Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco : Cannobio : Eventi

“Le forme del colore, i gesti della mente”

Mostra al Palazzo Parasi di Cannobio dal 7/9 al 20/10. Fabrizio Parachini “Le forme del colore, i gesti della mente” A cura di Francesco Poli.

Cannobio
“Le forme del colore, i gesti della mente”
Le sale espositive di Palazzo Parasi a Cannobio ospiteranno la personale ” e forme del colore, i gesti della mente“ di Fabrizio Parachini, a cura di Francesco Poli, da sabato 7 settembre a domenica 20 ottobre 2019
Inaugurazione: sabato 7 settembre, ore 17,30

Fabrizio Parachini nasce a Novara e si laurea in medicina e chirurgia presso l’Università degli Studi di Torino. Esercita come medico ospedaliero per un decennio e contemporaneamente studia e approfondisce le teorie e le poetiche dell’arte astratta. Nel 1995 realizza la prima mostra personale e, nel 1996, abbandonata la professione medica, si dedica esclusivamente all’attività di operatore artistico (pittore, teorico e didatta) collocandosi nell’ambito non-oggettivo di radice neo-costruttivista e minimalista.

LA MOSTRA
La storica costruzione Palazzo Parasi a Cannobio ospita la mostra personale di Fabrizio Parachini, artista italiano che ha esordito alla fine degli anni Novanta nell’ambito dell’arte non-oggettiva di matrice neo-costruttivista e minimalista e che in seguito ha dimostrando la capacità di muoversi su diversi registri: quello propriamente espressivo, ma anche quello curatoriale e di studioso della percezione visiva e cromatica.
NELLA mostra “Le forme del colore, i gesti della mente” viene presenta una selezione di Opere dell’artista , realizzate tra il 2005 e il 2019 espressioni delle diverse tematiche, e tipologie formali, affrontate e sviluppate dall’artista nel corso della propria attività.
La maggioranza delle opere è costituita da più elementi, quindi “Polittici” in progressione cromatica, “Trittici” e “Dittici” giocati su accostamenti monocromi, lievi “Pagine” di acetato sovrapposte e “Solide pagine” in multistrato di alluminio.
Bisogna però sottolineare che i singoli lavori, in virtù sia della loro reciproca interazione che della specifica relazione con lo spazio, in realtà vanno a costituire due uniche grandi istallazioni (una al piano inferiore e una a quello superiore) conchiuse in sé e dal forte impatto visivo.
E questo è il vero oggetto della ricerca espressiva di Fabrizio Parachini: creare opere che pur indagando formalmente i contenuti e i codici espressivi dell’arte astratta diventino concretamente dei punti focali sulle pareti, o luoghi di attenzione, capaci di modificare la percezione e la fruizione dello spazio messa in atto dall’osservatore.
Punto di arrivo nodale è poi l’ultima versione inedita di un progetto che l’artista conduce da diversi anni, forse più “concettuale”, ovvero “Codice ovvio n° 3: Closed Doors”, un’opera costituita da sei elementi e pensata come il risultato esemplificativo dei processi di scelta, composizione e riduzione di immagini consuete, come in questo caso le “Porte sbarrate” intercalate a figure monocrome, che la nostra mente compie ma anche subisce quotidianamente. Come sempre, uno spazio della mostra è dedicato ai video e tra gli altri sarà presentato quello riguardante l’intervista effettuata da Clara Castaldo all’artista.
.
Periodo: da sabato 6 luglio a dom.1° settembre 2019
Inaugurazione: sabato 7 settembre, ore 17:30
Orari di apertura: martedì e giovedì ore 10:30/12:30 - mercoledì e venerdì ore 16:30/18:30
sabato ore 10:30/12:30 e 16:30/18:30 - domenica ore 10:30/12:30
A cura di Francesco Poli
Catalogo: edizioni Città di Cannobio
Accoglienza: Rete museale dell’Unione del Lago Maggiore

LO SPAZIO
L’esposizione viene accolta nelle sale dell’edificio risalente al XIII secolo, accuratamente restaurate per volere dell’Amministrazione Comunale, di concerto e sotto l’alta vigilanza della Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio della Regione Piemonte. Si tratta di un imponente edificio che sorge a ridosso della Torre Comunale del XII secolo.
Ai piani superiori sono stati realizzati gli spazi destinati alle manifestazioni culturali, uno dei quali particolarmente interessante per il diretto contatto con le antiche capriate.
Il piano terreno, un portico coperto con volte a botte, è attualmente sede del’Ufficio Turistico.



0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti