Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

test

Inserisci quello che vuoi cercare
test - nei post

Coronavirus: aggiornamenti (24/10/2020 - ore 17.00) da Regione Piemonte - 24 Ottobre 2020 - 17:19

Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti sono 29.898 (+83 rispetto a ieri).

Nuova organizzazione tamponi a pagamento - 24 Ottobre 2020 - 12:04

Da lunedì 26 ottobre dovrà essere prenotata l’effettuazione di tamponi Covid-19 a pagamento con prenotazione al numero 800.000.500, presso le Case della Salute o presso gli sportelli CUP presenti all’interno degli Ospedali di Domodossola, Verbania e Omegna.

Coronavirus: aggiornamenti 23/10/2020 - ore 18.00) da Regione Piemonte - 23 Ottobre 2020 - 23:35

Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti sono 29.815 (+ 107 rispetto a ieri),

17mila test rapidi al VCO - 23 Ottobre 2020 - 09:11

Quelli previsti in questa prima fase per il territorio del VCO sono 17 mila, di cui circa 2 mila in consegna in queste ore (22/10/2020 ndr) e disponibili in giacenza per l’uso. Così la nota della Regione.

Coronavirus: aggiornamenti 22/10/2020 - ore 18.00) da Regione Piemonte - 22 Ottobre 2020 - 23:15

Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti sono 29.708 (+ 95 rispetto a ieri).

Piemonte: test rapidi Covid anche nel VCO - 22 Ottobre 2020 - 08:01

In Piemonte inizia da oggi l’utilizzo dei test rapidi per individuare le persone positive al Coronavirus: a renderlo noto è stato il presidente della Regione, Alberto Cirio, nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato anche gli assessori alla Sanità, Luigi Genesio Icardi, e alle Politiche sociali, Chiara Caucino, e il commissario dell’area Giuridico-Amministrativa dell’Unità di Crisi, Antonio Rinaudo.

Coronavirus: aggiornamenti 21/10/2020 - ore 18.00) da Regione Piemonte - 21 Ottobre 2020 - 23:14

Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti sono 29.613 (+ 171rispetto a ieri).

Coronavirus: aggiornamenti 20/10/2020 - ore 18.00) da Regione Piemonte - 20 Ottobre 2020 - 23:12

Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti sono 29.442 (+ 63 rispetto a ieri).

Coronavirus: aggiornamenti (19/10/2020 - ore 18.00) da Regione Piemonte - 19 Ottobre 2020 - 23:31

Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti sono 29.379 (+71 rispetto a ieri).

Coronavirus: aggiornamenti (18/10/2020 - ore 17.00) da Regione Piemonte - 18 Ottobre 2020 - 17:05

Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti sono 29.308 (+62 rispetto a ieri).

Piemonte: gestione di positivi nelle scuole - 18 Ottobre 2020 - 15:03

La Direzione Sanità della Regione Piemonte ha inviato alle Aziende sanitarie regionali l’aggiornamento degli indirizzi operativi per la gestione dei casi positivi nelle scuole.

Coronavirus: aggiornamenti (17/10/2020 - ore 17.00) da Regione Piemonte - 17 Ottobre 2020 - 17:32

Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti, cioè risultati negativi ai due test di verifica al termine della malattia, sono 29.246(+112 rispetto a ieri).

Coronavirus: aggiornamenti (16/10/2020 - ore 18.00) da Regione Piemonte - 16 Ottobre 2020 - 17:04

Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti, cioè risultati negativi ai due test di verifica al termine della malattia, sono 29.134(+85 rispetto a ieri).

Coronavirus: aggiornamenti (15/10/2020 - ore 18.00) da Regione Piemonte - 15 Ottobre 2020 - 18:17

Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti, cioè risultati negativi ai due test di verifica al termine della malattia, sono 29.049(+111rispetto a ieri).

Coronavirus: aggiornamenti (14/10/2020 - ore 17.00) da Regione Piemonte - 14 Ottobre 2020 - 17:34

Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti, cioè risultati negativi ai due test di verifica al termine della malattia, sono 28.938(+29rispetto a ieri).

Coronavirus: aggiornamenti (13/10/2020 - ore 17.00) da Regione Piemonte - 13 Ottobre 2020 - 17:10

Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti, cioè risultati negativi ai due test di verifica al termine della malattia, sono 28.909(+90rispetto a ieri).

Coronavirus: aggiornamenti (12/10/2020 - ore 17.00) da Regione Piemonte - 12 Ottobre 2020 - 17:08

Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti, cioè risultati negativi ai due test di verifica al termine della malattia, sono 28.819 (+44 rispetto a ieri).

Coronavirus: aggiornamenti (11/10/2020 - ore 17.00) da Regione Piemonte - 11 Ottobre 2020 - 17:48

Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti, cioè risultati negativi ai due test di verifica al termine della malattia, sono 28.775(+92rispetto a ieri),.

Coronavirus: aggiornamenti (10/10/2020 - ore 17.00) da Regione Piemonte - 10 Ottobre 2020 - 17:28

Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti, cioè risultati negativi ai due test di verifica al termine della malattia, sono 28.683(+65 rispetto a ieri).

Coronavirus: aggiornamenti (9/10/2020 - ore 17.00) da Regione Piemonte - 9 Ottobre 2020 - 17:07

Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti, cioè risultati negativi ai due test di verifica al termine della malattia, sono 28.618 (+69 rispetto a ieri).
test - nei commenti

Piemonte: test rapidi Covid anche nel VCO - 23 Ottobre 2020 - 17:25

test rapido
ma scusate, gia' questo virus mette in ginocchio dal punto di vista economico, e, dobbiamo anche pagare il test?! in una famiglia di 4 persone se ne vanno almeno 160 euro e, di questi tempi! e poi, magari uno e' negativo perche' non ha ancora superato il periodo di incubazione oppure e' veramente negativo, esce dal medico e viene infettato! domanda: ogni quanto si dovrebbe fare questo test? 2 volte al mese? 3 volte? poi magari non moriremo di covid ma di fame e' sicuro!

Il Comune di Verbania invita a scaricare l'App Immuni - 25 Agosto 2020 - 09:44

Re: Che peccato!
Ciao lupusinfabula guarda che non è obbligatorio, anche perché si può esser tracciati in altri modi. Piuttosto mi preoccuperei di chi, sul posto di lavoro, rifiuta di sottoporsi a test sierologici, nonostante questi siano volontari e gratuiti! Se queste persone si dovessero ammalare, ci sarebbe poco da ridere, visto che, a causa della loro stupidità, poi ci possono andar di mezzo anche quelli responsabili.... Occhio, che non si sa mai nella vita!

Preioni: no chiusura Polstrada Domo - 27 Luglio 2020 - 08:00

Ministero dell'immigrazione
Un appello dovuto ma sostanzialmente inutile. L'attuale ministero si occupa di raccattare gli immigrati clandestini in mare non nostro e portarli qui senza test anti covid. E poi loro scappano. Con un ministero del genere e un governo di topolinia fatto da incollati alla poltrona, nullafacenti e da zerbini dell'UE non c'è molto da sperare. La sicurezza per loro è punire le aziende e chi non mette la mascherina durante lo jogging. Per il resto tutto è concesso. Quindi è inutile un presidio di polizia.

Verbania Civica chiede test sierologici di massa - 3 Maggio 2020 - 13:08

Re: test sierologico
Gentile Si.ra Burgoni grazie per le sue domande. Il test sierologico qualitativo viene fatto in due possibili modi: sangue venoso o sangue capillare (puntura sul dito). Il sangue viene poi analizzato con un kit che contiene una apposita carta (principio simile ai test di gravidanza). Sulla carta a contatto con il sangue si evidenziano delle strisce in corrispondenza di IgG specifiche anti spike Covid-19 o di IgM. Se non si evidenzia nessuna striscia significa che non si è entrati in contatto con il virus. A seconda delle strisce che compaiono si può sapere se si è in fase di malattia o se la si è superata. Il test è molto più affidabile del tampone nelle prime fasi di sviluppo della malattia. La scienza (come pubblicato da OMS il 24 Aprile) non ha ancora individuato la quantità di IgG che rende l’organismo “immune” perciò qualora il test risultasse positivo, cioè si avessero anticorpi anti Covid-19, non si può avere la certezza di immunità totale. https://www.who.int/news-room/commentaries/detail/immunity-passports-in-the-context-of-covid-19 Cordiali saluti Verbania Civica

Verbania Civica chiede test sierologici di massa - 3 Maggio 2020 - 08:08

test sierologico
Gentile Verbania civica , volevo farvi ancora una domanda , questo esame sierologico viene fatto con una semplice punturina sul dito ? La gocciolina di sangue viene poi inserita in un piccolo rilevatore e dopo poco tempo c'è la risposta ? Se è stato provato che questa metodica dimostra che un soggetto sia entrato in contatto , non con un coronavirus qualunque ma con il covid - 19", trovo la vostra richiesta meritevole di considerazione e per quanto tempo le igG proteggeranno sicuramente si arriverà a capire . È tutto questione di tempo , ma si arriverà a curare prima che le persone sviluppino le complicazioni ,che hanno portato i primi sfortunati alla morte , sarà poi l'immunitario a fare il resto . Grazie ancora e buona giornata !

Verbania Civica chiede test sierologici di massa - 2 Maggio 2020 - 11:32

Per concludere
Ciao Graziellaburgoni51, i soli limiti, a oggi, della metodica sono non poter quantificare le IgG specifiche anti SARS-Cov-2 prodotte (necessarie per proteggere da una nuova infezione) e la durata della risposta anticorpale anche se i precedenti con virus simili (SARS-1 e MERS) suggeriscono che dovrebbe durare almeno 12-24 mesi. Aspetti che, sicuramente, verranno chiariti nel volgendo breve tempo. I test forniscono comunque una valida indicazione ai sanitari per stabilire se un soggetto sia entrato in contatto con il virus da almeno due settimane e, quindi, stia sviluppando una risposta anticorpale protettiva specifica contro Covid19.

Verbania Civica chiede test sierologici di massa - 1 Maggio 2020 - 19:56

Gentili voi Verbania Civica !
Se il test sierologico ricerca , ed è in grado di trovare igM e igG anti covid -19 siamo a Cavallo , nel senso che abbiamo la prova che l'immunitario ha visto il virus e speriamo che le igG mantengano una lunga memoria . Grazie per le delucidazioni !

Verbania Civica chiede test sierologici di massa - 1 Maggio 2020 - 12:36

Gentile Sig.ra Burgoni
per evidenti motivi giornalistici e di comunicazione non potevamo fare, nel nostro comunicato, una completa dissertazione scientifica indicando tutti i riferimenti e le evidenze necessarie a supporto della nostra richiesta. Proveremo a farlo qui. Le Immunoglobuline G (IgG) sono anticorpi specifici per ogni antigene virale, rappresentano cioè la nostra memoria immunitaria specifica: i test sierologici oggi validati (sia qualitativi che quantitativi) ricercano proprio le IgG anti SARS-Cov-2 (Covid 19). L'attuale pandemia è causata dall’infezione da parte del virus SARS-CoV-2, un nuovo tipo di coronavirus. Il capside (parte esterna) del virus SARS-CoV-2 è costituito da quattro proteine strutturali, conosciute come Spike, Envelope, Membrane e Nucleocapsid. La proteina Spike, che forma una specie di corona sulla superficie delle particelle virali, agisce come una vera e propria “ancora” che consente l’attracco, la fusione e l’ingresso della particella virale all’interno delle cellule dell’organismo umano. Una porzione della molecola Spike si lega infatti ai recettori dell’enzima ACE-2 (Angiotensin-Converting Enzyme 2) espressi sulla membrana delle cellule dell’ospite umano. Subito dopo l’entrata del virus nell’ospite si scatena la risposta aspecifica dell’organismo, poi inizia la produzione di IgM specifiche anti spike ed infine la produzione di IgG anti Covid19. I test ora in commercio misurano qualitativamente le IgG specifiche anti Covid19. Di seguito le evidenze più recenti. https://www.bergamonews.it/2020/04/30/studio-su-nature-chi-guarisce-da-covid-19-sviluppa-gli-anticorpi/369489/ https://www.repubblica.it/salute/medicina-e-ricerca/2020/04/30/news/adesso_e_provato_tutti_sviluppano_gli_anticorpi_al_virus-255257217/ https://www.open.online/2020/04/30/coronavirus-studio-pubblicato-su-nature-100-per-cento-pazienti-sviluppa-anticorpi/ https://www.marionegri.it/magazine/coronavirus-origine https://www.adnkronos.com/salute/medicina/2020/04/30/studio-pazienti-sviluppa-anticorpi-covid_ndP2bAkkZzqxq2fvJbWqGP.html https://tg24.sky.it/salute-e-benessere/2020/04/30/coronavirus-anticorpi-covid-19.html Grazie per l'attenzione. Cordiali saluti Gruppo civico Verbania Civica

Verbania Civica chiede test sierologici di massa - 1 Maggio 2020 - 06:56

test sierologici
Sarei felice se fosse vero che i test sierologici siano in grado di identificare la presenza di anticorpi anti covid- 19 . I test sierologici identificano la presenza di igM e di igG, questo significa che hanno incontrato un virus ma non dicono quale . Io naturalmente spero di sbagliarmi , ma per ora su questo punto non ho trovato una risposta . Il nostro immunitario con la sue immuno globuline si allarma e ci difende anche per l'influenza stagionale . Per ora perciò ,nessuno sa se un guarito è immunizzato contro il covid e soprattutto non sa per quanto .

Panza su riapertura valichi Svizzeri - 20 Aprile 2020 - 15:55

Re: Oro, test QI e focolai casalinghi
Ciao Filippo non sarai mica a favore della covid-tax?

Panza su riapertura valichi Svizzeri - 20 Aprile 2020 - 15:35

Re: Oro, test QI e focolai casalinghi
Ciao Filippo Bravo, mettici pure che non esistono più le mezze stagioni e che il 5G influisce sulla diffusione del covid-19 (ah no, a questo già ci pensano altri tuoi colleghi no-vax).... Evidentemente non sai che mai nessun Paese al mondo venderebbe, anzi svenderebbe, le proprie riserve auree, che sono una garanzia. Ad ogni modo, se se interessato, puoi sempre farci un pensierino.... Appunto perché sei particolarmente sveglio, a differenza di tutti noi comuni mortali, sembra che tu abbia compreso, forse involontariamente, l'assurdità delle tue teorie, visto che non si può chiudere il mondo intero! Vero è che puoi contrarre il virus anche se esci per necessità, perché le goccioline potrebbero essere presenti anche su superfici. Coraggio. che quando tutto sarà finito andiamo a farci un giretto oltre confine....

Panza su riapertura valichi Svizzeri - 20 Aprile 2020 - 14:40

Oro, test QI e focolai casalinghi
L'Italia ha circa 2,450 tonnellate di oro (terzi dopo USA e Germania) che valgono DECINE di miliardi di Euro sono vendibili ma nessuno ne parla!!! 1. Rimarrà chiusa per un altro mese la frontiera tra gli Stati Uniti e il Canada. L'accordo preso in comune dai governi dei due Paesi é stato confermato sabato 18 aprile dal primo ministro canadese Justin Trudeau. 2. Panza, Cristina, Sinistro e altri vogliono riaprire le frontiere, Quale dei due gruppi ha il QI più alto? Focolai casalinghi???? Qualcuno nella casa il covid lo ha portato, lui non ha le gambe, e se fosse stato un frontaliere positivo? In questo caso il focolaio, solo quello e non tutti noi, come avvienene in tutto il mondo va isolato e messo in quarantena (purtroppo ci sono sempre i furbi trovati in giro dalle Forze dell'Ordine).

Comitato Stop 5G incontra Marchionini - 14 Aprile 2020 - 09:22

Re: Comitato stop 5G VCO
Gentile Paolo siamo circondati dai c.e.m. (da quelli statici terrestri a cui non si sfugge e quelli modulati, pulsati o variabili generati dalle apparecchiature che ci circondano). Nelle nostre case tutto ciò che funziona con e.e. (energia elettrica) genera un campo elettromagnetico ma non per questo dobbiamo privarci di frigo, lavatrice, rasoio e aspirapolvere. La stessa auto ibrida o elettrica genera un c.e.m. che ci avvolge quando siano al suo interno. E' quindi molto difficile poter effettuare test specifici long term a determinate frequenze. Ma questo non esclude che si debba avere un'atteggiamento di cautela. In attesa, come detto in precedenza sarebbe auspicabile che prima di realizzare la rete 5G, si porti la fibra ovunque. Poi, all'interno delle proprie abitazioni, "l'internet delle cose" (che potrebbe funzionare su code LTE+) sarebbe una scelta individuale e limitata nello spazio.

Provincia: si vota per il Presidente - 3 Novembre 2018 - 08:51

Ambiente e clima
Su ambiente e clima sono certo d'accordo con Paolino, anche se certi estremismi ambientalisti non li condivido proprio. Altri però sono gli "argomenti" di destra che mi trovano sempre più convinto.; così, tanto perchè mi annoiavo in queste uggiose giornate dei primi novembre, ho provato un test (...un po' ridicolo in verità )pubblicato anche in rete da L' Espresso ( nota testata pro PD senza se e senza ma) ed ho scoperto che sono di destra( anzi, il giornale dice fas..) al 79 virgola qualcosa per cento: un buon punteggio.

“Referendum, amministrazioni locali, i lavori che servono” - 16 Ottobre 2018 - 08:34

Re: Re: Re: Re: Re: Al limite della decenza....
Ciao Alberto ammettiamo che sia una stella a 5 punte... io capisco che magari alcuni si intendono di fasci littori e di aquile romane.. ma la stella a 5 punte prima di essere usata dalle BR come simbolo ... fu usata dal partito bolscevico Russia diventata poi URSS come simbolo dell'internazionalismo dei 5 continenti oppure usata da Marx e Engels come simbolo di un mondo che mette al centro l'uomo .. ah fu usata anche dalla massoneria... quindi io sarei cauto a dire e a fare certi paragoni .. anche perchè associare Carc a BR si rischia una querela perchè su certe cose non si scherza - Comunque per chi vede in quella A una stella a 5 punte sarebbe interessante sottoporli al test di rorschach .. chissà cosa potrebbero vedere

Albertella: SS34 nessuna risposta dal Ministro - 2 Marzo 2018 - 10:11

Onesti
Che Reschigna sia onesto non c'è dubbio; ma il mondo è pieno di onesti ma non all'altezza di certe situazioni. bene dunque fa il Sindaco di Cannobio a sostenere quello che afferma: basta credere alle parole ( trincerandosi dietro una non meglio precisata "burocrazia"), Quello che conta sono i fatti e i fatti dicono che l'asflato anche nel tratto testè allargato in comune di Cannobio, in località Poncette, è già pieno di buchi. Andare a vedere per credere.

Ballo Debuttanti di Stresa 2018, primi passi - 11 Febbraio 2018 - 01:09

Re: ancora in attesa
Ciao Rocco Pier Luigi Aspetti formativi: qualcosa le sarà stato spiegato Aspetti culturali: hanno fatto un test per capire il livello culturale (c’è scritto nell’articolo) Aspetti logistici: avranno comunicato la scaletta della manifestazione

PsicoNews: ADHD in età adulta - 5 Luglio 2017 - 10:26

Bei disturbi
“La percentuale di persistenza del disturbo, superati i 18 anni d’età, oscilla intorno al 60%” Quindi vista la percentuale è la normalità, non si tratta di un “disturbo”, si direbbe che la maggior parte delle persone stia reagendo al sistema delirante imperante, c’è da auspicare che tale normalità si propaghi anche nella minoranza. “…..con una accentuazione nelle difficoltà di attenzione che portano a: non rispettare le scadenze, difficoltà nella gestione e organizzazione di appuntamenti, difficoltà nello svolgere più compiti ecc., l’adulto tende ad annoiarsi, e a manifestarlo. Nel corso di test neuropsicologici, gli adulti affetti da DDAI spesso presentano difficoltà nell’impegnarsi in modo costante, di pianificazione, organizzazione, monitoraggio visivo e di ascolto attento….” Ma perbacco, questi soldatini non vogliono più rispettare appuntamenti scadenze compiti impegni pianificazioni organizzazioni, come osano! E’ dunque: “necessario invece rivolgersi a medici specializzati,…è quindi necessario un intervento specialistico per attuare la diagnosi più corretta (anche differenziale) e indicare i percorsi di cura più adeguati. …inoltre, solo recentemente sono stati sviluppati strumenti diagnostici e linee guida per gli adulti.” Voi pissicologhe – mi capita ogni tanto di leggere anche le altre fanciulle il cui articolo viene pubblicato mi pare la domenica - non desiderate analizzare le cause ma volete “attuare diagnosi” e “indicare percorsi di cura” con “linee guida”, si da per scontato che questo 60% di persone abbia in sé l’origine del nuovo “disturbo” dato da “patrimonio genetico e esperienze di vita”; la ragione è semplice, arrancando come buona parte dei compatrioti, dovete aprirvi strade per applicare la vostra professione per cui seguite la strada meno complicata facendo per così dire pressione sulle persone potenziali pazienti ed evitando di analizzare più in profondità: spesso avete a che fare con istituzioni pubbliche ed è prudente non uscire da percorsi sclerotizzati. C’è però anche una seconda ragione che da ignorante che ha seguito gli studi solo fino a 14 anni mi stupisce ma nemmeno troppo: il pensiero personale pare non sia contemplato nelle scuole, vengono somministrate quintalate di nozioni e mire prestabilite, da lì la maggior parte di quelli che furono studenti ed ora posseggono un titolo pare non siano in grado di uscire, una sorta di lobotomia indotta e accettata. Magari dopo ciò che ho detto più sopra potrò sorprendere, pure io credo che la maggior parte degli esseri umani sia malata, ma in modo che probabilmente non verrebbe capito anche se lo spiegassi, per cui glisso, aggiungo solo che se la percentuale riportata ha un qualche fondamento, io contrariamente alla dottoressa me ne rallegro.

In corsa con la maglia della legge “salvaciclisti” - 6 Giugno 2017 - 11:58

Re: Re: Pazzesco!
Ciao robi Eccomi. Faccio finta di essere un marziano e interpreto i commenti. Mi state dicendo che esistono una tipologia di conduttori (i ciclisti) che conducono i loro mezzi (bici) nel totale spregio del codice della strada generando grandissimo pericolo sopratutto per lo loro stessi. Poi ci sono gli stessi conduttori che quando conducono le auto (se escludiamo qualche sbarbatello spatentato, sono le stesse persone...) che quando conducono altri loro mezzi (le auto) diventano ligi al codice e guidano rispettando gli altri utenti della strada nonostante abbiano mezzi strasicuri con impianti frenanti inimmaginabili qualche decennio fa, con airbag anche per lo scroto e un'auto a prova di centinaia di crash test. E così la cosa mi lascia molto perplesso perché avremmo in circolazione moltissimi Dr Jekyll e dei Mr Hide Nella realtà vivo in Italia e so benissimo che il codice della strada non lo rispetta nessuno, nemmeno i pedoni lo rispettano. Mi fai l'esempio del passaggio pedonale: in Italia vige la regola "non scritta" che se il pedone non rischia un po' del suo osso del collo, col piffero che le auto si fermano. L'anno scorso dopo 20 auto che non mi davano la precedenza sulle strisce, avevo deciso un po' di rischiarlo, l'auto ha inchiodato ed è stata tamponata e io li ho lasciati lì a piangere le loro ferite. Quasi tutte le auto non rispettano i limiti di velocità, la distanza di sicurezza, i divieti di sorpasso, di fermarsi entro la riga agli incroci, il parcheggio decoroso, uso delle frecce, apertura delle portiere in modo umano e potrei continuare... Le bici invece non rispettano solamente i passaggi pedonali come non li rispettano le auto. C'è anche una differenza. Ogni 200 auto c'è una bicicletta in giro. A me non serve nessuna legge per capire che non devo strusciare durante un sorpasso, una mamma che spinge un passeggino, un pedone, una carrozzella, il vecchietto con la vespa con la sporta della spesa agganciata al manubrio e i ciclisti e che quando li sorpasso devo lasciargli una distanza di sicurezza sia per i sassi, per le pozze ma evidentemente la questione non è immediata per tutti. Come la misuri? Con lo stessi strumento che usi per tenere la distanza minima di sicurezza dalle auto che ti precedono e con la stesso strumento che devi usare per lasciare la distanza minima di sicurezza al veicolo che hai appena sorpassato. Poi se vuoi andiamo a farci un giro assieme, tu conti le infrazioni delle biciclette e io quelle delle auto e poi vediamo chi ha ragione

Sequestrati 41.000 prodotti privi dei requisiti di sicurezza - 20 Dicembre 2016 - 11:52

Terra di colonizzare
Siamo solamente diventati terra da colonizzare per chiunque , noi italiani veniamo tartassati per ogni cosa gli stranieri specialmente cinesi aprono qualsiasi cosa senza controlli idonei , da sempre i prodotti elettrici made in Cina non superano i nostri test IMQ ,e allora perché li hanno sempre sugli scaffali????? E' vero basta non andare da loro , ma vi sono molte persone che non si possono permettere i costi di luminarie italiane o europee:
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti