Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Spazio Bimbi

Spazio Bimbi: Quando è il corpo a parlare

A volte i bambini possono lamentare disturbi come mal di pancia, nausea, mal di testa, senza un apparente disturbo fisico. Come capire quando si tratta di un malessere psicologico?

Verbania
Spazio Bimbi: Quando è il corpo a parlare
Ci sono bambini che la mattina, prima di andare a scuola, si lamentano di forti mal di testa; altri in concomitanza di eventi sportivi, hanno frequenti episodi di dolori alla pancia e vomito. Questi disturbi, che sembrano non avere una base organica, spesso sono riconducibili a malesseri di tipo psicologico, che il bambino non riesce a esprimere in modo corretto.

I disturbi psicosomatici sono un insieme di manifestazioni sintomatologiche molto diffuse nell'infanzia.

I malesseri che si presentano più frequentemente sono eczema, coliche, emicrania, asma, vomito e disturbi del sonno: generalmente infatti sono riconducibili alla cute, all'apparato digerente e all'apparato respiratorio.

L'incidenza di questi disturbi parte dai 2-3 anni d'età e rimane elevata anche negli anni successivi. Secondo Casini (2004), le visite pediatriche per disturbi di tipo psicosomatico rappresentano tra il 13% e il 24% del totale.

Questi sintomi insorgono in quanto il bambino non riesce a esprimere i suoi disagi in relazione a particolari situazioni; ciò è particolarmente frequente nelle fasi di sviluppo del linguaggio, in cui il bambino ancora non padroneggia ancora lo strumento comunicativo a sufficienza per descrivere le sue emozioni.

La somatizzazione significa infatti materializzare paure, angosce, rabbia, attraverso il corpo.

Per questo motivo non bisogna minimizzare il malessere del bambino o attribuire i sintomi a malattie immaginarie, ma approfondire il problema e cercare di comprendere che tipo di disagio sta vivendo il nostro bambino.

È bene quindi notare se queste situazioni si presentano frequentemente in concomitanza con particolari eventi, come andare a scuola, interrogazioni, eventi sportivi.

Altri fattori che possono incidere sulla salute psicofisica del bambino sono il clima di negativo all'interno della famiglia, come la presenza di relazioni disturbate e conflitti familiari e avvenimenti traumatici interni ed esterni alla famiglia.

Anche momenti di “passaggio” nella crescita del bambino possono innescare disturbi di tipo psicosomatico: la nascita di un fratellino, l'ingresso all'asilo, un lutto familiare.

La prima cosa da fare è comunque rivolgersi al proprio pediatra per escludere le cause organiche; una volta scartata questa ipotesi, sarebbe bene ricorrere all'aiuto di uno specialista, come uno psicologo, psicoterapeuta o neuropsichiatra infantile.

Lo scopo dell'intervento non sarà solo curare il sintomo, ma cercare di comprendere quale messaggio il bambino cerca di trasmettere e lavorare sull'emozione ad esso associata.

Dott.ssa Francesca Calzaretta
Psicologa, La Girandola – Spazio Psicoeducativo
lagirandola.spe@outlook.it



0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti