Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Verbania : Eventi

Lampi sul loggione: “Geppetto e Geppetto“

Sabato 13 maggio ultimo appuntamento con la 31° edizione, la prima ospitata al “Maggiore” di Verbania, di “Lampi sul loggione”. In scena, ore 21.00, con “Geppetto e Geppetto“, una pièce di Tindaro Granata coprodotto dal Teatro Stabile di Genova e dal Festival delle Colline Torinesi, già Premio Ubu 2016 come miglior testo teatrale italiano.

Verbania
Lampi sul loggione: “Geppetto e Geppetto“
Il tema è più che mai attuale: l'adozione da parte di una coppia gay di un figlio, attraverso la pratica dell'utero in affitto. Ci sono il desiderio di paternità, le dinamiche familiari, le difficoltà di Matteo, bambino con due papà (Angelo Di Genio), Toni (Paolo Li Volsi) e Luca (Tindaro Granata). C'è la vita con i suoi dolori: la morte prematura di uno dei due padri, le piccole falsità, le difficoltà quotidiane, i pregiudizi e le vergogne. Tutto questo è Geppetto e Geppetto che sarebbe riduttivo considerare uno spettacolo sull'adozione di figli da parte di coppie gay. Tindaro Granata conferma una intensità autorale rara e potente, conferma la capacità di raccontare il nostro presente con un apparente realismo che finisce con essere verità che interroga.

Ed è quello che accade in Geppetto e Geppetto: gli attori vestiti di nero, con i loro nomi stampati sulle magliette, qualche tavolo, delle sedie, una permanenza in scena che dà energia, un essere sul palco che sa essere misurato, credibile e vero. In Geppetto e Geppetto si compie un intreccio di sguardi, è una 'storia inventata', ma che si nutre di realtà, dei dialoghi che Granata ha rubato a conversazioni per strada, è un prisma dalle molte facce che interroga e disorienta al tempo stesso. Pregiudizi e luoghi comuni si intersecano in una drammaturgia delle relazioni familiari che sa essere credibile, vera e si dimostra raccontata con la 'giusta distanza', per usare un termine sacro della comunicazione giornalistica.

Granata mostra la capacità di raccontare una storia: quella di Luca e Toni e di loro figlio Matteo presentandola con tutte le sue contraddizioni, con tutti i dubbi e le felicità, le ansie e le gioie di un rapporto genitoriale che finisce con il rispecchiarsi né più né meno con quanto accade in qualsiasi famiglia. Luca – padre vedovo di fronte al compito di genitore – lui stesso un po' infantile, un po' naif – ripete con poetica innocenza: 'se ci sarebbe più amore'. E questo invito sgrammaticato risuona in tutto lo spettacolo, ritorna davanti ai drammi della vita: la morte di Toni prima, i pregiudizi di chi ha contatti con quella strana famiglia, l'anima piccola della maestra di una scuola sterilmente normativa. Nello svilupparsi della vicenda non c'è nessun procedere per tesi, non c'è alcuna voglia di dimostrare alcunché, o meglio c'è il tentativo (riuscitissimo) di presentare le difficoltà di una paternità/maternità che non si acquista semplicemente per lo status di 'genitore' – ovvero colui che genera – ma la si conquista nella relazione, nella capacità di educare.

Tutto questo Tindaro Granato lo racconta e lo agisce affidandosi ad un gruppo di attori che sanno essere convincenti in ogni tono e ogni gesto con una prova di intensa bravura da parte di Angelo Di Genio insieme a Paolo Li Volsi. Non sono meno incisivi Alessia Bellotto, Carlo Guasconi, Lucia Rea, Roberta Rosignoli, la madre di Toni che rifiuta il nipote con forza e determinazione. Ma è tutto l'ensemble attoriale che funziona così come funziona la regia delicata e carica di amore di Tindaro Granata.

In gioco in Geppetto e Geppetto non c'è solo la possibilità di fare e far vedere un bello spettacolo, di fare teatro, ma in gioco c'è la forza dell'arte scenica di affrontare il presente, di offrirsi come prisma dalle mille sfaccettature in grado di riflettere sul nostro oggi. Non è un caso – si crede – che alla fine della messinscena ci sia la possibilità di lasciare messaggi in foyer o di scrivere allo stesso Tindaro Granata nella convinzione che ciò che si semina a teatro sia uno scambio. L'attore e drammaturgo siciliano quello sguardo lo vuole cogliere e far proprio, lo vuole accogliere. Anche in questa tensione alla comunicazione e scambio a distanza di emozioni c'è la forza di un teatro che vuole far leva sulla sua unicità: il compiersi in un qui ed ora senza mediazione, il tesaurizzare la forza di un incontro fra esseri umani, fra anime e corpi. Per i non abbonati biglietti a € 15,00 al botteghino del teatro o sul sito www.ilmaggioreverbania.it .

Immagine 1



0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti