi da impiegare nei progetti umanitari di HUMANA attivi in loco. Anche per evitare di creare mero assistenzialismo, i vestiti sono donati gratuitamente solo nei casi di emergenza. Ad esempio, a inizio 2013, HUMANA ha distribuito abiti a oltre 32,5 mila persone mozambicane, colpite da una gravissima alluvione. La restante parte degli abiti è venduta in Europa all’ingrosso o nei 400 negozi di seconda mano di HUMANA (in Italia, l’organizzazione gestisce 2 negozi HUMANA Vintage, rispettivamente a Milano in via Cappellari 3 e, a Roma, in via Cavour, 102). Anche in questo caso i fondi ottenuti servono per finanziare i progetti di sviluppo. Gli abiti donati dagli italiani negli oltre 4800 contenitori di HUMANA sono quindi divenuti pozzi, scuole, interventi di aiuto all’infanzia e sviluppo comunitario, prevenzione di HIV/AIDS e malaria e programmi agricoli per la sicurezza alimentare in Africa. Segnaliamo, a titolo di esempio, che sul numero di marzo di Altroconsumo è apparso un servizio sulla filiera dei vestiti, realizzato anche grazie alle informazioni che noi abbiamo fornito loro. Altroconsumo ha inoltre realizzato un video in cui è mostrata, fra l’altro, anche la filiera di HUMANA, disponibile qui:http://www.altroconsumo.it/vita-privata-famiglia/nc/news/raccolta-di-abiti-usati-la-nostra-inchiesta Donare abiti a HUMANA permette di raggiungere obiettivi sociali in Africa ma anche in Italia grazie alla creazione di posti di lavoro (sono 112 le persone attualmente impiegate da HUMANA in Italia), agli interventi formativi nelle scuole e alle iniziative di sensibilizzazione. La raccolta dei vestiti di HUMANA comporta inoltre importanti vantaggi ambientali ed economici. Per ogni chilo di abiti è possibile, infatti, evitare l'emissione di 3,6 chili di anidride carbonica, il non utilizzo di pesticidi e fertilizzanti e il risparmio di circa 6.000 litri di acqua. Il non conferimento in discarica degli abiti usati consente, inoltre, un significativo risparmio economico a favore delle Pubbliche Amministrazioni e, quindi, dei cittadini. Restiamo ovviamente a disposizione per ulteriori chiarimenti. Per contattarci: ufficiostampa@humanaitalia.org - 02-93964047 oppure consultate il nostro sito: www.humanaitalia.org
Ex Camera del Lavoro: "Speriamo che ce la facciamo" - 27 Ottobre 2014 - 16:04
Commosso
"Dicevamo da piccoli mentre stremati tentavamo di completare un complicato puzzle o un problema non semplice". Povera, che infanzia difficile deve avere avuto. Mi sono commosso: la segnalerò per il premio De Amicis 2014
M5S: Requisiti? a Verbania sono un optional… - 28 Agosto 2014 - 01:09
x batman
Se io appalto un terreno per coltivare margherite non sono obbligato a fare il giardiniere. Da quanto ho letto il sito è stato affittato per attracco delle sue barche et eventuale nolleggio. Poteva anche a piacere suo prenderlo per far pisciare il cane c'era il bando lui è l'assegnatario tutto il resto è invidia e gelosia. Per la seconda risposta io sono capace di leggere ma soppratutto di intendere e volere non devo farmi consigliare dal reazionario di turno per dire la mia idea. Ormai l'estate è finita perchè non vai a cercare i funghi caro BATMAN ( cosa è un riminescenza di infanzia?)
Marchionini: Trobaso una proposta rifondativa - 13 Gennaio 2014 - 10:05
Trobaso
Salve, mi fa piaere che si pensi alla riqualificazione di Trobaso, io ho vissuto tutta la mia infanzia in via Sasso di Pala, ho vissuto il paese nel suo splendore e ho visto purtroppo, a poco a poco il decadimento graduale, ora che vivo in Trentino, quando ritorno sul Lago Maggiore, da Pallanza dove vivono i miei genitori mi "allungo" nella frazione che ha visto la mia gioventù, ma devo dire con rammarico di vedere un pause crollato, un fantasma oramai, esercizi chiusi, porte arrugginite, e strade.. facciate dissestate e cadenti, ne soffro ma aimè non posso farci nulla, spero in una risurrezione , è un bel paesetto fatelo rivivere!
Lumineri a Cannobio - fotovideo - 9 Gennaio 2014 - 20:32
Nostalgia.
Vivissimo il ricordo dei lumineri !!! Ho novantanni; sono cresciuto a Cannobio dal 1924 al 1936 da padre Umbro (ex finanziere) e madre di Ronco di Cannobio. Quasi tutti gli anni della mia vita l'ho trascorsi nell'amena cittadina e nei meravigliosi dintorni, godendo pienamente le ferie con la Famiglia e gli amici d'infanzia. Un saluto alla Sig.ra Mariagrazia e al Sindaco Albertella; ricordo il negozio ove si comprava l'affettato, difronte alla bottega del sarto Borsetta.
"Sguardi su Bracchio" - Mostra Fotografica - 14 Dicembre 2013 - 16:35
Ringraziamento
Ho già mandato la storia del Bambino Gesù di Bracchio e questa volta devo ringraziere Mauro per il suo lavoro su Bracchio dove ci sono i mie radici di famiglia. Ho mandato foto della mia infanzia nel paesino di Bracchio. Vedere il mio villaggio vivere cosi grazie a un ragazzo che si è innamorato di lui, che gioia per me e che bel regalo di Natale. Spero che mi sarà possibile di lasciare la Francia e di venire vivere a Bracchio per la fine della mia vita. E un sogno che spero realizzare presto. Scusatemi per gli errori ma non so scrivere bene l'italiano. Ho studiato quasi sola questa lingua se cara al mio cuore. Un caro abbracchio a tutti e se qualcuno vuo scrivermi ecco la mia casella mal : elena.hanet1@yahoo.fr Elena
Dalla Francia un racconto su Bracchio - 22 Febbraio 2013 - 13:09
i miracoli esistono .
Cara Elena, ti ringrazio di cuore per avermi fatto conoscere questo nuovo miracolo della divina provvidenza.Quando c'è la vera fede ,nostro Signore non tarda a manifestarsi. Ti prometto che la prima volta che andro' a Stresa ,non manchero di fare una visita al Bambino Gesù di Bracchio. Anni fa,con te ,visitammo i luoghi della tua d'infanzia e passammo dei giorni indimenticabili in preghiera e lasciandoci avvolgere dall' infinito amore che il tuo cuore emanava..Spero ,che il SIGNORE mi aiuti a farti ritornare ancora in Italia e di poter tornare a Bracchio tutti insieme. Sei Sempre nei nostri cuori ,la tue Pratoline di Milano. Stefania Un caro saluto a Padre Domenico
Dalla Francia un racconto su Bracchio - 20 Febbraio 2013 - 12:00
provvidenza
Cara Elena, ricordo con gioia i momenti trascorsi insieme in quei posti bellissimi che ricordano la tua infanzia. Questa storia miracolora ci ricorda sempre di come la provvidenza ci accompagni nella vita e di come Dio, nella sua infinità bontà, ci aiuti sempre nel momento del bisogno, senza abbandonarci mai. L'egoismo è il male che l'uomo si porta dentro dalla nascita e questa storia ci insegna che nulla può contro il volere di Dio, il cui amore è universale e per tutti. Grazie Elena per questa bellissima storia che non conoscevo. Con tanto affetto, Faffa
Presepe vivente a Bracchio - 17 Febbraio 2013 - 16:17
Storia del Bambino Gesù di Bracchio
Ecco la storia del Bambino Gesù di Bracchio. Sono contentissima di condividerla. Tutto questo è molto caro al mio cuore e me sento veramente una vera ragazza di Bracchio. Paesino della mia infanzia. IL BAMBINO GESU DI BRACCHIO (Italia) E nel piccolo villaggio di montagna di Bracchio sulle altezze del lago Maggiore, nel Piemonte italiano, che questo miracolo è arrivato. La popolazione era molto povera e un contadino, per potere ricaldarsi un po, perché non aveva il denaro per comprare il legno, andava ogni giorno nella chiesetta San Carlo – Santa Marta, per ricuperare il pezzo delle candele che non erano bruciate. Cosi poteva, alla luce delle cadele avere un po di benessere. Tutti i giorni ha portato a casa sua le candele e ha messo la sua riserva in uno scatolone sotto il suo letto. Ma un mattino, ha avuto una grande sorpresa, nel scatolone, tutti i pezzi delle candele avevano scompariti. A loro posto si troveva fabbricato un bambino di cera. Ha preso il bambino e non sapeva più che cosa fare, si sentiva indegno di conservarlo, lo portava al frate del villaggio. Questo ha preso la decizione di tenerlo soltanto per lui. Ma non era la volontà del Signore. L’indomani, il frate si è reso conto delle la disparizione del bambino. L’abbiamo ritrovato miracolosamente nella chiesa di Bracchio. E diventato una devozione per la gente del villaggio. La terza domenica di gennaio è la festa del Bambino Gesù a Bracchio. Bacioni a tutti Elena
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti