Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

consulta

Inserisci quello che vuoi cercare
consulta - nei post

“Youth4future” - 28 Maggio 2024 - 10:03

Evento finale del progetto “Youth4future”, promosso in rete da Ufficio scolastico Provinciale del Vco, Sportello Eurodesk della Provincia del Vco, consulta Provinciale degli studenti Vco, Cooperativa Vedogiovane, Associazione Apollo.

"Allenare la creatività" - 12 Aprile 2024 - 16:06

In occasione del Festival “IN CIELO E IN TERRA” organizzato dalla consulta Giovanile di Omegna torna a Mastronauta la Palestra Sociale, quinto capitolo di Tentativo di Dubbio, progetto del collettivo Didymos (Alessia Certo, Giulia Vannucci), che si sviluppa attraverso una pratica performativa, visiva e filosofica.

La Fabbrica di Carta si fa Festival - 9 Aprile 2024 - 15:03

“Inizia il futuro” è il titolo della nuova edizione, in programma dal 24 al 28 aprile a Villadossola. Cambiamenti importanti per la 26esima edizione, organizzata dalla Provincia del Verbano-Cusio-Ossola: ad inaugurare il Professor Matteo Lancini.

OrientaVerbania - 5 Aprile 2024 - 10:03

L’Ufficio IX – Ambito Territoriale del Verbano Cusio Ossola, in collaborazione con l’Associazione tipofthehat APS, è lieto di annunciare la seconda edizione del Salone dell’Orientamento Post-Diploma “OrientaVerbania 2024”.

Unesco dei Sacri Monti a Domodossola - 16 Novembre 2023 - 18:06

Una due giorni di alto profilo riunisce a Domodossola il 17 e 18 novembre i maggiori esperti di Sacri Monti con l’intento di avviare un dibattito critico e una nuova riflessione sul ruolo che rivestono oggi questi siti.

Gemellaggio con Mindelheim: ospitalità in famiglia - 11 Ottobre 2023 - 18:06

Una delegazione di 192 cittadini tedeschi di Mindelheim in visita a Verbania dal 2 al 5 novembre 2023. Ci si può candidare per l'accoglienza degli ospiti tedeschi in famiglia.

192 cittadini tedeschi di Mindelheim in visita a Verbania - 12 Settembre 2023 - 15:03

Una delegazione di 192 cittadini tedeschi di Mindelheim in visita a Verbania dal 2 al 5 novembre 2023. Ci si può candidare per l'accoglienza degli ospiti tedeschi in famiglia.

Green Reporters - 27 Giugno 2023 - 12:05

Green Reporters. Escursione fotogiornalistica sul lago Maggiore mercoledì 28 giugno dalle ore 9,00 alle 12.30.

Il Circolo dei lettori va al lago - 4 Giugno 2023 - 10:03

Nella stagione più generosa di luce e colori, a Verbania: un vero e proprio paradiso di bellezza dove la cultura, il dialogo, lo scambio di parole e pensieri trovano una collocazione ideale.

OrientaVerbania - 20 Maggio 2023 - 15:03

OrientaVerbania è un evento di orientamento ad accesso libero e gratuito dedicato agli studenti delle superiori che si trovano nel momento della scelta universitaria, patrocinato dal Comune di Verbania e organizzato in collaborazione con la consulta Provinciale degli Studenti e l'associazione tipofthehat APS.

Studenti VCO a Strasburgo - 24 Aprile 2023 - 08:01

Rappresentanza di studenti della consulta provinciale del Vco in visita nei giorni scorsi al Parlamento Europeo di Strasburgo.

“Ingegno passato linguaggio futuro” - 4 Aprile 2023 - 18:06

La Fabbrica di Carta torna dal 21 aprile al 1° maggio 2023. Il Salone del libro del Verbano Cusio Ossola che si occuperà di letteratura Young Adult avrà come tema “Ingegno passato linguaggio futuro”.

Agorà 2023 - Festival filosofico - 23 Marzo 2023 - 10:23

Agorà, Festival filosofico della città di Omegna, torna dal 24 al 26 marzo per la quinta edizione in una inedita veste primaverile.

Lakescapes - Notte Bianca a luci rosse - 15 Luglio 2022 - 18:48

Continuano le Notti Bianche di Lakescapes, gli spettacoli itineranti che raggiungono borghi e frazioni del Lago Maggiore per trasformarli, per una sera, in teatri a cielo aperto.

Giornata della Terra - 14 Maggio 2022 - 15:03

Domenica 15 maggio la Giornata della Terra si svolgerà dalle ore 10 alle ore 18 in Piazza San Vittore ad Intra e coinvolgerà diverse realtà locali con molte iniziative previste.

Comitato Salute VCO: "Storie di ordinaria follia" - 21 Aprile 2022 - 11:04

Riceviamo e pubblichiamo, un comunicato del Comitato Salute VCO, riguardante la situazione della sanità locale.

Piemonte: vaccino, somministrate 8.611.453 dosi - 17 Gennaio 2022 - 13:01

Sono 39.894 le persone comunicate all’Unità di Crisi della Regione Piemonte che oggi hanno ricevuto il vaccino contro il Covid. A 4.539 è stata somministrata la prima dose, a 1.832 la seconda, a 33.523 la terza.

Riapre il Museo del Paesaggio - 28 Aprile 2021 - 11:04

Il Museo del Paesaggio, con il rientro del Piemonte in zona gialla, riapre al pubblico a partire da Giovedì 29 Aprile 2021.

Distretto dei Laghi su chiusura biglietteria stazione di Stresa - 16 Aprile 2021 - 15:03

Distretto dei Laghi: “Biglietteria di Stresa, chiusura è incomprensibile. Bene, invece, le strategie condivise di rilancio per il turismo”.

FOR ALL Turismo per Tutti.Tutti Turisti - 20 Febbraio 2021 - 18:06

Progetto con il quale l'Agenzia Turistica Locale DISTRETTO TURISTICO DEI LAGHI, in collaborazione con la Società Cooperativa DIFFERENZA di Domodossola e l’Associazione di Promozione Sociale ROTELLANDO, mira ad approfondire il tema sempre attuale dell’accessibilità turistica tra i nostri laghi e monti.
consulta - nei commenti

ARCI Verbania su scuola Cadorna - 19 Febbraio 2024 - 15:39

di +
E'" di questo che si parla : "La Corte Costituzionale si pronuncia nell’udienza pubblica del 20 novembre, rispedendo al mittente quanto deciso alla Camera e al Senato per i due politici. Il fondatore di Emergency ha chiesto il risarcimento per dichiarazioni considerate “diffamatorie” in un articolo pubblicato su Il Giornale. L‘ex deputato dichiarò che Strada “ha il piccolo difetto di schierarsi sempre con i satrapi sanguinari e assassini”. Ora, la consulta ha annullato la decisione della Camera di concedergli l’immunità parlamentare, e quindi l’ex deputato potrebbe dover risarcire Strada: a decidere sarà il tribunale di Roma. In particolare, la consulta ha stabilito che “non spettava alla Camera dei deputati affermare che le dichiarazioni rese da Paolo Guzzanti, deputato all’epoca dei fatti, per le quali pende procedimento civile davanti al Tribunale ordinario di Roma, costituiscono opinioni espresse da un membro del Parlamento nell’esercizio delle sue funzioni”. sentenza del 2013 n. 305

"La Provincia del V.C.O. paghi i maggior costi per lo stoccaggio dei rifiuti" - 25 Febbraio 2021 - 10:02

Re: Reazione inaspettata
Ciao robi mah, a parte che anche gli altri sindaci, di qualsiasi colore politico, hanno puntato il dito contro la provincia, c'è da dire che nemmeno la lega ha mai fatto qualcosa per invertire la rotta sul problema province, e credo che non lo farà nemmeno questa volta che è di nuovo al potere. Fatto sta che hanno dormito un po' tutti (comuni, provincia, regione), e non è che possiamo sempre aspettare che ci pensi Pantalone a livello centrale, come accaduto per l'emergenza sanitaria, dove la consulta è dovuta intervenire per dirimere l'ennesimo conflitto Stato-Regioni. A questo punto siamo sicuri che la colpa sia solo di qualcuno che ci ha governato in passato, oppure quando ci sono i problemi nessuno vuole prendersene la responsabilità, come sta accadendo oramai da un anno a questa parte?

Una Verbania Possibile su decreto sicurezza - 6 Gennaio 2019 - 10:33

delirio
ormai siamo al delirio puro. riassumendo: il governo vara un provvedimento che fa acqua da molte parti con l' avallo del presidente della repubblica (in verità potrebbe benissimo non firmarlo,ma pilatescamente firma tutto da anni lasciando poi la palla alla consulta); alcuni sindaci pongono un giusto problema sbagliando totalmente l'approccio,ovvero minacciando di non applicare la legge e passando subito dalla parte del torto; il ministro degli interni,quello che invitava i sindaci a non applicare la legge sulle unioni civili (quindi a commettere un reato) ora diventa improvvisamente paladino della costituzione e del presidente Mattarella,che è lo stesso che ha firmato la legge che lui invitava a violare. nel frattempo migliaia di stranieri diventano improvvisamente irregolari e se ne perdono le tracce,andando inevitabilmente a ingrossare le fila della microcriminalità,ottenendo l'effetto esattamente opposto a quello annunciato,tra i peana dei fans che non hanno capito una beata fava. complimenti a tutti,una classe di prima elementare saprebbe fare meglio.

Una Verbania Possibile su decreto sicurezza - 6 Gennaio 2019 - 07:14

Decreto sicurezza !
La storia ci insegna che molte leggi sbagliate e infami sono state decise ,imposte e applicate nel l'indifferenza dei cittadini , che invece avrebbero dovuto ribellarsi . Noi abbiamo una Costituzione scritta da chi visse sulla sua pelle quelle leggi , quelle sciagurate decisioni . Le leggi vanno rispettate se rispettano la dignità ,la sopravvivenza ,il rispetto dell'essere umano . Io penso che sia giusto in questo caso ,che siano i giudici costituzionali a valutare punto per punto , se ci sono violazioni ai diritti umani e sè questa legge porti al l'insicurezza e solo a un accanimento . Il Presidente ha dovuto firmare , non poteva fare altro . Aspetto la consulta e mi aspetto che l'indifferenza non si sia di nuovo infiltrata nelle menti , ma che gli anticorpi ci difendino tutti da un declino disumano !

Con Silvia per Verbania, Bando periferie: una vergogna - 9 Settembre 2018 - 16:38

Re: Capire, sempre più difficile
Ciao Claudio Ramoni Informarsi ancora di più “Abbiamo garantito immediata finanziabilità per i primi 24 progetti che hanno ricevuto un punteggio superiore a 70/100. Ma, vista la necessità di rispettare la sentenza della consulta, è stato necessario intervenire per analizzare i restanti progetti e valutare quali abbiano davvero una funzione di rilancio per le periferie. In ogni caso le spese progettuali già sostenute verranno rimborsate. Va comunque sottolineato che il bando per le periferie era stato finanziato dal precedente governo per metà dell’importo complessivo. Si trattava quindi di mere promesse più che di risorse messe realmente a disposizione. Con tale strumento, inoltre, si è tolto ai sindaci il diritto di scegliere come usare le risorse come affermato dalla Corte Costituzionale. Abbiamo perciò deciso di utilizzare le risorse stanziate per le convenzioni negli anni 2018 e 2019 non solo per alcuni dei progetti dei Comuni capoluogo che hanno partecipato al Bando, ma per tutti gli 8.000 Comuni d’Italia, al fine di consentire alle tante amministrazioni comunali con avanzi di amministrazione di poterli utilizzare immediatamente per investimenti in opere pubbliche, secondo un criterio di premialità e di equità e rispetto di principi costituzionali”. E ha concluso: “Siamo convinti che i progetti non siano tutti uguali: è necessario distinguere tra i Comuni che hanno dato avvio a progetti già esecutivi e su cui si è già investito per il rilancio delle periferie e chi invece utilizza questo fondo al solo scopo di creare progetti di facciata”

PD, Bando periferie: "No allo scippo" - 10 Agosto 2018 - 11:01

Spiegazione del voto
Alessandro Alfieri, segretario regionale e senatore del Pd “Il Pd ha votato un pacchetto di emendamenti concordati in commissione in cui si danno più risorse agli enti locali. Poi c’era un comma sul bando periferie. Alla fine il PD ha votato contro tutto il provvedimento e sull’articolo di conversione. Adesso lo scontro è sull’interpretazione di quel comma. Quella restrittiva che avevano accettato i nostri colleghi in commissione era solo la conseguenza di una sentenza della consulta che dice che non si devono dare soldi subito a chi non é partito con i progetti. E io concordo. Il problema è l’interpretazione estensiva che dà il governo dell’articolo sul bando periferie, che vorrebbe spostare al 2020 le risorse anche per i comuni che hanno presentato i progetti esecutivi, come nel caso di Varese dove la giunta Galimberti ha lavorato bene e velocemente presentando tutta la documentazione nei tempi previsti. Come PD contestiamo con forza questa interpretazione e daremo battaglia alla camera per cambiare il testo in modo che non ci possano essere giochetti da parte del governo Lega – 5stelle"

Minoranze: il Presidente difenda il Consiglio Comunale - 26 Settembre 2017 - 10:50

Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: l'insostituibile
Ciao Giovanni% Fai uno sforzo e prova a ragionare su di un conetto espresso da altri nell' aprile 2012 Per come la vedo io, il Movimento Cinque Stelle è un metodo, non un prodotto. Siamo abituati a venditori di pentole che si presentano con una serie di casseruole fatte e finite e cercano di spillarti soldi. Subito dopo averle comprate, ti rendi conto che ti hanno fregato. Il rappresentante del Movimento Cinque Stelle ideale, invece, suona alla porta con un tablet in mano, ti mostra come collegarti a tutti quelli che, come te, hanno bisogno di una pentola, poi a tutti i costruttori di pentole, poi ai fornitori di materiali e poi ti insegna a cercare tutti insieme la soluzione giusta. Quando avete finito, vi arriva la pentola a casa, ma l’avrete costruita da soli, come piace a voi. Aiutami a continuare a fare informazione libera Se non si parte da questi fondamentali, da ripetere fino alla nausea, ci sarà sempre gente che vuole andare a votare come si va al supermercato e gente che si ostina a chiedere a un cacciavite di costruirsi il mobile da solo. Dietro al Movimento Cinque Stelle, invece, c’è una visione: moltiplicare le potenzialità della rete per farsi rotelle e ingranaggi di un meccanismo globale, il cui funzionamento emerge dall’interazione di ogni più piccola puleggia con l’altra e dove ogni singola rotellina ha un’anima. Questo è il sogno. Questo significa dire che “ognuno vale uno”: una politica senza personalismi nata per dire basta ai singoli che hanno sempre una risposta per tutto ma che rappresentano solo se stessi, con il risultato che le loro risposte valgono zero, che è meno di uno. E quindi – loro sì – sono pura demagogia e populismo. Un eletto del Movimento Cinque Stelle siede su una poltrona ma non conta niente e non decide niente: si limita a chiedere al Movimento qual è la sua posizione e attende. Il Movimento usa la rete, consulta le intelligenze al suo interno e formula la sua proposta. L’eletto esegue. Dunque che senso ha chiedere a un consigliere regionale del Movimento Cinque Stelle cosa pensa del problema della ristrutturazione del debito, della riforma del lavoro o della superfettazione della noosfera? Quando anche rispondesse, lo farebbe a titolo personale. Ma allora, compreso questo, quando? Mi verrebbe da rispondere mai, perché se sposi un metodo scegli qualcosa di cui non puoi essere semplice spettatore: se osservi il Movimento Cinque Stelle, lo cambi. Come Heisenberg. Ma certo, quando e se si presenteranno alle politiche, significherà che avranno un programma adeguato, frutto del contributo di tutti, e che avranno selezionato i candidati idonei a comunicarlo. Fino a quel momento, chiedere a una porta di aprirsi e varcarla senza avere atteso il suo collegamento con il corridoio successivo è come fare un salto nel vuoto. Chi ha visto Cube sa di cosa parlo. Bisogna prima attendere che la rete si configuri. Nel frattempo c’è da spiegare il metodo. Oppure, visto che il Movimento Cinque Stelle è candidato alle amministrative, c’è da parlare di programmi locali, di soluzioni per il territorio. Tutto il resto è come tentare di avviare un eseguibile che sta ancora compilando: se la barretta di caricamento non è ancora arrivata al 100%, è inutile pigiare ripetutamente sul tasto enter.

Ancora interventi per furto - 28 Agosto 2017 - 19:34

il fondo
nazionale per le politiche migratorie è una prestazione assistenziale INPS. A quanto ammonta? dal sito della Camera dei Deputati, sembrerebbe essere, nel 2015, di 187 milioni, il bonus asilo nido, il premio di 800 € bebè è assistenza INPS (così dice il sito inps) Chi usufruisce maggiormente di queste facilitazioni? gli italiani o gli stranieri. Sig. Giovanni% l'inps non gestisce direttamente però i fondi li trovano tagliando le pensioni e non restituendo il mal tolto come aveva sentenziato la consulta (credo) Pertanto, sempre lì si attinge.

PD su situazione Provincia del VCO - 29 Marzo 2017 - 00:56

Stranezze
Il pd che ha legiferato irresponsabilmente con la riforma delle province Chiede al pd che ha creato un buco di bilancio da 3,4 miliardi da sanare entro aprile Che a dicembre ha stanziato in 48 ore 20 miliardi dal nulla per le banche Che a sua volta chiede al pd che ha governato negli ultimi 4 anni, stravolgendo il paese con riforme tutte bocciate, dalla consulta al referendum dai fatti, e rinnegando le sue stesse leggi. Di adoperarsi con circoli e primarie per eleggere il segretario del nuovo pd, il quale sarà colui che aveva promesso di abbandonare la politica, che ha governato per gli ultimi 3 anni e che ora vuole risolvere i problemi che il suo governo pd non ha saputo risolvere Ma ora il pd provinciale è sicuro che il pd nazionale con il terzo presidente del consiglio nominato dal pd in 4 anni darà le risorse che il pd ha sottratto alle province p.s. le lacrime e sangue per tutti noi, sono rimandate a dopo le elezioni che il pd aveva promesso a giugno 2017 ma si faranno nel 2018 e prepariamoci al pagamento per il solito salva banche ed aumento dell'Iva. Tanto se vengono eletti di nuovo avranno altri 5 anni per continuare lo scempio, dando la colpa alla crisi, se invece non governeranno le colpe ricadranno tutte su chi vincerà Firmato.... il pd quelli esperti Le colpe sono come un sacco pieno di mattoni, non devi fare altro che scaricarli.

Interpellanza situazione azionisti Veneto Banca - 19 Dicembre 2016 - 13:24

Re: Re: Re: Che il sindaco faccia il sindaco...
Ciao Maurilio Giusta la tua proposta di una class action locale, ma purtroppo la politica si è dimenticata da decenni di tutelare veramente i cittadini a discapito del capitale. L’azione collettiva, prevista dall’art. 140 bis del Codice del Consumo, a cinque anni dalla sua entrata in vigore ha messo in evidenza l’inadeguatezza della tutela risarcitoria di Patrizia De Rubertis | 6 maggio 2015 Ogni volta che in Italia accade un fatto che coinvolge migliaia di consumatori si sente richiedere a gran voce la class action. Si tratta dell’azione collettiva prevista dall’art. 140 bis del Codice del Consumo ed entrata in vigore nel 2010 che consente di attivare un unico processo per ottenere il risarcimento del danno subito da un gruppo di cittadini danneggiati dalla stessa azienda (esclusa la Pubblica amministrazione) in una situazione omogenea. In altre parole, nel caso in cui più persone abbiano subito gli stessi danni derivanti per esempio da prodotti difettosi o pericolosi, oppure da comportamenti commerciali scorretti o contrari alle norme sulla concorrenza, un solo giudice può condannare l’impresa al risarcimento di massa dei danni. Ultimo caso, in ordine di tempo, è l’annuncio di una class action per tutti i pensionati danneggiati dallo stop delle rivalutazioni deciso nel 2011 dal governo Monti e bocciato dalla sentenza della consulta. Poi c’è il governatore della Lombardia Roberto Maroni che sta preparando un’azione regionale contro i black bloc per risarcire i milanesi che hanno subito danni durante la manifestazione No Expo. Ma recente è anche la class action promossa da Altroconsumo contro Fca sui consumi auto che a luglio arriverà in tribunale a Torino. Cosa succede, però, dopo che viene dato l’annuncio? Praticamente nulla. A cinque anni dal varo della class action italiana, con un iter a dir poco controverso (introdotta con la legge Finanziaria del 2008 è stata modificata solo nel 2012 con il decreto Liberalizzazioni, facendo così sfumare la possibilità di farla utilizzare ai risparmiatori coinvolti nei crac finanziari Parmalat, Cirio e Argentina), questo strumento si è rivelato inefficace e inadeguato, aumentando le difficoltà di accesso per i consumatori. E a dire che non funziona sono i numeri: ad oggi, l’unica azione collettiva vinta è quella del 2013 promossa dall’Unione Nazionale Consumatori contro il tour operator Wecantour. Il Tribunale di Napoli ha infatti riconosciuto il risarcimento del danno da vacanza rovinata a un gruppo di turisti in viaggio a Zanzibar che, pur avendo pagato profumatamente per alloggiare in un lussuoso resort, si sono poi ritrovati in un cantiere. Altri dati è però impossibile reperirli, perché lo stesso ministero della Giustizia a ilfattoquotidiano.it ha risposto che “non ci sono statistiche sull’argomento, siamo in attesa che la materia venga recepita dai registri informatizzati per poter procedere con una rilevazione”. Molti del resto i motivi che rendono la class action un’arma spuntata. http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/05/06/class-action-linefficace-strumento-per-la-tutela-dei-diritti-dei-consumatori-italiani/1657639/

I Consigli Comunali dicono SI all'ospedale unico - 24 Novembre 2015 - 23:46

Re: Giovanni invece...
Ciao Vanvera, nella traslitterazione ritroviamo sia karakiri che harakiri. consulta un vocabolario prima di ciarlare. La forma harakiri si avvicina forse più al suono giapponese ma preferisco utilizzare la forma con la ka davanti in quanto è la più diffusa in Italia.

Consulta Laica del VCO sull'attentato parigino - 9 Gennaio 2015 - 10:01

Tipico esempio di occidente autodistruttivo
Ecco il tipico esempio di occidente autodistruttivo, che vuole combattere questi barbari assatanati con "laicità" e le matite alzate contro i mitra. le radici illuministe hanno fatto marcire alla radice l'identità europea e occidentale, e in nome della laicità al cristianesimo si sostituirà l'Islam. Mai come ora i simboli sono importanti. E' fondamentale imporre il crocifisso per legge in tutti i luoghi pubblici, introdurre la religione cattolica come religione di stato, reprimere aspramente ogni forma di offesa contro l'occidente e la religione cristiana, espellere, come ha fatto oggi la Turchia musulmana, tutti i soggetti in odore di radicalismo islamico, imporre ai musulmani di occidente regole ferree in campo religioso ed espellere chi fa proselitismo a fini terroristici. L'islam radicare sguazza allegramente nelle debolezzo occidentali, anche grazie alla consulta laica.

Rischio idrogeologico: 3,7mln al Vco - 24 Maggio 2014 - 13:14

Progetti idrogeologici
Sapete la cosa strana? In Italia esiste una istituzione, la F.I.N. (Federazione Italiana Nuoto), che agli occhi di qualcuno potrebbe apparire solo una associazione sportiva, ma al suo interno è operativo uno staff afferente alla Sezione Salvamento; questi specialisti delle emergenze legate all'acqua, riconosciuti e inseriti a livello nazionale nella consulta del volontariato di Protezione Civile istituita dal competente Dipertimento, non sono mai stati chiamati dagli Enti locali (Regioni, Province e Comuni), per consultazioni e consigli legati alla protezione e alla messa in sicurezza delle popolazioni che si abitano in aree ad alti rischi idrogeologici (in particolare l'acqua). Tra l'altro il Dipertimento della P.C. ha appena approvato un progetto della FIN, che verrà spalmato su scala nazionale, proprio indirizzato alle popolazioni dei paesi ad alto rischio idrogeologico, si tratta di un semplice vademecum con delle elementari regole su come difendersi da detti rischi; la prima regione a sperimentarlo sarà la Sardegna, ma il bello che è tutto a gratis! Per i futuri amministratori, riflettete su questa opportunità!
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti