Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

sonoro

Inserisci quello che vuoi cercare
sonoro - nei post

Altiora sconfitta a Santhià - 20 Gennaio 2020 - 19:06

Fine settimana difficile in casa Altiora, cadono le squadre senior, le giovanili si salvano con la Under 16 di Cova e la Under 18.

sonoro per Poliritmica - 22 Ottobre 2019 - 11:28

Si riparte con gli appuntamenti winter di "Aspettando POLIRITMICA... 2020" che vedrà il clou il 23 24 maggio con Israel Varela e Luca Gusella sul palco del Teatro Maggiore di Verbania.

Metti una sera al cinema - Easy Rider - 21 Ottobre 2019 - 08:01

l Cinecircolo Socio Culturale Don Bosco, martedì 22 ottobre 2019, per la rassegna "metti una sera al Cinema", presso l'Auditorium de Il Chiostro ore 17:15, 19:30 e 21:45 propone la proiezione di "Easy Rider".

CROSS Award 2019 Ecco i vincitori - 16 Ottobre 2019 - 11:27

Con oltre 260 candidature provenienti da oltre 30 Paesi europei e extraeuropei CROSS Award 5a edizione si conferma un appuntamento di grande interesse per artisti e performers internazionali.

Festival Il Teatro sull'Acqua - 2 Settembre 2019 - 08:01

Il "Festival Il Teatro sull'Acqua" si terrà ad Arona dal 3 all'8 settembre 2019, con la Direzione artistica di Dacia Maraini.

Seminario con Rossana Casale - 5 Luglio 2019 - 09:16

Sabato 6 luglio 2019 presso l'Hotel Il Chiostro di Verbania si terrà uno Stage sull' Interpretazione nel canto moderno con la docente Rossana Casale.

Orta Festival 2019 - 4 Luglio 2019 - 19:06

La XX Edizione di Orta Festival mette al centro della sua programmazione la figura dell’interprete. Si avrà modo infatti di riascoltare prestigiosi artisti che nel corso delle 19 passate edizioni hanno instaurato un rapporto speciale e di amicizia con il Festival.

Successo per il Music Trekking del San Giovanni - 24 Giugno 2019 - 19:06

Si è svolto ieri con successo il Music Trekking lungo le rive del fiume San Giovanni nella zona di Scareno. I numerosi partecipanti hanno apprezzato la bellezza di luoghi incontaminati, guadato il fiume ed alcuni di loro fatto il bagno nelle acque cristalline e limpide delle pozze del torrente San Giovanni.

"Stop! Musicheresistenti" - 26 Aprile 2019 - 11:27

L’Accademia dei Folli e Architorti insieme con Stop! Musicheresistenti. Sabato 27 aprile nel Borgo di Silvera (Meina).

"La pelle che vibra" a Verbania - 22 Marzo 2019 - 17:04

Sabato 23 marzo Libreria Spalavera ore 21: Laboratorio di Improvvisazione. Terzo appuntamento per la presentazione di “La pelle che vibra”, il libro di Giorgio Borghini.

Presentazione "La pelle che vibra" - 19 Marzo 2019 - 13:01

“La pelle che vibra”, il libro di Giorgio Borghini viene presentato all’interno della programmazione di “Aspettando Poliritmica – Festival di Percussioni”, diretto da Davide Merlino. Ciascuna presentazione, a partecipazione libera, è l’occasione per vivere le emozioni suscitate dai laboratori contenuti nel libro.

Presentazione "La pelle che vibra" - 13 Marzo 2019 - 11:27

Trent’anni di esperienza con le percussioni raccolti in “La pelle che vibra”, il libro di Giorgio Borghini che viene presentato in tre appuntamenti diversi, all’interno della programmazione di “Aspettando Poliritmica – Festival di Percussioni”, diretto da Davide Merlino.

Omegna... inizia il Natale - 30 Novembre 2018 - 19:06

Segnaliamo gli appuntamenti che animeranno Omegna nel prossimo fine settimana.

Da Baveno al Festival di Mogol - 7 Novembre 2018 - 18:06

I Cuatro Leguas, band emergente di Baveno, in lizza per il festival presieduto da MOGOL. La band piemontese vola a Roma per la finale del Tour Music Fest – The European Music Contest, il più grande concorso europeo per band emergenti.

Un Paese a Sei Corde: NefEsh Trio - 6 Settembre 2018 - 11:27

Venerdì 7 settembre 2018, a Verbania presso Villa Olimpia alle ore 21.00, si terrà il concerto gratuito di NefEsh Trio.

Raffaella Morelli "fantasia ed atmosfera" - 17 Agosto 2018 - 13:05

Nuovo appuntamento estivo, sabato 18 agosto 2018 alle ore 21.00, per Raffaella Morelli con il suo violino nei Momenti culturali 2018 che dal mese di aprile accompagnano a Cannero Riviera la stagione culturale lacustre.

I flauti di pietra "Tatlas" - 21 Luglio 2018 - 19:06

Domenica 22 luglio sarà protagonista alle 21 l'area archeologica di San Giovanni al Montorfano che ospiterà la performance Il soffio della Terra. L'esibizione si inserisce nel progetto Tatlas, sviluppato dal flautista Rossano Munaretto.

Successo per l'anteprima di Tones on the Stones - 17 Luglio 2018 - 15:03

Dal 13 al 28 luglio torna Tones On The Stones, il festival che propone un cartellone di spettacoli con grandi artisti internazionali ambientati nelle cave d’estrazione incastonate tra il Lago Maggiore e le montagne dell’Ossola.

“La pietra racconta” - 13 Luglio 2018 - 11:27

Torna per il secondo anno il ciclo di eventi “La pietra racconta”, in cui la pietra stessa si fa musica in ambienti del paesaggio “di pietra” naturale e costruito e in cui il cuore di granito di questa terra viene raccontato con linguaggi che si integrano a quelli del Museo GranUM e dell’Ecomuseo del granito di Montorfano, che ne propongono la storia, offrendone interpretazioni sonore emozionali.

Lakescapes: Una notte in Blues - 6 Luglio 2018 - 11:27

Un viaggio emotivo e sonoro alla scoperta del genere che affonda le sue radici nell’Africa perduta dei neri americani.
sonoro - nei commenti

"Sul Teatro Il Maggiore la deroga della deroga" - 16 Ottobre 2017 - 15:26

REI, posti a sedere e parcheggi!
Qualsiasi elemento brucia o si fonde: dipende solo dalle temperature a cui è esposto ed al tempo di esposizione (resistenza al fuoco). Così anche le travi in legno hanno un loro REI che, per cause poco chiare, ha un valore di gran lunga inferiore a quello richiesto per questo tipo di costruzione. Ciò che personalmente ho capito leggendo qua e là, è che qualcuno (impresa costruttrice? Progettista?) ha sottoposto un fascicolo tecnico che, pur contenendo le travi in legno con quelle caratteristiche, non teneva conto dei gusci in metallo che causano, in caso di incendio, temperature più alte che riducono quindi la resistenza del materiale legnoso. E’ sfuggito un dettaglio estremamente significativo: ma a chi? A chi deteneva l’onere del fascicolo sicuro, ma di norma il valutatore è persona esperta e, soprattutto, corresponsabile delle decisioni tecniche assunte in fase di progettazione. Possibile che le parti in causa avessero totalmente rimosso l’esistenza dei gusci? Lo sapevano anche i piccioni! Ormai è fatta: ci si metterà mano e si otterrà questo fatidico CPI che, ricordiamolo, è un documento che dichiara la conformità alla normativa vigente e che previene e minimizza il rischio incendio ma non lo elimina. Alla cittadinanza farebbe piacere (e non solo) vederci meglio e chiarire chi, nella vicenda, ha commesso l’errore tecnico che ha portato alla maggior spesa di oggi. Nel merito della vicenda, come al solito si cavalcano le cronache per la spiccia demagogia: l’organizzatore ufficiale della manifestazione (che tra l'altro si è scusato pubblicamente per la disorganizzazione! Finalmente qualcuno che si prende le responsabilità!) oggi parla di un numero complessivo di 760persone, quindi 200 in più del previsto (e non 400). Da quanto si legge nei vari comunicati, non ci sono state deroghe poiché il limite dei 570posti nel teatro sono stati imposti e rispettati (non solo per emergenza, ma anche per civiltà non si occupano i gradini di una scalinata come posto a sedere!). Le persone potevano ed hanno potuto, con i criteri di sicurezza imposti ad oggi, sostare nel foyer o all'esterno per ascoltare il rimando sonoro della manifestazione. Tra l’altro, ancora una volta, sulla questione posti a sedere si parla senza conoscere: per chi considera i posti a sedere troppo pochi, la risposta arriva dalla capienza della sala grande (sala teatro + foyer) che può arrivare a quasi 1000sedute. Per chi li considera “troppi”, la risposta arriva dalla capienza della sala piccola che arriva a quasi 200 sedute. Non è una mera questione di numeri: 570 sedute sono poche rispetto ad una manifestazione gratuita di Galimberti, ma sono state troppe per l’esibizione di Sokolov che all’inaugurazione della stagione, stando ai posti disponibili in prevendita sino al giorno dell’esibizione, sembra non aver ottenuto il tutto esaurito (riuscito invece il giorno prima al Teatro Municipale di Casale Monferrato – 500posti). A coloro che lamentano la capienza va ricordato che, a parte l’ubicazione in sé, siamo sempre a Verbania, ovvero alla periferia del Paese Italia!! A proposito di capienza, persone e di dove queste parcheggiano per arrivare a Teatro: ma qualcuno sa che fine ha fatto il “parcheggio che respira”? :) E già che parliamo di mezzi a quattroruote, qualcuno sa se quell’orrendo furgoncino bianco “dimenticato” nei pressi del Teatro fa parte dell’arredo urbano del CEM? Non si è mai mosso da quella posizione…sarà la dimora della guardia notturna? (è una battuta, almeno lo spero!). Saluti AleB

Lost Encore - Puntata 3 (La Casa dell'Orologiaio) - 6 Novembre 2016 - 14:21

Insulti a scoppio ritardato
Dall' 11 giugno al 6 novembre!! Tanto ci ha messo Mileto per per scoprire che sono uno "sbruffone": prendo atto del pubblico insulto e non replico con la stessa moneta a chi dimostra di essere povero di spirito. Ma di fatto, nel sonoro si sente dire che la casa dell'orologiaio è ad Oggebbio: chi lo dica non mi interessa ma ha comunque detto una fesseria.

Atti vandalici a Premeno - 6 Agosto 2015 - 14:43

Il bisogno
Da cosa nasca questo bisogno non mi è dato sapere: di certo so che tutti costoro sanno invece benissimo di poter contare sulle vanesie leggi italiane, vale a dire sulla più completa impunità: se invece sapessero che una volta presi incorrerebbero in un battutone sonoro di quelli che si ricordano per tutta la vita e ti fanno doorare per giorni, forse ci penserebbero bene prima di mettere in atto le loro insane voglie.Ma quando vedono che, come avvenuto nelle manifestazioni a Milano, è possibile bruciare e distruggere intere vie senza che alla polizia sia data la possibilità di menarli per bene, non fa altro che accrescescere in loro il senso di impunità.

Un mattoncino per la sanità nell'Alto Verbano - 20 Dicembre 2014 - 19:13

BRICK BOX
Care Graziella e Sibilla Cumana, vi scrivo in qualità di grafica che si è occupata del progetto in questione, semplicemente per spiegarvi il motivo per cui ho utilizzato un termine inglese anziché italiano, questo perché ci tengo a far capire determinati concetti. In primo luogo l'inglese come avrete notato voi stesse viene spesso utilizzato in campo grafico - pubblicitario per una ragione molto semplice: occupa graficamente e visivamente uno spazio ridotto rispetto all'italiano, e oltretutto è dal punto di vista comunicativo più immediato. Una scritta in italiano non avrebbe mai reso allo stesso modo, ne tanto meno sarebbe potuta risultare a livello visivo e sonoro altrettanto gradevole, perchè sarebbe stata ad esempio: "scatola mattoncino"?; come potrete notare voi stesse non è la stessa cosa. L'italiano rimane una lingua bellissima, nonché raffinata, ma purtroppo non è sempre adatta a scopi pubblicitari. Per quanto riguarda il dialetto non penso proprio che sia adatto ad alcuna forma pubblicitaria mi spiace, fa parte della nostra tradizione è vero, ma esiste una cosa chiamata globalizzazione per la quale anche piccole realtà come la nostra devono pensare al di fuori dei propri confini, anche solo nel caso di piccoli progetti nati con passione come quello di brick box, per il quale una manciata di persone ha lavorato molto sodo, tentando di uscire per una volta dagli schemi e di creare qualcosa di moderno ed originale, che mi sembra la maggior parte delle persone stia apprezzando. Inoltre l'utilizzo di termini inglesi non è un abitudine "tutta italiana", ma bensì di tutto il mondo. Insomma la tradizione è importante ma va calibrata ed inserita nei giusti ambiti a mio parere; detto questo non capisco la necessità di presupporre che io non conosca la traduzione in italiano del nome di uno dei più importanti drammaturghi al mondo.

Giochi Senza Quartiere: vince Cavandone - 12 Agosto 2014 - 06:56

Evento, divertimento, ma educazione.
Egregio Filippo, se chiedere discrezione è "vecchiume", e "l'essere giovani" ostentare roboanza, prevaricare i l diritto alla quiete pubblica, lei fa un assist alla terza età! Non dovrebbero proprio i giovani mostrare sensibilità ecologica (quindi anche acustica?) . Noto che fra i commenti emerge proprio questo concordare sull'eccesso di invasione dello spazio sonoro da parte di gente in cerca di protagonismo, evidentemente. Così come mi pare sia da considerare l'idea della rotazione dell'evento anche negli spazi periferici. Per altro, complimenti ai giovani sportivi e a tutti coloro che si sono impegnati con pazienza , discrezione e rispetto dell'ambiente. Sulla tolleranza- come eccezione-per le soste irregolamentari, dato l'impedimento di spazi, chiedo ancora al Sindaco d'intervenire con una sanatoria.

Giochi Senza Quartiere: vince Cavandone - 12 Agosto 2014 - 06:43

A Filippo
Egregio Filippo, se chiedere discrezione è "vecchiume", e "l'essere giovani" ostentare roboanza, prevaricare i l diritto alla quiete pubblica, lei fa un assist alla terza età! Noto che fra i comemnti emerge proprio invece questo concordare sull'eccesso di invasione dello spazio sonoro da parte di gente in cerca di protagonismo, evidentemente. Così come mi pare sia da considerare l'idea della rotazione dell'evento anche negli spazi periferici. Per altro, complimenti ai giovani sporivi e a tutti soloro che si sono impegnati con pazienza e discrezione. Sulla tolleranza- come eccezione-per le soste irregolamentari, dato l'impedimento di spazi, chiedo ancora al Sindaco d'intervenire con una sanatoria.

"Giochi Senza Quartiere" tutto pronto - 4 Agosto 2014 - 12:31

Sarà uno spettacolo
Ci attendiamo un grande spettacolo con grande coinvolgimento di tutta la città e cittadini. Metto le mani avanti con un sonoro vaffa a chi immancabilmente avrà qualcosa da ridire o lamentarsi per il chiasso la confusione... Costoro hanno ancora qualche giorno per organizzarsi un buen ritiro in un eremo in cima a un monte inaccessibile.

Pista di pattinaggio a Intra, polemiche - 7 Novembre 2012 - 07:31

Bene, bravi!
Se la notizia fosse confermata, non dubitando sulla veridicità, il cuore di Intra avrà per molti giorni una bella...discoteca all'aperto. Sia chiaro: nulla in contrario a una pista di pattinaggio su ghiaccio per il divertimento degli adulti e soprattutto per la gioia di bambini e ragazzi; nulla in contrario ai nuovi momenti di aggregazione o anche solo di effimero legame sociale; nulla in contrario all'inevitabile e benvenuto ossigeno per tutto l'indotto del quartiere, dai bar ai negozi, dai ristoranti alle svariate attività commerciali. Però la musica costante e ad alto volume che la pista produce, così come dimostrato in passato, cosa c'entra? All'Arena –interdetta per i lavori del nuovo teatro- c'erano poche abitazioni limitrofe e soprattutto c'era lo sfogo della vasta area del lago che mitigava i decibel in eccesso. Possibile che nessun consigliere ha pensato, oltre al risparmio di tanti euro, che quell'area è “residenziale”? Nessuno ha pensato che la piazza ha una conformazione tale che qualsiasi effetto sonoro al di sopra del normale provochi una eco impressionante? Nessuno ha pensato che lì esiste un quartiere densamente popolato in cui -all'interno di abitazioni vecchie e nuove ma col denominatore comune di avere le pareti perimetrali per nulla isolate acusticamente- vivono persone anziane o malate, lavoratori e lavoratrici che vanno al lavoro quando ancora non albeggia o fanno i turni per cui la parola “riposo” assume un ruolo fondamentale? O forse sì. Proprio perché qualcuno ha considerato le suddette cose ha preferito non riportare la pista ad una Pallanza affamata di vitalità. Vuoi vedere che nei pressi dell'ipotetica collocazione della pista a Pallanza risiede qualche “pezzo grosso” a cui dà fastidio (come a me) veder negato il diritto a riposare tranquillamente dopo una lunga giornata di lavoro? Viceversa, vuoi vedere che nessuno dei decisori risiede in zona ex-PalaTenda per cui non dà alcun fastidio la musica somministrata per molte ore al giorno, 7 giorni su 7, per parecchi giorni continuativi? Già ma loro sono “pezzi grossi” e “decisori” mentre gli abitanti della Sassonia, invece, sono solo degli ottimi pagatori di IMU allo 0,55%...e degli elettori.
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti