Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

chiusura delle strade

Inserisci quello che vuoi cercare
chiusura delle strade - nei post

Maltempo: cessata fase critica, resta il rischio valanghe - 26 Novembre 2019 - 16:16

Con il miglioramento delle condizioni meteorologiche è cessata l’allerta per rischio idrogeologico e idraulico. Permane invece l’allerta gialla sui settori alpini per il pericolo di residue valanghe spontanee, che potranno interessare la viabilità montana.

Treni: lettera aperta di AFITS - 11 Settembre 2019 - 15:03

L’Associazione Ferrovia Torino-Svizzera ritiene indispensabile intervenire nel dibattito pubblico a seguito delle recenti dichiarazioni dell’Assessore Gabusi in occasione del Tavolo tecnico dei Sindaci, tenutosi a Arona il 2 settembre scorso.

“Altro che Tav, ecco le priorità per i pendolari” - 12 Dicembre 2018 - 08:01

Legambiente con il lancio della campagna Pendolaria accende i riflettori su 26 infrastrutture senza risorse, che interessano oltre 12 milioni di italiani. Di seguito la nota ufficiale.

Lago Maggiore Marathon 2018 - Viabilità - 3 Novembre 2018 - 08:01

Al via la Lago Maggiore Marathon domenica 4 novembre 2018. Partenza e arrivo da Verbania Pallanza alle ore 09.00. Tutte le informazioni al link www.lagomaggioremarathon.it

Cristina su chiusura Superstrada - 31 Ottobre 2018 - 15:03

Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato dell'on. Mirella Cristina sulla chiusura di ieri della superstrada dell'Ossola.

Cristina, viabilità: nuovi pannelli a messaggio variabile - 4 Agosto 2018 - 09:16

Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato dell'On. Mirella Cristina che dà notizia dell'installazione di tre nuovi pannelli a messaggio variabile sulle strade del Vco,

Il Giro Rosa 2018 a Verbani​a - viabilità - 4 Luglio 2018 - 09:16

Giovedì 5 luglio ore 18.00 Presentazione delle squadre del Giro. Venerdì 6 luglio dalle ore 16.15 Cronometro a Squadre.

Galleria "Verta" chiusa, Montani: colpa della Regione - 26 Giugno 2018 - 11:04

“E’ tutta colpa della Regione”. Il senatore della Lega Enrico Montani, dopo la chiusura della galleria della Verta di Omegna da parte della Provincia del Vco, essendo venute a mancare le condizioni minime di sicurezza per gli automobilisti, prende posizione attaccando la Regione Piemonte, colpevole di non aver provveduto alla manutenzione e ora delle conseguenze che deriveranno dallo stop, a quanto pare prolungato, del tunnel della circonvallazione.

Galleria "Verta" chiusa - 20 Giugno 2018 - 13:01

La Provincia del Verbano Cusio Ossola, in accordo con il Comune di Omegna, informa la cittadinanza che, con Ordinanza n. 162 in data odierna del Dirigente del Settore II opere pubbliche ing. Mauro Proverbio, è stata disposta l’inibizione al transito della galleria “Verta” di Omegna in entrambi i sensi di marcia “al fine di garantire la pubblica incolumità e fino al ripristino delle condizioni minime di sicurezza”.

Superstrada: un tratto chiuso un mese per lavori - 16 Giugno 2018 - 08:01

Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato del Presidente della Provincia del VCO, Stefano Costa, riguardante la chiusura di un mese per lavori della superstrada ss33, in direzione Gravellona Toce nel tratto Domodossola Sud - Piedimulera.

Cristina, viabilità: pannelli a messaggio variabile - 10 Giugno 2018 - 11:27

Una rete di pannelli a messaggio variabile per informare adeguatamente gli automobilisti. È quello che la deputata di Forza Italia Mirella Cristina chiede per il Verbano Cusio Ossola ad Anas.

Frecce tricolori: elenco chiusura strade e divieti di sosta - 16 Maggio 2018 - 17:32

Riportiamo l'ordinanza del comune di Verbania con le strade che saranno chiuse e le relative date e orari.

Frecce tricolori: cartina, parcheggi e viabilità - 16 Maggio 2018 - 08:01

Cartina, parcheggi, accesso alla città e viabilità per “Ali sul Lago”, la manifestazione aerea a Verbania il 19 e 20 maggio 2018 con le Frecce Tricolori.

Messa in sicurezza strade cittadine - 11 Marzo 2018 - 08:01

Da lunedì 12 marzo al via i lavori su via alla Ferrovia. In corso quelli su via Filzi e a seguire via Vigne Basse. Interventi per 120 mila euro per la messa in sicurezza di alcune strade cittadine.

Macugnaga isolata per pericolo valanghe. Tecnici Enel salvi - 9 Gennaio 2018 - 12:05

Continua a nevicare ed è in forte aumento il pericolo di caduta valanghe. Stamane l’Amministrazione comunale ha emesso un comunicato : «Le forti nevicate di questa notte complicano ulteriormente la situazione, pertanto si comunica: - chiusura di tutte le strade sul territorio comunale. - chiusura delle scuole, 9 e 10 gennaio, di ogni grado sul territorio comunale. In serata sarà comunicato un ulteriore aggiornamento»

Personale delle Province in sciopero - 18 Settembre 2017 - 10:23

Riceviamo e pubblichiamo, il comunicato votato dall'assemblea del personale della Provincia del Verbano Cusio Ossola che si è tenuta il 13 settembre scorso. L'assemblea del personale si è inserita in una serie di iniziative a livello nazionale, che vedranno il culmine nello sciopero dei dipendenti delle Province e d elle Città metropolitane il prossimo 6 ottobre. A promuoverlo sono Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl.

Lega Nord: Province, tagli e viabilità - 1 Agosto 2017 - 11:28

Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato della Lega Nord VCO, riguardante la situazione economica delle Province, e in particolare i problemi alla viabilità nel territorio del VCO e le recenti problematiche della Valle Strona.

Interrogazione parlamentare strade Vigezzo e Cannobina - 17 Giugno 2017 - 08:01

Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato del gruppo in consiglio provinciale "La Provincia per il Territorio" , riguardante l'Interrogazione parlamentare SS.s. 337 e relativa risposta

Interpellanza area pubblica - 1 Marzo 2017 - 10:23

Riceviamo e pubblichiamo, il testo di una Interpellanza presentata dal consigliere Comunale di Sinistra Unita, Vladimiro Di Gregorio, riguardante una area pubblica a Pallanza.

Baveno: Eventi e Manifestazioni dal 19 febbraio all'11 marzo - 18 Febbraio 2017 - 19:06

Eventi, e manifestazioni in programma a Baveno e dintorni dal 19 febbraio all'11 marzo 2017.
chiusura delle strade - nei commenti

Veneto Banca: futuro nelle mani del Governo - 26 Giugno 2017 - 01:14

Re: purtroppo
Ciao lucrezia borgia non si può sempre e solo cercare il "cattivo" di turno a cui dare tutte le colpe! La verità è che i due istituti erano tecnicamente falliti da tempo, colpa di errori gestionali dei loro manager. Si potrebbe anche dire che i manager erano stati approvati dagli azionisti, direi una cosa giusta tecnicamente ma sbagliata nella realtà dei fatti, ma non è questo l'oggeto del pos e del mio commento. Come dicevamo, la verità è che gli istituti sono falliti, cioè, tra le altre cose, non possono restituire i soldi ai correntisti,... quindi c'erano due strade: 1. lasciare che il mercato facesse il suo corso, domani (lunedì) le filiali non avrebbero aperto, migliaia di dipendenti a spasso, clienti (aziende e privati) che non avrebbero potuto svolgere le loro attività,...pensate solo nella nostra provincia cosa avrebbe voluto dire non poter accedere, anche solo per qualche giorno, ai conti correnti di Venetobanca! 2. scegliere la soluzione che si è scelta, con Intesa San Paolo che è stata l'unica a farsi concretamente avanti, salvaguardando una bella fetta del sistema economico italiano. Chi avrebbe preferito la soluzione 1, si faccia avanti, ma valuti attentamente le conseguenze. D'altro canto, le banche sono state cedute al valore di 1€, significa che, anche con la sola parte sana, non le si riconosce nessun valore, ne chi compra (Intesa), ne chi vende (lo stato comeintermediatore)!!! Integrare le tre banche significherà sostenere,e lo farà Intesa, costi enormi, che si ripercuoteranno sui clienti, attraverso la chiusura di numerose filiali chiuse, probabile cambi delle condizioni (cioè aumenteranno i costi) e molto altro, perchè il vero salvataggio inizierà domani, non è quello che si èconcluso oggi! Saluti Maurilio P.S. Messina è buono o cattivo, boh!? E' un manager che ha la responsabilità di una delle più grandi banche europee, qualche decisione sbagliata l'avrà sicuramente presa, qualche errore l'avrà fatto, qualche azione da "pelo sullo stomaco" pure, ma in questa storia, è quello che ha meno responsabilità di tutti!

Lago Maggiore Marathon - viabilità - 4 Novembre 2016 - 21:06

...poki "infimi"...e alcuni dati
Gentili Sigg, Massimiliano Gabriele e Bibi, spero che il termine "infimi" sia dovuto ad un errore di battitura. Vi comunico alcuni dati in mio possesso anche parziali e per difetto. - Numero partecipanti: circa 2200, parecchi accompagnati da familiari. - Gli hotel aperti in questo periodo: al completo. - Nazioni rappresentate: oltre 30 - Partecipanti che arrivano da altri continenti. Siete sicuri che queste persone sarebbero venute a Verbania senza partecipare a questo evento? Avete letto con attenzione l'effettiva chiusura delle strade? Vi invito, nei prossimi giorni, a cercare le statistiche di questo evento per avere una visione più precisa di quello che questa manifestazione può aver portato al territorio. cordialmente.

Incontro per il No al referendum costituzionale - 24 Maggio 2016 - 13:58

Giovanni...
Dice bene Paolino. Il bilancio di una regione è al 70% sanità......con questo è detto tutto. Se si vuole risparmiare si deve incidere su questo capito e null'altro. Circa le competenze da passare alle provincie. Beh...non ci vuole molta esperienza per definirle. Vuoi qualche indirizzo? Dunque: trasporti (strade & C.), ambiente (ne più ne meno quello che già fa ora), minerario estrattivo, turismo (sotto la regia di un ente come potrebbe essere ENIT), edilizia scolastica, derivazioni idroelettriche parchi e riserve. Poi non dimentichiamoci che gli attuali consiglieri provinciali non hanno indennità se non il gettone di presenza. I consiglieri regionali percepiscono uno stipendio, spesso, più alto dei parlamentari. E già questo basterebbe a giustificare la chiusura della Regione..... Poi, pur avendone preso coscienza, il Renzi ha optato per l'abolizione delle provincie..... http://www.affaritaliani.it/politica/retroscena-renzi-abolisce-regioni1910.html

Elenco completo dei divieti e delle modifiche alla circolazione per il passaggio del Giro d'Italia - 27 Maggio 2015 - 13:37

Per quanto ne so....
Per quanto ne so, il transito dei mezzi di soccorso in caso d'urgenza è comunque permesso e garantito: chi avesse problematiche di questo tipo può tranquillamente chiamare il 118 che interverrà. se del caso, anche con l' elicottero. Le visite ordinarie dei medici di famiglia possono benissimo essere svolte prima o dopo la chiusura delle strade.Se si cominciasse a dare deroghe per i medici di famiglia, sai quante altre categorie di lavoratori si sarebbero fatte avanti...

Chiusura anticipata scuole per Giro d'Italia - 21 Maggio 2015 - 03:00

forse Renato ti sono sfuggite...
...le premesse. La chiusura delle strade non consentirà il regolare trasporto scuola/abitazione e quindi anche se li mandi in gita "sportiva" il problema rimane. Il prolungamento dell'orario penso che sia impossibile per svariati motivi tra cui, i primi che mi vengono in mente: costi degli insegnanti, disponibilità degli insegnanti allo straordinario, riorganizzazione trasporti scolastici, ... Infine penso che il servizio mensa, si possa/debba offrire solamente se c'è scuola anche nel pomeriggio. Altrimenti tale servizio sarebbe più assimilabile ad un servizio ristorante che ad un servizio mensa scolastica con conseguente "concorrenza sleale" da parte del pubblico nei confronti della ristorazione privata

Verbania Documenti raccoglie firme sulla sanità - 18 Novembre 2014 - 12:10

Per Cesare
Mi chiedo quindi quale iniziativa si possa considerare la migliore (o la peggiore, a seconda dei punti di vista): quella della Rappresentanza dei Sindaci dell'ASL VCO (cioè Sindaco di Domodossola e Sindaci suoi subalterni) "altamente responsabile" in quanto tesa al riconoscimento di una sola Sanità, quella dell'Ossola, in un perfetto atteggiamento campanilistico in difesa dei propri interessi; oppure quella del Sindaco Marchioni e gli altri 25 Sindaci del Verbano che per prima cosa, sicuramente in modo responsabile nei confronti di tutti i cittadini del VCO, per una evidente questione di pari dignità dell'intero territorio, hanno chiesto con forza e determinazione il mantenimento dei DEA e dell'intera Sanità in tutto il VCO (Ossola compresa). A conferma di ciò si riporta lo stralcio della parte finale del Documento presentato dal Sindaco di Verbania Marchionini e dal Sindaco di Cannobio Albertella per i 25 Sindaci del Distretto del Verbano: PROPOSTA ALLA REGIONE PIEMONTE IL SINDACO DEL COMUNE DI VERBANIA, D’INTESA CON TUTTI I 25 SINDACI DEL DISTRETTO DEL VERBANO, RESPONSABILMENTE, TENUTO CONTO CHE LA REGIONE PIEMONTE NON HA FORNITO ALCUN SUPPORTO FINANZIARIO A CONFERMA DEI NOTEVOLI RISPARMI CHE SI CONSEGUONO CON TALE OPERAZIONE, DICHIARA CHE LA SCELTA PROVOCHERA’ LE GIUSTE PROTESTE DELLA POPOLAZIONE (CHE POTREBBERO PROSEGUIRE PER UN LUNGO PERIODO) CHIEDE DI INSERIRE NELLA PROPOSTA REGIONALE DA PRESENTARE AL MINISTERO DELL’ECONOMIA “IL MANTENIMENTO DEI D.E.A. DI 1° LIVELLO A DOMODOSSOLA E VERBANIA”. LA MOTIVAZIONE DELLA DEROGA VA INDICATA SOPRATTUTTO NELLA PUNTUALE APPLICAZIONE DELL’ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE PIEMONTE, CHE PREVEDE PER LA NOSTRA PROVINCIA IL RICONOSCIMENTO “ DELLA SPECIFICITA’ MONTANA,” CHE E’ STATA OTTENUTA DOPO ANNI DI IMPEGNO POLITICO E PRESSIONI delle POPOLAZIONI. SE NON CONSENTE IL MANTENIMENTO DEI 2 D.E.A., SI RITIENE CHE SIA SOLO UNA ENUNCIAZIONE VUOTA DI SIGNIFICATO CONCRETO, CHE SARA’ ALLORA ASCRIVIBILE A CHI POI NON E’ RIUSCITO POLITICAMENTE A DARE SPESSORE POLITICO/AMMINISTRATIVO. LA SPECIFICITA’ MONTANA E’ STATA APPROVATA NELLO STATUTO REGIONALE IN QUANTO SI E’ RICONOSCIUTO CHE 75 SU 77 COMUNI SONO CONSIDERATI MONTANI. E’ L’UNICA PROVINCIA CHE HA AVUTO TALE RICONOSCIMENTO IN UN TERRITORIO CHE E’ UGUALE A QUELLO DELLA ASL. SI RILEVA CHE MOLTI PAESI MONTANI SONO DISTANTI SIA DAL COMUNE IN FONDO ALLA VALLE, CHE MAGGIORMENTE DAGLI OSPEDALI. IN QUESTI GIORNI DI MALTEMPO PROLUNGATO, CHE PURTROPPO SI REGISTRA ORMAI CON UNA CERTA FREQUENZA DURANTE TUTTO L’ANNO, LE FRANE, GLI SMOTTAMENTI SULLE strade, L’ESONDAZIONE DEI TORRENTI RENDONO ANCORA PIU’ PROBLEMATICA LA CIRCOLAZIONE E DI CONSEGUENZA ANCHE LE “OPERAZIONI URGENTI DI SOCCORSO”. QUINDI IL PREVEDERE NEL NOSTRO TERRITORIO UN SOLO D.E.A. , PURTROPPO PENALIZZERA’ MAGGIORMENTE LE NOSTRE POPOLAZIONI, IN UN SETTORE QUALE LA SALUTE, CHE NON SEMPRE AMMETTE IL RECUPERO, MENTRE INVECE CON I 2 DEA E CON UNA RIORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI OSPEDALIERI, ANCHE I NOSTRI CITTADINI, CHE VIVONO AI MARGINI DEL PIEMONTE E MOLTO DISTANTI DA TORINO, SI SENTIREBBERO MEGLIO TUTELATI. LA PROPOSTA SOPRA INDICATA PUO’ ESSERE ACCOLTA, ANCHE PERCHE’ SE LA REGIONE OTTERRA’ L’APPROVAZIONE DEL PIANO COMPLESSIVO DI RIORDINO DELLA SANITA’, DOVRA’ POI PREDISPORRE IN MODO ANALITICO UN CRONOPROGRAMMA PER LA CONCRETA ATTUAZIONE DEL PIANO, PREVEDENDO TRA L’ALTRO, ELEMENTO NON DI POCO CONTO, CHE L’ASSESSORE SAITTA AD OMEGNA LUNEDI’ 10 NOVEMBRE AVEVA GARANTITO LA “CONTEMPORANEITA DEI PROVVEDIMENTI”, OVVERO LA CREAZIONE SUL TERRITORIO DI STRUTTURE E SERVIZI PER ATTIVARE FINALMENTE L’ASSISTENZA TERRITORIALE (E’ ALMENO 10 ANNI CHE LE PROMESSE SI SUSSEGUONO COME ENUNCIAZIONE E ZERO COME REALIZZAZIONE. QUINDI SICURAMENTE IL MANTENIMENTO DI 1 D.E.A. DI 1° LIVELLO E LA chiusura DELL’ALTRO NON VEDRA’ NEI TEMPI PREVISTI LA SUA ATTUAZIONE, PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO RIORGANI

Rievocazione Battaglia di Gravellona: L'Anpi non ci sta - 16 Gennaio 2013 - 23:48

Esortazione
Tutti i punti di vista sono assolutamente leciti e degni d’attenzione, ma quanto scritto ed i commenti fin qui seguiti paiono provenire da chi a Gravellona non c’è stato o, se lì si è ritrovato, lo ha fatto portando con sé un bagaglio ricco di preconcetti ideologici. Ed arrivata domenica sera, con questo ancora ben colmo se n’è tornato a casa. Il linguaggio utilizzato ne è la più evidente espressione. Ed ecco che allora, osservando qualcosa che si scosta dalle commemorazioni ingessate nel dogma di rituali grigi che non destano più alcun attrazione e partecipazione popolare, bisogna demolire un modo diverso di ridestare l’interesse e veicolare la conoscenza di quel periodo, affinché ne derivino volontà d’approfondimento e conservazione della memoria, senza che l’odio e la contrapposizione virulenta guidino questo cammino. E dunque, nell’ambito dell’intero programma delle commemorazioni, demonizziamo la rappresentazione, seppur romanzata per ovvie ragioni, degli accadimenti che interessarono la città e, più in generale, il Verbano. Sebbene puntualmente ricordati nell’ambito degli interventi istituzionali del mattino. Puntiamo, in termini esemplificativi, il dito accusatore contro l’immagine di un soldato in uniforme tedesca (mi perdonerete se non utilizzerò il termine nazista per connotarlo) che si permette di rendere omaggio, a quasi settant’anni di distanza, al monumento che ricorda i caduti partigiani, agitando la solita retorica in verità un po’ stantia. E sforziamoci di non cogliere cosa simbolicamente volesse significare tale raffigurazione. Continuiamo poi ad arroccarci su posizioni di chiusura senza capacità di guardare oltre, percorrendo strade che ormai hanno oggettivamente perduto ogni residuo slancio. Vedremo così quali frutti si sapranno produrre, seppur ve ne sia già evidente segno. Che altro dire ancora? Altre amministrazioni Comunali hanno utilizzato lo stesso strumento scelto a settembre da Gravellona, ricevendo consensi dalle sezioni ANPI di quelle zone. Qui, evidentemente, così non è stato, per i motivi che ognuno può supporre da sé. Ce ne faremo una ragione.
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti