Il BLOG pubblico di Verbania: News, Notizie, eventi, curiosità, vco

danni

Inserisci quello che vuoi cercare
danni - nei post

Raccolta fondi: ridiamo le Api agli Apicoltori! - 21 Ottobre 2020 - 18:06

Nella notte tra il 2 e il 3 ottobre 2020 la furia dei cambiamenti climatici si è abbattuta nel territorio del Verbano Cusio Ossola. Oltre agli importanti danni a case e centri abitati, la tragedia ha coinvolto anche l'apicolura del territorio.

danni alluvione: Marchionini scrive a Regione Piemonte - 16 Ottobre 2020 - 12:05

danni dell’alluvione. Il Sindaco di Verbania scrive alla regione Piemonte. Continua la raccolta delle segnalazioni dei danni.

Parco Val Grande molti sentieri danneggiati dall'alluvione - 14 Ottobre 2020 - 10:03

A seguito degli eventi alluvionali del 2 e 3 settembre 2020 che hanno cagionato ingenti danni in tutto il territorio provinciale, i militari del Reparto Carabinieri Parco Val Grande sono stati attivati per la valutazione delle condizioni della rete sentieristica all’interno dell’area protetta.

Lincio su attività estrattive - 12 Ottobre 2020 - 10:03

Per la Provincia del VCO la definizione dell’attuale sistema Rete Natura 2000 è avvenuta nell’anno 2007 sia per le Zone di Protezione Speciale ZPS che per i Siti di Importanza Comunitaria SIC . Ad esse vennero associati dei vincoli per lo svolgimento di determinate attività.

Un appello per prolungare la raccolta del verde - 11 Ottobre 2020 - 10:03

Un lettore del blog ci invia un appello per prolungare la raccolta del verde settimanale, almeno anche al mese di ottobre.

Alluvione: sopralluogo di Angelo Borrelli - 10 Ottobre 2020 - 19:45

Sopralluogo oggi in Piemonte del capo Dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli, che ha sorvolato in elicottero i luoghi del Piemonte colpiti dall’alluvione del 2-3 ottobre e incontrato i sindaci del territorio.

Sopralluogo nel VCO Sottosegretario all'Ambiente del Governo Conte, on. Roberto Morassut - 8 Ottobre 2020 - 18:06

Il Sottosegretario all'Ambiente del Governo Conte, on. Roberto Morassut, svolgerà domani venerdì 9 ottobre un sopralluogo istituzionale nel quadrante nord/est del Piemonte.

Alluvione: apicoltura in ginocchio - 6 Ottobre 2020 - 19:06

L'evento alluvionale che in questi giorni ha colpito duramente la Regione Piemonte, la Provincia del VCO e l'Ossola ha messo in ginocchio anche l'Apicoltura del nostro territorio.

Alluvione Piemonte: 1 miliardo di danni - 6 Ottobre 2020 - 18:17

Sono oltre 360 gli interventi urgenti che il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ha presentato oggi a Roma al ministro dell’Interno Luciana Lamorgese con una prima stima parziale dei danni provocati dagli eventi alluvionali che hanno interessato parte del Piemonte tra il 2 e il 3 ottobre.

Preioni: un Commissario straordinario per l'alluvione - 6 Ottobre 2020 - 16:02

Preioni (Lega Salvini Piemonte): “Un commissario straordinario per fronteggiare i danni dell’alluvione seguendo il Modello Genova e un piano di radicale escavazione dei letti dei fiumi”

Marchionini su gestione livello del lago Maggiore - 6 Ottobre 2020 - 10:02

Livello del lago Maggiore: serve l’aiuto del Presidente Cirio. Se il lago fosse stato a 194.50 m. s.l.m. come proposto alla Conferenza istituzionale dell’Autorità di Bacino del Po, avremmo avuto il lago più alto di un metro e 14 centimetri rispetto all'esondazione attuale.

Cristina su alluvione - 5 Ottobre 2020 - 15:03

"Il VCO e gran parte del Piemonte sono in ginocchio, piena solidarietà alle persone colpite dall'alluvione. Indispensabile il riconoscimento dello stato di emergenza. Mi batterò per indirizzare il Governo perché parte del Recovery Fund venga usato per un piano nazionale di messa in sicurezza degli alvei dei fiumi, degli argini e dei ponti".

Viabilità: il punto ore 08.00 di lunedì 5/10/2020 - 5 Ottobre 2020 - 10:03

Aggiornamento delle ore 8.00 di lunedì 5 ottobre.

Piemonte: la Giunta nei luoghi alluvionati - 4 Ottobre 2020 - 19:58

Domani la Giunta regionale effettuerà una serie di sopralluoghi nelle zone del Piemonte nord-orientale maggiormente colpite dal maltempo.

Traghetto: tutti incolumi - 4 Ottobre 2020 - 10:03

La serata di venerdì ha messo a dura prova la navigazione sul Lago Maggiore : alla fine comunque tutti i passeggeri sono stati portati in salvo. A causa del maltempo interrotti venerdì sera i collegamenti tra Laveno ed Intra.

Piemonte: record di pioggia, 1 morto e 1 disperso - 3 Ottobre 2020 - 21:16

Chiesto lo stato di emergenza insieme alla Liguria per gli enormi danni al territorio. In 24 ore la pioggia caduta ha superato il record storico dal 1958. Domani mattina sopralluogo del Presidente della Regione in alcune delle aree colpite.

ENEL: il punto alle 17.00 - 3 Ottobre 2020 - 18:48

La forte ondata di maltempo, che durante la notte ha interessato il Nord-Ovest, provocando l’esondazione di corsi d’acqua, frane, smottamenti e cadute di alberi, ha causato danni alle linee elettriche, sia aeree che interrate, e l’allagamento di cabine di distribuzione di energia.

Gravi danni in tutto il VCO, lago Maggiore esondato - 3 Ottobre 2020 - 15:35

Gravi danni in tutto il Verbano Cusio Ossola, dove si registrano persone sfollate, danni a case e strutture lavorative, frane ed esondazioni e blackout elettrici e della telefonia.

Maltempo: 11 dispersi in Piemonte - 3 Ottobre 2020 - 15:08

11 dispersi, interi paesi isolati, case e strade devastate. È una situazione estremamente critica quella che si è venuta a creare nella notte in molte zone del Piemonte in seguito alle forti piogge che si sono abbattute sulla regione a partire dal pomeriggio di ieri, provocando esondazioni, frane, allagamenti e ingenti danni a edifici e infrastrutture.

Frana a Oggebbio, SS34 Riaperta 6/9/2020 - 6 Settembre 2020 - 17:41

I lavori per riparare i danni causati dallo smottamento del 28/08/2020 proseguono, ma si è riusciti a mettere in sicurezza il versante, pertanto, salvo precipitazioni intense, la S.S. 34 del Lago Maggiore rimarrà APERTA, con eventuale regolamentazione del traffico da parte di ANAS.
danni - nei commenti

Lincio su attività estrattive - 17 Ottobre 2020 - 11:42

Vorrei dire
Vorrei dire che sono pienamente in accordo con turk e vorrei aggiungere che ci troveremo oltre il danno la beffa, infatti se continueranno a costruire nella piana del Toce ,in barba ad ogni logica ci troveremmo in seguito a dover pagare i danni ai famosi PRENDITORI privati, che non attingeranno ai loro fondi ,per le future inondazioni ,ma chiederanno a noi contribuenti di dare a loro i nostri soldi delle tasse, Semplicemente DEMENZIALE. Naturalmente l'amministrazione verbanese è semplicemente colpevole di queste situazioni.

Lincio su attività estrattive - 12 Ottobre 2020 - 13:21

Sviluppo vuol dire rispettare il territorio
Trovo molto triste constastare che nel 2020, persone con importanti incarichi pubblici pensino che lo sviluppo del territorio non debba tenere in considerazione l'ambiente in cui il territorio è inserito. Ero rimasto senza parole nel leggere tempo fa la dichiarazione per cui il VCO ha anche troppe aree protette. Anziché essere un vanto, viene tuttora visto come un ostacolo. Se ci sono divieti e vincoli, pur nel rispetto delle attività presenti, è proprio per preservare il territorio, proteggerlo, non solo dal punto di vista ambientale, ma anche dal punto di vista diciamo strutturale. Proprio in questi giorni abbiamo visto quanto la natura possa dimostrare tutta la sua potenza e mai come ora capiamo la necessità di rispettare il territorio, per evitare ancora una volta di avere molteplici danni. Il fiume ha bisogno dei suoi spazi perché in caso di piena e succederà ancora, l'acqua uscirà dall'alveo e quindi se trova attività, inevitabilmente succederanno altre tragedia. Incredibile come si cerchi di sfruttare ancora l'ignoranza per arrivare a un obiettivo, che è poi quello di permettere l'estrazione di ghiaia. Un amministratore deve fare scelte che siano equilibrate per il bene di un'intera comunità, non solo quelle dei cavatori. Ad oggi ci sono vincoli e divieti per precisi motivi, andare a dragare e sottrarre materiale, oltre a creare situazioni peggiori in caso di piena (soprattutto per chi starà a valle) ha anche molto controindicazioni ambientali (e poi non prendetevela con i cormorani se pesci pregiati spariscono). Assurdo pensare oggi di sviluppare il territorio senza considerare l'ambiente in cui questo territorio è inserito. Ben vengano le aree protette e si conservino anche meglio di come sono tenute ora. Del resto le attività presenti possono tranquillamente operare e i vincoli e i divieti sono quelli più ovvi e chiari, nuove edificazioni e scavi. Del resto come si può pensare alla luce di quanto avvenuto di sviluppare in tal senso una valle che volenti o nolenti è debole dal punto di vista idrogeologico? Quindi giusto continuare a sostenere le attività presenti, che creano lavoro e reddito, ma altrettanto giusto è proteggere il territorio dalla brama di chi vuole solo monetizzare lasciando poi i problemi che eventuali scelte porteranno. Si parlava tempo fa della zona di Fondotoce, dopo tutto quello che è successo, forse ora si capisce perché è importante lasciarla a verde il più possibile? Un domani magari si potrà sfruttarla come zona di piena, per ridurre l'impatto sul lago (faccio un esempio molto semplicistico). Quindi mi auguro di avere presto nuove generazioni di politici, più formati sull'importanza dell'ambiente e del suo sostegno. Nel 2020, leggere di chi si lamenta della presenza di troppe aree protette è semplicemente incredibile e anche molto triste.

Preioni: Anas tagli le piante bordo superstrada - 7 Ottobre 2020 - 11:45

Pazzesco!
Forse non è chiaro alla lega (e non mi stupisco) che deforestare “ad cazzum” può produrre danni di entità considerevole! Un appello sensato sarebbe quello di esortare, chi di competenza, a svolgere un lavoro di mappatura ed eventualmente di intervento sul verde che potrebbe causare danni! In una visione ecologista del mondo, questo partito (?) indossa sicuramente la maglia nera! Forse non hanno figli a cui lasciare un pianeta ormai malato?

Preioni: un Commissario straordinario per l'alluvione - 7 Ottobre 2020 - 03:26

Un commissario che ne capisca qualcosa
Prima del 2000 i fiumi venivano dragati per utilizzare la ghiaia come materiale edile, non perche' fosse utile nella gestione dei fiumi. Al contrario, si stava attenti a dove e quanta ghiaia asportare per non creare danni a valle. Mantenere alvei larghi serve a far diminuire la velocita' dell'acqua nei periodi di piena, cosi' da diminuirne la capacita' erosiva sulle sponde e sulle basi dei piloni dei ponti. Dragare i fiumi fa l'opposto, aumenta la velocita' e la capacita' di erodere e trasportare detriti. Spero che ci sia qualche buona anima alla regione che mostri dei disegni semplici e comprensibili alle nostre volpi leghiste. Altrimenti dovremo tenerci in macchina un rosario da tenere a portata di mano, ed utilizzare prontamente su ogni ponte e cavalcavia. Madonna dell'ingegneria idraulica portaci un commissario che ne capisca qualcosa!

Montani su piana di Fondotoce - 5 Ottobre 2020 - 11:33

visto quanto successo nelle ultime 48 ore....
….speriamo che il Comune si faccia firmare una liberatoria riguardo ai danni che le future alluvioni e allagamenti dovessero fare alle costruzioni che verranno realizzate in un posto che, come tutti sanno, si allagano anche per semplice risorgiva. Non vorrei che il sig. "Pantalone" dovesse, in futuro, intervenire a rifondere i danni a chi già sapeva che in certi posti è meglio fare solo agricoltura.

Lupi: è polemica - 8 Settembre 2020 - 10:04

Re: .... fiero ed orgoglioso difensore del "prima
Ciao annes Beh Annes a dire il vero gli europei non sono emigrati ma hanno invaso ai danni delle popolazioni locali che avevano mezzi insufficienti per contrastarli. Non sono stati accolti a braccia aperte ma hanno cercato di fermarli come potevano. La stessa invasione la stiamo subendo noi, certo non c'è violenza ma furbizia, in ogni caso il risultato e il danno per le popolazioni locali è lo stesso. Se etiopi, eritrei, somali, libici, indiani d'America, marocchini, algerini, ivoriani, senegalesi, guyanesi, congolosi, sudafricani, malesiani, brasiliani, molucchesi (?), indiani d'India, grenadini e "ovunquesi". Se avessero avuto i mezzi per contrastare l'invasione, stai sicuro che l'avrebbero fatto. La loro non è stata generosità o accoglienza.

Lupi: è polemica - 4 Settembre 2020 - 10:16

Re: Menti bacate?
Ciao lupusinfabula è certamente vero che bisogna avere rispetto dell'opinione altrui ma è altrettanto vero che, quando si raccontano barzellette, si possa sorridere senza per questo essere irriverenti. Come si fa a dire che bisogna programmare un piano di abbattimento quando si tratta di animali in dispersione? Non sono branchi numerosi ma singoli elementi, spesso nemmeno coppie, che esplorano il territorio e, inevitabilmente, vengono a contatto con il bestiame. Certo. In futuro probabilmente si faranno sotto anche branchi e quindi serve che i politici, più che occuparsi degli abbattimenti, si occupino di prevedere rimborsi immediati a chi subisce danni e incentivi per consentire agli allevatori di acquistare i dispositivi di protezione del bestiame. I politici lascino agli scienziati le altre decisioni.

Obbligo di mascherina anche all’aperto dalle 18 alle 6 - 21 Agosto 2020 - 18:31

Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Oggettivamente..
Ciao SINISTRO Science dell'amministrazione. Forse più attinente alla politica di giurisprudenza. Infatti gli avvocati in politica fanno danni..

Arresti per danneggiamento baite - 7 Agosto 2020 - 20:29

Re: La vedo diversamente
Ciao lupusinfabula Caro Lupus, provo io a spiegare a Sinistro visto che, come dicono a Roma, "è un po' de coccio". Allora ho una macchina, ha 4 ricevuto 5 maxi portellate (1 dalla contessa, 2 dal contessino, 1 dal sottoscritto (naturalmente usando un'altra auto) e una di un figlio di ecc ecc), gli ho dato una trambata sul retro che ha crepato il paraurti, ho rigato 3 cerchioni su 4, una botta vicino al passaruota, ha la targa anteriore piegata (io accuso la contessa ma lei nega e vabbé) e sono riuscito anche a bollare il tetto. Non perché è già piena di danni fatti dal sottoscritto (e in gran parte dalla mia famiglia) devo tollerare i danni causati da terzi perché "tanto la danneggi anche te". Ecco. Il concetto è lo stesso.

Arresti per danneggiamento baite - 7 Agosto 2020 - 13:30

Se fossero stati
Se fossero stati delinquenti nostrani sicuramente avrei invocato pene più severe (io sono sempre per le pene fisiche) visto chenon possiamo nè sarebbe giusto espellerli mandandolia far danni anche all'estero.

Preioni e Dago: contenimento lupi - 31 Luglio 2020 - 16:49

Re: Re: Re: Fino a che....
Purtroppo come in tante altre situazioni, l' uomo vuole fare la parte del lupo senza assumerne le sembianze. Cioè sparacchiamo a qualche lupo così acquisiamo consenso tra i semplici e non pensiamo magari a risarcire prontamente chi subisce danni perché questo non fa audience

Preioni e Dago: contenimento lupi - 30 Luglio 2020 - 18:44

Fino a che....
Fino a che non sbraneranno qualcuno.. ministri e politici pseudo animalisti fanno solo danni. Quando la frittata sarà fatta magari....e vabbè. Dopo l'avvocato ridens anche il ministro gretino. ..

Marchionini: "Bandiera Nera un abbaglio" - 23 Luglio 2020 - 12:29

Re: Mi pare
Ciao Giovanni a proposito di sicurezza, oltre quella sul lavoro: “PENDOLARI” DEL VANDALISMO IN AZIONE SUL LAGO DI MERGOZZO". Gruppi di giovani che giungono dall’esterno sono in azione da qualche giorno sul lago di Mergozzo prendendo di mira i bagnanti e compiendo atti di vandalismo. Giungono sul treno e scendono alla stazione di Verbania Fondotoce, poi raggiungono le spiagge dove si rendono protagonisti di “scherzi” e atti di bullismo ai danni delle persone che le frequentano, rubano oggetti vari, sciolgono gli ormeggi di imbarcazioni e compiono altri atti di vandalismo ai danni di persone e cose. Un fenomeno davvero preoccupante e ora per porvi fine è intervenuto anche il Prefetto, concordando azioni di controllo e di contrasto che coinvolgono Polizia Locale e Carabinieri. REATI SUL LAGO DI MERGOZZO, ANCORA IN AZIONE GIOVANI “PENDOLARI”. Abbiamo già riferito sui numerosi episodi di bullismo e di vandalismo di cui nel corso della stagione sono stati protagonisti sul lago di Mergozzo giovani che giungono dall’esterno per compiere le loro bravate per fare poi perdere le loro tracce. E ancora due 17enni provenienti da fuori provincia hanno rubato una barca ormeggiata davanti a piazza Cavour, dando origine ad una rocambolesca avventura. Accortisi che il furto era stato scoperto e che era giunta la Polizia, prima hanno raggiunto a nuoto la riva, poi sono fuggiti per le vie del paese ma sono stati inseguiti e raggiunti dai poliziotti della Volante e denunciati alla Procura per i minorenni. Proprio a Mergozzo i controlli delle Forze dell’Ordine si sono intensificati dopo l’allarme lanciato dal sindaco per i suddetti episodi e si sono ottenuti altri risultati positivi nei confronti dei responsabili di reati.

Insieme per Verbania: "nuovi" parcheggi via XXV Aprile - 12 Maggio 2020 - 14:46

Cercasi responsabile
Passando a piedi spesso dalla via oggi ho potuto constatare che PRIMA dell'intervento; 1. i furgoni che spesso sono di grandi dimensioni sostavano per comodamente scaricare negli spazi che c'erano davanti il plateatico (dove adesso c'è una macchina nera). 2. C'erano 7 posti auto a lisca di pesce con comodi ingresso ed uscita e quindi giustamente la forma del plateatico si era adeguata a tale disposizione. Adesso ci sono 6 posti, tre per carico scarico di dimensioni non adeguate ai grossi furgoni (infatti stamattina uno era parcheggiato come prima al posto dell'auto nera ma in pratica ora in divieto di sosta) e tre per disabili. Riassumento si è creato un disagio per chi lavorando deve caricare e scaricare le merci, sono stati tolti parcheggi a pagamento, la disposizione non a lisca di pesce è scomoda ed esteticamente oscena. Dato che escludo la responsabilità degli esecutori materiali è mai possibile che in Italia non si sappia mai il nome del responsabile al quale fare pagare danni, disagi e costi (che dobbiamo subire noi tutti) così in futuro fa funzionare i neuroni ????

Obbligatorietà della Vaccinazione Antiinfluenzale e Antipneumococcica - 7 Maggio 2020 - 13:08

Re: Re: Re: Re: Re: Qualche altro dato
Ciao fr (& associati) "Il coronavirus non esiste": la teoria del complotto a "Le Iene" Un servizio della trasmissione Mediaset ha dato voce ad alcuni esponenti del complottismo 127 “Il Covid-19 non esiste, è tutta una copertura architettata per coprire i danni del 5G“. Questa è la teoria alternativa sul coronavirus emersa durante un servizio della trasmissione Mediaset ‘Le Iene’, che ha dato voce ai “massimi esponenti del complottismo”. Secondo Rosario Marcianò, precursore delle scie chimiche in Italia e autore di ‘Attacco dal cielo’, “la situazione in cui ci troviamo adesso è stata preparata da lungo tempo”. Ancora Marcianò: “Sui media nazionali vedo solo la versione ufficiale, le notizie alternative sulla rete vengono insabbiate”. Marcianò ha poi spiegato: “Io sono dell’opinione che le conseguenze derivanti dall’utilizzo intensivo del 5G vengono coperte con questa storia del COVID-19. Io non ho paura di prenderlo perché non esiste“. Il Corvo ha aggiunto: “È solo un diversivo“. Poi ha spiegato: “Siamo sotto controllo da tanti anni ormai. Ci spiano costantemente. Il coronavirus è stato solo l’inizio per spaventare il popolo“. Nel corso del servizio di Gaston Zama, Il Corvo ha anche sostenuto che “le antenne del 5G sono praticamente i vettori del virus”. Ipse dixit..... Ma per favore!

Comitato Stop 5G incontra Marchionini - 7 Maggio 2020 - 13:06

il terrorismo del terzo millennio.....
Ciao isabella cerchiaro (& associati) "Il coronavirus non esiste": la teoria del complotto a "Le Iene" Un servizio della trasmissione Mediaset ha dato voce ad alcuni esponenti del complottismo “Il Covid-19 non esiste, è tutta una copertura architettata per coprire i danni del 5G“. Questa è la teoria alternativa sul coronavirus emersa durante un servizio della trasmissione Mediaset ‘Le Iene’, che ha dato voce ai “massimi esponenti del complottismo”. Secondo Rosario Marcianò, precursore delle scie chimiche in Italia e autore di ‘Attacco dal cielo’, “la situazione in cui ci troviamo adesso è stata preparata da lungo tempo”. Ancora Marcianò: “Sui media nazionali vedo solo la versione ufficiale, le notizie alternative sulla rete vengono insabbiate”. Marcianò ha poi spiegato: “Io sono dell’opinione che le conseguenze derivanti dall’utilizzo intensivo del 5G vengono coperte con questa storia del COVID-19. Io non ho paura di prenderlo perché non esiste“. Il Corvo ha aggiunto: “È solo un diversivo“. Poi ha spiegato: “Siamo sotto controllo da tanti anni ormai. Ci spiano costantemente. Il coronavirus è stato solo l’inizio per spaventare il popolo“. Nel corso del servizio di Gaston Zama, Il Corvo ha anche sostenuto che “le antenne del 5G sono praticamente i vettori del virus”. A questo punto ,credo che non ci sia altro da aggiungere su certe teorie negazioniste campate in aria, e francamente non capisco come si possa credere a certe cose....

Obbligatorietà della Vaccinazione Antiinfluenzale e Antipneumococcica - 5 Maggio 2020 - 14:54

Qualche altro dato
E siccome è meglio ungere dove si può ungere per evitare i costi non indifferenti dei risarcimenti, i produttori hanno pensato che forse è meglio che questi vengano pagati dai cittadini attraverso lo Stato. Dalla sentenza della corte suprema Usa anno 2011. “Most importantly, the Act eliminates manufacturer liabilityfor a vaccine’s unavoidable, adverse side effects.” Con traduttore automatico: “Ancora più importante, la legge elimina la responsabilità del produttore per gli inevitabili effetti collaterali negativi di un vaccino”. “...the Act expressly eliminates liability for a vaccine’s unavoidable, adverse side effects: “No vaccine manufacturer shall be liable in a civil ac-tion for damages arising from a vaccine-related injuryor death associated with the administration of a vac-cine after October 1, 1988, if the injury or death re-sulted from side effects that were unavoidable even though the vaccine was properly prepared and was ac-companied by proper directions and warnings” Con traduttore automatico: “...la legge elimina espressamente la responsabilità degli inevitabili effetti collaterali negativi di un vaccino: "Nessun produttore di vaccini è responsabile in un'azione civile per i danni derivanti da un infortunio correlato al vaccino o decesso associato alla somministrazione di un vaccino dopo il 1 ottobre, 1988, se l'infortunio o la morte provocavano effetti collaterali che erano inevitabili anche se il vaccino era adeguatamente preparato ed era accompagnato da istruzioni e avvertenze adeguate.” https://www.supremecourt.gov/opinions/10pdf/09-152.pdf Si dicono in sostanza 3 cose: 1- i vaccini possono avere effetti collaterali negativi inevitabili (compresa la morte) anche se adeguatamente preparati; 2- i produttori dei vaccini non sono più responsabili in caso di azioni civili; 3- la conseguenza è che queste ultime nell'eventualità le si fa allo stato. Identica cosa vale per l’Italia, Legge 210/1992. “Chiunque abbia riportato, a causa di vaccinazioni obbligatorie per legge o per ordinanza di una autorità sanitaria italiana, lesioni o infermità, dalle quali sia derivata una menomazione permanente della integrità psico-fisica, ha diritto ad un indennizzo da parte dello Stato”. Ma ritorno all'iniziativa illustrata dal Dott Arturo Lincio, rinnovo le 2 domande poste nel mio messaggio precedente: 1- cosa avverrebbe agli operatori del settore sanitario e gli over 65 in caso di rifiuto? 2- l'ordine dei medici e il Dott Arturo Lincio e tutte le "cabine di regia" annesse e connesse, e i medici che effettueranno le vaccinazioni, sono disposti a garantire con una loro firmetta che risponderanno personalmente per tutte le vaccinazioni che si effettueranno da ora in avanti? Sono domande semplici, anche se non otterranno risposte è sempre meglio che vengano scritte, di modo che ognuno tragga le conseguenze che vuole e inoltre che ne rimanga traccia.

Obbligatorietà della Vaccinazione Antiinfluenzale e Antipneumococcica - 4 Maggio 2020 - 21:22

Prima una bella firmetta
Health Resources and Services Administration facente parte del United States Department of Health and Human Services che è il dicastero del governo federale statunitense che si occupa della salute dei cittadini. In un periodo di 30 anni ha dovuto sborsare 4,3 miliardi di dollari per risarcimenti per danni da vaccini. https://www.hrsa.gov/sites/default/files/hrsa/vaccine-compensation/data/data-statistics-report.pdf Naturalmente si deve considerare, se si è onesti intellettualmente, che chi intenta una causa è solamente una piccola parte, per svariate ragioni, ad es. perché non si ha la forza psicologica o culturale per giungere a ciò, oppure perché nemmeno si sospetta che i danni siano da imputare a determinata vaccinazione, ecc. Glisso su alcune parti della "nota" perché sono buono e non voglio infierire. Ad ogni modo, data la proposta, si può fare una semplice cosa per tagliare la testa al toro. L'ordine dei medici e il Dott Arturo Lincio e tutte le "cabine di regia" annesse e connesse, e i medici che effettueranno le vaccinazioni, dovranno garantire con una loro firmetta che risponderanno personalmente per tutte le vaccinazioni che si effettueranno da ora in avanti. Ma ho il sospetto che questa idea non sarà molto gradita. p.s. si dimentica di descrivere cosa avverrebbe agli operatori del settore sanitario e gli over 65 in caso di rifiuto, si attendono ragguagli. tanto per rendere tali persone edotte....

Vademecum uso mascherine - 23 Aprile 2020 - 15:08

mascherine si! mascherine no!
Fantastico sicuramente chiaro peccato che arrivi con un mese e più di ritardo, quindi l'uso errato è servito per fare danni, in alcuni luoghi dove l'aria appare più pulita del solito, c'è da chiedersi a cosa serva la mascherina, ma va bene lo stesso, a concludere, l'ordinanza regionale consiglia la mascherina, ripeto consiglia la mascherina per entrare nei supermercati, chissà se è ancora valida, se questo non è il "bel paese" non so quale sia.

Comitato Stop 5G incontra Marchionini - 20 Aprile 2020 - 02:32

Stop 5g UN'ARMA SENZA FINE !!!
Trovo assurdo che il sistema mediatico italiano non abbia ancora avvisato l’opinione pubblica in merito alla nuova guerra fredda tra Usa e Cina per la gestione delle reti 5G. Un conflitto che farà più danni rispetto a quello che ha coinvolto l’Unione Sovietica. Il 5G è già stato definito il nuovo Sputnik. L’Italia è chiamata in questi mesi ad un posizionamento sul fronte geopolitico che passerà dalla decisione di escludere o meno la cinese Huawei dalle reti di quinta generazione del Paese. Lo scorso 25 marzo, in piena crisi pandemica, Donald Trump ha firmato un disegno di legge sulla sicurezza divulgato sul sito della Casa Bianca. Un decreto che porta il nome di “5G Security Act“, dove il presidente americano avverte che il 5G sarà presto il motore principale della prosperità della nazione e della sicurezza del XXI secolo. “È una corsa che dobbiamo vincere a tutti i costi” dice Donald Trump facendone una questione epocale. Questo nuovo atto si unisce al precedente decreto presidenziale del maggio 2019 che vieta a tutte le aziende americane di fare affari con Huawei. Vi è compreso anche il bando che proibisce a Google di vendere al colosso cinese il sistema operativo Android. Il Segretario di Stato Usa Mike Pompeo, insieme ai vertici dell’intelligence americana e ai capi della diplomazia l’hanno ribadito ad ogni occasione: “chi fa entrare Huawei in casa propria mette in discussione i rapporti con l’alleato americano e con l’intera Nato. Mette in pericolo se stesso e la sicurezza degli Stati Uniti”. Frasi gravissime, aghiaccianti, che dovrebbero far scattare il campanello d’allarme nella nostra diplomazia. Anche perchè gli stessi avvertimenti sui pericoli di spionaggio da parte cinese con il 5G di Huawei sono arrivate proprio dal nostro Copasir. E noi non possiamo permettere che decisioni di vitale importanza come queste vengano prese da un Patuanelli qualsiasi. Conte è consapevole di tutto questo. Quando è stato convocato da Trump in America, ha ottenuto l’endorsement del presidente dopo aver ripreso il decreto sulla golden power come primo atto del suo Governo. Un provvedimento considerato proprio anti-Huawei. Ed ultimamente Conte si sta riavvicinando a Trump. Ecco perché stanno provando a commissariarlo su queste materie mettendo al suo posto l’ex ad di Vodafone Vittorio Colao, esperto di 5G che già in passato si è espresso sull’infondatezza del pericolo Huawei. Vedrete che sarà lui a guidare la transizione del Paese verso il 5G. Qualora dovesse dare l’ok a Huawei esporrebbe l’Italia a dei rischi inimmaginabili sul fronte della sicurezza e della geopolitica. Non è possibile che non ci sia dibattito su un argomento che segnerà il futuro della nostra nazione. Colao chiede l’immunità e noi qualche domanda dovremmo porcela.
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti