Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

tassazione

Inserisci quello che vuoi cercare
tassazione - nei post
Frontalieri: novità dall'incontro con il Viceministro Casero - 25 Ottobre 2016 - 09:16
Si è trattato di un incontro importante, quello del tavolo provinciale del frontalierato tenutosi venerdi 22 ottobre presso la sede della Provincia del Verbano Cusio Ossola, che ha visto la presenza del viceministro all’economia con delega alle finanze, on. Luigi Casero, accompagnato dall’onorevole Enrico Borghi e dal vicepresidente della Regione Piemonte, Aldo Reschigna.
Riunione in Provincia su politiche transfrontaliere - 11 Ottobre 2016 - 09:16
"Convocato dal Presidente della Provincia del Verbano Cusio Ossola, all'indomani dell'ennesimo referendum promosso da Lega Ticinese e UDC che 15 giorni fa ha complicato ulteriormente le trattative in corso tra i Governi italiano ed elvetico, si è riunito lo scorso venerdì 7 ottobre, presso la sede di Tecnoparco, il tavolo provinciale per le politiche transfrontaliere". All'interno la nota della Provincia del VCO.
"Mobilitazione Fdi-An" - 16 Settembre 2016 - 10:24
Anche in Piemonte Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale aderisce alla campagna “In nome del popolo sovrano”. Sabato 17 settembre gazebo in tutti i capoluoghi di Provincia dalle ore 15 alle ore 19. Di seguito la nota ufficiale.
Frontalieri: incontro tra Borghi e il viceministro Casero - 1 Settembre 2016 - 17:07
Si è tenuto ieri mattina a Roma un incontro tra l’on. Enrico Borghi (capogruppo Pd in commissione ambiente, territorio e lavori pubblici della Camera dei Deputati) e il viceministro alle finanze on. Luigi Casero, nel corso del quale sono state focalizzate una serie di problematiche di natura fiscale, finanziaria e previdenziale che il comparto dei lavoratori frontalieri sta vivendo.
Tax Day: Verbania tra quelli dove si paga meno - 19 Luglio 2016 - 14:01
"Nel rapporto annuale Tax Day pubblicato nelle settimane scorse da CNA sui capoluoghi di Provincia spicca il buon risultato di Verbania, che è al 110 posto sui 124 capoluoghi di Provincia. In questo caso essere in fondo alla classifica conviene perché vuol dire che il carico fiscale per le piccole imprese del territorio è minore". Inizia così la nota dell'Amministrazione Comunale che riportiamo.
Comune di Verbania: "un bilancio solido quello del 2016" - 19 Aprile 2016 - 14:15
Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato dell'Amministrazione Comunale, a margine del Consiglio Comunale, riguardante il Bilancio 2016.
M5S: frontalieri, dalle parole ai fatti - 14 Febbraio 2016 - 09:41
Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato congiunto del Movimento Cinque Stelle Verbania e Domodossola, dal titolo: "Frontalieri del VCO: Il Governo passi dalle parole in aula ad azioni concrete".
Frontalieri: prestazioni sanitarie ancora gratuite - 11 Febbraio 2016 - 18:06
Dibattito alla Camera sulle mozioni riguardanti l'accordo con la Svizzera. "Firma subordinata all'eliminazione delle discriminazioni ai lavoratori italiani"
PD: Verbania tassa rifiuti più bassa del Piemonte - 9 Febbraio 2016 - 20:23
Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato del Partito Democratico Verbania, riguardo i dati diffusi da Confcommercio, dai quali risulta che Verbania ha la tariffa rifiuti più bassa in Piemonte.
Frontalieri: odg congiunto a Domo e Verbania - 13 Gennaio 2016 - 19:06
Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato dei consiglieri Angelo Tandurella e (Domodossola) e Lucio Scarpinato (Verbania) sui frontalieri: "il nuovo accordo toglie risorse a famiglie e Comuni”.
Frontalieri accordo Berna/Roma, qualche preoccupazione - 28 Dicembre 2015 - 10:17
Le prime reazioni all’accordo preliminare fra Italia e Svizzera sul lavoro frontalieri che Roma e Berna hanno siglato martedì scorso, arrivano da Pietro Roncoroni, sindaco di Lavena Ponte Tresa e presidente dell’associazione dei Comuni italiani di frontiera.
Frontalieri accordo Berna/Roma, tasso d'imposizione fino al 70% - 22 Dicembre 2015 - 18:36
Le delegazioni attive sul fronte delle trattative hanno ratificato l'intesa volta a regolare tutta una serie di questioni fiscali tra i due Paesi.
Buon compleanno alla nuova Provincia - 13 Ottobre 2015 - 19:47
Riportiamo un amaro comunicato stampa di Matteo Marcovicchio rispetto al "compleanno" della provincia: "La Provincia oggi è un ente considerato inutile dai cittadini, snobbato dai sindaci che non partecipano nemmeno alle assemblee, ignorato e mortificato dal governo e dalla Regione"
Il fisco? Il socio di maggioranza... - 29 Settembre 2015 - 20:01
"Fare impresa non è uguale ovunque in Italia e neppure pagare le tasse: nel belpaese una piccola impresa artigiana – tipo con una media di cinque addetti paga tasse locali per 11.164 euro, cioè 2.233 euro per addetto".
Frontalieri: Gentiloni risponde a Costa - 18 Settembre 2015 - 09:02
Riportiamo il testo della lettera del 4 agosto inviata al Ministro Gentiloni dal Presidente della Provincia, Stefano Costa, concernente i frontalieri italiani in Svizzera, e relativa missiva di risposta a firma congiunta del Ministro degli Affari Esteri e del Ministro dell’Economia e Finanze.
tassazione - nei commenti
"Sì" al casellario d'obbligo per lavorare in Svizzera - 16 Novembre 2016 - 18:24
Re: puntualizzazione
Ciao Robi lascia perdere la destra e la sinistra, in generale, ma in Italia in particolare sono solo etichette... Tu dici: "l'immigrazione ha portato molti problemi di ordine pubblico e la delinquenza straniera dilaga", va bene, se solo per questo anche il grande afflusso di meridionali negli anni 60 ha portato delinquenza, non so quanti anni hai, io sono abbastanza vecchi da ricordare Renco negli anni 70, primi 80. Ma tutto questo, cosa c'entra con i lavoratori stranieri regolari? Perchè questo sono i frontalieri, nulla hanno da spartire con gli irregolari! Poi dici: "distingua lavoratori specializzati da manovalanza generica", perchè? La maggioranza dei frontalieri sono proprio "manovalanza generica, almeno per il livello svizzero. Stiamo parlando di panettieri, giardinieri, commessi/e, operai/e, muratori, badanti, baristi, lavori che gli svizzeri non fanno. Quindi? Questi tutti a casa? Ma chi lo manda avanti il Ticino (senza contare della ricaduta economica su VCO, VA e CO)? Max Lavecchia dice: "giusto e corretto il dirito di importare in casa propia personale selezionato anche a livello penale", perchè oggi non si fa? Prima di assumere qualcuno, non fanno controlli? Controlli formali e controlli informali... Quindi, tutta la faccenda del casellario, deve essere presa per quello che è, una "boutade" di un'area politica che sta "giocando" con le paure, legittime, della gente. Ma risultati? Si dimostra come il populismo serva solo per far felici qualcuno, arricchire e/o dare potera ad altri, ma che alla società, non serve a niente. I frontalieri, fino a quando varranno le attuali differenze economiche tra Italia e Svizzera (tasso di cambio, costo del lavoro, livello di tassazione,...) i frontalieri continueranno ad esserci e fare la "fortuna" della vicina Svizzera! Come vedi, Trump, la destra, la sinistra, Renzi, Hillary e compagnia cantante non c'entrano nulla in questo discorso! Saluti Maurilio
Nasce la costituente cittadina di Fratelli d’Italia Alleanza Nazionale - 14 Novembre 2016 - 11:06
Re: Re: interessante
Ciao Maurilio, sempre in tema di tassazione la proposta di Salvini di applicare un'aliquota unica del 15% su tutti gli scaglioni di reddito è semplicemente rozza e ridicola e tutto a vantaggio dei ceti superiori. Ma non c'è da suspirsi. Questa è la destra!
Ipotesi di passeggiata Intra - Suna - 11 Ottobre 2016 - 09:34
Re: Gombloddo
Ciao Giovanni% Non si tratta di complottone, ma semplicemente di essere realisti,si cerca sempre il profitto e la visibilità ad ogni costo e subito, senza mai ponderare se nel lungo termine pagano scelte diverse, questa strada suicida la politica la segue per avere il consenso in un arco temporale di una legislatura, in simbiosi con la finanza che la persegue per arrivare con utili immediati e sempre in crescita alla chiusura dei bilanci, i risultati sono sotto gli occhi di tutti, una società alla deriva con distribuzione della ricchezza sempre più sbilanciata in favore dei pochi, mentre nello specifico, a verbania attualmente il comune può fare cassa senza aumentare la tassazione diretta solo attraverso i parcheggi ed il forno crematorio entrambe i servizi pero si esternalizzano come si è usi a dire oggi, mentre i monumenti all'ego restano sul groppone di tutti, in quanto vige sempre la regola dei grandi imprenditori e politici dei miei stivali, privatizzare gli utili e socializzare le perdite
Zacchera: "Teatro -Buco" - 29 Luglio 2016 - 06:33
Re: Quindi secondo Brignone.......
Ciao sportiva mente "Costi leggermente diversi" Vero che il progetto Zanotti aveva un costo assoluto minore ma altrettanto vero che il progetto Zacchera ha avuto un costo nettamente minore per la città perché ha ottenuto un grandissimo contributo dalla CEE. Mi dirai: "sempre soldi nostri" sì ma col progetto Zanotti l'avresti pagato direttamente con maggiore tassazione comunale o minore servizi, col progetto Zacchera i soldi della CEE erano già impegnati. Quindi o venivano a Verbania o andavano da altre parte e la tassazione CEE non cambiava.
Stop abusivismo servizi alla persona - 10 Marzo 2016 - 09:06
Re: sibilla e lupus
Il caro Kiryienka ha chiarito con ottimi esempi una grave situazione che nonva ricondotta solo all'alta tassazione applicata. Complimenti.
Comitato pro Referendum - 19 Febbraio 2016 - 19:18
Re: La situazione finanziaria degli Enti Locali
Ciao Claudio Ramoni Con la riduzione dei trasferimenti dallo stato, a maggior ragione non si regalono ai privati servizi che producono entrate corpose alle casse comunali, e bisogna fare attenzione a progetti troppo onerosi, tra i compiti istituzionali dell'amministrazione vi è anche quello di tenere i conti in equilibrio, e spendere 23 milioni in opere pubbliche in tre anni non sembrerebbe la via maestra, la solidarietà sociale con l'apertura del dormitorio è una buona cosa, ma non dimentichiamo che sarebbe auspicabile combattere le cause e non gli effetti, è le cause si combattono anche con un comune virtuoso economicamente, che riduce la tassazione migliorando e aumentando i servizi gratuiti
Morto Renato Bialetti, il papà della Moka - 12 Febbraio 2016 - 10:09
Re: giusto
Ciao Lady Oscar, Il costo del lavoro non è legato solo alla tassazione. Ripeto: il costo del lavoro non è legato solo alla tassazione. Ci sono Paesi che hanno un livello di societò e economia diverso da nostro. Mica lo stipendio di cinese, un rumeno o un africano è fissato 300 euro al mese (sono ottimista) perchè vengono tassati al 3%! C'è il solito ripetere e inserimento di luoghi comuni!
Morto Renato Bialetti, il papà della Moka - 12 Febbraio 2016 - 09:58
Re: forse sbagliarono
Ciao Andrè Solo dei pazzi avrebbero investito in Italia per produrre casalinghi che vengono venduti tra i 5 e i 30 euro al pubblico. Passi il costo della manodopera, passi la tassazione, passi l'inefficienza del sistema Italia ma scappare a gambe levate dai sindacalisti
Morto Renato Bialetti, il papà della Moka - 12 Febbraio 2016 - 09:36
giusto
Giusto. Il rumeno costa meno. Perché? Perché altrove il costo del lavoro e' inferiore? Perché non si e' fatta una politica per tenerci le nostre fabbrichette e attirare quelle degli altri paesi? L tassazione del lavoro in Italia è inaccettabile se consideriamo cosa abbiamo in cambio. Saluto.
Morto Renato Bialetti, il papà della Moka - 12 Febbraio 2016 - 09:27
Re: delocalizzazione
Cara Lady Oscar, sai che apprezzo molto il tuo buon senso maquesta volta non sono d'accordo con te. Stati considerando questo importante ambito on modo del tutto incompleto. Non è solo una questione di tassazione. Se nella concorrenza globale del commercio internazionale consideriamo solo i costi, mi sembra evidente che non rientrano solo le tasse da pagare allo stato. E' noto a tutti che nei cosiddetti paesi in via di sviluppo un operaio costa molto ma molto di meno in termini di salario, sicurezza ecc. ecc. In questo scenario di commercio globale è inserita la nostra scadente classe imprenditoriale. La vicenda del sig Bialetti riassume tutto. Ha avuto l'ideona ma al momento di maggior profitto vende tutto per far cassa. Liberissimo di farlo mon è stato l'eroico imprenditore che capitana la propria industria, intergrado le proprie linee magari con altri. Tutto si è concluso come sappiano. Il cinese e il rumeno costano di meno e centinaia di operai cusiani ne hanno fatto le spese. Lady Oscar non è solo una questione di tasse!
Morto Renato Bialetti, il papà della Moka - 12 Febbraio 2016 - 09:23
Re: delocalizzazione
Ciao lady oscar poverini questi industriali che qui sono costretti a pagare 1000 € al mese agli operai invece in romania , slovenia, polonia croazia .. possono pagarli 200/300 euro ... già sacrificano il loro guadagno è noto che i 180 miliardi di euro di tasse evase sono da parte degli operai ... è noto che gruppi di operai portano i loro capitali alle Cayman ... hai ragione Lady Oscar ... però spiegami cos'è lo stato.. perchè vedi da quello stato che tu condanni per le tasse che quei poveri industriali devono versare... tu hai ricevuto molto di più di quello che hai versato nella tua vita... sai la tassazione è progressiva... e anche molti industriali hanno ricevuto molto ,ma molto di più
Progetto Piazza f.lli Bandiera qualche immagine - 19 Gennaio 2016 - 10:01
senza scomodare nessuno
Se l'amministrazione evitasse di sperperare i soldi in progetti di dubbia utilità, la tassazione sarebbe minore e rimarrebbero più soldi nelle tasche dei cittadini che li potrebbero spendere come meglio credono e anche in ogni caso si immetteno soldi nel sistema ma questa volta per cose utili per se stessi o per la propria famiglia. I soldi sono sempre gli stessi, girano ugualmente ma cambiano i destinatari...
Svizzera: 3 miliardi per l'erario italiano - 4 Dicembre 2015 - 08:58
Pochi risparmi?
Se lo stato ha incassato mediamente 30.000 euro per ogni adesione, ipotizzo una tassazione del 20x100, vuol dire mediamente capitali di 150.000 euro. E non mi sembrano "pochi risparmi"
FN raccoglie firme contro l'immigrazione - 1 Aprile 2015 - 14:46
Eppure eravamo tutti italiani!
Ogni medaglia ha il suo rovescio, senza tirare in ballo gli stranieri, è bene ricordare come il "boom economico" degli anni '60, generò forti flussi migratori interni, creando situazioni di disagio sociale che degenerarono anche in delinquenza. Oggi l'economia svizzera si fonda su l'utilizzo di manodopera e professionalità a basso costo, in virtù del cambio e della tassazione favorevole, quindi paga lo scotto che la delinquenza presente sul territorio ha origine esterna, ammesso che sia un vero problema. I primi oppositori all'UDC sono gli industriali stessi! Ho già ricordato in altra occasione, cosa fosse Renco, ma anche altre zone, come la Sassonia, negli anni 70...eppure eravamo tutti italiani, portati sul lago dalla necessità di lavorare; "Strappati" da realtà profondamente diverse, i nostri nonni meridionali fecero molta fatica ad integrarsi, eppure eravamo tutti italiani! Per non parlare delle grandi periferie di Milano (p.es. il quartiere T8) e Torino (quartieri Falchera/Barriera Milano)...eppure eravamo tutti italiani Molti lavoravano, molti si "arrangiavano, qualcuno viveva di espedienti...eppure eravamo tutti italiani Qualche volta, approfondire un po' di più il passato ci aiuta a capire il presente, ma tanto, non c'è sordo peggior sordo di chi non vuole sentire! Saluti Maurilio P.S. Dimenticavo, le fortune dei legaioli padani si fondarono su campagne contro il Sud
Immovilli su Con.Ser.Vco - 1 Aprile 2015 - 06:29
Strategie aziendali e modernità
Mi dissocio da ogni commento relativo alla sintassi che, a mio modesto parere, non sono serviti certo ad arricchire la discussione, mi complimento invece con il signor Immovilli per aver informato la cittadinanza sulla questione in oggetto. Una riduzione delle spese pari a 860 mila euro rappresenta un ottimo obiettivo aziendale, anzi è il segnale chiaro che esiste una volontà di razionalizzare le risorse per poter pesare meno, in termini di tassazione, sulle casse comunali. Il fatto che questa cifra sia in parte costituita dai premi produzione ai dipendenti, non deve scandalizzare, si tratta infatti di una cifra spropositata che probabilmente viene distribuita a pioggia sui collaboratori senza tenere conto del reale impegno fornito dal singolo dipendente. I collaboratori della ConSer.Vco, per recuperare tale entrata extra, potrebbero avviare un progetto interno di differenziazione spinta e, proprio attraverso il guadagno sulle materie prime recuperate e vendute, ripagarsi quel premio di produzione, questa volta, davvero guadagnato. Ringrazio Immovilli per la segnalazione e spero che i quadri dirigenti della ConSerVco prendano sul serio la mia proposta, sarebbe l'unica strada perché tutti, compreso l'ambiente, ne uscirebbero vincitori.
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti